Archivi tag: fotografia

Un’escursione in giornata: Casargo

Durante l’ultima estate, ho avuto modo di poter conoscere la Valsassina. Dopo Lecco, era assolutamente un obbligo “quasi morale” dover conoscere la sua valle, ricca di storia e bellezze naturali. Non potevo che iniziare da uno dei borghi più caratteristici e famosi della valle, Casargo.

 

Casargo_centro_1
Il carattestico paese di Casargo

 

Il caratteristico paese si trova disteso su di un fondovalle, con alle spalle il maestoso Monte Legnone, a 800 metri di quota s.l.m. Le sue frazioni si trovano sparse in due valli diverse, la Val Casargo e la Val Muggiasca. Il territorio di Casargo comprende anche due stazioni sciistiche abbastanza famose, l’Alpe Giumello e l’Alpe di Paglio. Dall’Alpe Giumello si può godere di una fantastica vista del bacino lariano e della sponda comasca, dopo una breve passeggiata di circa 20 minuti a passo leggero, su un sentiero quotidianamente battuto. Dall’Alpe di Paglio, partono invece numerosi trekking e scampagnate, verso il famoso Pian delle Betulle e verso le Alpi Orobie.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Giunti a Casargo, si possono degustare prelibatezze locali come i famosi formaggi della Valsassina e la polenta. Il piccolo paese si snoda in vicoletti caratteristici e prati verdi dove ancora possiamo incontrare numerose galline e capre, tra cui le famose Capre Orobiche, di cui Casargo è bandiera: ogni anno infatti, si tiene una famosa mostra su questa razza autoctona che mira a preservare e tutelare questo animale, simbolo della montagna e della vita pastorizia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Casargo può non essere famosa come Cortina d’Ampezzo o Curmayeur, in quanto non è meta di turismo di massa e di lusso, ma è entrata a pieno titolo nei miei luoghi del cuore, grazie alle persone che me l’hanno fatta scorpire. E’ per me dunque un rifugio sicuro, un luogo di pace, dove posso dedicarmi a me stessa e dove posso riincontrare una natura rigogliosa e sempre ricca di sorprese. A Pian delle Betulle, infatti, ho trascorso un intero pomeriggio presso un piccolo laghetto, dove ho incontrato numerose specie di Odonati, le libellule, che, come il mio lettore sa, sono i miei insetti preferiti: numerose sono le specie che qui volano, e che si lasciano anche avvicinare senza troppa paura, come l’Aeshna juncea, di cui ho scattato bellissime fotografie.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come dimenticare poi le piacevoli passeggiate nei dintorni, come all’Alpe Giumello, dove si gode di una vista davvero mozzafiato sul lago. Vicino a Casargo, inoltre, si trovano numerosi alberi pluricentenari e ben 19 monumentali censiti dalla Guardia Forestale: la prossima estate sarà l’occasione per vederli!

La pace in questi luoghi si può palpare con mano, ed è per questo che ben presto ritornerò, per godere ancora dello spettacolo che solo la Natura può offrire.

 

 

 

 

 

I luoghi della storia: il Monte Santo di Lussari

Durante il mio brevissimo viaggio tra Tarvisio e la Slovenia, che probabilmente ripeterò l’anno prossimo alla scoperta di nuovi luoghi, ho visitato uno dei simboli del tarvisiano e di tutto il territorio di confine: il Monte Santo di Lussari.

Lussari_5 (5)
Il Monte Lussari

Il Monte Santo di Lussari, detto anche detto anche Svete Višarje, “Le sante alture”, in sloveno, Mont Sante di Lussari in friulano e Luschariberg in tedesco è una montagna che fa parte delle Alpi Giulie. Si trova nel comune di Tarvisio, a sud della frazione di Camporosso, da cui è raggiungibile sia a piedi (tramite il sentiero del Pellegrino) che con la telecabina.

Con un’altezza di 1789 metri s.l.m. gode di una certa notorietà grazie al suo piccolo santuario, posto proprio sulla vetta del monte, costruito nel XVI secolo.

Dalla sommità del monte si gode di un grande e mozzafiato panorama: si può ammirare la conca del tarvisiano e le sue montagne circostanti, come il gruppo del Mangart e quello del Jôf di Montasio. Ancora, da qui partono numerosi sentieri escursionistici, tra cui quello che porta alla  Cima del cacciatore a 2.071 m s.l.m.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Arrivata con la telecabina, dopo circa 15 minuti di salita, partendo da 805 metri, assisto subito al meraviglioso spettacolo che il Lussari offre: il santuario la fa da protagonista, seppur così piccolo, intorno alle imponenti vette che lo circondano. La giornata è bella e la luce offre la possibilità di scattare bellissime fotografie, soprattutto in questo momento, al tramonto.

Secondo la leggenda, il Santuario venne costruito proprio qui dopo che nel 1360 si sono verificati degli eventi “miracolosi”: un pastore trova le pecore del proprio gregge inginocchiate attorno ad un cespuglio e con grande stupore si accorge che al centro del cespuglio si trova una statuetta di una Madonna col Bambino. Attonito da questo fatto, il pastore decide di consegnare la statuetta al parroco di Camporosso ma il giorno seguente la statua viene trovata di nuovo nel cespuglio e l’episodio si ripete fino ad una terza volta. A questo punto, il patriarca di Aquileia, impone la costruzione di una cappelletta, di cui oggi non ci sono più tracce. L’edificio di oggi, come ho già detto, ha origini nel XVI secolo e nel corso dei secoli ha subito alcuni danneggiamenti: nel 1807 viene colpita da un fulmine e nel 1915 venne bombardata, ma venne sempre ricostruita.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oltre al piccolo santuario e alla relativa croce, sono sorti numerosi piccoli esercizi commerciali e ristoranti con camere annesse, dove potrete gustare specialità regionali e piatti tipici delle montagne di questi luoghi. Se volete portare a casa un ricordo poi, avete l’imbarazzo della scelta.

Il Monte Lussari viene chiamato anche il monte delle amicizie perchè da sempre è stato meta di pellegrinaggio di tre popoli: quello italiano, quello sloveno e quello tedesco, essendo proprio in corrispondenza dei confini deografici di questi paesi (almeno i confini storici, mutati nel corso del tempo).

Lussari è anche un luogo per gli amanti dello scii, grazie alla sua stazione sciistica che porta ogni anno moltissimi sportivi a cimentarsi sulle svariete piste, spesso protagoniste di campionati mondiali o Coppa Europa.

Monte Lussari è dunque un bellissima tappa per una gita fuori porta, se visitate il tarvisiano, oppure se volete godere di una dolce giornata ammaliati dalle vette più belle delle Giulie.

 

Un’escursione in giornata: Tarvisio

Durante i miei viaggi estivi di quest’anno, ho deciso di partire quattro giorni verso il Friuli Venezia Giulia e la Slovenia: chi mi segue sa che ogni anno mi dirigo verso est per esplorare questa magnifica regione ed il suo Paese confinante, così simili eppure diversi. Quest’anno ho deciso di fissare la mia base a Tarvisio, piccola e caratteristica cittadina montana dal sapore retrò.

 

Tarvisio_2
Chiesa dei Santi Pietro e Paolo e Piazza Unità

 

Tarvisio ha origini romane, e come per molti insediamenti, fu edificata su un piccolo agglomerato abitato in passato da una popolazione celtica, i Taurisci. Dopo il periodo romano, nel Medioevo divenne possesso del Capitolo di Bamberga (leggi il mio articolo su Bamberga, cliccando qui) e a partire dal XII secolo assunse un ruolo commerciale molto importante e dal 1456 il vescovo di Bamberga ottenne il privilegio di tenere una fiera annuale, che si tiene tutt’ora.

Dal XV secolo Tarvisio divenne ancora più importante grazie alla fioritura dell’industria del ferro. La città venne poi coinvolta nella Guerra di Gradisca (1615-18). Dopo alcuni spostamenti del confine, Tarvisio tornò austriaca e in epoca napoleonica fu teatro di battaglie tra austriaci e francesi.

Nel 1919 la città entrò a far parte del Regno d’Italia.

 

Tarvisio_12
Monumento ai caduti

 

Tarvisio divenne assai importante durante la Seconda Guerra Mondiale in quanto la Resistenza italiana ebbe inizio proprio qui, in questa città, nella notte tra l’8 ed il 9 settemnre 1943, proprio dopo la firma dell’Armistizio: nella cittadina vi era un presidio di 300 uomini della Guardia di Frontiera (GaF); essendo un confine alleato, quello autriaco, la presenza della GaF era del tutto simbolica. Dal 25 luglio, a Ugovizza, era presente un reggimento di Waffen SS e nella piana di Arnoldstein, appena aldilà del confine, erano acquartierate intere divisioni tedesce in assetto di guerra. Una volta saputo dell’Armistizio e dopo l’intimazione alla resa da parte dei tedeschi, il colonnello capo delle GaF Giovanni Jon preparò la caserma alla resistenza e si asserragliò con le guardie. La resistenza durò ben poco in quanto i tedeschi erano in superiorità numerica e meglio equipaggiati: con un colpo di anticarro distrussero il centralino. Dopo una battaglia di 6 ore, il colonnello Jon ordinò il cessate il fuoco: il bilancio era di 180 morti e 25 feriti della GaF, mentre i tedeschi registravano 80 caduti. I superstiti della GaF, in tutto 95, furono poi imprigionati ed internati nei lager tedeschi.

In questa battagglia venne anche ferita la prima donna che fu insignita della Medaglia d’Argento alla Resistenza, Luigia Picech, sopravvissuta fino al 1981. Nonostante il fuoco nemico, riuscì a tener aperto il centralino, fino a che non venne raso al suolo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tarvisio è dunque una cittadina ricca di storia e non si può non visitare. Oltre alla bellezza della città, ricca di negozi, ristoranti tipici, e strutture sciistiche, i dintorni di Tarvisio offrono molte attività interessanti, tra cui la possibilità di accedere in funivia al santuario di Monte Lussari, oppure visitare il museo della Miniera di Raibl e il suo Parco Geo-Minerario, o ancora il Museo della guerra di Predil, i Laghi di Fusine ed il Lago del Predil.

 

Tarvisio_10
Il panorama da Tarvisio

 

Io ho alloggiato presso la Foresteria Militare di Tarvisio insieme al mio papà (dato che è militare) e poi ho gironzolato la città in lungo e in largo, fermandomi alla Chiesetta dei Santi Pietro e Paolo, o a mangiare un buon gelato presso le numerose gelaterie. Da non dimenticare il grande Mercato Coperto, che vi potrà offrire vestiario per tutti i gusti! Troverete anche negozi per gli sportivi e per gli amanti del buon cibo, con le specialità friulane e del tarvisiano.

Alla scoperta della natura della Slovenia: le cascate Savica

Anche quest’anno, come ormai da 4 anni a questa parte, sono stata in Slovenia a visitare il suo entroterra. Dopo aver visto la capitale Lubiana l’anno scorso (leggete qui il mio primo articolo del Diario di viaggio), e le grotte due anni fa (leggete qui il mio racconto sulle Grotte di Postumia), quest’anno sono stata nella parte nord per visitare i laghi più famosi ed importanti: naturalmente Bled e Bohinj, ma prima di parlarvi di loro, volevo parlarvi di un luogo assolutamente magico e per molti sconosciuto: le cascate Savica.

 

Bohinj_1
Le cascate Savica

 

Le cascate Savica si trovano a circa 15 minuti di auto dal lago di Bohinj, e sono ben segnalate da questa località. Arrivarci dunque è piuttosto semplice (anche perchè la strada è una sola). Si trovano nella parte nordoccidentale della Slovenia. Si trattano di cascate alte 78 metri a doppia biforcazione (biforcazione a lettera A), alimentate da un lago carsico (il Lago Nero) che giace a 500 metri di altezza sopra alle cascate stesse.

 

Savica_2
Panorama durante la salita

 

Arrivarci non è difficile: una volta lasciata l’auto nel parcheggio a pagamento, si inizia una salita facile fino all’ingresso (anch’esso a pagamento) delle cascate. Da qui inizia una salita di più di 500 gradoni percorribile in circa mezz’ora: attenzione, i gradoni non sono proprio leggeri, ma per fortuna durante la salita sono previste alcune soste attrezzate con panchine e tavolini. Certo, chi è abituato a salire in fretta non avrà problemi, ma per gli altri ci vorrà un poco di pazienza. Consiglio di portarvi scarpe da trekkinge leggere ed una buona scorta d’acqua, alcuni passaggi non sono così semplici, soprattutto per i bambini. La salita è praticamente tutta nel bosco e mentre si sale, si possono ammirare scorci di inaudita bellezza!

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una volta arrivati, lo spettacolo è davvero ripagante della fatica: le cascate si stagliano davanti a noi con magnificenza, e si riescono ben a fotografare nonostante non ci sia un accesso diretto (per motivi di sicurezza si può ammirare soltanto ad una distanza mantenuta da un cancello). Oltre a poterle ammirare in piedi per scattare qualche fotografia, le si può anche ammirare comodamente seduti sotto una tettoia che offre ristoro.

Le cascate sono state visitate nel tempo da illustri visitatori, come dall’arciduca Giovanni d’Asgurgo – Lorena, che le visitò nel 1807, a cui è dedicata la targa davanti alle cascate stesse, da France Prešeren e dal Barone Žiga Zois. Nel 1916 l’esercito Austro-Ungarico sostò qui durante la Prima Guerra Mondiale e costruì una base logistica e di rifornimento.

Non è difficile osservare anche la fauna che popola le cascate: se avete un buon occhio, potrete facilmente riconoscere i buffi merli acquaioli (Cinclus cinclus) e le ballerine gialle (Motacilla cinerea). Io purtroppo non avevo l’obiettivo giusto per fotografarle a dovere, ma ci ho provato 😉

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se visitate questi luoghi, non perdetevi l’occasione di vedere le cascate Savica, che portano la loro acqua fino al lago di Bohinj, anch’esso straordinario.

I weekend a Bologna: la Chiesa di Santo Stefano

Dopo la Piazza del Nettuno e della sua Fontana, è ora di parlarvi di un altro grande simbolo del capoluogo emiliano: la Basilica di Santo Stefano.

 

Bologna_5
Piazza Santo Stefano e le sue Chiese

 

Chiamato anche il “Complesso delle 7 Chiese”, questo insieme di strutture architettoniche dà il nome anche alla Piazza su cui si affaccia e a tutto il quartiere, uno dei più rinomati e conosciuti di Bologna.

 

 

 

800px-S._Stefano_(Bologna)_-_planimetria.svg.png
Struttura del Complesso. Opera tratta da Wikipedia, License M.Violante. La struttura è così divisa: 1-3. Chiesa del Crocifisso 2. Cripta 4. Basilica del Sepolcro 5. Basilica dei SS. Vitale e Agricola 6. Cortile di Pilato 7. Chiesa della Trinità o del Martyrium con il Presepio più antico 8. Il Chiostro 9-10-11-12. Chiesa della Benda e Museo

 

Secondo la tradizione, fu San Petronio, patrono di Bologna, l’ideatore della basilica, nata per imitare il Santo Sepolcro di Gerusalemme. Le origini sono comunque assai antiche: la chiesa del Crocifisso risale al VIII secolo, mentre quella del Santo Sepolcro al V secolo.

Dalla Piazza Santo Stefano si possono vedere le tre facciate delle chiese del Crocifisso, del sepolcro e dei Santi Vitale e Agricola. Nonostante i vari rifacimenti e le ricostruzioni, il complesso si può inquadrare sotto lo stile romanico.

Ogni Chiesa ha caratteristiche e storia a sè stanti, scopriamole insieme.

Basilica del protomartiri San Vitale e Sant’Agricola

E’ la più antica di tutto il complesso e fin dalla sua costruzione accoglieva le reliquie dei due santi a cui è stata intitolata. All’inizio del XV secolo fu rinvenuto un sepolcro molto antico, di età paleocristiana, che riportava la scritta “Symon” e si era sparsa la voce, priva di fondamento storico, che fosse di San Pietro. Molti pellegrini, così, invece che recarsi a Roma, si recarono a Bologna per venerare il Santo, tanto che Papa Eugenio IV non prese molto bene questo “cambio di rotta” e fece scoperchiare la chiesa per riempirla di terra e lasciarla abbandonata in quello stato per circa 70 anni. Solo con l’interecessione dell’arcivescovo Giuliano Della Rovere la chiesa viene restaurata. L’evento è ricordato da una scritta sulla porta laterale: “JUL. CARD. S. P. AD VINC. RESTITUIT”.

Chiesa del Crociffiso

L’origine della struttura è longobarda e questa è costituita da una sola navata con volta a capriata e presbitero sopraelevato sulla cripta. La cripta è suddivisa in cinque navate con colonne di diverso materiale. Secondo una leggenda, una delle colonne riproduce esattamente l’altezza di Gesù (circa 1 metro e 70). In fondo alla cripta sono conservate le reliquie dei Santi Vitale e Agricola.

 

Bologna_12
L’interno della Chiesa del Crocifisso

 

Chiesa del Santo Sepolcro

La chiesa, dopo essere stata danneggiata pesantemente dalle invasioni degli ungari, è stata ricostruita dai monaci benedettini all’inizio del XI secolo. La base è ottagonale e la cupola è dodecagonale, all’interno ci sono 12 colonne di marmo e laterizio. La porticina del Sepolcro viene aperta soltanto una volta l’anno, in occasione della Pasqua. Prima era possibile sgusciare all’interno per venerare i resti di San Petronio. Un fatto particolare ci dice che le prostitute di Bologna vi si recavano la mattina di Pasqua per pregare segretamente. Oggi le spoglie del Santo sono custodite all’interno dell’omonima Basilica.

Chiesa della Trinità

In origine questa Chiesa doveva essere costruita con 5 navate e un abside antistante il cortile di Pilato, ma Petronio probabilmente finì i fondi e non riuscì a portare a termine l’edificio. Con l’avvento dei Longobardi diventò un Battistero. Con le invasioni ungariche, l’edificio venne pesantemente danneggiato e ancora una volta furono i benedettini a restaurarlo. L’aspetto che vediamo adesso è frutto di ulteriori restauri avvenuti nell’ottocento: attualmente si presenta con 5 navate e la facciata antistante il cortile, con abside rivolta ad est. Lo stile è neoromanico. Da ricordare è il grande gruppo ligneo dell’Adorazione dei Magi, il più antico presepio conosciuto al mondo con statue a tutto tondo, sistemato permanentemente all’interno dell’ultima cappelletta.

La struttura delle 7 Chiese termina con altre piccole cappellette (3 per l’esattezza).

All’interno del complesso si possono ben distinguere il Cortile di Pilato, chiamato così per ricordare il luogo dove Gesù fu condannato a morte, e il chiostro medioevale, di dimensioni maggiori rispetto al Cortile e divisio in due piani: quello inferiore è impostato su aperture ad arco preromaniche, mentre quello superiore è un grandioso colonnato in stile romanico. Sotto i portici del chiostro sono appese molte lapidi che ricordano i nomi di quasi tutti i bolognesi caduti durante la Prima Guerra Mondiale e di alcuni caduti durante la Seconda. Dal portico si accede anche al piccolo Museo di Santo Stefano che raccoglie alcuni oggetti di varia natura come reliquiari, abiti talari e un bastone pastorale in avorio, oltre che vari dipinti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Piazza Santo Stefano  è un’interessante luogo d’incontro che ospita numerosi bar e negozi sotto i suoi porticati: la struttura è triangolare e rappresenta in realtà uno slargo della via Santo Stefano. La Piazza non è riportata sullo stradario cittadino, ma è formarlmente riconosciuta dai bolognesi. Una volta al mese è presente il mercatino dell’usato e delle pulci, con la possibilità di acquistare chicche di vario genere, dai mobili alle locandine originali di molti film proiettati a Bologna in anni passati.

 

Bologna_Stefano
Piazza Santo Stefano e le case mercantili

 

Piazza Santo Stefano e le sue Chiese sono un simbolo di Bologna, uno dei luoghi più famosi e riconosciuti di tutta la città, meta turistica ma anche di svago e di cultura, raggiungibile da Via Rizzoli appena a destra delle 2 Torri. L’area è pedonale durante i weekend ed è spesso affollata dai turisti ma anche dai bolognesi.

 

 

 

 

 

 

Un’escursione in giornata: Fabriano

Durante il mio soggiorno a Marotta per due settimane, ho avuto occasione di viaggiare e di muovermi all’interno della regione e quindi di visitare l’entroterra marchigiano. In una calda e afosa giorna di luglio, mi sono dunque diretta a Fabriano, per una brevissima visita al suo suggestivo centro storico. Purtroppo a causa del caldo infernale e del poco tempo a disposizione, ho visitato soltanto i monumenti principali, tralasciando, ahimè, i musei.

 

Fabriano_9
Piazza del Comune dal Loggiato di San Francesco

 

Fabriano si trova a cavallo dell’Appennino umbro-marchigiano e la sua posizione favorevole ha permesso l’insediamento fin dalla Preistoria di comunità stabili. Nell’età del ferro si diffusero la civilità picena e quella umbra, mentre nel corso del IV secolo a.C. qui si stabilirono i Galli senoni. Dopo la conquista romana si svilupparono l’odierna città di Attigio e Albacina.

Il primo nucleo di Fabriano sorse però tra il V ed il IX secolo d.C dopo che gli Attidiati, secondo la tradizione, si rifugiarono in parte a sud-est verso il futuro castello di Collamato e, per la maggior parte, nella futura valle di Fabriano.

Fabriano, dunque, entrò a far parte del Ducato di Spoleto dal 571, fino alla sconfitta dei Longobardi ad opera di Carlo Magno nel 773.

Dall’VIII secolo Fabriano è sottoposta ad un governo feudale e nel 1234 Fabriano divenne libero comune. Dopo l’asra contesa tra Guelfi e Ghibellini, che vide Fabriano schierata con i Ghibellini, la città venne annessa allo Stato Pontificio.

Nel 1515 la città venne saccheggiata dagli Spagnoli per dissensi tra i fabrianesi e papa Leone X.

La città rimarrà sotto il controllo papale, dopo molte peripezie, fino al 1789, quando fu proclamata la Repubblica romana dal generale Berthier e la città di Fabriano svincolatosi dalla dipendenza papale, ne fece parte, ma per un breve periodo dato che nel 1800, ritornerà sotto il governo restaurato della Chiesa.

Dopo la parentesi napoleonica, la città passò sotto il controllo provvisorio di Napoli e poi, nel 1814 sotto il dominio austriaco. Nel 1860 la città entro a far parte del Regno d’Italia.

Facendo un salto temporale si arriva alla Seconda Guerra Mondiale ed il 1944 fu un anno tragico per Fabriano, che subì 55 bombardamenti che causarono centinaia di morti. Nella notte tra il 12 ed il 13 luglio, i tedeschi abbandonarono la città e alle 10:30 del 13 le strade sono già attraversate da autoblinde anglo-americane.

Il 26 settembre del 1997 ci fu un violento terremoto che causò una vittima a Fabriano: dal 2007 si può riammirare la città senza alcun danno, ormai riportata al suo antico splendore.

Arrivata a Fabriano, lascio l’auto non lontana dal Centro Storico ed inizio il mio vagabondare all’interno di vie strette e stradine fiorite: l’anima medioevale pulsa ancora molto e le architetture risplendono di una luce antica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mi dirigo verso il fulcro della città, cioè Piazza del Comune, da cui ci si può letteralmente affacciare tramite il Loggiato di San Francesco: il loggiato fu edificato da Bernardo Rossellino e voleva collegare la chiesa di San Francesco (edificata nel 1292 e demolita nel 1864) alla scenografica Piazza del Comune. Da qui la vista è meravigliosa e decido di scattare, come sempre, qualche foto ricordo e qualche foto più suggestiva, da condividere con voi sul mio profilo Instagram.  Da qui si scende e ci si ritrova direttamente sulla Piazza, famosa per la fontana Sturinalto. All’interno della Piazza sorge il famoso Palazzo del Podestà, con la peculiarità nella sua tipologia a ponte in ricordo della colmata dell’antico fiume cittadino che scorreva sotto di esso, e dell’unificazione dei quattro quartieri cittadini. Eretto nel 1255, interamente in pietra bianca di Vallemontagnana, fu modificato più volte e sulla sua facciata vi è posto uno stemma della nobile famiglia dei Bonarelli d’Ancona, scolpito in arenaria, in memoria del conte Pietro Bonarelli, che fu podestà di Fabriano nel 1514-15. Al di sotto dell’arcone restano interessanti affreschi (XIII-XIV secolo) che rappresentano scene di guerrieri in battaglia e un’enigmatica ruota della fortuna mossa da una figura femminile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Forse però l’elemento più scenografico è la Fontano Sturinalto: commissionata nel 1285 a Jacopo di Grondolo, la fontana ricorda la Fontana Maggiore di Perugia e non ha nulla da invidiare con questa. E’ l’elemento più apprezzato della piazza, luogo di ritrovo dei fabrianesi, che qui si incontrano per godersi una bella giornata.

Naturalmente non può mancare il Palazzo del Comune, che dà il nome alla Piazza stessa.

 

Fabriano_1
Il Duomo e la sua piazza

 

Dopo aver scattato qualche foto, mi dirigo verso il Duomo, appena sopra la Piazza e scatto le ultime fotografie: purtroppo il caldo ha il sopravvento sulla vostra Vagabonda e dato che la base è a circa un’ora di auto, è meglio rientrare, con la promessa di tornarci e di goderla ancora di più, magari non d’estate e non a fine luglio!

Un’escursione in giornata: Urbino

Durante il mio soggiorno a Marotta, nelle Marche, ho approfittato del mio tempo a dispozione per visitare l’entroterra marchigiano, ricco di storia e di cultura. Dopo che in molti mi avevano raccontato di quanto fosse bella ed interessante Urbino, ho deciso di visitarla e ne sono rimasta a dir poco innamorata. Urbino, con i suoi palazzi rinascimentali, le sue viottole, il color ocra dei suoi mattoni, è una città viva, pulsante, ricca di scorci interessanti ed intrisa di storia e tradizioni. Scopriamo insieme dunque la sua storia ed il suoi segreti con questo articolo.

Urbino_10)
Veduta di Urbino dal Palazzo Ducale

Urbino divenne un centro importante durante le Guerre gotiche nel VI secolo. Durante il Medioevo, Urbino fu protagonista della faida tra Guelfi e Ghibellini patteggiando per questi ultimi. E’ però nel Rinascimento che la città raggiunse il suo massimo splendore grazie al signore di Urbino Federico dei Montefeltro che tra il 1444 ed il 1482 elevò la città ad una sorta di centro moderno e all’avanguardia, oltre che razionale e bello. Alla sua corte abbiamo pittori del calibro di Piero della Francesca che scrisse sulla scienza della prospettiva, o ancora Giovanni Santi, il padre di Raffaello.

Purtroppo, però, le sorti di Urbino non furono così rosee quando Cesare Borgia spodestò Guidobaldo da Montefeltro, duca di Urbino e figlio di Federico, con la complicità del padre Papa Alessandro VI. Urbino venne così incorporata nello Stato Pontificio. Con l’elezione di Gianfrancesci Albani a Pontefice nel 1701 (urbinate) si aprì per la città un nuovo periodo di splendore.

Nel 1789 ci fu una violenta scossa di terremoto che colpì la cittò che che provocò molto danni, tra cui il crollo della cupola del Duomo. Questo evento portò alla costruzione della nuova Cattedrale, come la vediamo oggi.

Urbino_3
Il Duomo di Urbino

Facendo un salto temporale, Urbino venne annesa al Regno d’Italia nel 1860.

Durante la Seconda Guerra Mondiale la città non subì alcun bombardamento grazie ad un segnale convenzionale dipinto sul tetto del Palazzo Ducale e al tacito accordo tra i tedeschi e gli alleati. Durante il conflitto è da ricordare lo straordinario coraggio di Pasquale Rotondi, Soprintendente alle Gallerie e alle Opere d’Arte delle Marche a Urbino, che riuscì a mettere in salvo dai bombardamenti e dal furto di opere d’arte, circa 10.000 opere (tra cui quelle di Giorgione, Piero della Francesca, Paolo Uccello, Tiziano, Mantegna, Raffaello e tanti altri, da tutti i più grandi musei d’Italia). Queste opere furono inizialmente nascoste all’interno del Palazzo dei Principi di Carpegna per poi essere spostate nella Rocca di Sassocorvaro.

La fama e la bellezza di Urbino ancora oggi attirano migliaia di turisti da tutto il mondo.

Dopo un viaggio di circa un’ora, parcheggio l’automobile e inizio la mia salita verso la famosa Piazza della Repubblica dove si gode di una bella vista dei vicoli. Di forma trapezoidale, la piazza ospita anche la fontana progettata da Diomede Catalucci.

 

Urbino_8
Piazza della Repubblica

 

Da qui si può svoltare verso la Casa di Raffaello oppure verso il famoso Palazzo Ducale. Opto per la seconda meta e mi dirigo verso Piazza del Rinascimento dove ha sede anche il Duomo, purtroppo chiuso. Dopo aver scattato qualche fotografia alla bella Piazza, decido di fare visita al Palazzo Ducale e alla sua raccolta di opere d’arte. Il palazzo è uno dei più interessanti esempi architettonici ed artici dell’intero Rinascimento italiano ed è sede della Galleria Nazionale delle Marche. Il biglietto d’ingresso comprende la visita a tutto il complesso del Palazzo, non solo alla Galleria. Il palazzo fu l’opera più ambiziosa costruita e terminata durante il periodo di Federico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La visita dura circa 1 ora e mezza e si passa per varie parti del palazzo, visitando anche lo studiolo del Duca di Montefeltro. All’interno del palazzo ci sono numerose opere pittoriche anche di Raffaello e di Piero della Francesca.

Dopo aver visitato il Palazzo, mi dirigo verso la Casa di Raffaello ma decido di non visitarla per questa volta. Così mi accingo verso l’Orto Botanico ma scopro che quel giorno è chiuso, per mia sfortuna. Un po’ sconfortata, decido di tirarmi su con un gelato e con l’acquisto di qualche souvenir per i miei genitori.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il tempo che mi rimane per la visita non è così tanto e quindi scatto ancora quale fotografia da Porta Lucia: da qui si gode di una bellissima vista sull’entroterra!

 

Urbino_14
La spettacolare vista

 

Forse la bellezza di Urbino non sta tanto nei suoi, seppur meravigliosi, monumenti, ma proprio nel suo essere una città ancora fortificata da mura e per i suoi stretti vicoli che tanto mi ricordano Montepulciano. Sembra di essere in un’altra epoca e che da un momento all’atro sbuchi qualche cortigiano o qualche signorotto vestito di tutto punto: si è immersi completamente della storia ed è difficile concentrare lo sguardo soltanto su di un luogo solo.

 

Urbino_1
Urbino in tutto il suo splendore

 

 

Le meraviglie della natura: le Grotte di Frasassi

Durante la mia vacanza a Marotta, ho deciso di visitare l’entroterra marchigiano per scoprire alcune delle sue bellezze. E’ così dunque che ho deciso di fare tre tappe per visitare tre meraviglie: le Grotte di Frasassi, Fabriano e Urbino. In questo primo articolo vi parlerò delle Grotte di Frasassi, tra le più famose e sorprendenti d’Europa.

Frasassi_2
La Sala delle Candeline

Le Grotte di Frasassi sono delle grotte carsiche sotterranee che si trovano nelle Marche, in provincia di Ancona, sotto la pertinenza del comune di Genga, all’interno del Parco naturale regionale della Gola della Rossa e di Frasassi.

Frasassi_4
Il percorso delle grotte

Le Grotte sono state scoperte il 25 settembre del 1971 per caso, quando un gruppo di escursionisti del Gruppo Speleologico Marchigiano CAI di Ancona sentirono una corrente fredda che proveniva dal sottosuolo: gli intrepidi esploratori cercarono dunque di individuare la fonte della corrente e capirono ben presto di aver a che fare con una grotta non comune. Rolando Silvestri e la sua spedizione guidata da Giancarlo Cappanera dunque partirono per l’esplorazione ed è così che scoprirono l’Abisso Ancona, il primo antro visitabile con il giro turistico ancora oggi: si tratta di una enorme cavità che ha un’estensione di 160 x 120 metri e un’altezza di 200, dimensioni talmente ragguardevoli che il Duomo di Milano può essere contenuto senza problemi al suo interno.

Frasassi_8
L’Abisso Ancona con il “Dante”

Le esplorazioni continuarono per tutto il corso dell’anno e si scoprirono anche collegamenti tra le varie sale che pian piano “venivano allo scoperto”. E’ così che veniva battezzato tutto il complesso “Grotte di Frasassi” che ancora oggi probabilmente, come molte altre grotte corsiche, non è stato scoperto del tutto definitivamente. In data odierna il complesso è lungo più di 20 chilometri ed oltre all’Abisso Ancona sono note la “Sala delle Candeline“, forse la più famosa ed iconica, che deve il suo nome per la presenza di stalagmiti di forma cilindrica, piccole e circondate da un anello di roccia che ricorda un piatto bianco, la “Sala 200“, denominata così per la lunghezza del suo corridoio, appunto 200 metri, la “Sala dell’Orsa” per la presenza di un masso che è stato scolpito dall’acqua tanto da farlo assomigliare ad un’orsa, e d altre interessanti sale, come quella dell’Infinito, chiamata così perchè sembrava non avesse una fine quando fu scoperta.

Le grotte mantengono un clima costante durante tutto l’anno, con una temperatura di 14-15 °C ed un’umidità realtiva prossima al 100%: è per questo che viene consigliato di indossare una felpa durante la visita.

Questo slideshow richiede JavaScript.

All’interno delle Grotte si possono ammirare tre forme create da un processo di stratificazione del carbonato di calcio: le stalattiti, le stalagmiti e le cortine parietali. Ma come si formano queste meravigliose forme?

L’acqua che scorre attraverso le cavità carsiche e che discende dal terreno al sottosuolo veicola il biossido di carbonio presente nelle rocce calcaree creando un processo chimico (idrogenazione) che a sua volta porta alla creazione dell’idrogenocarbonato di calcio, un sale che esiste soltanto in soluzione: la formula del fenomeno è qui sotto riportata.

[H2O+CO2+CaCO3 = Ca(HCO3)]

Con questo fenomeno si determina il trasferimento di piccole quantità di carbonato di calcio (CaCO3) che, grazie ad uno stillicidio che dura millenni e milioni di anni, finisce per formare le concrezioni che possiamo vedere ancora oggi, con una crescita media di 1 centimetro all’anno. E’ chiaro che il processo è molto lento ed è proprio studiando le forme più grandi si può stimare quando si siano formate le prime stalattiti o stalagmiti. Le bizzarre forme che queste concrezioni assumono hanno portato gli speleologi a dare loro un nome: è così che possiamo trovare “le Canne d’organo“, la “Spada di Damocle” (la più grande stalattite, di 7,40 metri di altezza e 150 cm di diametro), la “Fetta di pancetta” (la prima cortina parietale che si vede nel tour turistico), il “Cammello” ed il “Dromedario“, giusto per annoverarne qualcuna. Oltre alle forme si trovano anche dei laghetti in cui ristagna l’acqua dello stillicidio e dei pozzi profondi anche 25 metri.

Frasassi_6
Le “Canne d’organo”

All’interno della grotta non penetra alcun tipo di luce naturale e questo ha portato allo sviluppo di una fauna e di un’ecosistema unici al mondo, come per tutte le grotte: all’interno del complesso di Frasassi si sono scoperte 67 specie tra cui alcune endemiche. Sono presenti decide di specie diverse di pipistrelli, con una colonia di oltre 12.000 miniotteri comuni (Minipterus schreibersii), il geotritone italiano (Speleomantes italicus), la salamandrina dagli occhiali (Salamandrina terdigitata) e il tritone italiano (Lissotriton italicus). Di notevole importante è anche la presenza di Niphargus ictus, un piccolo crostaceo troglobio che vive nelle pozze di acqua sulfurea, e di almeno altre 2 specie del genere Niphargus (N.frasassianus, N.montanarius).

La visita alle Grotte parte ogni 10 minuti dal parcheggio convenzionato, dove si aqcuistano anche i biglietti, appena fuori dal comune di Genga, frazione di Genga stazione. Dopo aver fatto i biglietti, una navetta gratuita vi porterà direttamente alle Grotte ed una guida vi porterà alla scoperta del magnifico ambiente ipogeo. La zona della partenza del tuor è inoltre attrezzata con numerose bancarelle che vendono ricordini e souvenir, oltre che con molti baracchini che vi possono offrire pasti veloci e snack.

L’ambiente delle grotte è un’ambiente delicato, quindi come tale va rispettato e compreso: non si possono toccare le concrezioni e ci si deve attenere al rispetto delle regole sempre ed in ogni caso.

Il percorso èd è di facile accesso per tutti, sia per gli adulti che per i bambini.

Come ben sapete la vostra Donna Vagabonda non è nuova alla visita dell’ambiente di grotta (vi ricordo l’articolo sulle Grotte di Postumia) e ogni volta che posso visito volentieri le grotte: direi che Frasassi non poteva mancare nella mia lista, che ancora si deve assai arricchire!

Per scoprire di più sulle Grotte di Frasassi, visitate il sito ufficiale.

Rileva lingua
Afrikaans
Albanese
Amarico
Arabo
Armeno
Azero
Basco
Bengalese
Bielorusso
Birmano
Bosniaco
Bulgaro
Catalano
Cebuano
Ceco
Chichewa
Cinese semp
Cinese trad
Coreano
Corso
Creolo Haitiano
Croato
Curdo
Danese
Ebraico
Esperanto
Estone
Filippino
Finlandese
Francese
Frisone
Gaelico scozzese
Galiziano
Gallese
Georgiano
Giapponese
Giavanese
Greco
Gujarati
Hausa
Hawaiano
Hindi
Hmong
Igbo
Indonesiano
Inglese
Irlandese
Islandese
Italiano
Kannada
Kazako
Khmer
Kirghiso
Lao
Latino
Lettone
Lituano
Lussemburghese
Macedone
Malayalam
Malese
Malgascio
Maltese
Maori
Marathi
Mongolo
Nepalese
Norvegese
Olandese
Pashto
Persiano
Polacco
Portoghese
Punjabi
Rumeno
Russo
Samoano
Serbo
Sesotho
Shona
Sindhi
Singalese
Slovacco
Sloveno
Somalo
Spagnolo
Sundanese
Svedese
Swahili
Tagiko
Tailandese
Tamil
Tedesco
Telugu
Turco
Ucraino
Ungherese
Urdu
Usbeco
Vietnamita
Xhosa
Yiddish
Yoruba
Zulu
Afrikaans
Albanese
Amarico
Arabo
Armeno
Azero
Basco
Bengalese
Bielorusso
Birmano
Bosniaco
Bulgaro
Catalano
Cebuano
Ceco
Chichewa
Cinese semp
Cinese trad
Coreano
Corso
Creolo Haitiano
Croato
Curdo
Danese
Ebraico
Esperanto
Estone
Filippino
Finlandese
Francese
Frisone
Gaelico scozzese
Galiziano
Gallese
Georgiano
Giapponese
Giavanese
Greco
Gujarati
Hausa
Hawaiano
Hindi
Hmong
Igbo
Indonesiano
Inglese
Irlandese
Islandese
Italiano
Kannada
Kazako
Khmer
Kirghiso
Lao
Latino
Lettone
Lituano
Lussemburghese
Macedone
Malayalam
Malese
Malgascio
Maltese
Maori
Marathi
Mongolo
Nepalese
Norvegese
Olandese
Pashto
Persiano
Polacco
Portoghese
Punjabi
Rumeno
Russo
Samoano
Serbo
Sesotho
Shona
Sindhi
Singalese
Slovacco
Sloveno
Somalo
Spagnolo
Sundanese
Svedese
Swahili
Tagiko
Tailandese
Tamil
Tedesco
Telugu
Turco
Ucraino
Ungherese
Urdu
Usbeco
Vietnamita
Xhosa
Yiddish
Yoruba
Zulu

La funzione vocale è limitata a 200 caratteri

Rileva lingua
Afrikaans
Albanese
Amarico
Arabo
Armeno
Azero
Basco
Bengalese
Bielorusso
Birmano
Bosniaco
Bulgaro
Catalano
Cebuano
Ceco
Chichewa
Cinese semp
Cinese trad
Coreano
Corso
Creolo Haitiano
Croato
Curdo
Danese
Ebraico
Esperanto
Estone
Filippino
Finlandese
Francese
Frisone
Gaelico scozzese
Galiziano
Gallese
Georgiano
Giapponese
Giavanese
Greco
Gujarati
Hausa
Hawaiano
Hindi
Hmong
Igbo
Indonesiano
Inglese
Irlandese
Islandese
Italiano
Kannada
Kazako
Khmer
Kirghiso
Lao
Latino
Lettone
Lituano
Lussemburghese
Macedone
Malayalam
Malese
Malgascio
Maltese
Maori
Marathi
Mongolo
Nepalese
Norvegese
Olandese
Pashto
Persiano
Polacco
Portoghese
Punjabi
Rumeno
Russo
Samoano
Serbo
Sesotho
Shona
Sindhi
Singalese
Slovacco
Sloveno
Somalo
Spagnolo
Sundanese
Svedese
Swahili
Tagiko
Tailandese
Tamil
Tedesco
Telugu
Turco
Ucraino
Ungherese
Urdu
Usbeco
Vietnamita
Xhosa
Yiddish
Yoruba
Zulu
Afrikaans
Albanese
Amarico
Arabo
Armeno
Azero
Basco
Bengalese
Bielorusso
Birmano
Bosniaco
Bulgaro
Catalano
Cebuano
Ceco
Chichewa
Cinese semp
Cinese trad
Coreano
Corso
Creolo Haitiano
Croato
Curdo
Danese
Ebraico
Esperanto
Estone
Filippino
Finlandese
Francese
Frisone
Gaelico scozzese
Galiziano
Gallese
Georgiano
Giapponese
Giavanese
Greco
Gujarati
Hausa
Hawaiano
Hindi
Hmong
Igbo
Indonesiano
Inglese
Irlandese
Islandese
Italiano
Kannada
Kazako
Khmer
Kirghiso
Lao
Latino
Lettone
Lituano
Lussemburghese
Macedone
Malayalam
Malese
Malgascio
Maltese
Maori
Marathi
Mongolo
Nepalese
Norvegese
Olandese
Pashto
Persiano
Polacco
Portoghese
Punjabi
Rumeno
Russo
Samoano
Serbo
Sesotho
Shona
Sindhi
Singalese
Slovacco
Sloveno
Somalo
Spagnolo
Sundanese
Svedese
Swahili
Tagiko
Tailandese
Tamil
Tedesco
Telugu
Turco
Ucraino
Ungherese
Urdu
Usbeco
Vietnamita
Xhosa
Yiddish
Yoruba
Zulu

La funzione vocale è limitata a 200 caratteri

Il museo del mese: Il Museo del Cinema e delle Miniature di Lione

Dopo il sondaggio che ha visto vincitore il Museo del Cinema e delle Miniature di Lione sulla pagina Facebook del blog è ora di farvi conoscere questo luogo incantato e davvero magico.

Il Museo del Cinema e delle Miniature è nato nel 1990 ma si trova presso questa sede soltanto dal 2005, in una location suggestiva e davvero ipnotica: la Maison des Avocats, monumento storico dell’Unesco. Il Museo si sviluppa in verticale e raccoglie tutti i reperti raccolti da Dan Ohlmann, miniaturista e cabinet maker, un uomo che ha dedicato tutta la sua vita al cinema e all’arte delle miniature.

Lione_7
C-3PO da “Guerre Stellari”

E’ così che vediamo raccolti oggetti di scena dei più famosi film degli anni ’80, ’90 e i primi 2000, costumi originali, maschere, accessori e favolosi pezzi di storia del cinema che ci emozionano, dal fantasy alla fantascienza, dalle commedie ai comici, senza dimenticare gli horror. Il Museo riesce a toccare praticamente tutti i più grandi successi di quegli anni: parliamo di Ritorno al Futuro, di Alien, di Star Wars, ma ancora Harry Potter, Batman (sia la versione di Burton che di Nolan), 2001: Odissea nello Spazio. Oltre a ciò possiamo esplorare il set del famoso film “Il Profumo“, che proprio qui è stato girato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Scopriamo così come vengono realizzati gli effetti speciali, o come alcuni diorami siano stati in realtà le location di molte pellicole. Il museo è anche interattivo, grazie a video e ad animatroni come la mitica Regina Alien, comparsa nel film Alien vs Predator e che riesce ad emozionare grazie ai suoi oltre 2 metri di altezza e ai suoi oltre 20 movimenti e suoni: una sala è dedicata tutta per lei, come una vera Regina.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma il Museo non è solo Cinema, ma anche miniature: queste sono raccolte minuziosamente su un piano e sono più di 120, con riscostruzioni di vita quotidina ama anche di luoghi famosi di Parigi e non solo. Il lavoro che sta alle spalle di queste monumentali opere d’arte è tutt’altro che semplice, ma il risultato è davvero sbalorditivo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Museo del Cinema e delle Miniature è un santuario per chi vuole scoprire come vengono realizzati i trucchi, gli effetti speciali, le riprese speciali ed i costumi dei più grandi e famosi film. L’intero spazio espositivo è adatto sia ai bambini che agli adulti e i numerosi pezzi di memorabilia sono sapientemente esposti in modo da creare un’eccitazione continua e una fibrillazione che vi spingerà a voler vedere sempre di più e a volerci addirittura tornare per poter godere ancora una volta di uno spettacolo così unico.

La visita a questo museo è assolutamente obbligatoria per tutti gli amanti della settima arte:

virgolette Direi che l’amore per la settima arte trasuda da ogni sala del museo, a partire dai set minuziosamente ricostruiti fino ad arrivare agli stupendi oggetti di scena esposti. Un viaggio incredibile in infiniti universi, il tutto racchiuso in un unico palazzo.  

Gabriele Casnedi, studente di cinema

E per dirvelo Gabriele, che è piuttosto pignolo ed esigente, vuole dire che ne vale veramente la pena!

Il Museo del Cinema e delle Miniature si trova in Rue Saint Jean presso la Maison des Avocats ed è raggiungibile tramite la Metro D, fermata Vieux-Lyon o con la linea D dei bus, sempre fermata Vieux-Lyon, oltre che a piedi naturalmente.

Il Museo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 18.30 e il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 19.00, chiuso il 25 dicembre ed il 1 gennaio.

Il costo del biglietto è di 9 euro per gli adulti e di 6,50 euro per i bambini dai 4 ai 15 anni inclusi, gratuito per i minori di 4 anni.
C’è la possibilità di avere una tariffa ridotta per gli studenti, per i diversamente abili e per le persone in cerca di impiego, oltre che per gli over 60.
L’ingresso è gratuito per i possessori della Lyon Card.
Per ulteriori informazioni, visitate il Sito Ufficiale.

 

 

 

 

Diario di viaggio: Lione – Giorno 3

Eccomi arrivata all’ultimo giorno a Lione, in questa fantastica città che ancora non ha smesso di emozionarmi. L’ultimo giorno è sempre il più difficile da scrivere, ma soprattutto da vivere, perchè è il giorno in cui cerchi di tirare le somme e di esplorare il più possibile ma sai benissimo che non riuscirai a vedere ogni cosa che ti sei prefissata.

La sveglia, come sempre, suona di buon’ora, e la prima tappa è il Centro per la storia della resistenza e della deportazione: non è una tappa proprio turistica, ma chi mi segue sa quanto ami la storia, in particolare quella della Seconda Guerra Mondiale e dato che Lione è stata una delle più importanti città per i movimenti di Resistenza all’Occupazione, non posso farmi scappare l’occasione di visitare questo interessante museo, che sorge proprio in Avenue Berthold, presso la ex-sede della Gestapo, la polizia segreta della Germania nazista.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ancora una volta, grazie alla mitca Lyon Card, entriamo gratis e possiamo fare un tuffo nella storia: il centro raccoglie reperti dell’epoca dell’Occupazione, dai documenti, ad alcune armi, alle bandiere con la croce uncinata che qui erano esposte. Il Centro nasce per ricordare un’epoca buia e per sensibilizzare i visitatori circa gli avvenimenti bui di quel periodo storico. Con uno spazio di 3.000 metri quadrati, ci si può immergere all’interno di alcuni diorami a grandezza naturale che rappresentano le case usate dalla Resistenza come base per sabotare le azioni naziste. L’atmosfera è molto particolare e si sente come i francesi ancora oggi non abbiano dimenticato un solo momento di quel tremendo periodo e vogliono fare di tutto per non dimenticarlo, affinchè le nuove generazioni possano non commettere più certi fatali errori.

Dopo un’intensa visita decidiamo di spostarci completamente per visitare forse il più famoso e completo museo di Lione: il Museo delle Confluenze.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chiamato così per la sua posizione (alla confluenza tra Rodano e Saona), è un museo che cerca di rispondere alle domande più arcaiche dell’uomo: chi siamo? Cosa facciamo? Da dove veniamo? Non si può dunque definire un museo “canonico”: grazie alla sua ottima esposizione permanente (un intero piano) si vuole ricostruire la storia della Terra, degli animali e dell’uomo stesso, cercando di mostrare la grande interconnessione che quest’ultimo ha con tutto il pianeta stesso. I reperti sono esposti in modo innovativo e interattivo, proprio per far sì che il visitatore si immerga completamente nell’esperienza di visita. Oltre all’esposizione permanente, che spazia dai dinosauri alle auto d’epoca, sono molto interessanti le esposizioni temporanee, variegate e assai godibili nell’allestimento, comprese nel biglietto d’entrata che noi (non) acquistiamo grazie alla sempre presente Lyon Card. Decidiamo di vederle tutte con sommo interesse e quindi ci spostiamo dal colorato mondo dei Tuareg alla fervida immaginazione di Hugo Pratt, dal magico mondo degli Yokai in Giappone al variegato universo mostrato nel Carnets de collections.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

La visita vale davvero la pena, il Museo è sicuramente adatto ai bimbi e soddisfa anche il visitatore più esigente.

Dopo questa full immertion all’interno della realtà museale lionese, decidiamo di tornare un attimo in albergo per riposarci e uscire al tramonto. L’ultima immagine che vogliamo avere di questa città è quella del quartiere vecchio al tramonto, tra i suoi colori e i suoi profumi, mentre degustiamo una squisita cena presso il Bouchon Les Ventres Jaunes che consiglio vivamente: cibo divino, servizio cordiale e veloce, atmosfera unica.

Lione è stata una meravigliosa città, ricca di storia, di fascino e di tradizioni. Ogni luogo visitato ha lasciato in noi un sapore speziato e intenso, un ricordo fulgido e vivo che rimarrà in noi per sempre.

Consiglio vivamente di visitare Lione, una città non lontana dall’Italia, che si può apprezzare a pieno in pochi giorni, a misura di uomo e di bambino, ma attenta anche alle esigenze più particolari, che saprà suscitare curiosità in tutti i viaggiatori.

Per leggere gli altri giorni, cliccate qui sotto:

Giorno 1

Giorno 2