Image Alt

Blog

La cascata dello Sprizzotolo

Nei lunghi e caldi mesi estivi la vostra Donna Vagabonda rinasce letteralmente: grazie alle ferie estive mi è infatti possibile viaggiare con più libertà e per più giorni e, come sempre accade ad agosto ormai da cinque anni a questa parte, mi “trasferisco” a Casargo: qui, dove il Pirata possiede una piccola casetta di montagna, amo visitare la Valsassina, cimentarmi in entusiasmanti trekking e assaporare il fascino dell’avventura. In questo articolo vi porto proprio nella Bassa Valsassina per scoprire insieme la Cascata dello Sprizzotolo, situata a Introbio, ai piedi delle maestose Grigne.

Regione: Lombardia

Valle: Valsassina

Comune: Introbio

Difficoltà escursionistica: T

Dislivello: 45 metri

Abbigliamento: comodo, sportivo, consigliate le sneakers o comunque scarpe chiuse

La Cascata dello Sprizzotolo

La Cascata dello Sprizzotolo, o Sprizzottolo, è un’affascinante cascata situata a circa 580 metri s.l.m. all’interno del Comune di Introbio, nella Bassa Valsassina. Si tratta di un salto d’acqua facilmente osservabile dopo una breve passeggiata sulla pista ciclo-pedonale della Valsassina dirigendosi in direzione del paese di Pasturo.

La Cascata dello Sprizzotolo

La Cascata dello Sprizzotolo

La cascata dà il meglio di sé durante la stagione primaverile e durante quella autunnale, quando il corso d’acqua che la alimenta è in piena e produce uno spettacolare fragore ammirabile dall’adiacente pista ciclo-pedonale.

Raggiungere la Cascata dello Sprizzotolo

Grazie alla sua posizione la Cascata dello Sprizzotolo è facilmente raggiungibile a piedi o in bicicletta percorrendo la pista ciclo-pedonale che da Barzio porta fino a Taceno: lasciata l’automobile appena fuori dall’abitato di Barzio potrete seguire il percorso asfaltato (quasi tutto in piano o in lieve pendenza) che vi condurrà dopo circa 300 metri alla cascata. Il transito dei veicoli a motori è vietato e tutta la zona è facilmente esplorabile sia dagli adulti che e dai bambini.

Se invece volete partire dal centro di Introbio ci impiegherete circa 20 minuti seguendo la pista ciclo-pedonale in senso opposto, direzione Pasturo.

La natura della Cascata dello Sprizzotolo

La natura della Cascata dello Sprizzotolo

Una volta raggiunta la cascata potrete ammirarla da un suggestivo ponticello di legno da cui è anche possibile scattare comodamente una fotografia: in alternativa è altrettanto semplice accostarsi alla piccola pozza e toccarne con mano la freddissima acqua per un momento di sano relax dopo la camminata.

La mia visita alla cascata

La passeggiata che parte da Barzio e incrocia la Cascata dello Sprizzotolo è una delle mie escursioni preferite da fare in Valsassina: l’ho già fatta tre volte e posso confermare che è sempre piacevole e suggestiva.

L’ultima volta risale proprio all’estate scorsa (2022, N.d.R.), in una giornata nuvolosa, la tipica giornata d’estate in montagna in cui si preannuncia pioggia ma che, alla fine, rimane solo plumbea: è così che insieme al Pirata e ai #SuoceriVagabondi ho intrapreso nuovamente questa breve e divertente escursione. Lasciata l’auto presso lo spiazzo del parcheggio “Cademartori” ho imboccato la pista ciclo-pedonale in direzione Introbio e ho camminato a passo normale per circa 300 metri fino alla cascata, situata sulla sinistra della strada e ben visibile anche a diversi metri di distanza. L’area è divisa a metà tra il bosco di abeti rossi alla vostra sinistra e i prati fioriti alla vostra destra. Non potete sbagliare: la cascata infatti non può che catturare l’attenzione di tutti coloro che qui si godono una piacevole escursione! Una volta giunti potrete inoltre discendere il piccolo sentiero che si apre alla vostra sinistra per toccare con mano l’acqua fresca della cascata e ammirare da vicino questo suggestivo salto d’acqua.

Macaone su fiore di buddleia

Macaone su fiore di buddleia

In quest’ultima occasione, a causa della siccità, l’acqua che qui solitamente crea una particolare atmosfera era purtroppo assai limitata. Quasi però a voler dimostrare un’incrollabile volontà contro le avversità un piccolo rigagnolo cadeva comunque imperterrito. La speranza, nutrita da tutti noi, è quella di vedere questa cascata nuovamente piena e fragorosa, come lo è quando le piogge non si risparmiano.

Scattate le fotografie e immortalata la cascata da ogni direzione possibile abbiamo proseguito lungo la pista fino a raggiungere il chiosco Ciclamino delle Grigne: la passeggiata è semplice e non richiede sforzi eccessivi, inoltre la presenza del bosco fornisce una copertura quasi completa di questo tratto nonché una piacevole frescura.

Giunta al chiosco mi sono goduta un rinfrescante e rigenerante gelato: con una tavola così gioviale e dopo una rilassante escursione ci voleva proprio una sosta per terminare in bellezza una passeggiata in mezzo alla natura! Qualche minuto di sosta e via, nel senso contrario: la luce iniziava ad affievolirsi ed era il momento di salutare la Cascata dello Sprizzottolo: alla prossima estate!

Clicca qui per scaricare i dati GPS dell’escursione alla Cascata dello Sprizzotolo!

Scopri il mio video dell’escursione realizzato con l’App di Relive!

Commenti

  • 24 Marzo 2023

    I panorami valgono sicuramente la passeggiata, peccato solo per la siccità dell’anno scorso ma speriamo che l’estate che verrà sia più clemente e che la cascata sia più fragorosa che mai.

    Rispondi
  • Angela
    24 Marzo 2023

    Wow adoro questi posti in mezzo alla natura, poi con la cascata rende tutto ancora più bello, peccato per la siccità, ma sta diventando un grosso problema per l’Italia. Comunque è sempre bello poter scoprire posti simili per fare lunghe passeggiate o trekking.

    Rispondi
  • 24 Marzo 2023

    Un bella escursione in mezzo alla natura, che mi ha fatto tornare in mente tanti posti dalle mie parti dove prendere un po’ di fresco durante i mesi più caldi. Peccato per la siccità che colpisce un po’ ovunque e speriamo che questa cascata possa tornare presto alla sua potenza.

    Rispondi
  • 24 Marzo 2023

    Certo che è stupefacente vedere quanti posti bellissimi ci sono in Italia, sia a livello naturale che culturale. Peccato però che molti, per esempio questa cascata, siano sconosciuti anche a noi Italiani. Le foto, come sempre, sono fantastiche; d’estate deve essere una meraviglia!

    Rispondi
  • Sara Bontempi
    24 Marzo 2023

    Io, abitando al mare, d’estate rimango a casa e non mi avventuro mai in montagna, anche se so che è bellissima da visitare nei mesi più caldi.

    Rispondi
  • 24 Marzo 2023

    Conosco Barzio e la zona circostante ma non ricordo di aver mai fatto questa passeggiata fino alla cascata. La terrò a mente!

    Rispondi
  • Libera
    26 Marzo 2023

    Io adoro le cascate e con l’arrivo della bella stagione mi concedo spesso delle passeggiate nella natura. Ho segnato tutto, non vedo l’ora di fare questa gita!

    Rispondi
  • 26 Marzo 2023

    Sempre belli e insoliti questi luoghi che visiti, mi piace sempre leggere i tuoi post perchè c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare. In Italia c’è un patrimonio paesaggistico incredibile, piccole perle nascoste tra mare, colline e boschi, meravigliosa anche questa tappa.

    Rispondi
  • 27 Marzo 2023

    I sentieri pianeggianti e non troppo lunghi mi affascinano sempre! 😀
    Anche a me piace molto andare alla ricerca di cascate da vedere, a volte anche da rivedere, ma di solito siamo sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo. Purtroppo d’estate l’acqua non è molta, ultimamente anche meno del solito, decisamente più godibili nelle mezze stagioni!

    Rispondi
  • 29 Marzo 2023

    Anche questo luogo non lo conosco, riesci a farmi scoprire angoli di Italia meravigliosi. Grazie per tutte le utili informazioni e spero di andarci in un periodo di acqua abbondante!!!!

    Rispondi
  • Bru
    1 Aprile 2023

    Queste giornate nella natura sono le mie preferite, mi piace andare a vedere le cascate e osservare tutto quello che c’è intorno, peccato davvero per la poca acqua dovuta alla siccità.

    Rispondi
  • 1 Aprile 2023

    Mica male avere una casetta in montagna…che bellezza e che invidia!!! 🙂

    Rispondi
  • 5 Aprile 2023

    Un prezioso paradiso immerso e salvaguardato dalla natura stessa. Non sono mai stata in questa vallata ma credo proprio che valga la pena organizzare qualche escursione in zona, vista la mole di paesaggi e scorci pazzeschi che regala.

    Rispondi
  • 12 Aprile 2023

    Per vedere le cascate belle piene tante volte bisogna essere molto fortunate, soprattutto se si va nei mesi più caldi. Io lo scorso anno ero a Lefkada a fine maggio e le ho avuto la fortuna di vedere le bellissime cascate di Nidri; chi ci va a luglio solitamente le trova già prosciugate.

    Rispondi
  • 12 Aprile 2023

    Bellissima escursione, è una zona che bazzicavo molto da piccola, poi mi sono trasferita e ho esplorato altre mete. Ma questa è sicuramente un’ottima scusa per tornare alle montagne della mia infanzia!

    Rispondi
  • 18 Aprile 2023

    Che bel posto! Non lo conoscevo! E’ sempre un piacere scoprire posti nuovi, grazie mille per le info super utili!

    Rispondi
  • 19 Aprile 2023

    Quanti luoghi sconosciuti che riesci a farmi considerare! Non sono una grande amante di questo tipo di escursioni, ma ho sempre avuto un debole per le cascate!

    Rispondi
  • antomaio65
    19 Aprile 2023

    Purtroppo il problema della scarsità di acqua influenza anche la bellezza delle cascate come questa. Rimane comunque una bellissima passeggiata all’ombra, grazie per il suggerimento

    Rispondi
  • 28 Aprile 2023

    Una bellissima escursione immersa nella natura! Mi piace molto fare trekking e sono sempre alla ricerca di posti nuovi da visitare, quindi grazie per le informazioni! Il problema della siccità, purtroppo, riguarda un po’ tutto il nostro Pease, speriamo in una stagione estiva più clemente rispetto a quella dello scorso anno!

    Rispondi

Ti è piaciuto l'articolo? Scrivimi il tuo pensiero :)

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: