Image Alt

Blog

Vagabondiary: Cipro 2022 – L’Isola di Afrodite

Prima di iniziare a scrivere il diario del mio viaggio a Cipro volevo mostrarvi una panoramica di ciò che è stata la mia esperienza sull’Isola di Afrodite: sette giorni all’insegna del sole battente, alla scoperta dei luoghi più interessanti della Provincia di Paphos e non solo, di buon cibo e di autentica ospitalità mediterranea. Cipro non è solo un’isola: è un turbinio di culture, religioni, miti e credenze condensato in lingue di terra lambite da un mare cristalline e da alte montagne con pendici carbone. Ecco dunque il mio Vagabondiary: Cipro 2022- L’Isola di Afrodite.

Cipro – Repubblica Turca di Cipro del Nord

Dal 21 al 28 luglio 2022

giorno 1 – bergamo orio al serio – Paphos

Volo da Bergamo Orio al Serio a Paphos; auto a noleggio dall’aeroporto all’alloggio.

Dionysos Central Hotel

Il mio viaggio a Cipro inizia con un volo diretto alla cittadina di Paphos, nel sudovest dell’Isola, dove si trova uno dei due aeroporti: puntualissimo l’aereo è partito alle ore 9.30 e ha condotto me e il Pirata sull’Isola di Afrodite in circa tre ore e mezza. Una volta atterrati si è proceduto con il controllo dei documenti e ci siamo condotti al punto di incontro con il bus navetta che ci avrebbe portati all’autonoleggio Aercar: qui, sbrigate le formalità, abbiamo noleggiato (con prenotazione preventiva online) una Mitsubishi Mirage Blue di almeno 10 anni fa che però ci ha condotti egregiamente alla scoperta di questi territori. E’ stata la prima volta che mi sono messa alla prova con la guida a destra e, per giunta, l’auto affidataci aveva il cambio automatico, mai provato in vita mia: insomma, l’avventura a tutta bomba è iniziata subito, ma posso ben dire che questa terapia d’urto è stata davvero efficace.

Superato il disagio iniziale ci siamo diretti verso il Dionysos Central Hotel nel cuore di Paphos e subito abbiamo assaporato gentilezza e cortesia da parte dello staff della struttura: la nostra camera, silenziosa e spaziosa, ci ha davvero soddisfatto e ha risposto a tutte le nostre esigenze con un rapporto qualità/prezzo davvero notevole.

Prese le misure dell’hotel ci siamo dunque diretti verso la spiaggia e abbiamo trascorso la giornata presso il bagno Alykes, affacciato sulla spiaggia municipale: il vento caldo e l’acqua cristallina ci hanno subito traghettati in un’atmosfera unica, fatta di suoni, colori e tanto altro. Questa giornata è stata dedicata al “prendere le misure” di Cipro, all’abituarsi al fuso orario (che, nonostante fosse solo di un’ora in avanti, ci ha un po’ scombussolato) e all’esplorare il centro turistico. Per quanto riguarda la cena ci siamo fermati al romantico ristorante Ouzeri, che propone cucina tipica locale proprio difronte al mare, davvero un’esperienza indimenticabile!

Spese per questo giorno (per due persone, saranno sempre indicate per due)

  • Acquisti aeroporto 20 euro
  • Pranzo 18 euro
  • Bagni Alykes 10 euro
  • Cena 46 euro
  • Totale: 94 euro

Il Castello di Paphos

Giorno 2 – Paphos

Il secondo giorno a Cipro è dedicato alle bellezze archeologiche di Paphos: questa città non è soltanto un luogo cardine del turismo cipriota ma anche un vero e proprio scrigno di meraviglie storiche, come il sito archeologico di Nea Paphos, proclamato Patrimonio UNESCO nel 1980: è così che decidiamo di sfidare il caldo torrido di una delle settimane più calde dell’anno e ci dirigiamo, armati di crema solare e cappellino, presso questo luogo maestoso e imponente per vedere alcuni tra i più suggestivi mosaici ancora oggi conservati al mondo. Oltre a questo sito archeologico decidiamo di visitare anche il Castello di Paphos, simbolo della città, e il sito delle Tombe dei Re: con l’acquisto di un biglietto giornaliero è possibile visitare questi luoghi con soli 8 euro e 50 a testa! Una vera inezia se paragonati all’importanza storica e alla bellezza di questi siti unici al mondo!

Dopo aver mangiato caldo e afa per almeno sei ore decidiamo di trascorrere il resto della giornata letteralmente a mollo nelle tiepide acque del Mediterraneo, del resto il caldo soffocante non permette di vedere altro! Siamo comunque estremamente soddisfatti di questa giornata all’insegna della cultura e dell’archeologia!

Per cena abbiamo scelto di gustare i piatti tipici serviti in porzioni ricchissime alla Mandra Tavern, autentica taverna cipriota dove davvero ci si sente parte della popolazione locale: un must se si vuole mangiare bene e spendere il giusto oltre che gustare i piatti tipici in una cornice davvero suggestiva (inutile dirvi che questo luogo ci ha letteralmente conquistati e che sarà il nostro “ristorante d’elezione” per questo viaggio).

Spese per questo giorno

  • Biglietti per visite ai siti archeologici 17 euro
  • Pranzo 12 euro
  • Bagni Alykes 10 euro
  • Cena presso Mandra Tavern 39,50 euro
  • Altre spese 10 euro
  • Totale 88,50 euro

Donna Vagabonda al sito archeologico di Nea Paphos

Giorno 3 – Paphos – Tala – Bagni di Afrodite (Latsi)

Automobile a noleggio

Per questo terzo giorno abbiamo deciso di spostarci da Paphos verso nordovest per visitare alcuni luoghi particolari di questo distretto: la prima tappa è il Tala Cat Sanctuary a Tala, un vero e proprio rifugio per i gatti randagi che a Cipro sono davvero molti. Con tanta buona volontà e grazie al sostegno dei visitatori e di donatori stranieri questa suggestiva location riesce a mantenere oltre 100 felini e ha visto passare, dalla sua fondazione, oltre 800 gatti di tutte le età e colori. Lo scopo di questa stupenda attività? Trovare una casa per questi graziosi micini. Per due amanti dei gatti come noi era davvero impensabile non visitare (e sostenere) un luogo come questo!

Dopo aver coccolato per circa un’ora i teneri ospiti decidiamo di puntare ancora più a nord per visitare i Bagni di Afrodite, una storica pozza dove, secondo il mito, la splendida dea era solita immergere le sue grazie e rilassarsi all’ombra di alberi maestosi. Devo essere sincera, rispetto alle immagini trovate sul web questo luogo è un po’ diverso e forse non vale la pena percorrere parecchi chilometri (specie sotto il sole e senza aria condizionata) per visitare una location di per sé piuttosto umile, ma devo ammettere che la presenza di numerosi odonati mi ha riscattata, almeno in parte, dalla fatica del viaggio. Stanchi e accaldati avevamo bisogno di un’esperienza degna per sentir “riuscita” la giornata e così abbiamo prenotato un’escursione di Turtle Watching con Atlantis Turtle Watching Cruise, un’esperienza che davvero vale la pena fare, adatta a grandi e piccini!

Spese per questo giorno

  • Donazioni Tala Cat Sanctuary 30 euro
  • Pranzo 8 euro
  • Turtle Watching Cruise 60 euro
  • Cena presso Mandra Tavern 39,50 euro
  • Altre spese 5 euro
  • Totale 142,50 euro

Giorno 4 Paphos – Scoglio di Afrodite – Kolossi – Limassol

Automobile a noleggio

Anche questa giornata è dedicata all’on the road e la nostra mitica “Puffa 2” (chiamata così perché blu come la mitica Volkswagen Up! che ci conduce dappertutto) ci conduce alla scoperta di nuovi siti archeologici e naturalistici. La prima tappa è un luogo iconico del distretto di Paphos: lo scoglio di Afrodite, chiamato in cipriota “Petra tou Romiou”, il luogo dove, secondo il mito, la splendida Dea è nata dalle acque del Mediterraneo. A causa delle forti piogge che hanno provocato una frana che si è scagliata sulla strada non ci è stato possibile raggiungere il punto di osservazione più alto ma, nonostante questo disguido, è stato comunque possibile osservare lo scoglio da più angolazioni.

Una volta lasciata questa caratteristica location ci siamo diretti verso il piccolo centro di Kolossi, alle porte di Limassol, per visitare il castello templare omonimo: l’architettura e la storia di questa rocca sono davvero particolari e una visita la meritava nonostante il caldo torrido. Da qui abbiamo imboccato la strada che ci ha condotti a Limassol, vivace centro urbano in completa espansione, uno dei luoghi più ricchi di tutta Cipro: le piccole e basse casette lasciano il posto a grattacieli e yacht di lusso ed è qui infatti che molti grandi investitori esteri stanno puntando, seppur in parte snaturando la bellezza delle cittadine tradizionali dell’isola. Il pomeriggio lo abbiamo dedicato alla scoperta di questa vivace cittadina. Nonostante molte attrazioni fossero chiuse il centro storico valeva davvero il viaggio, con scorci e luoghi che sembrano d’altri tempi.

Spese per questo giorno

  • Castello di Kolossi 5 euro
  • Pranzo 6 euro
  • Parcheggio Limassol Marina 5,50 euro
  • Cena presso Mandra Tavern 44,50 euro
  • Altre spese 5 euro
  • Totale 66 euro

Donna Vagabonda e lo scoglio di Afrodite

Giorno 5 Paphos – Scoglio di Afrodite – Monti Troodos – Lofou – Cascata di Millomeris – Lambouri Winery – Omodos

Pulmino con autista

Questa giornata è stata dedicata interamente alla scoperta dei Monti Troodos, i cui monasteri bizantini sono Patrimonio dell’UNESCO e luogo simbolo di Cipro. Grazie ad un tour organizzato da Constructour e prenotato tramite Booking siamo partiti in pulmino alla volta di queste montagne, le più alte del Paese, per assaporare l’autentica atmosfera cipriota dell’entroterra: grazie alla super professionale Anna, la nostra guida, abbiamo scoperto moltissime cose sui ciprioti, sulla loro cultura, sul loro cibo e sulle loro abitudini, confermandomi che è molto utile appoggiarsi ad un tour operator locale per scoprire un determinato territorio.

Siamo dunque partiti prima alla volta dello Scoglio di Afrodite per fotografarlo da un’altra prospettiva e in seguito ci siamo diretti a Lofou, splendido e silenzioso borgo abitato da sole dieci persone; successivamente abbiamo potuto affrontare un facile trekking di pochi minuti per raggiungere la Cascata di Millomeris, una delle più suggestive della zona, per poi raggiungere il rifugio di Psilo Dendro e gustarci un pranzetto sfizioso. Successivamente abbiamo raggiunto l’enoteca Lambouri dove abbiamo degustato i favolosi e decisi vini della zona per infine dirigerci verso l’ultima tappa di questo viaggio, Omodos, il borgo più caratteristico dei Monti Troodos.

Spese per questo giorno

  • Tour organizzato 90 euro (pagati in anticipo)
  • Pranzo 21 euro
  • Merenda e souvenir 7 euro
  • Artigianato locale 52 euro
  • Cena presso Mandra Tavern 39,50 euro
  • Altre spese 15 euro
  • Totale 224,50 euro

Donna Vagabonda un bel micio a Omodos

Giorno 6 Paphos – Nicosia – Repubblica Turca di Cipro del Nord

Pullman di linea

Il penultimo giorno di questo splendido viaggio è dedicato alla visita di Nicosia e delle sue bellezze. Purtroppo abbiamo dovuto fare i conti con una giornata davvero calda e non ce la siamo sentita di guidare fino alla capitale (si sono sfiorato i 43°C). Abbiamo dunque optato per l’autobus di linea: di buona lena abbiamo chiamato un taxi che ci ha condotto fino alla stazione dei pullman e, dopo due ore e mezza eccoci giunti a Nicosia. Il viaggio è stato confortevole e molto rilassante (ma soprattutto fresco) e ci ha convinti definitivamente a utilizzare i pullman per spostarci la prossima volta che visiteremo Cipro.

Dalla stazione degli autobus ci siamo diretti verso il Museo Archeologico di Cipro, uno dei musei più interessanti e più ricchi da noi mai visitati: qui abbiamo potuto osservare i celebri “uomini di Cipro”, statuette risalenti a circa 3000 – 2500 anni fa di pregevole fattura. Il museo ospita numerosi reperti di varie epoche, da quella Calcolitica e Neolitica a quella romana e molti di questi pezzi sono davvero unici della cultura cipriota. Lasciato il museo ci siamo diretti verso Ledra Street, il cuore commerciale della città e da qui abbiamo varcato la frontiera per visitare la parte turca di questa capitale, l’unica ancora divisa da un muro.

Dopo il controllo dei documenti, procedura rapida e snella, siamo entrati nella parte più interessante della capitale, immergendoci ancora di più nella cultura medioerientale: qui abbiamo visitato il Buyuk Hamam e il Mercato centrale. Purtroppo la grande moschea era chiusa per ritrutturazione ma, in ogni caso, abbiamo assaporato l’autentica cultura turco-cipriota.

Spese per questo giorno

  • Biglietto del pullman A/R 26 euro
  • Pranzo 6 euro
  • Souvenir 15 euro
  • Cena presso Paninis 13 euro
  • Altre spese 5 euro
  • Totale 52 euro

Donna Vagabonda al Buyuk Hamman

Giorno 7 – 8 – Paphos – Bergamo Orio al Serio

Auto a noleggio – taxi – aereo da Paphos a Bergamo Orio Al Serio

L’ultimo giorno lo abbiamo dedicato principalmente al relax dato che avremmo dovuto svegliarci alle 4 del mattino per poter ripartire alla volta di casa. Abbiamo quindi deciso di visitare il piccolo zoo di Paphos, importante parco zoologico che sviluppa notevoli progetti di tutela delle specie a rischio, il più importante dei quali riguarda il rossetto egiziano che a Cipro occupa il suo areale più settentrionale.

Dopo la visita allo zoo abbiamo riportato l’auto presso l’autonoleggio di Aercar e siamo tornati in città grazie ad un taxi. Il resto della giornata, molto malinconico, è stato dedicato al mare: proprio l’ultimo giorno l’acqua della piccola baia era più turchese e trasparente che mai, regalandoci davvero un meritato “arrivederci”.

L’ultima cena, ovviamente, è stata consumata alla Mandra Tavern e lì ho gustato le costine di maiale più buone al mondo.

Alle 4 di mattina abbiamo infine radunato i nostri bagagli e abbiamo preso un taxi verso l’aeroporto: qui abbiamo fatto colazione e, dopo il controllo consueto dei documenti, abbiamo atteso l’aereo che ci avrebbe ricondotto in Italia.

Spese per questi giorni

  • Zoo di Paphos 33 euro
  • Pranzo 6 euro
  • Bagni Alykes 10 euro
  • Cena presso Mandra Tavern 40 euro
  • Colazione 8 euro
  • Souvenir aeroporto 32 euro
  • Totale 129 euro

Mi auguro che questo articolo possa aiutarvi nella vostra pianificazione di un prossimo viaggio a Cipro: vi consiglio vivamente di visitare questa isola ancora lontana dal turismo massificato, un vero paradiso per chi ama il mare, ma anche per chi, come noi, vuole intraprendere un viaggio culturale e storico alla scoperta della millenaria cultura cipriota!

Se avete apprezzato il mio articolo vi consiglio di dare un’occhiata anche al video creato per voi con gli highlights di Cipro!

 

Vi è piaciuto il mio articolo? Pinnatelo su Pinterest!

 

Vi è piaciuto questo articolo? Scopritene altri su Cipro!

Commenti

  • Bru
    19 Agosto 2022

    Il tuo Vagabondiary è quanto di più preciso e dettagliato può esserci per fare un viaggio nellisola di Cipro, davvro perfetto per chi vuole sapere spostamenti e costi

    rispondi
  • 19 Agosto 2022

    Che splendore Cipro, da Nord a Sud …

    C’ero stata parecchi anni fa e ne conservo ancora un ricordo stupendo! Il tuo “Diario di Viaggio” è molto preciso e dettagliato e ne terrò conto quando organizzerò per ritornarci! Cipro mi sta chiamando: lo sento!

    rispondi
  • 21 Agosto 2022

    Sono stata a Cipro solo come tappa di una crociera quando ero più piccola! Sicuramente vorrei tornarci e questo diario di viaggio sarà molto utile quando organizzerò

    rispondi
  • 21 Agosto 2022

    Avete fatto proprio un bel giro! Mi salvo il link all’articolo perché mi piacerebbe organizzare un viaggio sull’isola prima o poi e il tuo diario di viaggio è davvero molto dettagliato, brava!

    rispondi
  • 24 Agosto 2022

    Sono stata a Cipro per una vacanza di mare anni fa, avevo girato un pochino ma mia figlia era piccola e ce ne siamo stati tanto al mare, la ricordo però con piacere e sicuramente meriterebbe visitare con attenzione tutta l’isola, il tuo resoconto è stato molto preciso e dettagliato

    rispondi
  • Tamara
    24 Agosto 2022

    Ho un amico cipriota, di Nicosia esattamente e spero tanto di poter riuscire ad andare un giorno! Complimenti per l’articolo così dettagliato

    rispondi
  • 24 Agosto 2022

    Devo dire che è stato un bel viaggio completo, un vero peccato per i bagni di Afrodite però che bello aver fatto Turtle Watching! Cipro sembra anche più economica di quello che mi aspettavo!

    rispondi
  • 25 Agosto 2022

    Grazie, l’ho trovato molto utile con anche tutti i dettagli dei costi. I ristoranti mi sembra abbiano un costo maggiore rispetto alla vicina Grecia.

    rispondi
  • Marina
    26 Agosto 2022

    Non ho mai considerato Cipro tra le mie prossime mete, ma il tuo articolo mi ha fatto cambiare idea, ci sono davvero tante cose da vedere ( tra cui ovviamente il santuario dei gatti!). Terrò a mente i tuoi consigli per alberghi, ristoranti e luoghi da visitare.

    rispondi
  • 2 Settembre 2022

    Ho sentito parlare tantissimo di Cipro e sempre in modo positivo; il tuo articolo mi ha convinta della bellezza del luogo e di conseguenza ho deciso di inserire questa isola nella lista delle cose da vedere. Nel caso avessi dei dubbi per l’organizzazione del viaggio, so dove trovarti!

    rispondi
  • 5 Settembre 2022
    rispondi
  • 6 Settembre 2022

    Non sono mai stata a Cipro e devo dire che questo articolo è praticamente un programma di viaggio perfettamente organizzato da salvare e copiare per programmare un viaggio sull’isola. Peccato per i Bagni di Afrodite – è utile sapere che se uno avesse poco tempo a disposizione, eventualmente può saltare quella tappa. Mi hai incuriosita tantissimo nei confronti di una meta che non avevo ancora preso in considerazione!

    rispondi
  • 11 Settembre 2022

    Ho girato Cipro da nord a sud qualche anno fa e mi è piaciuta moltissimo, soprattutto il selvaggio nord e le sua storia contesa tra Grecia e Turchia. Hai scritto un bellissimo e dettagliato articolo che faciliterà chi ha voglia di conoscere questa bellissima isola.

    rispondi
  • 23 Settembre 2022

    L’isola di Cipro è stata una scoperta per me, in particolare la parte nord…. certo anche i mosaici e l’area archeologica di Paphos è una vera e propria meraviglia!

    rispondi

Ti è piaciuto l'articolo? Scrivimi il tuo pensiero :)

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: