Un’escursione in giornata: Punta Chiappa

Se avete voglia di fare una bella gita fuori porta, anche in inverno, potete partire per la Liguria, direzione Camogli e raggiungere a piedi il promontorio di Punta Chiappa.

Prima di partire per la nostra escursione, scopriamo la geologia di questi luoghi. Le formazioni geologiche vere e proprie sono due: i Calcari del Monte Antola, facenti parte di uno dei numerosi flysch del Cretaceo ad elmintoidi delle Unità Liguridi, e i Conglomerati di Portofino, appartenenti alle sequenze Neoautoctone oligoceniche, molto più recenti, che si trovano sovraimposti stratigraficamente alla predetta formazione, in discordanza angolare.

In paleontologia sono chiamate elmintoidi delle icnofacies date da piste fossili lasciate sul fondo marino da forme di vita epibentoniche presumibilmente limivore, viventi lungo l’interfaccia acqua/sedimento, a cui è stato dato il nome scientifico di Helmintoidea labyrinthica  e conservatisi fossilizzate nei sedimenti litificati.

Da Camogli iniziamo il nostro cammino verso il paese di San Rocco, attraverso un sentiero ben segnalato e ad una strada a gradini. Il dislivello è di circa 200 metri, ed il percorso è mediamente impegnativo, soprattutto per la presenza di gradini alti. La durata del trekking è di circa un’ora.

camogli_3
Il Paese di Camogli

Giunti in prossimità della frazione di S. Rocco ha inizio una scalinata che termina di fronte all’ingresso della chiesa parrocchiale, San Nicolò di Capodimonte. La costruzione fu eretta a partire dal 1863 nel luogo in cui sorgeva una cappella dedicata al santo, e si trova su un poggio panoramico da cui si osservano il golfo Paradiso, Genova e la Riviera Ligure di Ponente.

Arrivati alla Chiesa di San Nicolò, oltre all’indubbia rilevanza storica ed artistica dell’edificio, possiamo notare il tipo di ciottolato utilizzato per la pavimentazione della piazza, costituito da piccoli clasti arrotondati di colore nero: questi clasti venivano ricercati nelle cave di ardesia fin dal Medioevo e dovevano essere tutti della stessa grandezza e dello stesso colore.

Raggiunto Porto Pidocchio possiamo notare la sua importante valenza geologica, grazie ad uno dei cartelli illustrativi che spiegano ai visitatori la geologia del territorio, ponendo l’accento anche alla maestosa piega di strati di calcari marnosi visibile in battello di Punta Cannetta.

Particolare è anche la presenza della gradazione inversa del Conglomerato data dalla diversa deposizione dei clasti nel substrato fangoso: avendo un’energia più elevata, questi clasti più grandi si sono scontrati e si sono dispersi più in alto nello strato.

Ancora una piccola salita e giungiamo a Punta Chiappa, la meta del nostro viaggio. L’arrivo è segnalato da un cartello esplicativo che ci descrive il Percorso 1 delle Vie del Conglomerato, un piccolo percorso che si può effettuare sul promontorio, dove sono visibili peculiarità geologiche contraddistinte da un cartellino.

All’interno dei numerosi clasti dei conglomerati possiamo infatti notare alcune singolarità, come la presenza dei boulders, cioè clasti di notevoli dimensioni rispetto agli altri. Ancora, si può notare la presenza di alcuni fossili di Crinoidi immersi nella matrice arenacea, spesso sfuggevoli anche ad un occhio allenato a causa delle piccole dimensioni. Non manca una faglia ben visibile grazie alla sua azione esercitata sui alcuni clasti, che risultano in questo modo “tagliati”.

Il panorama è eccezionale, e i conglomerati sono imponenti. Dopo un pranzo rinfrescato dalla brezza marina, è ora di tornare a Camogli, grazie al battello di Porto Pidocchio. Da lontano possiamo osservare la zona di contatto tra calcare e conglomerati, in corrispondenza di San Nicolò e Scogli Grossi. Il panorama geologico non smette tuttavia di stupirci, regalandoci la vista della spettacolare piega di Punta Cannetta.

La mia escursione in pillole:

  • Periodo di viaggio: ottobre
  • Durata: 1 giorno
  • Difficoltà: 3/5
  • Viaggio organizzato: sì, con l’Associazione Geoturismo
  • Adatto a famiglie e bambini: sì, se per la prima parte del viaggio prendete il traghetto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...