Archivi tag: Viaggio

Le mie esperienze da Travel Blogger: intervista a Emanuela di Be Boheme

Essere Travel Blogger per me è qualcosa di meraviglioso perchè mi permette di conoscere tante altre persone appassionate di viaggio e Blogger di viaggi. Grazie a Donna Vagabonda ho stabilito dei bellissimi rapporti di amicizia con queste persone e così ho deciso di intervistarle e di permettere loro di raccontarsi attraverso alcune domande.

Intervista_Be_Boheme

La prima Travel Blogger che ho voluto intervistare è stata una delle primissime persone che ho conosciuto e di cui nutro profonda stima ed ammirazione: si tratta di Emanuela, del blog “Be Boheme, squisita appassionata di viaggi e di avventure. Di lei mi ha colpito la sua gentilezza, la sua disponibilità e naturalmente…Il suo blog! “Be Boheme” è infatti un sito ben strutturato, facile da consultare e dalla grafica semplice ma assolutamente accattivante. Il format dei suoi articoli è fresco e cattura il lettore molto facilmente.

Ma conosciamo Emanuela e la sua metà Francesco in questa intervista.

Raccontami qualcosa di te

Io sono Emanuela e insieme a Francesco siamo i fondatori di www.beboheme.com.

Qualche anno fa mi sarei sentita confusa e indecisa di fronte a questa domanda, per raccontarmi avrei fatto un casino e non avrei saputo neanche da dove partire. Oggi invece con fierezza mi presento: sono Emanuela e sono una designer.

Qualunque cosa mi passi per la testa, tento di trasformarlo in reale, ecco perché sono sempre “impantanata” nei miei 1000 progetti.  Odio le convenzioni e le convinzioni, leggera ma non frivola, amo ascoltare e cogliere le sfumature più nascoste di ogni persona. Non giudico perché non mi piace essere giudicata e non sopporto i pregiudizi. Sono sostanzialmente pigra proprio per questo preferisco non fermarmi mai. Indipendente e decisa, femminista e spirito libero. Ho tanti interessi e una curiosità immensa, ogni giorno mi rendo conto di quante cose ancora non so e quante ne vorrei sapere. Poche cose mi fanno paura, tra queste l’automobile e per questo non guido (chi l’avrebbe mai detto eh?).

Di tanto in tanto sento il bisogno di isolarmi. Testa tra le nuvole e piedi ben piantati a terra. Credo di aver detto tutto, ah no…mi piace scrivere, ma forse questo si era capito vero!?

Una persona poliedrica Emanuela, che si butta a capofitto in ogni suo progetto e che cerca di realizzarlo donandogli quell’impronta colorata e giocosa tipica della sua personalità!

9E436F3F-BCE6-41CA-9376-EB935C476BF0.JPG
Emanuela in tutta la sua spensieratezza!

Come si chiama il tuo blog e perché? Da quanto tempo lo hai aperto?

Il blog nasce per gioco quasi: circa 4 anni fa, frequentavamo insieme un corso di web design e grafica e per l’estate ci era stato dato il compito di realizzare il progetto grafico di un sito web, così scegliemmo di progettare un blog di viaggi. Il progetto ci appassionò così tanto da decidere di farlo diventare un blog vero proprio; Francesco scrisse ogni riga di codice e io cominciai a buttare giù articoli sui vari posti in cui eravamo stati e ripescare tutte le nostre foto di viaggio.

Be Bohème, è un invito ad essere bohème un po’ come noi: artisti, nomadi, appassionati e sempre in cerca di ispirazione, tanta voglia di rispettare le regole ma di abbattere le convenzioni.

Spesso le idee geniali nascono per una fortuita casualità ed è proprio quello che è successo per Be Boheme: un progetto che ancora riempie le vite di Emanuela e Francesco.

Che cosa ti ha spinto ad aprire un blog di viaggi?

In realtà pensavo potesse essere una buona idea per tenere insieme tutti i ricordi di ogni viaggio. Ad un certo punto però, ho pensato che tante cose che avevo visto durante i miei viaggi o quelle piccole curiosità che avevo scoperto potevano essere utili a qualcun’altro e così ho iniziato a scrivere non solo per me ma anche per gli altri.

Oggi il mio blog si compone di diari di viaggio e piccole guide pratiche in cui raccolgo tutte le notizie utili per chi si prepara a partire e vuole organizzare al meglio ogni cosa.

Un blog quindi da tenere in considerazione se volete programmare un viaggio!

Che messaggio vuoi trasmettere ai tuoi lettori?

Io voglio far sì che attraverso il viaggio e non solo, le persone possano sentirsi ispirate e ritrovare in po’ di spensieratezza. Voglio parlare dei miei viaggi e del perché viaggio affinché gli altri possano capire quanto ciò ti arricchisce e ti completa.

Vorrei che per le persone il viaggio non fosse solo una vacanza ma un modo per ritrovarsi. Viaggiare dovrebbe diventare un routine e non c’è bisogno di spendere tanto o arrivare dall’altro capo del mondo, viaggiare vuol dire anche  riscoprire la propria città o i luoghi vicini che a volte neanche consideriamo.

Un viaggio consapevole e incentrato sulla persona, un viaggio che permetta la riscoperta di sè stessi e che deve essere un mezzo per conoscersi e conoscere il luogo che si vuole visitare.

Qual è la cosa più difficile per una Travel Blogger?

Avere l’occasione di dimostrare la propria attendibilità e la propria professionalità! L’Italia ad esempio è un paese che non crede e non ha mai creduto del digitale, un paese che pensa che il blogging in generale non sia una professione, quindi dobbiamo dimostrare il valore dei nostri contenuti e i benefici che da essi derivano.

Purtroppo la professione del blogger in Italia non è praticamente riconosciuta e anche gli enti locali, spesso, guardano alla nostra realtà con diffidenza.

Dove pensi ti porterà il tuo blog?

Be Bohème é parte di un grande progetto che comprende tantissime altre cose e onestamente, non so dove arriverà ma spero che ci sia sempre. Sono così affezionata a questo mio piccolo mondo virtuale e alle persone conosciute qui che spero che Be Bohème possa continuare ad essere il blog di viaggi mio e di tante persone, persone che come me condividono la stessa passione.

Di sicuro Be Boheme è un bel punto di riferimento per i viaggiatori e non solo!

Processed with VSCO with a6 preset
Una bellissima coppia di viaggiatori!

Qual è il viaggio che più ti è rimasto nel cuore? Perché?

Uno dei più recenti, Marrakech. Marrakech perché mi ha regalato colori e odori meravigliosi. Marrakech perché é stato il primo viaggio con la mia migliora amica che è anche la mia socia. Marrakech perché mi ha regalato inaspettate amicizie e mi ha confermato l’inutilità dei pregiudizi. Inoltre il viaggio a Marrakech è stato un viaggio diverso per me e Francesco: in quest’occasione lui avevo una mano fratturata e forse per la prima volta sono stata io a prendermi cura di lui lontano da casa; portargli la valigia, aiutarlo a vestirsi o allacciarsi le scarpe ai controlli in aeroporto, sicuramente un viaggio che ha ulteriormente rafforzato il nostro legame.

Il viaggio come unione, come collante, come passione comune: viaggiare significa condividere ed Emanuela e Francesco hanno deciso di condividere la loro rispettiva vita anche attraverso questa loro passione comune.

Quale invece ti ha deluso e perché?

Per fortuna nessuno. Sarà che quando viaggio ho lo stesso entusiasmo di una bambina e non c’è niente che non mi entusiasmi. Amo trovare la bellezza e l’autenticità di ogni luogo, non potrei dire di essere delusa da niente perché ogni posto mi ha regalato qualcosa, mi ha reso felice e si è preso un po’ di me.

Emanuela cerca sempre di cogliere il meglio dei suoi viaggi e delle sue esperienze, forse è proprio questo che le impedisce di rimanere delusa!

Qual è il tuo viaggio da sogno? Perché?

Messico e non mi stanco di ripeterlo.

Io non so, forse in un’altra vita appartenevo alla cultura messicana ma a quando guardo le immagini di Guadalajara o Tulum provo quasi un  senso di nostalgia.

La musica, la lingua, il colore e la tradizione messicana mi affascinano in maniera inspiegabile e so che quando riuscirò ad andare lì… Sarà come tornare a casa.

Ti capisco bene Emanuela, per me è così con la Germania. E’ come se ognuno di noi appartenesse ad un luogo particolare e quel luogo ci chiamasse a gran voce: per te è il Messico e per me è la Germania.

Scrivi tre parole che definiscono il tuo “viaggio tipico”

Solo tre? Mmmmh vediamo: spericolato, organizzato e… sempre troppo breve 🙂

Grazie di cuore Emanuela per avermi concesso questa tua intervista. Spero un giorno di poterti conoscere di persona e di passare del tempo insieme: magari chissà, riusciremo ad organizzare anche un bel viaggio!

Di seguito, i riferimenti di Be Boheme

Blog: Be Boheme

Pinterest: Be Boheme

Instagram: @bebohemeita

Facebook: https://www.facebook.com/bebohemeofficial/

Consigli di viaggio: organizzare il proprio viaggio al meglio

Tutti noi almeno una volta nella vita abbiamo viaggiato: che sia solo per una breve gita o escursione o che sia per il viaggio dei nostri sogni poco cambia, dato che tutti sono preceduti da un’organizzazione. Già, ma come si fa ad organizzare al meglio un viaggio? Esiste una prassi da seguire? E’ meglio fare tutto da soli o affidarsi ad un’agenzia? In questo articolo vorrei rispondere a queste domande che molte volte mi sono state fatte.

Organizzazione viaggio

Vademecum di viaggio: escursioni in giornata

Chi di noi non si è mai svegliato il sabato mattina con la voglia di fare una delle cosiddette “gite fuori porta”? Beh, se siete appasionati di viaggi sicuramente conoscete questa sensazione di frenesia e voglia incontrollabile di salire in auto e partire. Ma anche un’escursione in giornata deve essere un minimo pianificata, a meno che non si voglia raggiungere il luogo per poi ritrovarsi delusi dalle sue molteplici sfaccettature.

Anche se so che a volte è irresistibile decidere di fissare un punto a caso sul navigatore e partire per quella meta, in questo articolo mi occuperò solo di viaggi svolti con un minimo di pianificazione (che può avvenire anche appena prima di partire, ci mancherebbe!)

Quando decidiamo di partire dobbiamo porci alcune domande basilari:

  • Dove?
  • Per quanto tempo?
  • Come?
  • Con chi?

Sembrano questioni banali ma posso assicurarvi che non lo sono: in molti, amici, parenti, lettori, mi hanno confidato di non aver pianificato bene i loro viaggi e alla fine ne sono rimasti delusi, per uno o per molti fattori che sono entrati in gioco. Inanzitutto dovete decidere la meta e questa scelta deve essere correlata al tempo che avete a disposizione: se si tratta di una gita fuori porta non potete scegliere una meta troppo lontana dalla vostra base o difficile da raggiungere (di certo non potete scegliere di scalare il Monte Bianco, ad esempio). Contate che il viaggio di andata e quello di ritorno devono rientrare nel vostro “conteggio ore” quindi, se volete visitare una meta distante, dovete mettere in conto anche il traffico, i disagi dei mezzi, l’eventuale ritardo che proprio voi accumulerete (magari vi siete attardati a scattare più foto del previsto o un luogo vi ha particolarmente coinvolto da desiderare di trascorrervi più tempo). Come progettare al meglio un viaggio di questo genere? Io vi consiglio di consultare blog di viaggi e articoli che troverete facilmente su internet, cercando banalmente “cosa vedere a ___________” se non conoscete la vostra meta. Se invece conoscete il territorio o per lo meno il suo capoluogo, ci sono moltissime guide (cartacee e non) che potranno indicarvi dei luoghi suggestivi: io adoro scoprire luoghi storici e castelli, quindi ho acquistato dei libri che mostrano e mi offrono delle mete di questo genere sia nel mio territorio che in territori limitrofi. A volte si è restii ad acquistare le guide ma, credetemi, i libri sono talmente ben scritti che non riuscirete più a non consultarli!

Libri_ok.jpg
Alcuni libri e guide di viaggio sulla Scozia che ho acquistato prima e durante il mio viaggio

Altro aspetto da non trascurare è di sicuro il “come”: in molti viaggiano in auto, per la facilità degli spostamenti e per la comodità di avere il proprio mezzo, ma si può optare anche per i mezzi pubblici (autobus, pullman, treni), che vi garatiscono comunque una certa comodità e un budget a volte ridotto: certo, la tematica del ritardo è sempre da tenere sott’occhio, soprattutto se vogliamo spostarci di sera. Per questo motivo consultate sempre gli orari dei mezzi e se ci sono disagi o scioperi previsti, altrimenti la vostra gita sarà sicuramente rovinata.

Ultimo ma non meno importante è sicuramente il fattore “con chi”: quante volte ho sentito qualcuno dirmi “la città non l’ho apprezzata perchè i miei compagni di viaggio avevano esigenze diverse dalle mie”, o anche “non mi è piaciuto questo luogo perchè non sono riuscita a vedere ciò che volevo a causa di interessi e gusti diversi dei miei compagni”. Sembra davvero tanto tanto banale ma davvero non è così: la scelta dei compagni di viaggio è fondamentale, soprattutto per viaggio medio-lunghi. Bisogna sempre aver chiaro con chi si viaggia e le esigenze del gruppo: questo può far cambiare di molto la vostra esperienza, trasformandola da positiva a negativa. Se vi piacciono le camminate e il contatto con la natura, di sicuro non scegliete un compagno che predilige la vita mondana e lo shopping (e viceversa, naturalmente!). Se amate l’arte e i musei non scegliete un compagno che invece preferisce stare en plain air. Insomma, le esigenze devono essere simili e convergenti laddove non si raggiunge un buon compromesso. Piuttosto, e ve lo dico per eseperienza, andate da soli e in questo modo avrete i vostri personali interessi e ritmi da seguire.

Ioegabschonbrunn_1.jpg
Viaggiate con chi vi ama, viaggiate con chi vi fa amare ciò che fate!

Vademecum di viaggio: il viaggio di più giorni

Dopo aver trascorso intere giornate a fare gite fuori porta sentirete il bisogno di trascorrere più tempo in viaggio, di vedere di più di quello che avete visto fino ad ora e di spostarvi più lontano. Siete dunque pronti a fare il salto e a diventare “medi viaggiatori”. Naturalmente dovrete tener conto sempre delle domande universali che bisogna porsi (dove, per quanto tempo, come, con chi) ma questa volta potete pianificare un viaggio più lontano e di più giorni. Attenzione, sia in termini di costi che in termini di tempo le cose cambiano: spesso gli spostamenti sono di più, come pure i mezzi di trasporto. Se pensiamo alla visita di una città straniera o lontana dalla nostra base, molto spesso si opta per l’aereo e poi per i mezzi pubblici per gli spostamenti “interni”: questo vuol dire organizzazione del volo, dei suoi orari e dei vostri per raggiungere l’aeroporto. Spesso il volo, a causa dei costi, si deve prenotare con largo anticipo: assicuratevi di prenotare prima il volo che l’albergo, soprattutto se volete visitare una meta gettonata in un periodo “caldo”, e non sto parlando delle temperature ma di alcuni periodi dell’anno (Pasqua, Ferragosto, Capodanno in primis). La cosa migliore, in ogni caso, è fare un controllo incrociato sia della disponibilità delle strutture ricettive sia dei voli. A questo proposito potete utilizzare le numerose piattaforme presenti sul web, da Booking a Hotels, da Skyscanner ad Expedia. Se invece non vi trovate bene in questo modo potrete sempre chiedere aiuto alle agenzie di viaggio o ad alcuni tour operator.

Vademecum di viaggio: On the road, in gruppo e in solitaria

Forse a questo step non ci si arriva sempre, o forse si parte proprio da questo step, sia per voglia di avventura sia per provare qualcosa di nuovo. Questi sono viaggi più avventurosi, più lunghi, più organizzati e verso mete molto più lontane. A volte la pianificazione di questo tipo di viaggio richiede mesi, se non addirittura anni, mentre a volte bastano poche ore. Se siete spiriti liberi e non volete vincoli di sicuro vi consiglio un bel viaggio “zaino in spalla” verso mete esotiche e particolari: assicuratevi, però, di conoscere bene almeno l’inglese e di possedere un itinerario ben strutturato (e anche di avere un budget adeguato). Forse un tempo si poteva scegliere di partire e di pernottare “dove capitava” ma oggi non è più così facile: in Scozia e in estate, ad esempio, è fondamentale prenotare con anticipo le strutture, altrimenti vi troverete a dormire in auto. In altre parti del mondo non è detto che le cose vadano come in Scozia ma io consiglio comunque di non lasciare nulla per quanto riguarda i pernottamenti al caso e di partire con già un itinerario pronto.

Questione fatidica è di sicuro il “con chi”: se il budget, la meta e il mezzo li avete già scelti, non resta che assicurarsi di viaggiare con le persone giuste. Per chi vuole azzardare, ci sono alcuni tour operator che organizzano viaggi di gruppo dove non si conoscono i membri se non al momento della partenza: è il caso, ad esempio, del tour operator “Avventure nel Mondo“, con cui ho viaggiato e con cui mi sono trovata molto bene. Se non siete persone adattabili e non condividereste per nulla al mondo la vostra stanza (o il vostro letto, perchè può capitare) con uno sconociuto, allora questo non fa per voi. Se preferite invece viaggiare con persone fidate o con chi conoscete beh, dovrete trovare qualcuno che come voi vuole partire per un viaggio in Africa di 20 giorni o per un tour estremo nel freddo nord del Canada (sembra facile eh? Ma non penso proprio che lo sia).

Crespi.jpg
Con gli amici è sempre bello viaggiare!

I consigli di Donna Vagabonda

Siamo dunque giunti al cuore dell’articolo: se decido di fare tutto da solo, come posso fare?

Scelta del mezzo e siti utili

 

Se decidete di viaggiare con l’aereo, uno dei mezzi più veloci e gratuiti per trovare dei voli adatti a voi è sicuramente Skyscanner: si tratta di un motore di ricerca internazionale di voli, senza finalità di vendita, che permette agli utenti di navigare tra i prezzi e le destinazioni delle offerte di volo e di confrontare le diverse offerte disponibili. Oltre alla comparazione dei voli, Skyscanner vi offre la possibilità di trovare una sistemazione o un’auto a noleggio. Io lo utilizzo sempre quando si tratta di acquistare i voli o per il noleggio dell’auto. Altri motori di ricerca molto utilizzati sono Volagratis, Kayak, eDreams, Momondo.

Scelta della sistemazione

Il web qui davvero si sbizzarrisce e i portali che offrono questo tipo di servizio sono moltissimi. Io ve ne consiglio due in particolare: Booking ed Expedia. Con Booking avete la possibilità di trovare milioni di sistemazioni, di ogni tipo, in tutto il mondo: grazie al programma Genius, inoltre potete accumulare dei livelli e dunque delle promozioni e dei vantaggi come premio fedeltà. Personalmente mi trovo molto bene ad utilizzare questo portale e, per quasi tutti i miei viaggi, la scelta ricade proprio su Booking. Oltre a Booking, ho utilizzato anche Expedia, soprattutto per quei viaggi che combinavano il volo più l’hotel e non sono rimasta mai delusa.

Attività presso la destinazione

Se volete svolgere un’attività diversa dal solito o cercate un tour guidato, Get Your Guide è cio che fa per voi: in moltissime città sono disponibili visite accompagnate da guide in inglese o multilingue, attività non convenzionali e sconti su alcune attrazioni. Ho utilizzato più volte questo sito (ad esempio per il mio guided tour al Campo di Concentramento di Dachau) e vi garantisco che il servizio è ottimo!

Spostamenti

Personalmente, quando non mi muovo in auto, cerco di sfruttare sempre i mezzi pubblici del luogo che sto visitando. Quando questo non è possibile, mi affido all’applicazione Uber: memore della mia ottima esperienza vissuta a Varsavia, posso consigliarla tranquillamente anche a chi non è avvezzo al trasporto tramite taxi. Uber consente di scegliere il proprio trasporto e di valutarlo a fine corsa, inoltre i pagamenti avvengono in modo digitale, tramite PayPal.

Altri servizi

Se volete saperne di più sul luogo che volete visitare o volete trovare qualche attività interessante, vi consiglio di recarvi presso gli Uffici del Turismo: al loro interno troverete persone del luogo disposte ad aiutarvi, spesso parlanti più lingue, e che vi sapranno consigliare al meglio. Ho sempre avuto un’esperienza positiva con questi e sono felice di raccomandarveli. In particolare, vi consiglio lo IAT di Verona, il Portree iCentre, il Vienna Tourist Board.

Per rispondere alle domande…

Non esiste un modo migliore per organizzare un viaggio: l’organizzazione, così come l’esperienza, è personale e ognuno usa il metodo che preferisce. Un viaggio organizzato dall’agenzia non è migliore o peggiore rispetto ad un viaggio fai-da-te perchè ogni viaggio è personale e cambia in base alle attitudini del viaggiatore. Di certo, più si viaggia e più si impara a viaggiare e questa credo sia l’unica prassi da seguire: viaggiate, imparate dai vostri errori e miglioratevi, sia come persone che come viaggiatori.

Io_fusine.jpg
Solo viaggiando si può scoprire il meglio di noi!

Spero di avervi aiutato con questo articolo nell’organizzazione dei vostri viaggi.

Non mi resta che augurarvi, buon viaggio!

Pianificazione del viaggio: Varsavia 2019

Non so come mai ma penso che il 2019 sia l’anno della lettera V. V come Verona, V come Vienna e V come…Varsavia! Sono appena tornata da un bellissimo viaggio a Vienna (leggete qui la pianificazione di questo viaggio) e sono già pronta per ripartire, destinazione: la capitale della Polonia, Varsavia. Non sono mai stata in Polonia ed era da qualche anno che mi frullava in testa l’idea di poter visitare questo immenso Paese ma non avevo avuto ancora l’occasione di poter organizzare qualcosa veramente. Un pomeriggio di luglio, prima di partire per la Scozia (leggete qui la pianificazione di questo viaggio), pensai di fare un viaggio da qualche parte a metà agosto. All’inizio presi in considerazione la mia amata Germania ma poi mi sono detta “perchè non visitare un Paese che ancora non ho mai visto?” e la scelta ricadde sulla Polonia e in particolare su Varsavia. Eccomi qua dunque, pronta a partire per questo nuovo viaggio!

Varsavia_pianificazione

Varsavia, la città risorta

17 Agosto – 21 Agosto

adam-niescioruk-Z9Eoq7DgCUo-unsplash
Photo by Adam Nieścioruk on Unsplash

Varsavia è la capitale della Polonia, situata nella parte centro-orientale del Paese nel voivodato della Masovia, sul fiume Vistola. La città è il principale centro scientifico, culturale, politico ed economico ed è anche il capoluogo del voivodato della Masovia, e costituisce al contempo comune e distretto.

Cartina della Polonia con localizzazione di Varsavia
Cartina della Polonia con localizzazione di Varsavia. Fonte: viaggiatori.net

Budget: 900 euro in due (circa).

Vaccinazioni: nessuna obbligatoria.

Visti: nessun visto obbligatorio, necessaria Carta d’Identità o Passaporto.

Viaggiare Sicuri: dalla Farnesina non risultano esserci problematiche relative ad un viaggio a Varsavia o in Polonia in senso lato. Per ulteriori informazioni, visitate il Sito ufficiale.

Perchè ho scelto Varsavia: Varsavia è una delle più giovani capitali d’Europa. La sua storia è intimamente legata alle vicende che si sono susseguite durante la Seconda Guerra Mondiale e durante la Guerra Fredda. Con il venir meno del blocco sovietico, la Polonia è diventata un Paese indipendente e aperto al turismo. Nonostante abbia sofferto la rivalità con Cracovia per quanto riguarda il turismo, Varsavia mi ha colpito perchè ospita numerosi musei e palazzi storici da visitare, come il Castello, il Belvedere, il Parco Łazienki, Il Palazzo della Cultura e della Scienza, il Museo della Rivolta di Varsavia e il Museo di Wilanów. Da appassionate di storia, volevamo visitare i luoghi degli scontri della Seconda Guerra Mondiale e il memoriale delle vittime, quindi un giorno lo dedicherò soltanto a questi.

La scelta dell’Hotel: come sempre, mi sono affidata al mio portale di hotel preferito, Booking, che mi ha sempre assicurato cancellazione gratuita e servizi adeguati, corrispondenti a quelli descritti. Ho prenotato a luglio per agosto e ho trovato una driscreta gamma di strutture tra cui scegliere: cercavo un hotel non troppo costoso ma che fosse in centro e, soprattutto, vicino alla metropolitana per potermi spostare agevolmente. La mia scelta è ricaduta sull’Hotel Metropol: situato nel centro di Varsavia, proprio di fronte al Palazzo della Cultura e della Scienza, questo business hotel mi ha colpito per la sua splendida posizione e per il fatto di avere anche un ristorante incorporato, utile sia per me che mia mamma, soprattutto quando saremo stanche dopo una giornata di cammino!

La scelta del mezzo: per questo viaggio ho deciso di raggiungere Varsavia in aereo e poi di spostarmi con i mezzi pubblici e a piedi. Come al solito ho utilizzato SkyScanner per scegliere il volo e sono riuscita a trovare un buon volo con la compagnia aerea Ryanair con cui mi sono sempre trovata bene. La partenza ed il rientro sono fissate da/per Bergamo Orio al Serio a/per Varsavia Modlin. Unica pecca: gli orari dei voli non sono proprio i migliori e siamo costrette ad arrivare la sera del 17 quindi un giorno verrà perso in questo modo.

Itinerario: non essendo mai stata prima a Varsavia non so cosa aspettarmi ma le aspettative sono molto alte, quindi non vedo l’ora di scoprire le bellezze di questa capitale! Con un breve itinerario ho deciso di visitare il Palazzo della Scienze e della Cultura (a maggior ragione dato che l’hotel sorge proprio di fronte a questa struttura), il Palazzo Reale, il centro città e città vecchia, il memoriale del Ghetto, la Sinagoga, il Museo della Rivolta di Varsavia, il parco Lazienski, il Museo Wilanow, il Belvedere, i Giardini Sassoni. Spero che il meteo mi assista e di riuscire a vedere tutto! Purtroppo l’orario dei voli non è proprio confortevole ma di necessità faremo virtù!

Cosa portare in valigia: a Varsavia la temperatura si aggirerà intorno ai 27-30 gradi. L’abbigliamento sarà comodo e molto casual, semplice e non pretenzioso. In valigia metterò molte magliette, camicie e pantaloni leggeri, senza tralasciare qualche indumento più pesante, come le maglie di cotone. Non mancherà una felpa nel caso facesse brutto tempo (e le previsioni non sono molto confortanti).

Prima di partire: Ho contattato l’Ufficio del Turismo di Varsavia e non ho ricevuto alcuna risposta: purtroppo so che questo ufficio del turismo non risponde alle mail se non di rado quindi mi presenterò di persona per avere informazioni alle collaborazioni con i Travel Blogger. Come sempre in cambio scriverò articoli e pubblicherò le fotografie sul mio profilo Instagram.

Pianificazione del viaggio: Vienna 2019

Era da molto tempo che volevo tornare in Austria e, in particolare, a Vienna. Già, perchè di Vienna mi sono già innamorata quando la vidi per la prima volta durante il viaggio che mia zia mi regalò per l’esame di Maturità: fu davvero amore a prima vista. A distanza di quasi 10 anni ho deciso di ritornare nella capitale austriaca per rivivere le stesse emozioni che ho provato vedendo la maestosità dell’Hofburg o dello Schloss Schönbrunn e per mostrare a Gabriele tutta la magnificenza di questi luoghi. E così, dopo il viaggio a Colonia, ho deciso di prenotare la struttura ed il volo per Vienna. Eccoci dunque, alla Pianificazione del viaggio.

Vienna_Pianificazione

Vienna, la città dell’Impero

5 Agosto – 9 Agosto

jacek-dylag-5SjAaqqCCmY-unsplash.jpg
Photo by Jacek Dylag on Unsplash

Vienna è la capitale e allo stesso tempo uno dei nove stati federali dell’Austria, nonchè il settimo comune per abitanti dell’Unione Europea. E’ circondata dalla Bassa Austria ed è sede di importanti organizzazioni tra cui l’OPEC e dell’ONU. Il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. La città è stata il fulcro di molti avvenimenti durante la storia non solo di questo Paese, ma dell’Europa tutta. Capitale dell’Impero Austro-Ungarico, Vienna mostra la sua storia attraverso palazzo sontuosi e chiese maestose.

Mappa-Austria
Cartina dell’Austria: GFDL con disclaimer, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=205671

Budget: 900 euro in due (circa).

Vaccinazioni: nessuna obbligatoria.

Visti: nessun visto obbligatorio, necessaria Carta d’Identità o Passaporto.

Viaggiare Sicuri: dalla Farnesina non risultano esserci problematiche relative ad un viaggio a Vienna o in Austria in senso lato. Per ulteriori informazioni, visitate il Sito ufficiale.

Perchè ho scelto Vienna: Vienna è una delle capitali europee con più storia in assoluto. Volevo visitare un luogo ricco di cultura e di storia da raccontare, che non fosse troppo lontano dall’Italia e che possa offrirmi tutti i confort di una vacanza non troppo impegnativa. Dopo il viaggio on the road in Scozia che è stato tutt’altro che rilassante (ma ne è valsa la pena, credetemi) avevo bisogno di un viaggio dove potermi rilassare ma anche di visitare splendidi palazzi e dimore storiche. Era poi da molto tempo che volevo ritornare a Vienna per apprezzarla ancora di più e per vedere ciò che mi è sfuggito l’ultima volta.

La scelta dell’Hotel: come sempre, mi sono affidata al mio portale di hotel preferito, Booking, che mi ha sempre assicurato cancellazione gratuita e servizi adeguati, corrispondenti a quelli descritti. Ho prenotato a marzo per agosto e ho trovato una vasta gamma di strutture tra cui scegliere: cercavo un hotel non troppo costoso ma che fosse in centro e, soprattutto, vicino alla metropolitana per potermi spostare agevolmente. La mia scelta è ricaduta sull’Hotel Zipser: situato nel Quartiere di Josefstadt a Vienna, a soli 100 metri dal Municipio e dalla stazione della metropolitana Rathaus (linea U2), questo hotel a 3 stelle a conduzione familiare sorge in un edificio in stile Art Nouveau. Un luogo alla nostra portata e davvero comodo grazie alla sua posizione!

La scelta del mezzo: per questo viaggio ho deciso di raggiungere Vienna in aereo e poi di spostarmi con i mezzi pubblici e a piedi. Come al solito ho utilizzato SkyScanner per scegliere il volo e sono riuscita a trovare un buon compromesso utilizzando due compagnie diverse: Ryanair e Wizz Air. Purtroppo non ho potuto optare per una compagnia sola ma alla fine sono riuscita ad ottenere un prezzo vantaggioso sia per l’andata che per il ritorno.

Itinerario: Vienna è tutta da ammirare e assaporare. Alcune tappe sono davvero imprescindibili, come il Duomo di Santo Stefano, il Palazzo Hofburg, Il Palazzo Belvedere, il Palazzo Schönbrunn e il Prater. Sicuramente visiteremo anche la Casa di Freud (essendo entrambi appassionati di psicoanalisi ed estimatori del grande scienziato), il Museo di Storia dell’Arte e quello di Scienze Naturali.

Cosa portare in valigia: a Vienna la temperatura si aggirerà intorno ai 25-30 gradi. L’abbigliamento sarà comodo e molto casual, semplice e non pretenzioso. In valigia metteremo molte magliette e camicie e pantaloni leggeri. Non mancherà una felpa nel caso facesse brutto tempo.

Prima di partire: Ho contattato l’Ufficio del Turismo di Vienna e ho ricevuto una bellissima sorpresa: anche Vienna, come Verona, ha riservato ad entrambi due Vienna City Card e alcuni vouchers per i ristoranti e i locali. Il Press Kit ci sarà recapitato in hotel e lo troveremo al nostro arrivo. Come sempre in cambio scriverò articoli e pubblicherò le fotografie sul mio profilo Instagram. Ringrazio dunque vivamente l’Ente del Turismo di Vienna che ci ha offerto questa grande possibilità.