Image Alt

Blog

La bottega del liutaio Philippe Devanneaux

Durante la mia ultima visita a Cremona, città di cui ho scritto molto e che amo alla follia, ho avuto il piacere di poter assistere a una lezione di liuteria da parte di un vero maestro liutaio, esperto nella fabbricazione degli strumenti ad arco, in particolare di violini e viole. Cremona, si sa, è la capitale di questi strumenti musicali e sono ancora molte le botteghe artigiane che realizzano veri e propri capolavori seguendo le orme dei grandi Vivaldi e Guarneri. In questo articolo vi racconto questa interessante esperienza resa possibile dal Maestro Philippe Devanneaux e da Target Turismo Cremona.

DOVE: La Bottega del violino, via vescovo Sicardo 12 – Cremona

L’arte della liuteria a Cremona

La liuteria tradizionale cremonese è una forma di artigianato assai antica che si è sviluppata proprio a Cremona dove da secoli si costruiscono strumenti ad arco come violini, viole, violoncelli e contrabbassi.

Le sue origini sono da far risalire al sapere artigiano di Andrea Amati che, dal 1539 (anno in cui aprì la sua bottega a Cremona), tramandò i “saperi e saper fare liutario della tradizione cremonese” ai suoi discendenti. La città di Cremona divenne un centro nevralgico per la produzione di tali strumenti ed è proprio presso la bottega Amati che le famiglie Guarneri e Stradivari appresero l’arte e la perfezionarono. Cremona divenne dunque famosa in tutto il mondo grazie alle scuole aperte dai grandi maestri e numerosi furono gli artisti che qui lasciarono un’impronta. Nel 1938 venne fondata la Scuola Internazionale di Liuteria che ogni anno forma numerosi liutai provenienti da tutto il mondo.

La tecnica

Nonostante gli strumenti ad arco vengano prodotti in diverse parti del mondo la tecnica cremonese è unica al mondo: per ogni strumento vengono modellati e assemblati a mano più di 70 differenti pezzi di legno e ogni pezzo è unico dato che deve essere adattato in base alla differente risposta acustica: non esistono infatti due strumenti perfettamente identici. Ogni parte deve essere lavorata su un legno diverso che viene scelto con cura dal Maestro e preparato naturalmente senza alcuna forzatura: la preparazione richiede lunghi periodi di tempo e l’impiego di materiali naturali come cere e unguenti.

Alcuni degli strumenti fabbricati dal Maestro Devanneaux

Il processo di costruzione viene seguito in tutte le sue fasi dal liutaio, già dalla scelta del legno e dall’albero: il legno deve essere di abete rosso e viene scelto tra alcuni abeti della Foresta di Paneveggio che presenta i caratteristici “Anelli di Risonanza” (individuabili tramite singoli carotaggi e studi dendrocronologici). A causa dell’attenzione scrupolosa che richiede tale costruzione in media un liutaio è in grado di creare dai tre ai sei strumenti all’anno.

Il Maestro Philippe Devanneaux

Philippe Devanneaux è uno dei migliori Maestri Liutai di Cremona: di origini parigine, decide di dedicarsi a tale arte dopo aver incontrato un liutaio che esercitava proprio in questa città. Un vero colpo di fulmine che portò Philippe a imparare magistralmente il mestiere seguendo maestri e artisti: in quattro anni riuscì ad apprendere l’arte della costruzione e affinò la tecnica grazie a un corso di formazione di altri due anni specifico per le tecniche di restauro. Un ulteriore corso sulla costruzione degli archi riuscì a donare una formazione pressoché completa al Maestro che però ci tiene a precisare, non smetterà mai d’imparare.

Il Maestro Philippe Devanneaux e la sua bottega

L’esperienza non ha valore, è il segreto di tutta una vita

Queste sono le parole del Maestro che continua, dal 1991, a creare con passione vere e proprie opere d’arte.

La mia visita alla bottega del liutaio

Sapete quanto io ami la città di Cremona e come molto volentieri torno proprio qui, un po’ alla ricerca delle mie origini e un po’, diciamocelo, perché mi sento davvero a casa.

Cremona è indubbiamente la città della musica: in ogni angolo e a qualsiasi ora del giorno è possibile sentire le note delicate di un violino o quelle più decise di un violoncello riecheggiare. Per i miei 29 anni ho deciso di tornare a Cremona insieme al Pirata per mostrare anche a lui le meraviglie di questa cittadina ed è proprio in questa occasione che abbiamo partecipato a una visita guidata alla bottega organizzata dal gentilissimo e preparato staff di Cremona Target Turismo, gestore dell’Infopoint di Cremona.

La bottega, non distante da Piazza del Comune (centro nevralgico della città), incarna tutto il fascino delle botteghe artigiane storiche: il profumo del legno, le sagome dolci dei modelli, le boccette variopinte con all’interno “intrugli segreti per rendere i violini unici e inimitabili”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Maestro ci ha raccontato la sua storia e di come si sia avvicinato all’arte liutaia, di come si sia innamorato della città di Cremona e di come gli strumenti ad arco, in particolare viole e violini, riescano a trasmettergli emozioni uniche:

Costruire un violino, accarezzare il legno, ricercare sempre di più la perfezione, modellare ogni singolo centimetro dello strumento. É qualcosa di unico e che, anche dopo tutti questi anni, riesce a emozionarmi come fosse la prima volta, il primo violino

Sono rimasta davvero colpita dal vedere la struttura interna di un violino: nonostante si tratti di uno strumento “abbastanza semplice”, contiene molte parti sottili e delicate e ognuna di esse concorre a rendere il suono armonico, caldo, profondo e squillante.

Le parti del violino (cortesia violino-solo.blogspot.com)

Le intriganti spiegazioni del Maestro hanno permesso a tutti noi presenti e non addetti al mestiere di comprendere le fasi di creazione di uno strumento ad arco: il poter toccare con mano la varie parti del violino e lo strumento finito mi ha davvero emozionato.

L’esperienza non è solo visiva: il Maestro coinvolge il pubblico con domande e piccoli quiz divertenti e riesce a catturare l’attenzione di grandi e piccini utilizzando termini semplici e chiari. Inoltre è anche possibile toccare con mano i materiali: Philippe infatti permette ai visitatori di poter “accarezzare” il legno, i modelli e anche gli strumenti finiti, sempre con cura e con attenzione.

Credo che questa esperienza sia davvero totalizzante e non può mancare a chi visita la città, appassionato di musica o meno: l’arte liutaria è infatti così pervasiva che non si può sfuggire alla sua bellezza!

Questo slideshow richiede JavaScript.

A mio parere, questa è stata una delle esperienze più particolari che io abbia mai vissuto, una vera e propria emozione che ricordo con piacere ancora oggi a distanza di tempo.

Ringrazio di cuore il Maestro Philippe Devanneaux per la sua ospitalità e per aver mostrato a me e al pubblico presente i “segreti” del suo lavoro. Ringrazio di cuore Elisabetta, cara amica e organizzatrice di questa favolosa esperienza e tutto lo staff di Target Cremona – Infopoint Cremona!

Commenti

  • 5 Marzo 2022

    Non è possibile visitare Cremona senza la visita ad un mastro artigiano che realizza liuti! Mi segno l’indirizzo ed il nome, per poterci andare al più presto
    Grazie Eliana.

    rispondi
  • 10 Marzo 2022

    Ho un amico violinista che mi ha avvicinato a questo meraviglioso mondo, ma entrare grazie a te nella bottega del liutaio e vederlo all’opera, beh, è davvero un’emozione. Gesti antichi, che si ripetono sapienti per creare oggetti d’arte sublimi.

    rispondi
  • 10 Marzo 2022

    Io credo che sia molto affascinante assistere alla creazione di un violino o per lo meno avere delle spiegazioni dettagliate sulla sua produzione da un vero artigiano. Sono mestieri antichi che con il tempo si stanno un po’ perdendo, ma che grazie a questi Maestri continauno in qualche modo a vivere nel tempo. Mi segnerò di sicuro questa bottega e la inserisco nella mia lista.

    rispondi
  • Lisa Trevaligie Travelblog
    22 Marzo 2022

    Sapevo che Cremona fosse una rinomata culla artistica e il tuo articolo me lo conferma. Sarebbe bello se in ogni viaggio Si dedicasse un pò di tempo agli artisti e ai maestri delle città che Si visitano, per scoprire la vera storia del posto e dei suoi mestieranti.

    rispondi
  • 23 Marzo 2022

    C’è qualcosa di magico in questo lavoro: con le mani si ricava uno strumento dalla voce angelica, partendo da due pezzi di legno. Ho visitato la bottega di un liutaio (non di Cremona) e ne sono rimasta incantata.

    rispondi
  • 25 Marzo 2022

    Un maestro che non smette mai d’imparare… già da queste parole io stimo infinitamente questa persona. È un pensiero bellissimo che vale in ogni ambito della vita. Indubbiamente hai vissuto un’esperienza che non capita tutti i giorni.

    rispondi
  • Libera
    1 Aprile 2022

    Avevo avuto modo di conoscere questa tua esperienza su Instagram e apprezzo molto la professionalità di alcune attività artigianali come i liutai

    rispondi

Ti è piaciuto l'articolo? Scrivimi il tuo pensiero :)

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: