Image Alt

Blog

Le Cascate del Mulino di Saturnia

Il viaggio on the road tra Toscana e Lazio dell’estate 2023 ha toccato numerose località suggestive della Provincia di Grosseto tra cui le suggestive e rilassanti Cascate del Mulino di Saturnia, protagoniste di questo articolo. Pronti a scoprirle con me?

Per orientarsi

Dove: Strada Vicinale Molino del Bagno 9/a, 58014 Saturnia GR
Abbigliamento: portate con voi costumi da bagno, crema solare e scarpine da scoglio. Consigliati anche gli occhiali da sole.

Storia delle Terme di Saturnia

Con il termine Terme di Saturnia si indica un’unica sorgente termale dalla quale sgorga in continuazione acqua sulfurea alla temperatura costante di 37,5 gradi centigradi all’interno del territorio di Saturnia, in località Follonata, frazione di Manciano.

Le Terme di Saturnia comprendono il Parco Termale, le Cascate del Mulino e il complesso privato di Terme di Saturnia SPA.

Le Cascate del Mulino di Saturnia alle prime luci del giorno

Le Cascate del Mulino di Saturnia alle prime luci del giorno

La sorgente si trova su di un antico luogo di villeggiatura termale conosciuto già all’epoca degli Etruschi e dei Romani: il nome “Saturnia” deriva dalla leggenda secondo cui il Dio Saturno, adirato dalla sempre crescente belligeranza umana, scagliò un fulmine che squarciò il terreno e da cui fuoriuscì, a partire da quel momento, acqua calda e sulfurea. Questa strana e prodigiosa acqua riuscì a calmare i bollenti spiriti degli esseri umani e questi vissero una lunga e pacifica epoca governati proprio da Saturno stesso.

Da sempre conosciuta per le sue proprietà salutari la fonte divenne una meta privilegiata per i patrizi romani che qui si riunivano per discutere di politica e per vivere una piacevole esperienza in compagnia dei propri pari. Questo luogo non fu però sempre idilliaco: esso infatti fu più volte protagonista di contese durante il Medioevo tra la famiglia degli Aldobrandeschi di Santa Fiora e quelli di Sovana.

Le Cascate del Mulino

Le Cascate del Mulino

Dopo una breve appartenenza alla diocesi sovanese, il territorio delle Terme di Saturnia passò agli Aldobrandeschi, ai Pannocchieschi e agli Orsini fino a quando non furono abbandonate e dimenticate.

Solo tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’800 la salubrità venne riscoperta e così si procedette a lavori di restauro e di bonifica del sito.

Nel 1919 la famiglia dei Ciacci costruì il primo albergo vero e proprio e la zona divenne molto apprezzata a livello turistico: il successo continua ancora oggi grazie al numero molto elevato di persone che si dirigono ogni anno sia alle Cascate del Mulino, con accesso libero, sia alle Terme private, con accesso a pagamento.

Scoprite l’articolo dedicato al mio itinerario di viaggio tra Toscana e Lazio cliccando qui!

Le acque delle Cascate del Mulino

Le acque che attraversano tutto il territorio delle Terme di Saturnia e che sono ben apprezzabili all’interno delle Cascate del Mulino compiono un percorso di 40 anni nelle profondità del Monte Amiata: qui si arricchiscono di anidride carbonica che scioglie, a circa 200 metri di profondità, le marne e i travertini i quali rilasciano zolfo, calcio, solfati e magnesio. L’acqua dunque si arricchisce di minerali preziosi che le conferiscono il suo caratteristico odore e proprietà benefiche per il nostro organismo.

L'acqua sulfurea delle Cascate del Mulino

L’acqua sulfurea delle Cascate del Mulino

Il flusso d’acqua è notevole con ben 800 litri al secondo: questo getto consente di ricambiare l’acqua dell’intero complesso termale ogni 4 ore per 6 volte al giorno, rendendo incontaminate tutte le piscine. All’interno delle acque, soprattutto quelle presenti alle Cascate del Mulino, si trovano numerose larve di Chironomidae di piccole dimensioni e dal caratteristico colore rossiccio per la forte presenza di emoglobina nell’emolinfa, che consente loro di poter sopravvivere in acque quasi del tutto prive di ossigeno: non preoccupatevi, queste larve non sono dannose per l’uomo quindi fare il bagno in loro compagnia è totalmente sicuro!

Accesso alle Cascate e al Parco Termale

L’accesso alle Cascate di Saturnia è libero tutto l’anno: è possibile raggiungere con qualunque mezzo questo luogo incredibile purché non si intralci la libera circolazione. A tal proposito è stato creato un parcheggio per motocicli e autovetture non distante dall’ingresso: il costo è di 2,50 euro all’ora dalle 8:00 alle 20:00, nelle restanti ore è libero. Per chi risiede all’interno delle strutture ricettive di Manciano e Saturnia è possibile richiedere un pass che permette di pagare la sosta solamente 4 euro al giorno.

Una famiglia ha apprezzato i fanghi delle Cascate del Mulino

Una famiglia ha apprezzato i fanghi delle Cascate del Mulino

Oltre al parcheggio si trova anche l’area camper attrezzata “Alveare del Pinzi” per chi volesse raggiungere questa splendida meta in caravan o roulotte.

Per quanto concerne la struttura privata, situata proprio dall’altra parte della strada rispetto alle piscine libere, l’ingresso è a pagamento.

Se volete alloggiare nelle vicinanze del complesso termale vi consiglio l’Agriturismo Piane del Bagno, in posizione riparata dall’ “olezzo solforoso” ma non troppo distante sia dal parco a pagamento che dalle cascate libere.

La mia visita alle Cascate del Mulino

Desideravo da moltissimo tempo poter visitare le splendide Cascate del Mulino delle Terme di Saturnia: affascinata dalle suggestive fotografie trovate sul web, mi immaginavo questo luogo come rilassante e ricco di proprietà benefiche per il mio corpo un po’ malandato a causa di allergie e acciacchi.

Ammirando le Cascate del Mulino...

Ammirando le Cascate del Mulino…

La scelta di inserire questo luogo come prima tappa del nostro itinerario è stata scontata: situate nella Provincia di Grosseto, nella Maremma, quasi al confine con il Lazio, era perfetto come punto di appoggio e come “pausa relax” prima delle “marce della morte” a cui ci saremmo sottoposti (avvertenza, nessun Uomo Moribondo è stato maltrattato durante questo viaggio).

É così che, subito dopo la visita alla Big Bench di Manciano, ci siamo diretti proprio qui, per concederci lunghi e rilassanti bagni al tepore romantico di queste cascate: lasciata l’automobile presso il parcheggio a pagamento e proseguito a piedi per circa 5 minuti abbiamo raggiunto la nostra meta. Qui è possibile stabilirsi su entrambe le sponde del piccolo torrente che fuoriesce dalle piscine, sempre nel rispetto delle persone presenti e, naturalmente, senza lasciare rifiuti.

Se volete essere più comodi è possibile, presso il Bar Le Cascate adiacente, noleggiare dei lettini e utilizzare le cassette di sicurezza oltre che gli spogliatoi e le docce: in quanto a servizi c’è davvero l’imbarazzo della scelta! Noi abbiamo approfittato proprio della presenza del bar per il pranzo e per la cena. Qui infatti si servono piatti caldi e freddi cucinati al momento oltre che bibite e gelati. Un accogliente chiosco che permette di vivere a pieno l’esperienza!

Le incantevoli piscine naturali

Le incantevoli piscine naturali

Immergersi nelle piscine delle Cascate del Mulino è qualcosa di pazzesco: l’acqua calda mi ha avvolto completamente in un languido abbraccio, in una sensazione di morbidezza quasi sensuale e primordiale. Grazie alla temperatura costante non si soffre nemmeno per un istante il freddo ed è possibile passare liberamente tra una pozza e l’altra in maniera piuttosto agevole: non dimenticatevi le scarpine da scoglio, vi serviranno per muovervi agilmente sul suolo ghiaioso e per non scivolare!

Quando ci si fa coccolare da queste acque caldissime si perde davvero il senso del tempo: ci si potrebbe immergere per ore e ore e ne vorremmo sempre di più. L’odore di zolfo è presente ma non invadente e dopo qualche minuto ci si scorda totalmente della sua esistenza.

Il Mulino e le cascate

Il Mulino e le cascate

Nonostante sia un luogo molto famoso e rinomato la presenza di numerose persone non ha inficiato sulla mia esperienza: l’area è infatti abbastanza aperta e vasta da permettere a tutti, in un sabato di fine luglio, di poter godere delle Cascate senza addossarsi e senza opprimere. Diverso discorso devo fare sull’educazione delle persone: molte di esse infatti hanno lasciato parecchi rifiuti e sporcizia sulle sponde del torrente, qualcosa di davvero incivile, a maggior ragione se si tiene conto che presso il bar ci sono numerosi cestini dove poter portare la spazzatura. Purtroppo la maleducazione non conosce confini.

Questa esperienza è stata un vero toccasana: i nostro corpi ne sono usciti rinvigoriti e riposati, senza contare che non ho avuto alcun problema di rinite allergica durante tutto il mio soggiorno qui a Saturnia!

Le Cascate del Mulino di Saturnia sono davvero un luogo magico e senza tempo, dove la Natura regna sovrana e “relax” è la parola d’ordine. Cosa c’è di meglio dunque che concedersi un’esperienza rilassante a contatto con una delle acque più salutari della nostra bella Italia?

Ti è piaciuto questo articolo? Scoprine altri sulla Toscana!

Commenti

  • 8 Settembre 2023

    Un impianto termale naturale che ci invidia il mondo intero. Oltretutto è ormai diventato un posto talmente instagrammabile che gli influencer fanno carte false pur di creare contenuti in queste cascate. Come sempre Si spera che non diventi un fenomeno da baraccone e che, soprattutto, non venga inquinato. tali luoghi vanno tutelati sempre.

    Rispondi
  • 8 Settembre 2023

    Questa è una di quelle mete che ho a portata di mano ma che per qualche motivo rimando sempre, e mi hai fatto venire una voglia assurda di non farlo più! Ne parla bene chiunque, non capisco perchè ancora non ci sono andata!

    Rispondi
  • Bru
    8 Settembre 2023

    Le ho sempre trovate qualcosa di incredibilmente bello e unico, un vero patrimonio naturale, devo dire che non ricordavo ci fosse così tanta gente.

    Rispondi
  • Marina
    10 Settembre 2023

    Sono stata sia nell’hotel Terme di Saturnia che alle cascate: esperienze diversissime tra loro, ma entrambe da fare. Sicuramente il picnic organizzato di notte alle cascate rimane un ricordo memorabile!

    Rispondi
  • Libera
    10 Settembre 2023

    Penso che queste siano forse le cascate più famose e apprezzate d’Italia. Le sorgenti termali hanno proprietà benefiche piuttosto note, dunque ben venga inserirle in una tappa di viaggio.

    Rispondi
  • 11 Settembre 2023

    Le cascate del Mulino di Saturnia sono una dei quelle zone della Maremma Toscana che più amo, anche se ultimamente, come vedo anche dalle tue foto, sono divenute super affollate!

    Rispondi
  • 12 Settembre 2023

    Mamma mia, ma che spettacolo! L’idea di immergermi in queste meravigliose acque termali mi affascina da morire. Aggiungo senza esitazione alla mia lista di cose da fare 🙂

    Rispondi
  • 13 Settembre 2023

    In questo momento solo il pensiero di immergermi in quelle acque mi fa sentire meglio: più rilassata, più serena. Una destinazione che è da tempo nella mi lista ma che non ho ancora visto. Intanto mi segno le tue tappe per un prossimo viaggio da quelle parti.

    Rispondi
  • 13 Settembre 2023

    Le cascate del Mulino di Saturnia sono un altro di quei posto che mi attirano moltissimo e ahimé non ho ancora avuto la fortuna di visitare. Mi piacciono molto le terme, e quando sono così, al naturale, sono ancora più belle!

    Rispondi
  • 20 Settembre 2023

    Ho visto in giro così tante foto su questo incredibile posto che sono curiosissima di vederlo di persona! Anche se forse ormai le cascate di Saturnia sono diventate troppo famose!

    Rispondi

Ti è piaciuto l'articolo? Scrivimi il tuo pensiero :)

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: