Archivi tag: Trekking

Alla scoperta della natura della Slovenia: il Vintgar Bled

Dopo ben cinque anni in cui ho visitato la Slovenia posso ben dire di conoscere questo Paese così ospitale e ricco di meraviglie. Ho sempre vissuto esperienze positive in questo incredibile Stato e posso affermare con certezza che la sua natura è davvero tutta da scoprire: conosciuta per le sue maestose grotte (ho scritto due articoli a riguardo, cliccate qui per le Grotte di San Canziano e qui per le Grotte di Postumia), la Slovenia può vantarsi di essere la nazione più verde d’Europa ed è ricca di corsi d’acqua, foreste rigogliose e dolci e romantici laghetti (di cui senz’altro il più famoso è il Lago di Bled). Ed è proprio a Bled che vi porto oggi ma non per scoprire le bellezze del suo lago (ne ho parlato in questo articolo infatti) ma per parlarvi della gola di Bled, il Vintgar Bled.

Vintgar Bled

La gola si trova a circa 4 chiometri dalla famosa cittadina turistica, nelle immediate vicinanze di Gorje e si è formata grazie all’azione erosiva del fiume Radovna. Questa formazione naturale è lunga ben 1,6 chilometri e si snoda tra le pareti dei monti Hom (834 metri) e Boršt (931 metri): il fiume Radovna si mostra al visitatore con un flusso rapido, caratterizzato da cascatelle, rapide e cateratte. Gli sloveni, che sono molto acuti, sono riusciti a costruire un bel percorso pedonale lungo tutta la gola fino alla cascata di Šum. Il Vintgar Bled è anche il punto d’ingresso al Parco Nazionale del Tricorno.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il sentiero pedonale risale al 1893 dopo che la gola fu scoperta nel 1891 da Jakob Žumer, sindaco di Gorje, e dal cartografo e fotografo Benedikt Lergetporer. Ma come si è formata una gola così profonda? Cerco di fare chiarezza utilizzando termini semplici: la gola è stata creata dal fiume Radovna che ha scavato gli strati di roccia formando sempre di più una parte depressa rispetto alla posizione originale. L’erosione verticale è stata davvero immensa e contemporaneamente si assissteva al sollevamento tettonico del blocco di pietra calcarea sloveno, da una parte, e l’abbassamento del bacino di Lubiana, dall’altra. Alla fine dell’ultima era interglaciale il fiume Radovna aveva scavato due terzi della profondità dell’intera gola e, dopo la fine dell’ultima era glaciale, 10.000 anni fa, ne aveva scavato ancora un terzo. La gola fu dunque scavata dal fiume ed influenzata nella sua creazione da eventi tettonici molto intensi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sull’origine del nome “Vintgar” ci sono due ipotesi: la prima ci spiega che il nome deriva dal termine tedesco Weingarten (giardino del vino), in riferimento ai vigneti presenti nei dintorni, in particolare vicino a Podhom, mentre l’altra fa riferimento al fatto che la sezione della gola ricorda un calice di vino. Dopo il battesimo di questa nome con il nome di “Vintgar”, anche altre gole in Slovenia vennero nominate in questo modo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Naturalmente l’ambiente che si è creato in questa gola è davvero particolare e questo ha fatto sì che si sviluppassero specie di piante tipiche di questo microambiente come l’Aconito screziato (Aconitum variegatum), pianta estremamente velenosa e ma facilmente riconoscibile grazie al suo fiore viola dalla forma particolare somigliante ad un elmo.

Vintgar_6
Aconitu variegatum

Se vi piace la natura e amate il trekking allora questo luogo fa proprio per voi: la passeggiata, praticamente tutta in piano, si snoda attraverso le pareti rocciose tramite ponti in legno e piattaforme. Durante la mia visita ho davvero visto gente di tutte le età (addirittura madri con passeggini!) che si è cimentata in questa piacevole escursione. Le due entrate (una è dotata di parcheggio ed è quella più conosciuta, all’inizio della gola, mentre l’altra si trova nei pressi di Gorje, alla fine della gola, in corrispondenza della cascata Šum) sono entrambe dotate di biglietteria (15 euro è il costo di un biglietto andata e ritorno per gli adulti) e di bagni per i visitatori.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La gola è aperta da aprile a novembre, nei mesi invernali è invece chiusa per motivi di sicurezza.

La visita al Vintgar di Bled è una delle più belle esperienze che ho vissuto in questo favoloso Paese: il cammino è in ottime condizioni e vede ogni anno un numero sempre più crescente di visitatori. Mi auguro che il vicino Friuli Venezia Giulia prenda esempio di questo grande successo turistico per riaprire il sentiero dell’Orrido dello Slizza, ormai chiuso da troppo tempo.

consigli

La passeggiata lungo il sentiero del Vintgar di Bled è adattata a tutti, grandi e piccini, perfino per i nostri amici a quattro zampe (sempre dotati di guinzaglio). Vi consiglio di visitare il Vintgar di Bled all’orario di apertura ed evitare le maggiori ore di punta, soprattutto se volete scattare delle fotografie suggestive senza rischiare di essere spintonati da visitatori poco rispettosi. Lasciate pure l’auto presso i parcheggi convenzionati a pagamento, in particolare a quello che si trova a Podhom 57, 4247 Spodnje Gorje (5 euro per tutto il giorno, custodito) e proseguite a piedi verso l’entrata della gola. Nel pomeriggio invece recatevi al lago di Bled per completare la visita di questa località (senza tralasciare il suggestivo castello).

Come abbigliamento vi consiglio scarpe da trekking leggere e abbigliamento comodo, come pantaloni da escursione. Non uscite mai dal sentiero altrimenti rischiate di scivolare in acqua: il fiume non è profondo ma la corrente è molto forte. Non correte rischi inutili!

Per ulteriori informazioni, visitate il sito ufficiale.

Diario di viaggio: Madagascar – Giorno 6

Secondo giorno all’Isalo, per vivere a pieno questo bellissimo parco.

Diario Madagascar

Si parte, come sempre, di buon’ora per un trekking che durerà l’intera giornata. Oggi fa molto caldo e il sole picchia sulle nostre teste. Entriamo nella parte più conosciuta ed estesa del parco, dove il clima è quasi desertico e pare di essere nella più famosa Monument Valley: qui, però, le rocce non sono rosse mattone ma di un bell’arancio vivo e assumono forme straordinarie, come quella a tartaruga.

mad_49
La tartaruga

La natura scolpisce e modella con una tale gioia che è impossibile non rimanere senza fiato. Oltre alle bellezze naturali, nelle insenature che si sono formate dal modellamento degli agenti atmosferici, l’uomo ne ha ricavato delle tombe: l’etnia Bara, infatti, è solita seppellire i defunti in queste cavità e poi ricoprirle di mattoni.

mad_48
Tomba nella roccia

Il trekking non è tra i più semplici, si rischia spesso di scivolare perchè il percorso è stretto e tortuoso, ma con calma arriviamo ad una terrazza incantata: una vista mozzafiato merita assolutamente qualche scatto!

Superate le due ore di salita, c’è la discesa, che ci porta direttamente sulle rive del fiume: qui fa fresco e possiamo fare una pausa per immergere un po’ i piedini stanchi. L’acqua fresca è una manna per le nostre membra e qualche compagno di viaggio si azzarda addirittura a fare un bagno! Io mi accontento di avere i piedi freschi e il viso ristorato.

mad_46
Il rivolo che ci ristora…

Dopo questa piacevole pausa, il sentiero si snoda attraverso una piana arida, dove vediamo numerosi piedi di elefanti (Pachypodium horombense): queste buffe piante, dall’aspetto tozzo e simpatico, sono endemiche del Madagascar. Le guardo con un sorriso e le immortalo. Vagamente ricordano le piante grasse, anche se non lo sono affatto.

Per ora non abbiamo incontrato nessuna specie di lemure, ma la mia impazienza è presto ripagata: dopo un altro trekking di due ore arriviamo ad un’area attrezzata per i turisti, con i tavolini, dove poter mangiare qualcosa. Qui troviamo i lemuri: curiosi, impacciati, maldestri e divertenti.

mad_45
Simpaticone!

Sono docili, si lasciano avvicinare perchè i turisti gli danno della frutta secca. Ci sono dei cartelli che ammoniscono: niente cibo se non frutta, e devo dire che i turisti sono piuttosto diligenti. Invogliati da una banana, si avvicinano e mi toccano tutte le mani: con le loro dita paffute e morbide, tastano tutto ciò che è possibilmente commestibile e addirittura arrivano ad annusarmi la faccia, saltando sulle mie spalle. Gli scatti sono fenomenali, sia ai catta che ai lemuri dalla fronte rossa. Sono proprio questi ultimi i più socievoli e curiosi.

mad_44
Curiosità…

Rimango più di un’ora ad immortalarli e tutti non possono fare a meno di notare che con me i lemuri sono molto amichevoli, non solo per l’offerta della banana, ma proprio perchè sentono che non voglio fare loro del male, quindi si lasciano accarezzare. Molti miei compagni di viaggio non sono così coraggiosi e lasciano tutto il divertimento per me. Meno male!

E’ ora di proseguire, con un’altra ora di trekking per visitare la Cascata delle Ninfe: il canyon ricorda molto quello delle scimmie, che avevamo visitato il giorno prima. La vegetazione torna ad essere rigogliosa e lussureggiante e anche l’umidità si alza. Il cambiamento di ambienti è davvero incredibile: si passa dall’aridità delle arenarie alla spumeggiante flora delle rive del fiume. Arrivati alla cascata, lo spettacolo è davvero impagabile: il fiume forma una piscina naturale e la cascata non fa mai mancare l’acqua. I colori sono strepitosi e il silenzio è interrotto soltanto dal canto di alcuni uccelli. Mancano solo le Ninfe, che ci immaginiamo essere bellissime, con i loro corpi nudi e ridenti immersi nelle acque fresche di questo Eden.

mad_43
La Cascata delle Ninfe

Ci riposiamo per un po’ e poi è ora di ritornare, siamo quasi al tramonto e non vogliamo perdere lo spettacolo più atteso della giornata: il tramonto alla Finestra dell’Isalo.

mad_42
Tramonto dalla finestra…

Arriviamo in tempo a vedere il sole che ci saluta attraverso questa finestra: un’apertura nella roccia che ci inquadra una giornata che volge al termine, semplicemente unica.

Per leggere gli altri articoli, cliccate qui sotto.

Primo giorno

Secondo giorno

Terzo giorno

Quarto giorno

Quinto giorno

Settimo giorno