Image Alt

Blog

Il Giardino Esotico Pallanca

Tra la fine del 2021 e i primi mesi del 2022 ho deciso d’intraprendere più viaggi verso la Liguria, regione che personalmente adoro per numerosi motivi: la bellezza del suo territorio, la presenza di borghi pittoreschi, i numerosi giardini e parchi, la storia ricca e variegata, la simpatia e l’accoglienza dei liguri e, elemento da non sottovalutare, la vicinanza con la Lombardia (mia regione di appartenenza). E così durante il viaggio “Liguria Invernale” ho potuto visitare il Giardino Esotico Pallanca, a Bordighera, in Provincia d’Imperia. Pronti a scoprirlo con me?

Liguria Invernale
27-28 febbraio 2022
Dove: Via Madonna della Ruota 1, Bordighera (Imperia)

Storia del Giardino Esotico Pallanca

Il Giardino Esotico Pallanca è un giardino botanico a ridosso del mare situato a Bordighera: specializzato nella coltivazione di cactacee e “piante grasse”, possiede una delle più importanti collezioni di cactus e piante succulente d’Europa.

Questa realtà nacque a partire da un’idea di Bartolomeo Pallanca, ma le radici di questo luogo sono ben più profonde: il padre di Bartolomeo, Giacomo, decise nel 1861 di abbandonare la tradizionale attività famigliare di coltivazione di olive per raggiungere in Germania il botanico e architetto del paesaggio Ludwig Winter, un vero e proprio luminare e cultore dei giardini (uno dei progettisti, tra l’altro, dei favolosi Giardini Hanbury).

L’entrata del Giardino Esotico Pallanca

Il loro sodalizio lavorativo durò per più di 20 anni e coinvolse anche Bartolomeo che, fin da giovanissimo, decise di raggiungere il padre e lo stesso Winter per imparare l’arte di realizzare e decorare giardini. Nel 1910 Bartolomeo rientrò in Italia e decise di creare un suo personale giardino di piante ornamentali e fiori, decidendo si specializzarsi nella coltivazione delle piante succulente: nonostante la brusca interruzione dovuta allo scoppio della Grande Guerra Bartolomeo riuscì comunque a dare vita a un vero e proprio giardino botanico, divenendo un punto di riferimento nel settore: la sua famiglia venne quindi ingaggiata per la realizzazione di numerosi e splendidi giardini tra cui quello di Montjuïc a Barcellona e i giardini del castel Trauttmansdorff a Merano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una perla così preziosa però doveva essere anche aperta al pubblico: è proprio per questo motivo che nel 1989 Barth, nipote di Bartolomeo, decise di aprire le porte del giardino-vivaio al fine di accogliere appassionati e cultori.

Struttura del Giardino Esotico Pallanca

Il Giardino Esotico Pallanca si estende per circa 10.000 metri quadrati e ospita più di 3000 varietà di piante, soprattutto cactacee e succulente. Il percorso si sviluppa in salita e offre al visitatore la possibilità di ammirare piante provenienti da molte zone del mondo che qui ben si sono adattate grazie alle favorevoli condizioni climatiche liguri.

Si tratta di un vero e proprio giardino roccioso ricavato fra le rocce di arenaria del Monte Nero: caratterizzato da scalinate e terrazzamenti, il giardino offre la possibilità di conoscere da vicino queste splendide e bizzarre piante e le loro forme fantasiose. Tra gli esemplari degni di nota ci sono una Copiapoa proveniente dal Cile che ha più di 300 anni e alcuni esemplari di Neobuxbaumia polylopha che raggiungono altezze considerevoli.

La mia visita al Giardino Esotico Pallanca

Il Giardino Esotico Pallanca è stata la prima meta da me raggiunta nel corso di uno splendido viaggio: scoperto in modo fortuito consultando alcuni siti web, il giardino ha catturato immediatamente la mia attenzione. Da buona amante e appassionata di questi luoghi (e dopo aver vissuto la splendida esperienza di visita dei Giardini Hanbury) non potevo dunque non visitare una simile perla e così feci in compagnia di #MammaVagabonda.

Dopo aver lasciato la Puffa presso il parcheggio antistante l’entrata mi sono immersa in un mondo spinoso, ma estremamente rigoglioso: al contrario di ciò che si pensa comunemente, i cactus e le succulente sono piante molto resistenti e suggestive, capaci d’incantare grazie alle loro forme bizzarre e alle fioriture spumeggianti e fugaci. Personalmente ho sempre adorato queste piante tanto da spingermi a coltivarne qualcuna e ad approfondire la mia conoscenza su di esse: non mi posso certo definire un’esperta, ma diciamo che traggo una vera gioia nell’osservarle e nell’immortalarle.

Donna Vagabonda al Giardino Esotico Pallanca

Il Giardino è veramente pantagruelico: ovunque lo sguardo si posi si può notare un tripudio di vita, di colori, di forme, tanto da spingersi a chiedersi come facciano tutte queste piante a crescere così rigogliose e magnifiche; il clima ligure è, del resto, perfetto per queste piante: rustiche e bisognose di tanta luce e di temperature caldo-miti non hanno fatto fatica a colonizzare quest’angolo di paradiso. Un vero e proprio museo all’aperto, una tappa imprescindibile per chi ama i giardini e i parchi: che dire poi del panorama sul mare che regalano le terrazze? Con un pochino di brezza il relax è davvero garantito!

Ho apprezzato molto l’aver ricevuto la mappa del giardino all’entrata: grazie alla presenza di comode indicazioni è facile orientarsi e non perdere nemmeno un angolo del parco. Vi sono inoltre alcuni punti tattici per fermarsi e tirare il fiato grazie alla presenza di alcune panchine o sedie: è proprio in uno di questi angoli che io a Mamma Vagabonda abbiamo deciso di goderci il nostro pranzo, una deliziosa focaccia farcita che subito “ha fatto Liguria“.

Un vero angolo di paradiso…

Il clima di febbraio è stato proprio quello ideale: nonostante il sole a picco la temperatura era assai gradevole e non abbiamo fatto nessuna fatica a visitare il giardino nonostante i diversi gradini e dislivelli. Attenzione quando salite le scale: alcune piante spinose crescono vicino ai corrimano quindi dovrete prestare un pochino di attenzione per non incorrere a qualche puntura! Basta davvero poche, le cactacee sono belle ma molto insidiose!

Piccola chicca di questo luogo: è possibile acquistare alcune piante qui coltivate! Sono infatti presenti numerose serre dove vengono coltivate le variegate essenze ed è possibile, rivolgendosi allo staff, acquistare le piccole piantine e creare il proprio personale “giardino esotico”: non solo di grandi dimensioni ma anche di piccole, per iniziare a conoscere il mondo segreto delle succulente.

Il Giardino Esotico Pallanca è veramente un angolo di paradiso: sole, mare e cactus rendono questo luogo una tappa obbligata per chi visita questo spicchio di Liguria!

Vi è piaciuto l’articolo? Pinnatelo su Pinterest!

 

Curiosi di scoprire altri articoli sulla Liguria? Date un’occhiata a questo carosello!

Commenti

  • Lisa Trevaligie Travelblog
    18 Giugno 2022

    Tra castelli, dimore storiche e giardini meravigliosi ogni volta mi delizi! Che incanto…. devo assolutamente visitarlo la prossima volta che andrò in Liguria. Faccio base a Rapallo quindi posso raggiungerlo facilmente. Sono davvero curiosa di fare una passeggiata immersa nel verde di questo giardino!

    rispondi
  • 18 Giugno 2022

    Una vera meraviglia!
    Adoro i giardini con specie esotiche …
    La Liguria sa sempre come farsi apprezzare ed amare!

    rispondi
  • 19 Giugno 2022

    La cosa bella di entrare a leggere il tuo blog è di sapere già che scoprirò nuovi luoghi meravigliosi. Non avrei mai immaginato che un luogo simile potesse esistere in Liguria!

    rispondi
  • 25 Giugno 2022

    Leggo “esotico” e già mi piace ! Mi vengono in mente fiori colorati, cactus, allegria e cocktail 😂 non conoscevo questo giardino, sembra davvero molto bello

    rispondi
  • 25 Giugno 2022

    Sono una vera appassionata di giardini, soprattutto quelli esotici, sono una bella occasione per scoprire qualcosa in più sulla botanica (anche se non sono stata benedetta con il pollice verde, mi piace molto scoprire notizie sulle specie!) Questo giardino a Bordighera dalle foto sembra davvero splendido!

    rispondi
  • Libera
    28 Giugno 2022

    La Liguria la conosco poco ma grazie ai tuoi racconti mi viene sempre più voglia di visitarla. Grazie per i tuoi spunti.

    rispondi
  • 28 Giugno 2022

    La Liguria non delude mai. Bello questo giardino, bella anche l’idea della vendita delle piante!!!

    rispondi

Ti è piaciuto l'articolo? Scrivimi il tuo pensiero :)

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: