Archivi tag: museo

Il Museo del Mese: il Museo della Confluenza di Lione

Durante il mio viaggio a Lione sono riuscita a visitare moltissimi muesei e luoghi culturali. Nessuno di questi però è stato così particolare come il Museo delle Confluenze, così chiamato a causa della sua posizione, alla confluenza tra il fiume Rodano e la Saona.

 

Confluenze_copertina
I grandi reperti fossili del Museo

 

Il Museo delle Confluenze si propone di far vivere al visitatore un viaggio incredibile attarverso la storia non solo dell’uomo, ma della Terra e degli esseri viventi, in un’avventura che tocca tutti i continenti per rimanere stupiti di quanto il nostro Pianeta sia bello e variegato.

Attraverso 3 piani espositivi, di cui uno per le mostre temporanee e due per l’allestimento permanente, il museo vi proietterà in universi sconosciuti, cercando sempre di essere esplicativo e alla portata di tutti. Si scopre dunque l’origine della vita, grazie alla straordinaria storia dell’evoluzione, mostrando reperti fossili e modelli a grandezza aumentata, oltre che video interativi e pannelli dettagliati. La disposizione delle sale è diversa dall’allestimento classico, dove i reperti sono mostrati in teche più o meno grandi: al Museo delle Confluenze il visitatore è immerso in prima persona in quella che è una vera e propria esperienza didattica, dove l’uomo è non solo il protagonista, ma anche colui che deve farsi carico di amare e proteggere questa bellissima diversità di esseri viventi e forme di vita, di culture e tradizoni.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli esseri viventi, umani e non, tessono nel mondo una rete di legami variegati, un ordito in cui tutto è connesso e correlato. Il percorso si sviluppa in modo naturale attraverso questi legami, rappresentati da 27 km di corde. Questa scenografia, interamente metaforica, rende inoltre tangibili i legami asimmetrici che uniscono le diverse specie del mondo vivente.

Oltre al focus sul legame degli esseri viventi, una buona parte della mostra permanente è incentrata sull’uomo e sulla sua evoluzione, con le più grandi scoperte scientifiche e meccaniche in esposizione.

 

Confluenze_1
Le scoperte tecnologiche del Museo

 

Grande spazio è dato anche alle mostre temporanee, posizionate al piano terra del Museo: con 4 spazi ampi e articolati, il Museo offre una grande varietà di esposizioni temporanee.

Durante la mia visita a luglio del 2018, sono rimasta davvero colpita dall’allestimento e dalle mostre. Con la Lyon Card sono entrata gratis (di nuovo, grande acquisto questa Lyon Card!) e sono rimasta davvero estasiata da tutto ciò che mi è stato mostrato: le mostre temporanee su Hugo Pratt, il maestro creatore di Corto Maltese, Lo Spirito del Giappone, che mostrava le tradizioni giapponesi fatte di esseri mistici e mostruosi, La Mostra sui Tuareg, con suppellettili e abiti di questa fantastica popolazione nomade, e la Mostra sugli allestimenti museali, su cosa si deve mostrare in un museo oppure no, sono state esperienze davvero uniche e assai costruttive, in spazi molto grandi e ben allestiti.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Museo di trova a Lione, in 86 quai Perrache e segue i seguenti orari:

Martedì, mercoledì e venerdì 11:00 – 19:00
Giovedì 11:00 – 22:00
Sabato, Domenica e festivi 10:00 – 19:00
Chiuso il lunedì, il 1° gennaio, il 1° maggio, il 1° novembre e il 25 dicembre
Chiusura degli sportelli 18:15 | giovedì alle 21:15
Aperto il lunedì di Pasqua, 6 aprile 2015 e il lunedì di Pentecoste, 25 maggio 2015.

Il costo dei biglietti è il seguente:

Adulti tariffa piena — 9 €
Adulti a partire dalle 17:00 — 6 €
Giovani 18-25 anni impiegati — 5 €

Ingresso gratuito su presentazione di un giustificativo
Giovani fino a 18 anni, liceali, apprendisti e studenti fino a 26 anni
Tessere ICOM, stampa, guida conferenziere.

Accesso gratuito e prioritario per i detentori della Lyon City Card
Il pass cultura e tempo libero di Lione, in vendita agli sportelli del museo.

 

 

Il Museo del mese: il Museo Speleo Paleontologico di Genga

Durante la mia visita alle Grotte di Frasassi, non potevo non cogliere l’occasione di visitare il Museo affiliato speleo paleontologico archeologico di Genga, che conserva il famoso (almeno per noi addetti ai lavori) Ittiosauro di Genga. Perchè affiliato? Perchè con il biglietto per accedere alle Grotte è compreso anche l’ingresso a questo Museo, che forse troppo spesso i turisti saltano per distrazione o perchè non sanno della sua presenza. I turisti, appunto, non i viaggiatori. Eccomi quindi a raccontarvi di questo piccolo e grazioso Museo.

 

MuGenga_copertina
Insegna del Museo

 

Il Museo speleo paleontologico e archeologico di Genga è un museo allestito all’interno del cenobio dell’Abbazzia di San Vittore: il Museo si propone di far conoscere la storia dell’ittiosauro di Genga, nonchè dei fossili ritrovati nei dintorni del comune di Genga e dei resti archeologici di queste zone. Senza dubbio il Museo, di ridotte dimensioni e con tre piccoli piani espositivi, è famoso per il suo rettile giurassico più che per gli altri oggetti esposti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’Ittiosauro è stato ritrovato il 20 luglio nel 1976, in località Camponocecchio, proprio nei dintorni di San Vittore, durante i lavori per la costruzione di una galleria stradale. Vi avevo già parlato degli ittiosauri, in occasione del Museo del mese di Gennaio del 2017 (leggete qui il mio articolo), infatti questo non è il primo che incontro sul mio cammino, ma di sicuro è uno dei più importanti presenti in Italia. Gli ittiosauri sono grandi rettili marini estinti simili agli odierni delfini: questi formidabili predatori marini prosperarono per tutto o quasi il Mesozoico, dal Triassico inferiore (circa 250 milioni di anni fa) al Creatceo superiore, circa 90 milioni di anni fa. La causa della loro estinzione è ancora sconosciuta.  Le molte specie di ittiosauri erano di dimensioni diverse, e variavano da 1 ad oltre 16 metri, respiravano aria, partorivano cuccioli vivi (erano vivipari come i delfini e le balene) e probabilmente a sangue caldo.

La nostra protagonista, che possiamo anche chiamare gengasauro (Gengasaurus nicosiai), o Marta, dato che era una femmina, è vissuta circa 152 milioni di anni fa (Kimmeridgiano-Titonico, Giurassico superiore) nelle odierne Marche. Può essere inquadrata all’interno della famiglia degli oftalmusaridi anche se differisce da Ophthalmosaurus sotto vari aspetti, come la forma del basisfenoide posteriore, la forma del sopraoccipitale, la sfaccettatura assiale dell’omero e l’ulna prossimo-distalmente accorciata. Dopo anni in cui i resti furono abbandonati, il paleontologo Umberto Nicosia iniziò a studiarli ma solo nel 2016 la specie venne ufficialmente descritta. All’interno dell’esofago di questo esemplare, l’unico fin ora trovato, sono stati rinvenuti due denti di squalo del gruppo degli Hexanchiformes.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oltre al gengasauro, il museo ospita alcuni fossili di mammiferi ed uno scheletro di Ursus spelaeus (l’Orso delle caverne), oltre ad alcuni manufatti preistorici ritrovati nei dintorni come punte di freccia, lance, vasellame (anche di epoca romana o posteriore).

Il Museo si trova in Via S. Vittore, 60040 San Vittore ed è aperto dal Lunedì al Sabato dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle 14:30 alle 18:30, mentre la Domenica e i festivi si osserva l’orario continuato dalle 8:30 alle 19:30.

Il biglietto intero è di 4 euro, mentre il ridotto di 2 euro, gratuito ai visitatori delle grotte, ai ragazzi sotto i 6 anni, ai portatori di handicap e ai residenti del Comune di Genga.

Per ulteriori informazioni visitate il sito ufficiale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Diario di viaggio: Lione – Giorno 3

Eccomi arrivata all’ultimo giorno a Lione, in questa fantastica città che ancora non ha smesso di emozionarmi. L’ultimo giorno è sempre il più difficile da scrivere, ma soprattutto da vivere, perchè è il giorno in cui cerchi di tirare le somme e di esplorare il più possibile ma sai benissimo che non riuscirai a vedere ogni cosa che ti sei prefissata.

La sveglia, come sempre, suona di buon’ora, e la prima tappa è il Centro per la storia della resistenza e della deportazione: non è una tappa proprio turistica, ma chi mi segue sa quanto ami la storia, in particolare quella della Seconda Guerra Mondiale e dato che Lione è stata una delle più importanti città per i movimenti di Resistenza all’Occupazione, non posso farmi scappare l’occasione di visitare questo interessante museo, che sorge proprio in Avenue Berthold, presso la ex-sede della Gestapo, la polizia segreta della Germania nazista.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ancora una volta, grazie alla mitca Lyon Card, entriamo gratis e possiamo fare un tuffo nella storia: il centro raccoglie reperti dell’epoca dell’Occupazione, dai documenti, ad alcune armi, alle bandiere con la croce uncinata che qui erano esposte. Il Centro nasce per ricordare un’epoca buia e per sensibilizzare i visitatori circa gli avvenimenti bui di quel periodo storico. Con uno spazio di 3.000 metri quadrati, ci si può immergere all’interno di alcuni diorami a grandezza naturale che rappresentano le case usate dalla Resistenza come base per sabotare le azioni naziste. L’atmosfera è molto particolare e si sente come i francesi ancora oggi non abbiano dimenticato un solo momento di quel tremendo periodo e vogliono fare di tutto per non dimenticarlo, affinchè le nuove generazioni possano non commettere più certi fatali errori.

Dopo un’intensa visita decidiamo di spostarci completamente per visitare forse il più famoso e completo museo di Lione: il Museo delle Confluenze.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chiamato così per la sua posizione (alla confluenza tra Rodano e Saona), è un museo che cerca di rispondere alle domande più arcaiche dell’uomo: chi siamo? Cosa facciamo? Da dove veniamo? Non si può dunque definire un museo “canonico”: grazie alla sua ottima esposizione permanente (un intero piano) si vuole ricostruire la storia della Terra, degli animali e dell’uomo stesso, cercando di mostrare la grande interconnessione che quest’ultimo ha con tutto il pianeta stesso. I reperti sono esposti in modo innovativo e interattivo, proprio per far sì che il visitatore si immerga completamente nell’esperienza di visita. Oltre all’esposizione permanente, che spazia dai dinosauri alle auto d’epoca, sono molto interessanti le esposizioni temporanee, variegate e assai godibili nell’allestimento, comprese nel biglietto d’entrata che noi (non) acquistiamo grazie alla sempre presente Lyon Card. Decidiamo di vederle tutte con sommo interesse e quindi ci spostiamo dal colorato mondo dei Tuareg alla fervida immaginazione di Hugo Pratt, dal magico mondo degli Yokai in Giappone al variegato universo mostrato nel Carnets de collections.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

La visita vale davvero la pena, il Museo è sicuramente adatto ai bimbi e soddisfa anche il visitatore più esigente.

Dopo questa full immertion all’interno della realtà museale lionese, decidiamo di tornare un attimo in albergo per riposarci e uscire al tramonto. L’ultima immagine che vogliamo avere di questa città è quella del quartiere vecchio al tramonto, tra i suoi colori e i suoi profumi, mentre degustiamo una squisita cena presso il Bouchon Les Ventres Jaunes che consiglio vivamente: cibo divino, servizio cordiale e veloce, atmosfera unica.

Lione è stata una meravigliosa città, ricca di storia, di fascino e di tradizioni. Ogni luogo visitato ha lasciato in noi un sapore speziato e intenso, un ricordo fulgido e vivo che rimarrà in noi per sempre.

Consiglio vivamente di visitare Lione, una città non lontana dall’Italia, che si può apprezzare a pieno in pochi giorni, a misura di uomo e di bambino, ma attenta anche alle esigenze più particolari, che saprà suscitare curiosità in tutti i viaggiatori.

Per leggere gli altri giorni, cliccate qui sotto:

Giorno 1

Giorno 2

 

 

 

Diario di viaggio: Lione – Giorno 2

Ed eccoci al secondo giorno a Lione, la capitale gastronomica e cinematografica della Francia. Il primo giorno ci ha galvanizzato non poco e non vediamo l’ora di scoprire nuove meraviglie in questa incredibile città.

Alzati di buon’ora, ci dirigiamo verso il primo museo della giornata: l’Institut Lumière.

L’Institut Lumière sorge proprio nella casa dei due creatori della cinematografia, Auguste e Louis, e mostra tutte le tappe della creazione del cinema, dagli albori agli ultimi istanti dell’impresa Lumière, con un’esposizione di strumenti e oggetti utilizzati non solo dai due fratelli, ma anche da altri importanti contributori. Vengono inoltre proiettati i primi filmati degli albori, così semplici visti con gli occhi di oggi, ma assai pionieristici e avvenieristici per l’epoca.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Museo offre parecchi spunti ed è adatto a grandi e piccini, grazie anche alla sua interattività: molti strumenti si possono provare così da sperimentare in prima persona la nascita del cinema.

Anche se non è proprio in centro, una visita a questo museo va fatta, soprattutto se siete appassionati di cinema.

Terminata la visita, ci dirigiamo verso la Vieux Lyon per prendere la funicolare che ci porterà alla Basilica di Notre-Dame de Fourvière, la chiesa bianca che domina tutta Lione, visibile anche da Place Bellecour.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Basilica fu costruita tra 1872 ed il 1884 e fu progettata da Pierre Bossan con un’architettura bizantina e romanica: all’interno è un tripudio di colori, mescolati sia grazie agli intonaci che ai meravigliosi mosaici che ricoprono le pareti. Dal 1997 è classificata come monumento storico di Francia.

La Basilica è una delle attrazioni più visitate dai turisti ed è raggiungibile sia con la comoda funicolare che a piedi, dalla Vieux Lyon.

Da questa altezza il panorama è mozzafiato e si gode di una vista di tutta Lione: uno scenario davvero magico!

 

Lione_26
Panorama di Lione

 

Da qui si può ammirare anche la replica della Tour Eiffel, in scala ridotta: la replica non è visitabile da vicino ed oggi è una torre che funge da antenna.

Dopo la visita alla Basilica ci dirigiamo verso il Teatro Gallo – Romano: il teatro è stato costruito durante la dominazione romana della città di Lugdunum, l’antica Lione. Di dimensioni ragguardevoli, può ospitare fino a 3000 visitatori. Ancora oggi qui si celebrano spettacoli e concerti, riportando agli antichi fasti un teatro che non ha perso la sua funzione.

E’ quasi ora di pranzo e ci viene un certo languorino, quindi decidiamo di tornare alla Vieux Lyon per gustare qualche piatto tipico della città: un buon panino con cipolle e salsa e una tartare di manzo lionese doc! Chi l’ha detto che ai viaggiatori non viene fame?

 

Lione_15
Pranzetto sfizioso

 

Il pomeriggio lo dedichiamo all’altro famoso quartiere di Lione, Les Terraux dove hanno sede il Palazzo del comune (Hôtel de Ville) ed il Museo des Beaux-Artes, entrambi affacciati sulla famosa Place des Terraux. Mentre raggiungiamo queste due mete, ci perdiamo nei numerosi negozi che affollano il quartiere, più moderno e forse meno caratteristico di Lione, ma non meno interessante.

Place des Terraux è una grande piazza pedonale circondata da edifici storici che fanno da cornice. Ad est si trova il prestigioso ed imponente Municipio, l’Hôtel de Ville, monumento storico di Francia, costruito tra il 1645 ed il 1651, ma restaurato quasi in toto dopo l’incendio del 1674. A sud troviamo l’imponente palazzo che ospita il Musée des Beaux-Artes, il museo delle belle arti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Al centro della piazza troviamo una magnifica ed enorme fontana allegorica dei fiumi francesi realizzata dall’illustre scultore Bartholdi: il 20 aprile 1857, la città di Bordeaux decise di inaugurare una competizione per creare una fontana per Place Quinconces ed il giovane Bartholdi, all’ora 23enne vinse l’appalto ma il sindaco di Bordeaux decise di non avvalorargli il progetto. Così, Bartholdi si dedicò ad altri progetti, tra cui la Statua della Libertà di New York. Nel 1886 allora il sindaco di Bordeaux decise di contattarlo nuovamente ma il nuovo progetto fu cancellato dopo molte esitazioni. Finalmente, dopo due anni, la fontana venne commissionata ma per la città di Bordeaux era troppo costosa, così il progetto venne venduto alla città di Lione e la famosa opera d’arte venne realizzata proprio qui, dove oggi la possiamo ammirare. La magnifica fontana raffigura la Francia come una donna meravigliosa che governa 4 cavalli, simbolo dei 4 fiumi più importanti della Francia stessa.

Dopo aver scattato qualche foto, ci intrufoliamo all’interno del Museo delle Belle Arti: è il principale museo della città ed uno dei più importanti del Paese. Aperto nel 1801, il museo presenta collezioni di pittura, scultura, arte antica, oggetti d’arte, medaglie e monete, stampe e disegni. L’esposizione è davvero ampia e solo la pittura occupa ben 35 sale del museo, con una carrellata che parte dal trecento e termina con le opere dell’arte contemporanea. Si possono dunque trovare opere di Perugino, Lorenzo Costa, Guercino, Simon Vouet, Nicolas Poussin, El Greco, Francisco de Zurbarán, Rembrandt (Lapidazione di Santo Stefano, il suo primo quadro), Rubens, Van Dyck, Géricault, Delacroix, Manet, Morisot, Monet, Sisley, Braque, Pablo Picasso, e tanti altri ancora.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La scultura è anche questa ben rappresentata con più 1300 opere esposte sia nel giardino che all’interno delle sale: opere di Antonio Canova, Jean-Baptiste Carpeaux, Auguste Bartholdi, Auguste Rodin (con una delle più grandi raccolte delle sue opere), e molte altre ancora. Ma ancora, l’arte antica, soprattutto quella egizia, con più 14000 oggetti egiziani, quella Romana e Greca, più di 50.000 oggetti che vengono racchiusi nel medagliere, soprattutto monete, medaglie e sigilli. Un museo tutto da scoprire e che vale una giornata intera di visita.

Dopo la full immertion artistica, decidiamo di tornare verso la Vieux Lyon, per gustarci una cena tutta dolce: una bella crêpe ed un gustono gelato non ce li tolgono nessuno!

Domani è l’ultimo giorno prima della partenza, ancora tutto da vivere, tra musei e scorci romantici: Lione è davvero una perla rara.

 

 

 

 

 

 

 

Il museo del mese: i Musei civici di Pavia

Pavia, rinomata e famosa città storica, non può che essere anche una città ricca di cultura e musei, come i Musei Civici di Pavia, che in pochi conoscono ma che sicuramente non possono non essere apprezzati.

 

MuPa_copertina
La sala dei manufatti romani

 

I Musei civici si trovano all’interno del Castello Visconteo e ospitano alcune collezioni permanenti. I Musei sono divisi in varie sezioni che comprendono:

  • Museo archeologico e sala longobarda
  • Sezione romanica e rinascimentale
  • Pinacoteca Malaspina del ‘600 e ‘700
  • Quadreria dell ‘800
  • Paesaggi Pavesi del ‘900

Oltre che alle mostre temporanee del Castello e delle Scuderie.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si possono ammirare parecchi manufatti, di età romana e longobarda, ritrovati nei dintorni di Pavia e nella sua provincia, e un’ottima varietà di dipinti che spaziano dai capolavori rinascimentali di Antonello da Messina ai maestri ottocenteschi come Francesco Hayez, con una delle sue opere più celebri, “Accusa segreta”

Purtroppo per mancanza di personale non è garantita l’apertura di tutte le sale espositive in contemporanea: questo è ciò che è capitato a me, quando ho effettuato la visita.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I Musei si trovano presso il Castello Visconteo, in viale XI Febbraio a Pavia.

Orari sale espositive:

nei mesi di luglio, agosto, dicembre e gennaio:
da martedì a domenica: 9.00 – 13.30
chiuso lunedì

nei restanti mesi dell’anno:
da martedì a domenica: 10.00 – 17.50
chiuso lunedì

La cessione dei biglietti termina 45 minuti prima dell’orario di chiusura.

BIGLIETTI

Biglietto intero: euro 8.00 (tutti i musei)
Biglietto ridotto: euro 4.00 (singoli musei o sezioni)
Biglietto Famiglia (due genitori + figli fino a 18 anni): euro 10.00
Corte del Castello: gratuito

L’ingresso con biglietto ridotto è consentito a:

– gruppi o comitive pari o superiori a 20 persone (previa prenotazione)
– singoli membri di Associazioni convenzionate con i Musei
– personale del MiBACT e dei musei pubblici europei

L’ingresso gratuito è consentito a:

– possessori di Abbonamento Musei Lombardia Milano
– membri dell’ICOM.
– utenti che non abbiano compiuto il 26° anno di età o che abbiano compiuto il 70° anno di età
– guide turistiche e giornalisti nell’esercizio della propria attività, su esibizione di tessera professionale
– scolaresche e loro accompagnatori
– portatori di handicap e loro accompagnatori
– studenti universitari o di accademie oltre i 26 anni autorizzati dalla Direzione dei Musei Civici di Pavia per specifici motivi di studio (per ottenere l’autorizzazione è possibile scrivere a museicivici@comune.pv.it)
– utenti il cui compleanno cade nella giornata di visita
– cittadini stranieri residenti nelle città gemellate con Pavia: Vilnius (Lituania), Hildesheim (Germania), Besancon (Francia), Zante (Grecia), Betlemme (Stato di Palestina), Hersbruck (Germania)
– sono ad ingresso gratuito le iniziative indette in occasione di speciali giornate promozionali organizzate dai Musei anche in accordo con MiBACT e ICOM.

Per ulteriori informazioni, visitate il sito ufficiale.

Il Museo del Mese: il Museo tedesco della Farmacia

Mentre mi trovavo ad Heidelberg, durante la mia vacanza studio per imparare la lingua tedesca, non ho potuto non visitare il suo famoso ed iconico Castello, che svetta proprio sulla città. Il Castello è ricco di luoghi interessanti, ma uno dei più particolari è senza dubbio il Museo tedesco della Farmacia (Deutsches Apothekenmuseum), che ha sede proprio al suo interno, presso la Ottheinrichsbau.

Mufarm_1
Una delle sale più iconiche del museo

Dal 1957 il museo illustra la storia e lo sviluppo della farmacia dal mondo antico fino al XX secolo, con una collezione notevole di reperti (più di 20000!), medicamenti, strumenti e tanto altro ancora: si può trovare davvero di tutto, dai semi del cacao, al presunto corno dell’unicorno. Già, perchè non sempre la farmacia è stata correlata alla medicina, ma piuttosto all’alchimia e alla magia, e quest’arte era persino vietata in molte parti d’Europa. La farmacia venne riconosciuta come disciplina in Germania dal 1231 quando l’Imperatore Federico II fece emanare la prima regolamentazione della pratica tramite una legge che stabiliva doveri e i diritti di medici e farmacisti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il tour compiuto in singolo, vi porterà ala scoperta di varie stanze dove i reperti sono disposti in ordine cronologico e metterà in risalto proprio la trasformazione della farmacia da “scienza magica” a “scienza vera e propria” grazie all’esposizione della collezione museale.

Contenitori, vasi in maiolica, “trofei” bizzarri, questo e molto altro ancora vi aspettano all’interno del Museo tedesco della Farmacia.

 

Mufarm_6
Uno dei bellissimi scaffali

 

Il museo è aperto dalle 10 alle 18, da Aprile a Ottobre, mentre da Novembre a Marzo seguirà l’orario 10-17:30.

L’entrata al museo è vincolata all’entrata al Castello quindi dovrete specificare anche questa visita al momento dell’acquisto del biglietto: c’è la possibilità di avere un biglietto combinato al costo di 7 euro (4 euro ridotto) che include anche la funicolare e la visita alla Grande Botte di Vino.

Per ulteriori informazioni, visitate il sito internet ufficiale.

Il museo di maggio: la Galleria Nazionale della Slovenia

Nel 2017 mi è capitato di visitare la capitale della Slovenia, Lubiana. Una città meravigliosa, storica ma allo stesso tempo al passo con i tempi, con tanta voglia di rinnovarsi e di crescere. E’ così, come sempre quando visito una città, che ho visitato il museo d’arte più importante non soltanto di Lubiana, ma di tutta la Slovenia.

 

GalleriaLubiana_copertina
Una delle sale della Galleria

 

La Galleria nazionale della Slovenia (Narodna galerija) è la galleria d’arte più famosa dello stato ed è stata fondata nel 1918 dopo la dissoluzione dell’Impero austro-ungarico e l’istituzione dello stato degli Sloveni, Croati e Serbi. La galleria ha sede presso un imponente palazzo architettato da František Škabrout e costruito nel 1896. Tra il 2013 ed il 2016 il palazzo è stato completamente rinnovato.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il museo ospita la più grande colezione di opere figurative dall’alto medioevo al XX secolo, oltre che esposizioni temponaree e la mostra stabile di uno dei pittori modernistici più famosi, Zoran Mušič.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

All’interno della galleria si trova anche l’originale Fontana dei tre fiumi carniolani di Francesco Robba: quella davanti al Municipio è infatti una copia di questa (anche se non si nota affatto!).

La Galleria è immensa e ospita opere davvero variegate che ripercorrono epoche caratterizzate da uno stile pittorico unico. Dall’arte medievale agli impressionisti, dai neoclassici all’arte moderna, questa galleria va assolutamente visitata se vi trovate a Lubiana!

La Galleria Nazionale è aperta dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 18 (il giovedì fino alle 20).

Il biglietto intero è di 7 euro, mentre il ridotto è di 3 euro. C’è la possibilità di fare un bioglietto cumulativo per la Galleria e l’esibizione temporanea a 10 euro (intero) e 5 euro (ridotto).

Se vi è piaciuto il museo di questo mese, leggete il mio diario di viaggio di Lubiana e Bled:

Giorno 1

Giorno 2

Giorno 3

 

 

 

 

Il museo di aprile: la Collezione delle Cere Anatomiche “Luigi Cattaneo”

ATTENZIONE

Il contenuto di questo articolo potrebbe urtare la sensibilità delle persone. Avviso che il suddetto articolo contiene immagini forti e non adatte ad un pubblico facilmente impressionabile. Sconsiglio dunque la lettura e la visione a queste persone.

Durate i miei frequenti soggiorni a Bologna, ho deciso di visitare il maggior numero di musei possibili di questa meravigliosa città d’arte. Dopo il Museo di Mineralogia e il Museo di Zoologia, rimaniamo sempre in ambito scientifico con la Collezione delle Cere Anatomiche “Luigi Cattaneo”.

La Collezione fa sempre parte del circuito “Sistema Museale di Ateneo” ed è gestito dall’Università di Bologna.

Cere_Bologna_Copertina
Alcuni preparati delle ossa delle braccia e delle gambe

La Collezione si propone di produrre un nuovo sapere scientifico attraverso le cere anatomiche prodotte tra il XVIII ed il XIX secolo: le cere anatomiche erano modelli preparati dagli scienziati e dai medici per poter studiare più approfonditamente il corpo umano e le sue patologie. Lo studio sui cadaveri è stato per molto tempo osteggiato in molti paesi europei e quindi, in origine, le cere erano un ottimo sostituto per portare avanti gli studi anatomici. Il calco veniva eseguito prima in gesso sull’organo o sulla parte del corpo selezionata e poi ricoperto e modellato in cera, dipinto e arricchito il più possibile di dettagli. Dietro a queste preparazioni c’erano veri e proprio maestri di un mestiere ormai perduto.

Cere_Bologna_5
L’interno della sala maggiore

La Collezione Cattaneo si propone di illustrare sia l’antaomia normale che quella patologica, con numerosi preparati non solo in cera, ma anche in secco ed in vitro. Oltre ai preparati, che comprendono anche feti con gravi patologie, si ritrovano crani e ossa di varie parti del corpo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il museo ha origine nel 1742 quando Papa Benedetto XIV commissionò all’accademico Ercole Lelli (il fondatore della ceroplastica anatomica) il progetto di una Camera Anatomica che contenesse statue e modelli del corpo umano. A Lelli, succedettero Anna Morandi e Giovanni Manzolini, oltre che altri famosi ceroplasti. L’anatomo-patologo Cesare Taruffi ampliò la collezione arricchendola di molti preparati patologici. Il museo è oggi dedicato a Luigi Cattaneo, illustre scienziato pavese che a Bologna ha lavorato portando il suo sapere e le sue conoscenze: l’istituto anatomico, grazie a lui, ricevette un nuovo forte impulso e si rinnovò grazie all’ammodernament odei preparati didattici e alla realizzazione definitiva di questo luogo didattico, aperto al pubblico dal 2002.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Museo si trova presso il dipartimento di Biochimica, in Via Irnerio 48, Bologna.

L’ingresso al museo è gratuito e c’è la possibilità di partecipare a visite guidate con soli 2 euro.

La visita non guidata è di circa 1 ora e comprende le tre sale del museo.

Il Museo è aperto dal lunedì alla domenica secondo orari diversi a seconda degli orari estivi e/o invernali.

Per ulteriori informazioni, visitate il Sito Ufficiale.

I luoghi della storia: lo Studentenkarzer di Heidelberg

Uno dei luoghi simbolo della città di Heidelberg è senza dubbio la sua Università: fu la prima ad essere fondata da Roberto I nel 1386 e ancora oggi è un simbolo di prestigio per la città e per la Germania tutta. Qui, più di 30.000 studenti ogni anno passano il loro tempo dedicandosi allo studio con dedizione e passione, ma non sempre fu così.

Si sa, qualche volta si incontravano degli studenti svogliati, che non si impegnavano e che addirittura tiravano qualche scherzo ai professori o ai compagni: spirito gogliardico? Può essere, ma l’Università non prendeva questo fenomeno sottogamba e così decise di aprire un vero e proprio carcere studentesco. Lo Studentenkarzer venne aperto nel 1778 e rimase in attività fino al 1914, con lo scopo di punire gli studenti che non mantenevano un comportamento adeguato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chi veniva sorpreso ubriaco, a commettere comportamenti scorretti o in equivoche compagnie, veniva rinchiuso in questa struttura a tre piani, altra e stretta, con piccole celle come un vero carcere. I tempi di detenzione varivano da tre giorni fino a quattro settimane. Gli studenti, però, non si annoiavano così tanto, dato che sono riusciti a dipingere tutto il complesso, disegnando volti anonimi e insegne cavalleresche e lasciando un ricordo della loro permanenza.

E’ così che troviamo nomi, città, date, testimonianze di giovani che forse erano considerati troppo esuberanti per la rigida morale che veniva strettamente seguita.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il luogo ha un certo fascino e quando si visita sembra di tornare indietro nel tempo, anche se trasmette, devo confessare, una certa inquietudine, con tutti questi strani affreschi, segno di una gioventù che rimane fissata tra le pagine del tempo.

Il Carcere Studentesco si trova vicino all’Università, ad Augustinergasse 2, ed è visitabile previo acquisto di un biglietto presso lo shop dell’Università adiacente.

Non sarà difficile scorgerlo grazie all’insegna caratteristica.

Lo Studentenkarzer è visitabile dal martedì al sabato.

Il museo di febbraio: la Collezione di Zoologia dell’Università di Bologna

Continua il mio viaggio alla scoperta dei tesori bolognesi e dei musei di questa straordinaria città, che adesso sento anche un po’ mia, date le frequenti visite.

Dato che il sistema museale dell’ateneo offre davvero tanta scelta, perchè non andare a visitare tutti i suoi musei? Dopo quello di mineralogia (potete leggere la mia esperienza, in questo articolo), è la volta di quello di zoologia.

MuZooBo_4
La sala ornitologica al piano terra

Il museo, sorto dalla divisione del gabinetto delle Scienze dell’Università voluta da Carlo Farini nel 1860, si trova presso l’Istituto universitario di Zoologia dal 1933. L’enorme quantità di esemplari esposti lo pongono tra i più grandi e ricchi musei zoologici d’Italia. Gli 8000 reperti provengono dalle collezioni Aldovrandi, Cospi e Marsili ed hanno anche una valenza storica, oltre che zoologica. Molti reperti sono incastonati in diorami, che vogliono ricostruire alcuni ambienti, come quello del Parco Nazionale d’Abruzzo o del Gran Paradiso. Oltre al museo di zoologia, che si trova al piano terra e al primo piano, meritano sicuramente una visita quello di anatomia comparata e quello di antropologia, rispettivamente al terzo e al quarto piano dell’edificio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La quantità di animali è davvero sbalorditiva e mi trovo davvero ammaliata da questo tripudio di reperti: purtroppo però non tutti gli animali sono stati classificati o la nomenclatura risulta obsoleta. Da scienziata non posso che rimanere amareggiata da ciò, ma posso capire che il lavoro richiesto sia davvero immenso e manca personale specializzato ed esperto per questa grande impresa, nonostante i giovani laureati non manchino (purtroppo mancano i fondi, è diverso…).

Nonostante queste pecche che affliggono, ahimè, tutti i musei zoologici italiani, rimango comunque soddisfatta della visita che ho fatto, perchè la collezione merita davvero un’osservazione acuta ed approfondita. Rimango anche piacevolmente sorpresa dal pubblico presente durante la mia visita: alcune famiglie ma anche giovani coppie, forse non esperte, ma con tanta curiosità e voglia di conoscere. Il museo dunque attira grandi e piccini (italiani e stranieri) e riesce nel suo intento: educare divertendo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Degne di nota sono sicuramente la collezione ornitologica e quella dei mammiferi, con moltissimi reperti esposti (forse anche troppi!): la varietà è sbalorditiva e copre tutti i continenti senza grande sforzo.

L’ingresso del museo è gratuito.

Per ulteriori informazioni, visitate il sito ufficiale, cliccando qui.