Archivi tag: Natura

Diario di viaggio: Scozia – Giorno 2

Scozia_diario

Il secondo giorno inizia con trepidazione e tanta curiosità: per questa giornata è infatti prevista la prima escursione, attività che sognavo davvero da tanto tempo. Sto parlando dell’uscita ornitologica sull’Isola di May. Mi sveglio ancora prima del suono della sveglia e butto giù dal letto pure mio padre, nonostante l’escursione sia prevista alle 14 e avessimo tutto il tempo di questo mondo per fare colazione e per raggiungere North Berwick, luogo di partenza per l’Isola di May. Incurante di ciò, apro le finestre e noto che il diluvio si è abbattuto su Dunbar: CATASTROFE.

Un po’ scoraggiata mi dirigo nella sala della colazione per consumare la mia prima scottish breakfast: uova strapazzate, huggies, pane tostato e fagioli rossi. Diciamo che il primo impatto non è stato dei più apprezzabili ma poi mi ci sarei abituata. Dato il tempo così folle e soprattutto un vento che sferzava qualunque cosa, decidiamo con mio padre di dirigerci verso un negozio di vestiti per trovare una giacca a vento più consona per lui, dato che aveva dimenticato questo indumento a casa. Alla cassa, l’addetta vendite ci incalza dicendo che le previsioni sarebbero state pessime per tutta la giornata e che il vento avrebbe reso complicata la navigazione, soprattutto al pomeriggio. ARIDAJE.

Nonostante le cattive previsioni decidiamo comunque di prendere l’auto e di dirigerci verso North Berwick, sperando nella cosiddetta “botta de cù”: la pioggia ci ha effettivamente accompagnato fino al ridente villaggio sulla costa ma quando siamo arrivati…Ha mirocolosamente abbondato questo lido! E vi dirò di più, è spuntato anche un timidissimo sole! Troppa grazia? Non lo avremmo scoperto fino al termine di questa indimenticabile giornata.

North Berwick è una località sulle coste della Scozia sud-orientale, situata nell’area amministrativa dell’East Lothian ed è famosa per essere un luogo turistico, sia per il turismo balneare, sia per gli amanti del golf, che per gli appassionati di birdwatching, che ogni giorno salpano per visitare le colonie di uccelli marini sull’Isola di May.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il nome North Berwick significa “fattoria dell’orzo” del nord (“bere” in inglese antico significa orzo e “wic” fattoria). La parola “North” fu aggiunta per distinguere questa Berwick da Berwick-upon-Tweed, che in tutto il Medioevo gli scozzesi chiamarono South Berwick. La città fu registrata come Northberwyk nel 1250. North Berwick è tristemente famosa per via dei numerosi processi e uccisioni avvenuti a danni delle presunte streghe: durante il XVI secolo almeno 70 persone furono implicate nei processi alle streghe, e gli eventi ispirarono opere come Tam o’ Shanter di Robert Burns e “Il Tredicesimo Membro” di Mollie Hunter. Uno dei più famosi processi alle streghe a North Berwick fu quello a una donna chiamata Agnes Sampson: questa fu accusata di aver realizzato una pozione per scatenare una tempesta mentre Giacomo VI di Scozia tornava in patria dalla Danimarca con la nuova moglie, Anna di Danimarca. Il processo ebbe luogo nel 1591 e fu presenziato dal Re in persona. Agnes Sampson fu torturata fino alla confessione e bruciata in loco, come molte altre persone innocenti.

Per fortuna poco rimane di questi eventi così drammatici e la cittadina oggi ha la fama di essere tranquilla e adatta a tutti. Parcheggiata l’automobile non lontana dal porto, ci dirigiamo verso di esso e verso lo Scottish Seabird Centre, da dove nel pomeriggio sarebbe partita la nostra escursione in barca.

Seabird_1
Lo Scottish Seabird Centre

Per scrupolo, dato che non bisogna mai lasciare nulla al caso quando si viaggia, ci siamo subito diretti al banco delle informazioni per sapere se la nostra escursione fosse confermata e per nostra grande fortuna, così fu! Ancora più elettrizzata e galvanizzata, decisi quindi di dirigermi sul promontorio per osservare gli uccelli della baia. Non molto distanti da me ho potuto osservare dei pulcini di Storno comune (Sturnus vulgaris) e alcuni esemplari di Pettegola (Tringa totanus): speravo di vedere qualche corridore come le Pettegole ma non troppi, dato che da lontano non è facile la loro identificazione. Per fortuna, con le Pettegole, questa non è così difficile ed il fatto di osservarle da vicino mi ha aiutato molto. In lontanza ho potuto anche osservare degli Edredoni, ma erano troppo lontani per essere fotografati.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo aver scattato qualche foto agli uccelli e alla stupenda Bass Rock che da qui ben si poteva vedere, decidiamo di pranzare presso un piccolo chioschetto proprio stante sul porto, chiamato “Lobster Schack: una bella zuppa di crostacei era quello che ci voleva per scaladare gli animi ancora infreddoliti per il cattivo tempo! Dopo un bel pasto ho visitato lo Scottish Seabird Centre, che offre un piccolo museo: l’obiettivo è quello di far conoscere l’avifauna locale e lo stile di vita degli uccelli di costiera. Nonostante il prezzo fosse un pochino alto rispetto alla media delle attrazioni, il piccolo museo è ben attrezzato e interessante, soprattutto per i bambini. Lo Scottish Seabird Centre offre poi un ristorante – bar e un negozio di souvenir, dove naturalmente ho acquistato qualche piccolo ricordino (vogliamo farci mancare un fazzoletto con i Puffins?).

Si avvicina l’orario di partenza e sono così agitata che mio padre mi deve ripetere più di una volta di stare calma e di capire bene le istruzioni delle guide. Raggiungiamo il punto di partenza e conosciamo la nostra guida: si tratta di James, simpatico ragazzo arzillo e con uno spiccato senso dell’umorismo. Per sicurezza e per non farci bagnare durante la traversata, James ci chiede di indossare una grossa tuta arancione e blu: goffa ma felice mi faccio scattare una foto da mio padre.

Imbragata_1
Imbragata e pronta per partire!

Ormai tutto è pronto per partire e James ci fa salire sul gommone. Finalmente si parte! La prima tappa è Bass Rock, l’isola delle Sule bassane (Morus bassanus): l’isola è una massa rocciosa di forma circolare, circondata da ripide scogliere. Il punto più alto è di 107 metri s.l.m. Sul versante meridionale si trova una punta chiamata “East Landing” dove sorgono i resti di una antica cappella, le rovine di una fortezza e un faro costruito nel 1902.

Rock_Island_1
Bass Rock: si notino le migliaia di Sule presenti

L’isola è una zona di protezione speciale per la presenza di colonie di uccelli marini, come Gazze marine, Cormorani, Pulcinella di mare, Anatre, Gabbiani e soprattutto Sule bassane (oltre 75.000 coppie, la più grande colonia del mondo) il cui nome scientifico (Morus bassanus) trae origine per l’appunto da Bass Rock. Gli uccelli marini danno un colore bianco-grigiastro alla superficie dell’isola a causa del loro alto numero, dei loro nidi e degli escrementi.

Sule_7
Sule che volteggiano

L’isola è attualmente disabitata ed è di proprietà di proprietà di Sir Hew Hamilton-Dalrymple, la cui famiglia l’acquistò nel 1706 dalla famiglia Lauder che la possedette per quasi sei secoli. Non era prevista la visita a piedi dell’isola, ma solo il periplo dell’isola con il gommone: tanto basta per essere estasiata dalla bellezza delle Sule che, appen ci scorgono, iniziano a volare vicino alla nostra imbarcazione, leggiadre come foglie trasportate dal vento. Gli uccelli marini si lasciano cullare dalla brezza leggera e ci mostrano planate e meravigliosi giochi di ali. L’emozione che ho provato nel vederle, nel fotografarle, è stata unica, indescrivibile. Mi è tornato alla mente il film “Il Popolo Migratore“, pellicola che amo e che mi ha davvero formata per quanto riguarda la conoscenza di questi pennuti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

James ad un certo punto ci chiede di stare attenti perchè potremmo scorgere qualcosa di molto particolare. Dopo aver portato il gommone quasi all’interno di una insenatura ci indica un nido e una coppie di Sule che apparantemente non ha nulla di diverso dalle altre e ci chiede di attendere qualche minuto. Ad un certo punto, uno dei due individui si sposta leggermente e lascia intravedersi un candido batuffolo bianco: è proprio un pulcino! Siamo febbricitanti e cominciamo a scattare a raffica per immortalare il piccolo inerme, che apre il becco con una certa cadenza chiedendo cibo. James ci spiega che questa coppia è abbastanza speciale perchè si accoppia e depone in un periodo diverso dalle altre e quindi ogni anno nasce un pulcino “fuori stagione”. Cosa posso volere più di così? Ma le sorprese non sono affatto terminate!

Sule_piccolo
Il piccolo di Sula

Dopo aver realizzato un set al buffo pulcino, partiamo per l’Isola di May. Attraccati, James ci chiede di stare attenti alle Sterne artiche (Sterna paradisaea) dato che hanno numerosi pulcini e i genitori sono molto protettivi: ci intima quindi di tenere le braccia sulla testa, per evitare le beccate dolorose da queste. La Sterna artica, così come la Sula bassana e la Pulcinella di mare, ha un posto speciale nel io cuore: sempre grazie alla pellicola del Popolo Migratore, ho potuto scoprire che questo uccello è il migratore che compie più chilometri in assoluto dato che migra dall’artico all’antartico e viceversa. Secondo uno studio del fotografo Carsten Egevang (ed altri), nel corso di una vita nedia di 29 anni, una Sterna artica può arrivare a spostarsi per tanti chilometri quanti ne occorrono per andare dalla Terra alla Luna ben 6 volte (2.400.000 chilometri): un uccello da record, assolutamente unico. Per arrivare al punto di ritrovo il percorso ha previsto proprio il passaggio attorno ai nidi delle Sterne: con la testa bassa e cercando di non arrecare disturbo siamo passati quasi indenni. Dico quasi perchè qualcuno ha subito qualche beccata.

Sterna_piccolo_2
Sterna artica che imbocca il suo pulcino

Dopo aver fatto un piccolo breefing, James ci accompagna alla scoperta dell’isola: ovunque si volga lo sguardo si possono notare uccelli marini e si odono i loro canti e i loro richiami. I primi che vediamo, dopo le Sterne, sono i Gabbiani reali zampegialle (Larus michaellis) che già avevo incontrato a Dunbar, seguiti poi da alcuni Gabbiani tridattili (Rissa tridactyla). Procedendo notiamo dei buchi nel terreno, moltissimi buchi, larghi circa 15 centimetri o poco meno: io sapevo che cos’erano ma ho voluto chiedere a James la conferma. La guida, con un sorriso, mi dice nell’orecchio “no spoiler, vediamo se gli altri indovinano”. Con un ghignolino chiese agli altri partecipanti di immaginare che cosa fossero questi pertugi e nessuno riuscì ad indovinare: a quel punto, James mi chiese di dirlo. PUFFIN’S NEST’S! Ci stavamo letteralmente districando tra nidi di Pulcinelle di mare (Fratercula arctica): ora erano vuoti perchè la maggior parte dei pulcini si erano già diretti verso lo sconfinato mare aperto.

Puffin_ambientati_2
Alcuni Puffin non lontano dai loro nidi

Proseguendo con il nostro tour abbiamo potuto vedere una specie particolare, molto schiva e che avrei visto soltanto un’altra volta dopo di questa: si tratta del Fulmaro (Fulmarus glacialis), un uccello simile ad un gabbiano ma facente parte della famiglia dei Procellaridi, come le Berte, le Procellarie e i Petrelli. La coppia di fulmari che abbiamo potuto osservare se ne stava adagiata sull’erba, su una di una scogliera non troppo alta e osservava che cosa accadeva negli immediati dintorni: Gabbiani reali che cantavano, Puffin che volavano da uno punto all’altro della costa, Cormorani che veleggiavano, cullati dal vento. Purtroppo le foto scattate non sono di qualità eccelsa data l’enorme distanza e la difficoltà di avvicinamento da parte nostra: inoltre, i Fulmari sono uccelli molto poco confidenti e quindi non volevamo disturbarli troppo.

Fulmari_1
La coppia di Fulmari

Proseguendo con la visita abbiamo potuto osservare anche alcuni Conigli selvatici europei (Oryctolagus cuniculus) che pascolavano indisturbati, senza predatori naturali pronti a tendergli delle imboscate. La camminata continua fino a raggiungere una stupenda scogliera letteralmente colonizzata da Pulcinelle di mare e Urie comuni (Uria aalge), un’altra specie di uccello marino molto affascinante: gli esemplari sono centinaia e a relativa distanza da noi quindi facilmente fotografabili. E’ qui che scatto alcune tra le più belle fotografie che io abbia mai realizzato. L’emozione è tanta ed il mio cuore è colmo davvero di gioia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo averci concesso 10 minuti di riposo e di fotografie, James ci porta alla scoperta del faro dell’Isola, l’ultima tappa del tour guidato: saliti in cima, la guida ci racconta la storia del vecchio faro, andato distrutto per colpa di un incendio. Oggi di questo faro rimane sono la base e la parte inferiore: 11 persone morirono per colpa di questo rogo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo averci dato le indicazioni su come comportarci sull’isola e sull’orario del ritorno, James ci lascia circa 1 ora e mezza per visitare in solitaria l’isola e per scattare qualche fotografia: io decido di separarmi da mio padre e di concentrarmi dapprima sulle Sterne. Cercando di non disturbarle troppo, trovo finalmente la giusta tattica per non essere bersagliata: sedermi banalmente per terra per fotografare. Da seduta per questi uccelli non costituisco una minaccia e quindi ho potuto osservarle e fotografarle, anche se la loro rapidità ha quasi sempre vinto la mia nello scattare.

Sterna_piccolo_1
Pulcino di Sterna che chiama il genitore

Realizzato qualche scatto, mi dirigo verso la parte dell’isola che non avevamo visitato e qui incontro nuovamente mio padre, intento a fotografare alcuni Puffin: qui, un soggetto era particolarmente fotogenico e si è concesso a numerosi scatti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sempre in questa porzione di isola, ho potuto scorgere un nido di Cormorani e ho scattato qualche foto ai pulcini presenti. Come ultima specie scopro alcuni esemplari di Gazza marina (Alca torda): un po’ più piccola dell’Uria, questa specie assomiglia molto ad un pinguino a causa della convergenza evolutiva, come pure la Pulcinella di mare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Forse meno affascinante della Pulcinella, trovo che comunque questo uccello sia perfetto come modello per i miei scatti e quindi non perdo occasione di scattare.

In men che non si dica il tempo a nostra disposizione si esaurisce ed è tempo di ritornare al rendez-vous: prima però di partire, James ci mostra due pulcini di Puffin che ha recuperato. Questi due pulcini verranno liberati durante il rientro. Curiosa, chiedo a James come mai non si lasci fare al naturale corso della vita e James mi spiega che i nidi delle Pulcinelle sono distanti rispetto al mare ed i piccoli dovrebbero fare parecchia strada prima di raggiungere la costa: inoltre, l’altezza e la presenza di numerosi e affamati gabbiani reali costituiscono un pericolo non indifferente per i pulcini, che verrebbero mangiati o cadrebbero rischiando la vita. Per preservare dunque la specie, che figura nella categoria “Vulnerabile” secondo la IUCN, si cerca di limitare i casi di predazione e di morte prematura, ovviamente quando si riesce.

Mentre saliamo sul gommone, una sorta di malinconia mista a felicità mi pervade: mi sento fortunata perchè ho potuto vedere uno dei luoghi più suggestivi del Pianeta e mi sento davvero soddisfatta di questa escursione. Dall’altra parte, però, mi sembra di aver trascorso troppo poco tempo in compagnia con gli uccelli marini, in una natura davvero sconfinata e dove l’impatto dell’uomo, almeno per una volta, non è così devastante ma anzi è quasi nullo. Qui le persone vivono per proteggere questi animali e per far conoscere il loro mondo, le loro abitudi e le loro esigenze, cercando sempre di veicolare il concetto che la specie umana non è l’unica specie presente sul Pianeta e che tutti gli animali meritano rispetto e protezione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Durante il rientro liberiamo i piccoli Puffin, che goffi sfuggono alla nostra vicinanza cercando di nuotare il più velocemente possibile: torneranno su May qualche anno più tardi, per cercare un compagno e per nidificare a loro volta.

Piccolo_Puffin_1
Piccolo Puffin che nuota verso l’infinito

Felici e pieni di speranza, torniamo a North Berwick e ringraziamo James, non perdendo l’occasione di chiedergli una foto ricordo.

James_io_1
Foto ricordo con James

Sono ormai le 19 ed è ora di rientrare a Dunbar: un meraviglioso tramonto ci accompagna verso la nostra base (non ha piovuto per tutto il resto della giornata). Io non riesco a smettere di parlare della giornata favolosa appena vissuta e riempio la testa di mio padre di nozioni sugli uccelli di scogliera.

A livello naturalistico, era dal Madagascar che non provavo queste emozioni così forti. Di certo, questa giornata, rimarrà impressa nella mia mente e nel mio cuore per sempre.

Per leggere il primo giorno, cliccate qui.

Le Mostre più belle: Wildlife Photographer of the Year – Milano 2019

Ogni anno viene assegnato un prestigioso premio al migliore fotografo di natura: il Wildlife Photographer of the Year. Quest’anno, il vincitore è il fotografo cinese Yongqing Bao con uno scatto incredibile intitolato “The Moment”. E’ possibile vedere questa e le altre fotografie premiate al National History Museum di Londra.

A Milano, però, è sbarcata la National Photographer of the Year, la mostra “itinerante” che vuole mettere in luce una selezione delle foto vincitrici e degne di menzione dell’edizione del 2018.

wildlife-photographer-of-the-year-milano-2019-633x400

Sapendo che a Milano sarebbero stati esposti i capolavori della fotografia naturalistica più famosi al mondo ovviamente non ho esitato e così ho visitato la mostra il 20 ottobre 2019 (la mostra è aperta dal 4 ottobre al 22 dicembre 2019)

Questo evento è organizzato dall’Associazione culturale Radicediunopercento e presenta le 100 immagini premiate alla 54a edizione del famigerato concorso fotografico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Di 45.000 scatti provenienti da ben 95 Paesi, solo alcuni sono stati selezionati, cioè quelli che hanno colpito la giuria per composizione, particolarità e creatività: si assiste dunque a scatti incredibili, spesso frutto di un prezioso istante immortalato dal fotografo dopo mesi, se non anni, di ricerche e di appostamenti. Dal premio assoluto si passa alle foto dei giovani talenti, dagli animali si volge lo sguardo alle piante e ai paesaggi naturali.

Tutti gli scatti sono corredati di didascalia descrittiva sia della foto che dei parametri di realizzazione. Con mio grande piacere, da fotografa naturalistica, ho potuto notare alcune attrezzature menzionate che possiedo anche io e che cerco sempre di sfruttare al meglio per i miei scatti.

Sala_1
Una delle sale espositive

Di sicuro, una menzione la merita la vincitrice del concorso, la fotografia di Marsel van Oosten, “Golden couple”, che raffigura due rinopitechi dorati (Rhinopithecus roxellana) seduti, con lo sguardo non rivolto alla camera, in contemplazione di ciò che sta succedendo intorno a loro. Questa specie, in pericolo di estinzione, abita i freddi altopiani cinesi di Gansu, Hubei, Sichuan e Shanxi.

19_The Golden Couple © Marsel van Oosten - Wildlife Photographer of the Year
La coppia dorata – Marcel van Oosten – Foto cortesemente concessa dall’Associazione Radicediunopercento

Altra punta di diamante di questa esposizione è di certo lo scatto vincitore nella categoria “Young”: “Lounging Leopard”, di Skye Meaker, sedicenne originario del Sud Africa che ha immortalato un leopardo nel momento del risveglio nella Mashatu Game Reserve, nel Botswana.

08_Lounging Leopard © Skye Meaker - Wildlife Photographer of the Year
Il riposo del leopardo – Skye Meaker – Foto cortesemente concessa dall’Associazione Radicediunopercento

All’interno del concorso, e ovviamente della mostra, hanno trovato uno buono spazio anche alcuni fotografi nostrani, tra cui Marco Colombo, che ha vinto nella categoria “Urban Wildlife” con un scatto notturno,”Crossing Path”, realizzato ad un orso marsicano che si è avventurato in ambiente urbano.

Oltre al suo scatto, sono esposti quelli di Emanuele Biggi, Valter Bernardeschi, Lorenzo Shoubridge, Stefano Baglioni, Dario Podestà e Georg Kantioler.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il percorso espositivo è articolato in più sale dove le foto sono esposte secondo le seguenti categorie: Anfibi e rettili, Uccelli, Invertebrati, Mammiferi, Animali nel loro ambiente, Piante e funghi, Ambienti della terra, Subacquee, Natura urbana, Ritratti animali, Bianco e nero, Visioni creative, Portfolio, Young (fotografi da 10 anni a 17 anni). Oltre all’esperienza visiva si può anche optare per una esperienza immersiva attarverso la realtà virtuale.

La mostra è ben strutturata e l’illuminazione è ottima per ammirare gli scatti senza fastidiosi riflessi. La sede espositiva si trova non lontano dalla fermata della metro Cadorna e Cairoli Castello. All’interno della mostra è possibile acquistare il catalogo dell’esposizione e altri gadget (cartoline, magneti, ecc.).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sono contenta che la grande fotografia naturalistica sia approdata a Milano, città facilmente raggiungibile da tutta la Lombardia e non solo, e che l’evento sia stato pubblicizzato sui social (altrimenti, probabilmente, non ne avrei sentito parlare). Consiglio vivamente a voi lettori di visitare questa esposizione anche se non siete fotografi, ma semplici appassionati: la natura, ancora una volta, saprà stupirvi.

Ringrazio sentitamente l’Associazione Radicediunopercento, in particolare la Signora Alessandra Zanchi per il supporto che mi ha fornito.

Informazioni utili

Wildlife Photographer of the Year
4 ottobre – 22 dicembre 2018
Fondazione Luciana Matalon
Foro Buonaparte 67 – 20121 Milano

Orari
Tutti i giorni e festivi h 10 – 19 / Venerdì h 10 – 22 / Chiuso Lunedì
Chiusura biglietteria 30 minuti prima
1 novembre, 7 e 8 dicembre aperti.
Sabato 16 novembre e sabato 14 dicembre chiusura anticipata alle ore 18.00

Giungere alla mostra
MM1 Cairoli – MM2 e Ferrovie Nord Cadorna
Tram: 1 – 4 Bus: 50 – 57 – 61

Per ulteriori informazioni

Radicediunopercento

Le Meraviglie della Natura: Il Lago del Predil

Durante la mia vacanza tra Friuli e Slovenia del 2018 ho potuto visitare luoghi suggestivi con una natura straordinaria. Di alcuni di questi vi ho già raccontato (se non ve li ricordate, qui trovate le cascate Savica, mentre qui il Lago di Bled e qui il Lago di Bohinj) mentre in questo articolo vi parlo di un piccolo gioiello: il Lago del Predil.

Lago del Predil

La zona di Predil (Raibl) è ricca di attività da poter svolgere, come la visita al Museo Militare Alpi Giulie oppure la visita al Museo della Tradizione Mineraria. Ci troviamo nel territorio del Tarvisiano e la sua fama lo procede: montagne dalle vette imponenti, passeggiate immerse nel verde, la storia che ancora si respira. Non potevano mancare dunque le meraviglie naturali, come il Lago del Predil.

Il lago sorge a 959 metri s.l.m. ed è di origine glaciale. Le dimensioni sono degne di nota, dato che si tratta del secondo lago naturale della regione: la sua lunghezza è di 1,5 km, la sua larghezza è di 500 metri e la sua profondità è di circa 30 metri. La sua conca, che si apre a metà circa della valle del Rio del Lago, è dominata a sud dalla Cima del Lago (Jerebica) alta 2.125 m, e a nord-est dalle Cinque Punte, con altezza di 1.909 m. All’interno del lago si trovava una piccola isoletta, relitto di un arco morenico in parte distrutto, in parte sommerso. Oggi l’isoletta è collegata dalla ghiaia alla costa ed è difficile da riconoscere, dato che somiglia più ad un tombolo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le rive sono ghiaiose e qui è facile incontrare alcuni uccelli come i Germani reali (Anas platyrhynchos) e le Ballerine bianche (Motacilla alba).

Una leggenda racconta che un tempo al posto del lago ci fosse un piccolo paese, i cui abitanti erano persone insensibili e prive di buon cuore. Una notte, gelida e fredda d’inverno, un bambino e sua madre giunsero da lontano in cerca di un riparo. Bussando a molte case, il bimbo venne respinto. Solo una famiglia povera offrì loro un riparo. Il mattino dopo, come punizione, un grande lago si formò e sommerse tutto il paese, tranne la casetta della famiglia generosa, che fu risparmiata: si pensa che la casetta fosse ubicata sull’isoletta. Un racconto che forse ci vuole insegnare a non voltarci dall’altra parte se qualcuno ci chiede aiuto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oltre a passeggiate rilassanti e a trekking che vi conducono verso le cime, sul lago è stato realizzato uno stabilimento nautico-balneare dotato di una zona spiaggia, di attrezzature nautiche, di giochi per bambini. E’ stata inoltre istituita una scuola di windsurf.

Il panorama è senza dubbio eccezionale e la pace regna sovrana, anche durante le calde giornate estive. I boschi di abeti e di pini che circondano il Lago del Predil mi fanno pensare agli stupendi laghi del Nord America, ma, a quanto pare, non bisogna andare così lontano per trovare questa rara bellezza.

Le meraviglie della natura: i Lavini di Marco

Dopo avervi parlato del Museo Paleontologio di Bolca (clicca qui per leggere il mio articolo), non potevo non parlarvi dei Lavini di Marco, un luogo suggestivo, quasi lunare da quanto è spettacolare. Ho visitato questo luogo sempre durante il mio corso di studi, in occasione della mia visita a Bolca. Dopo questa breve introduzione vi chiederete: beh, che cosa sono questi Lavini di Marco? Scopriamolo insieme!

Lavini di Marco

Immaginate di vedere centinaia di orme di dinosauri, sia carnivori che erbivori. Dite che è impossibile? No, perchè vicino a Rovereto, alle pendici del Monte Zugna, ciò che immaginavate solo, è diventato realtà. Siamo in un’area naturale protetta, nella Provincia di Trento, di più di 35 ettari. L’area è stata classificata come un biotopo, cioè un’area di dimensioni limitate di un’ambiente, dove vivono organismi vegetali ed animali di una stessa specie o di specie diverse, in condizioni fisico-chimiche pressochè costanti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma le impronte come sono finite lì?

I Lavini di Marco sono una distesa di blocchi di roccia calcarea dovuti a delle frane avvenute in epoca preistorica-storica. Le frane hanno consentito alle impronte di venire “a giorno”, cioè di affiorare e di mostrarsi all’uomo. Così, nel 1990, il biologo e geologo Luciano Chemini li ha scoperti e il paleontologo ed icnologo Giuseppe Leonardi ha cominciato a studiarle, fino ad individuare impronte vecchie di 200 milioni di anni, in pieno Giurassico Inferiore. Il Trentino era molto diverso in quest’epoca passata e le impronte sono state lasciate su una distesa d’acqua popolata da organismi marini i cui scheletri hanno poi creato gli odierni calcari alpini: insomma, un’enorme barriera corallina che si trovava a bassissime profondità. I dinosauri hanno quindi camminato sulla spiaggia e le impronte, grazie a diversi processi geologici e biologici, si sono mantenute fino ad oggi.

Lavini_4
Una pista di impronte di sauropode

Ad oggi, sono stati identificate impronte di Ornitischi Bipedi, e anche delle impronte tridattili più piccole appartenenti a carnivoridi. Da alcune orme ben conservate si è potuto stabilire che si trattava di Teropodi Carnosauri.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Potete immaginare come per me sia stata una visita davvero stupefacente, in un luogo dove sembra di respirare ancora l’aria che respiravano questi mastodontici rettili. Quando il mio Professore ha organizzato l’escursione, ero euforica. Dunque zaino in spalla, e partenza, per un weekend tutto paleontologico!

L’accesso al sito è libero e il percorso non presenta difficioltà, nemmeno per i bambini. Lungo il percorso, sono stati installati dei pannelli esplicativi. Il percorso dura circa mezzora, dopo aver lasciato l’auto.

Il sito paleontologico dei Lavini di Marco è inserito nell’inventario on line dei Geositi trentini, a cura del Servizio Geologico della Provincia Autonoma di Trento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Di seguito, alcune indicazioni su come raggiungere il sito, che comunque è ben segnalato.

Lasciato il parcheggio presso la Grotta Damiano Chiesa e scendendo a ritroso fino alla prima curva, potrete vedere alcune piste e orme isolate lasciate da dinosauri carnivori e altri. Se continuate, troverete il “colatoio Chemini” che vi mostrerà circa 30 piste o rome di sauropodi e teropodi. La parete diventa verticale (il punto forse più difficoltoso) e si raggiunge una vecchia strada militare che vi porterà a vedere due piste di sauropode e una di teropode. A valle della strada forestale da cui siamo partiti si snodano altri tre colatoi disposti ad Y che però io non ho visitato per questioni di tempistiche.

I Lavini di Marco sono un luogo unico, davvero suggestivo ed immancabile nella lista di tutti gli appassionati di natura, di geologia e di dinosauri, oltre che di paleontologia.

Lavini_6
Il sentiero con il panorama

Oltre a queste impronte, in Italia ce ne sono altre, come in Puglia, ad Altamura (non ho avuto ancora l’occasione di vederle).

Consiglio vivamente a tutti i miei lettori appassionati di questo genere di escursioni di visitare i Lavini di Marco, perchè non ne rimarranno delusi.

L’emozione che si prova a vedere le testimonianze di un lontano passato è davvero fortissima: sapere che i dinosauri hanno calcato le nostre terre e hanno lasciato un segno tangibile della loro preenza è, a mio avviso, davvero, formidabile.

Alla scoperta della natura della Slovenia: le Grotte di San Canziano

Durante la mia seconda visita in Slovenia, avvenuta nel nel 2015, sono riuscita a visitare le grotte più belle e famose del Paese. Oltre a quelle di Postumia (leggete il mio articolo a riguardo cliccandio qui), meritano una menzione speciale anche le Grotte di San Canziano, il sloveno Škocjanske Jame. Queste grotte si trovano a 3 chilometri dal paese di Divaccia (Divača) dove ho allogiato per l’occasione, presso l’Hotel Malovec (clicca qui per vedere il sito) ed a 15 chilometri dal confine di Trieste.

Grotte di San Canziano.png

Le grotte furono scoperte nel 1823 e vennero aperte dopo che il club Alpino Tedesco-Austriaco fece scavare dagli scalpellini i primi sentieri nella roccia della grotta, nel 1884. Negli anni successivi furono scavate altre vie per rendere la grotta più fruibile ad un maggior numero di turisti. Le grotte sono state dichiarate area protetta nel 1981 e nel 1986 sono state inserite nel registro del patrimonio mondiale Unesco.

Le Grotte di San Canziano si differenziano però da quelle di Postumia in quanto meno turistiche e più impegnative: non c’è un trenino che trasporta i turisti e la visita è tutta a piedi. Non è di per sè il percorso ad essere impegnativo, quanto la durata della visita in sè, che è di circa un’ora e mezza. Un aspetto da non sottovalutare quando si decide di entrare in grotta, soprattutto per chi soffre di claustrofobia o non tollera gli soazi chiusi ed umidi.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le grotte costituiscono uno dei fenomeni più imponenti del Carso grazie alle numerose formazioni stalattitiche ancora in espansione e alla presenza di acqua che accompagna tutto il percorso del visitatore (se non per brevi tratti). La passerella che ci conduce all’interno è pratica e permette di godere di una vista mozzafiato sulla gola rocciosa. Le gallerie e le caverne costituiscono un complesso di oltre cinque chilometri completamente modellate dal fiume Timavo, che qui scompare nel sottosuolo per riemergere ben 34 chilometri più a valle, dove finalmente sfocia nel golfo di Trieste, a San Giovanni Duino.

I punti più rilevanti di San Canziano sono la piccola voragine, la grande voragine, la caverna preistorica, la grotta del silenzio, la grotta Michelangelo e la particolare sala delle fontane, con le sue belle vasche di concrezionamento. È presente inoltre una delle più grandi formazioni stalagmitiche del mondo (il Gigante), dell’altezza di 15 metri e che si stima abbia avuto bisogno di oltre 250.000 anni di accumulo di concrezioni calcaree per poter raggiungere le attuali dimensioni. Non mancano esperienze per i più temerari, dato che nel percorso si deve attraversare uno dei più profondi canyon sotterranei del mondo (situato nella grotta del rumore), lungo più di un chilometro e mezzo, che si attraversa su un ponte sospeso a 45 metri di altezza! Un vero e proprio luogo magico e… Da cardiopalma!

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

All’uscita delle grotte troverete anche un sentiero che vi porterà alle cascate di San Canziano, collegate direttamente al sistema carsico delle grotte. Il percorso non è obbligatorio ma, se non siete troppo stanchi dalla traversata, consiglio di imboccarlo e di fare una mezz’ora di cammino: ne vale assolutamente la pena!

canziano_2
La cascata di San Canziano

Una curiosità zoologica non può mancare anche in questa grotta: non stiamo parlando del famoso e iconico proteo, ma di un piccolo gamberetto cieco descritto nel 1880, il Cambarus typhlobius che successivamente non fu mai più ritrovato, malgrado le continue ricerche. Lo scienziato che lo ha scoperto, Gustav Josef, si è occupato della descrizione di questa nuova specie basandosi solo su questo campione: il problema è che lo studioso, molto probabilmente, ha descritto un esemplare di un’altra specie, l’Orconectes pellucidus che si trova negli Stati Uniti. Dagli ultimi studi condotti dunque, il povero gambero non risulta appartenere ad alcuna nuova specie, quindi si è trattato di analizzare un campione proveniente da un altro luogo e di un errore di trascrizione della zona d’origine.

Gustav Josef ha proprio preso un granchio, pardon…. Un gambero!

Se volete scoprire altre informazioni riguardo al Cambarus typhlobius, cliccate qui.

Naturalmente, entrare in una grotta è sempre un’esperienza magica e suggestiva perchè si viene a contatto proprio con la terra nuda e cruda e con tutti i suoi misteri: visitare le grotte per me è un’esperienza potente, che riesce a rilassarmi nonostante l’ambiente abbastanza ostile per l’uomo. E’ qui che la natura dà spettacolo di sè stessa ed è qui che mi sento così piccola in confronto alla sua magnificenza.

Consiglio vivamente a tutti di visitare almeno una  volta queste grotte, perchè sono un luogo simbolo della Slovenia e perchè un’amante di viaggi e natura non può farsele scappare!

Se volete leggere altri articoli sulle grotte che ho visitate, cliccate sui link sottostanti:

Grotte di Postumia

Grotte di Frasassi

consigli

Alloggio: Hotel Malovec – Divača

Dove mangiare: vi consiglio di dirigervi verso Lipica dove ci sono delle buone trattorie.

Abbigliamento: scarpe da trekking e abbigliamento sportivo, un pile e una giaccavento perchè la temperatura è di 12 gradi costantemente.

 

Le meraviglie della natura: La Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo – Isola della Cona

Spulciando tra le mie vecchie foto ho ritrovato alcuni scatti che feci quando visitai la Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo – Isola della Cona, rispettivamente nel 2015 e nel 2016. Sapete quanto io ami la regione del Friuli e quanto spesso io sia stata ospite della sua meravigliosa gente, perciò non potevo non scrivere un articolo in proposito.

la riserva naturale regionale della foce dell'isonzo

Proprio nel 2015 iniziarono i miei viaggi tra Friuli e Slovenia, in occasione di un’escursione organizzata dal mio corso di laurea (la più bella escursione e la più divertente senza dubbio): è così che ho potuto scoprire questa meravigliosa riserva naturale, che si trova nella parte orientale della regione, lungo l’ultimo tratto proprio dell’Isonzo, a cavallo dei comuni di Staranzano, San Canzian d’Isonzo, Fiumecello e Grado. Costituita da ben 2338 ettari e istituita nel 1996, questa riserva è un faro per tutti gli amanti della natura e del birdwatching, quindi per la sottoscritta è proprio la manna.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Grazie ad una serie di capanni, è possibile osservare numerosissime specie ornitologiche e non solo: è infatti presenza fissa il cavallo di razza Camargue che svolge un ruolo di “manutenzione della riserva” grazie al suo brucare incessante dell’erba. I cavalli vivono bradi sull’isola e ormai sono parte integrante di questo piccolo ecosistema.

L’area protetta è accessibile a grandi e piccini, grazie a dei comodi sentieri che circondano tutto il territorio, inoltre è disponibile un punto ristoro e una foresteria per dormire dotata di tutti i confort e servizi impeccabili. La breve distanza dai comuni sopracitati o dalla città di Monfalcone rendono la Riserva un luogo davvero facile da raggiungere: un comodo parcheggio gratuito vi darà il benvenuto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’avifauna in Riserva è ben rappresentata con numerosi Anseriformi svernanti tra cui il Fischione (Mareca penelope), l’Alzavola (Anas crecca) e l’Oca lombardella (Anser albifrons). Per la gioia degli ornitologi e dei fotografi non mancano poi il Cavaliere d’Italia (Himantopus himantopus), il Gruccione (Merops apiaster) e la Beccaccia di mare (Haematopus ostralegus). Per quanto riguarda la botanica, in tutta la Riserva sono presenti numerosi habitat palustri che ospitano specie alofile (cioè che vivono bene in presenza di acque salmastre) come Juncus maritimus, Limonium narbonense, Salicornia fruticosa, Salicornia veneta e altre.

Da amante della natura e degli uccelli quale sono, potete immaginare che cosa ho provato ad osservare così tante specie concentrate in un luogo solo. La Riserva per me è stata la seconda esperienza di fotografia naturalistica (dopo l’Oasi di Sant’Alessio, leggete il mio articolo qui) e la più fruttuosa, tanto che l’anno dopo sono tornata armata di obiettivo 70-300 Canon Serie L per fotografare di nuovo i meravigliosi animali che qui ho incontrato. L’emozione è stata tanta, nonchè la voglia di scattare sempre di più e sempre meglio. Sia nel 2015 che nel 2016 ho alloggiato presso la foresteria e mi sono trovata davvero bene: grazie alla sempre disponibile Letizia che ha reso il nostro soggiorno confortevole e piacevole, la mia esprienza alla Riserva è assolutamente positiva! Se volete svolgere anche un’attività al di fuori dagli schemi, vi consiglio una bella cavalcata al tramonto: è infatti disponibile un piccolo maneggio con i cavalli Camargue che potranno accognarvi a vedere il tramonto incantato sulle sponde dell’Isonzo.

Che dire, se siete amanti degli animali, della natura, ed in particolare dell’avifauna, non potete perdervi questa esperienza all’Isola della Cona, o Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo.

Per maggiori informazioni, visitate il sito internet ufficiale.

Un’escursione in giornata: Casargo

Durante l’ultima estate, ho avuto modo di poter conoscere la Valsassina. Dopo Lecco, era assolutamente un obbligo “quasi morale” dover conoscere la sua valle, ricca di storia e bellezze naturali. Non potevo che iniziare da uno dei borghi più caratteristici e famosi della valle, Casargo.

 

Casargo_centro_1
Il carattestico paese di Casargo

 

Il caratteristico paese si trova disteso su di un fondovalle, con alle spalle il maestoso Monte Legnone, a 800 metri di quota s.l.m. Le sue frazioni si trovano sparse in due valli diverse, la Val Casargo e la Val Muggiasca. Il territorio di Casargo comprende anche due stazioni sciistiche abbastanza famose, l’Alpe Giumello e l’Alpe di Paglio. Dall’Alpe Giumello si può godere di una fantastica vista del bacino lariano e della sponda comasca, dopo una breve passeggiata di circa 20 minuti a passo leggero, su un sentiero quotidianamente battuto. Dall’Alpe di Paglio, partono invece numerosi trekking e scampagnate, verso il famoso Pian delle Betulle e verso le Alpi Orobie.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Giunti a Casargo, si possono degustare prelibatezze locali come i famosi formaggi della Valsassina e la polenta. Il piccolo paese si snoda in vicoletti caratteristici e prati verdi dove ancora possiamo incontrare numerose galline e capre, tra cui le famose Capre Orobiche, di cui Casargo è bandiera: ogni anno infatti, si tiene una famosa mostra su questa razza autoctona che mira a preservare e tutelare questo animale, simbolo della montagna e della vita pastorizia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Casargo può non essere famosa come Cortina d’Ampezzo o Curmayeur, in quanto non è meta di turismo di massa e di lusso, ma è entrata a pieno titolo nei miei luoghi del cuore, grazie alle persone che me l’hanno fatta scorpire. E’ per me dunque un rifugio sicuro, un luogo di pace, dove posso dedicarmi a me stessa e dove posso riincontrare una natura rigogliosa e sempre ricca di sorprese. A Pian delle Betulle, infatti, ho trascorso un intero pomeriggio presso un piccolo laghetto, dove ho incontrato numerose specie di Odonati, le libellule, che, come il mio lettore sa, sono i miei insetti preferiti: numerose sono le specie che qui volano, e che si lasciano anche avvicinare senza troppa paura, come l’Aeshna juncea, di cui ho scattato bellissime fotografie.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come dimenticare poi le piacevoli passeggiate nei dintorni, come all’Alpe Giumello, dove si gode di una vista davvero mozzafiato sul lago. Vicino a Casargo, inoltre, si trovano numerosi alberi pluricentenari e ben 19 monumentali censiti dalla Guardia Forestale: la prossima estate sarà l’occasione per vederli!

La pace in questi luoghi si può palpare con mano, ed è per questo che ben presto ritornerò, per godere ancora dello spettacolo che solo la Natura può offrire.

 

 

 

 

 

Il Museo di novembre: il Museo della Confluenza di Lione

Durante il mio viaggio a Lione sono riuscita a visitare moltissimi muesei e luoghi culturali. Nessuno di questi però è stato così particolare come il Museo delle Confluenze, così chiamato a causa della sua posizione, alla confluenza tra il fiume Rodano e la Saona.

 

Confluenze_copertina
I grandi reperti fossili del Museo

 

Il Museo delle Confluenze si propone di far vivere al visitatore un viaggio incredibile attarverso la storia non solo dell’uomo, ma della Terra e degli esseri viventi, in un’avventura che tocca tutti i continenti per rimanere stupiti di quanto il nostro Pianeta sia bello e variegato.

Attraverso 3 piani espositivi, di cui uno per le mostre temporanee e due per l’allestimento permanente, il museo vi proietterà in universi sconosciuti, cercando sempre di essere esplicativo e alla portata di tutti. Si scopre dunque l’origine della vita, grazie alla straordinaria storia dell’evoluzione, mostrando reperti fossili e modelli a grandezza aumentata, oltre che video interativi e pannelli dettagliati. La disposizione delle sale è diversa dall’allestimento classico, dove i reperti sono mostrati in teche più o meno grandi: al Museo delle Confluenze il visitatore è immerso in prima persona in quella che è una vera e propria esperienza didattica, dove l’uomo è non solo il protagonista, ma anche colui che deve farsi carico di amare e proteggere questa bellissima diversità di esseri viventi e forme di vita, di culture e tradizoni.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli esseri viventi, umani e non, tessono nel mondo una rete di legami variegati, un ordito in cui tutto è connesso e correlato. Il percorso si sviluppa in modo naturale attraverso questi legami, rappresentati da 27 km di corde. Questa scenografia, interamente metaforica, rende inoltre tangibili i legami asimmetrici che uniscono le diverse specie del mondo vivente.

Oltre al focus sul legame degli esseri viventi, una buona parte della mostra permanente è incentrata sull’uomo e sulla sua evoluzione, con le più grandi scoperte scientifiche e meccaniche in esposizione.

 

Confluenze_1
Le scoperte tecnologiche del Museo

 

Grande spazio è dato anche alle mostre temporanee, posizionate al piano terra del Museo: con 4 spazi ampi e articolati, il Museo offre una grande varietà di esposizioni temporanee.

Durante la mia visita a luglio del 2018, sono rimasta davvero colpita dall’allestimento e dalle mostre. Con la Lyon Card sono entrata gratis (di nuovo, grande acquisto questa Lyon Card!) e sono rimasta davvero estasiata da tutto ciò che mi è stato mostrato: le mostre temporanee su Hugo Pratt, il maestro creatore di Corto Maltese, Lo Spirito del Giappone, che mostrava le tradizioni giapponesi fatte di esseri mistici e mostruosi, La Mostra sui Tuareg, con suppellettili e abiti di questa fantastica popolazione nomade, e la Mostra sugli allestimenti museali, su cosa si deve mostrare in un museo oppure no, sono state esperienze davvero uniche e assai costruttive, in spazi molto grandi e ben allestiti.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Museo di trova a Lione, in 86 quai Perrache e segue i seguenti orari:

Martedì, mercoledì e venerdì 11:00 – 19:00
Giovedì 11:00 – 22:00
Sabato, Domenica e festivi 10:00 – 19:00
Chiuso il lunedì, il 1° gennaio, il 1° maggio, il 1° novembre e il 25 dicembre
Chiusura degli sportelli 18:15 | giovedì alle 21:15
Aperto il lunedì di Pasqua, 6 aprile 2015 e il lunedì di Pentecoste, 25 maggio 2015.

Il costo dei biglietti è il seguente:

Adulti tariffa piena — 9 €
Adulti a partire dalle 17:00 — 6 €
Giovani 18-25 anni impiegati — 5 €

Ingresso gratuito su presentazione di un giustificativo
Giovani fino a 18 anni, liceali, apprendisti e studenti fino a 26 anni
Tessere ICOM, stampa, guida conferenziere.

Accesso gratuito e prioritario per i detentori della Lyon City Card
Il pass cultura e tempo libero di Lione, in vendita agli sportelli del museo.

 

 

Alla scoperta della natura della Slovenia: il Lago di Bohinj

Anche quest’anno ho avuto modo di trascorrere qualche giorno in Slovenia per ammirare la natura e la bellezza di questi luoghi. Vi ho già parlato delle bellissime Cascate Savica (leggete il mio articolo cliccando qui) e adesso vi voglio parlare del Lago di Bohinj, proprio a 15 minuti dalle cascate già menzionate.

Bohinj_3
Il Lago di Bohinj

Il Lago di Bohinj è il più esteso lago sloveno permanente, contando sui suoi 4350 metri di lunghezza e una larghezza massima di 1250 metri ed è inserito all’interno del Parco Nazionale del Tricorno. Forse meno conosciuto del suo vicino Lago di Bled, Bohinj non ha però nulla da invidiare al suo “amico” più famoso: le acque cristalline solo balneabili e, grazie alla campagna turistica messa in atto dalla città, oggi anche Bohinj è una meta appetibile per vacanzieri e turisti. Bohinj in realtà non comprende solo il lago, ma anche le montagne omonime i cui si possono distinguere le cime di Črna prst (1844 m), di Rodica (1966 m) e del Vogel (1922 m), l’altipiano carsico di Komna, la vallata dei laghi del Tricorno, l’altipiano di Fusine, che si innalza sul lago, e la parte sud occidentale dell’altipiano del Pokljuka. Arrivare a Bohinj non è difficile: il Lago è raggiungibile tramite la strada che porta anche a Bled, dalla valle della Sava, oppure tramite la ferrovia dalla linea Nova Gorica-Most Na Soci- Podbrdo-Bohinisko Bistrica.

Bohinj_5
Il Ponte che attraversa il Lago di Bohinj.

Le acque limpide del lago sono l’habitat ideale di numerose specie ittiche come le trote (Salmo trutta), bottatrici (Lota lota), salmerini alpini (Salvelinus alpinus), sanguinerole (Phoxinus phoxinus) e cavedani (Squalius cephalus). Nel piccolo centro abitato di Bohinj si può riconoscere una chiesa romanica intitolata a San Giovanni Battusta e una delle statue dedicate al leggendario camoscio Zlatorog. Secondo la leggenda il camoscio ha le corna d’oro ed è accompagnato sempre da tre vergini, che sorvegliano il tesoro custodito dall’ungulato. Un giorno, un cacciatore uccise il mitico camoscio ed il sangue di Zlatorog sgorgò tra le montagne e i laghi intorno al Triglav, la più alta vetta delle Alpi Giulie. Infine, un fiore meraviglioso, nacque dal terreno e donò a Zlatorog nuova vita.

Bohinj_4
La chiesetta vista dal Lago.

A pochi chilometri dal lago di Bohinj, potrete salire sulla funivia del Vogel per ammirare questa bellissima vallata o ancora potrete visitare le Cascate Savica.

Se siete in Slovenia, non perdetevi la vista di questo meraviglioso lago, ne vale proprio la pena!

I luoghi della storia: il Monte Santo di Lussari

Durante il mio brevissimo viaggio tra Tarvisio e la Slovenia, che probabilmente ripeterò l’anno prossimo alla scoperta di nuovi luoghi, ho visitato uno dei simboli del tarvisiano e di tutto il territorio di confine: il Monte Santo di Lussari.

Lussari_5 (5)
Il Monte Lussari

Il Monte Santo di Lussari, detto anche detto anche Svete Višarje, “Le sante alture”, in sloveno, Mont Sante di Lussari in friulano e Luschariberg in tedesco è una montagna che fa parte delle Alpi Giulie. Si trova nel comune di Tarvisio, a sud della frazione di Camporosso, da cui è raggiungibile sia a piedi (tramite il sentiero del Pellegrino) che con la telecabina.

Con un’altezza di 1789 metri s.l.m. gode di una certa notorietà grazie al suo piccolo santuario, posto proprio sulla vetta del monte, costruito nel XVI secolo.

Dalla sommità del monte si gode di un grande e mozzafiato panorama: si può ammirare la conca del tarvisiano e le sue montagne circostanti, come il gruppo del Mangart e quello del Jôf di Montasio. Ancora, da qui partono numerosi sentieri escursionistici, tra cui quello che porta alla  Cima del cacciatore a 2.071 m s.l.m.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Arrivata con la telecabina, dopo circa 15 minuti di salita, partendo da 805 metri, assisto subito al meraviglioso spettacolo che il Lussari offre: il santuario la fa da protagonista, seppur così piccolo, intorno alle imponenti vette che lo circondano. La giornata è bella e la luce offre la possibilità di scattare bellissime fotografie, soprattutto in questo momento, al tramonto.

Secondo la leggenda, il Santuario venne costruito proprio qui dopo che nel 1360 si sono verificati degli eventi “miracolosi”: un pastore trova le pecore del proprio gregge inginocchiate attorno ad un cespuglio e con grande stupore si accorge che al centro del cespuglio si trova una statuetta di una Madonna col Bambino. Attonito da questo fatto, il pastore decide di consegnare la statuetta al parroco di Camporosso ma il giorno seguente la statua viene trovata di nuovo nel cespuglio e l’episodio si ripete fino ad una terza volta. A questo punto, il patriarca di Aquileia, impone la costruzione di una cappelletta, di cui oggi non ci sono più tracce. L’edificio di oggi, come ho già detto, ha origini nel XVI secolo e nel corso dei secoli ha subito alcuni danneggiamenti: nel 1807 viene colpita da un fulmine e nel 1915 venne bombardata, ma venne sempre ricostruita.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oltre al piccolo santuario e alla relativa croce, sono sorti numerosi piccoli esercizi commerciali e ristoranti con camere annesse, dove potrete gustare specialità regionali e piatti tipici delle montagne di questi luoghi. Se volete portare a casa un ricordo poi, avete l’imbarazzo della scelta.

Il Monte Lussari viene chiamato anche il monte delle amicizie perchè da sempre è stato meta di pellegrinaggio di tre popoli: quello italiano, quello sloveno e quello tedesco, essendo proprio in corrispondenza dei confini deografici di questi paesi (almeno i confini storici, mutati nel corso del tempo).

Lussari è anche un luogo per gli amanti dello scii, grazie alla sua stazione sciistica che porta ogni anno moltissimi sportivi a cimentarsi sulle svariete piste, spesso protagoniste di campionati mondiali o Coppa Europa.

Monte Lussari è dunque un bellissima tappa per una gita fuori porta, se visitate il tarvisiano, oppure se volete godere di una dolce giornata ammaliati dalle vette più belle delle Giulie.