Archivi tag: New York

Il museo di maggio: il National Museum of the American Indian di New York

Il National Museum of the American Indian di New York, è un museo ai molti sconosciuto, ma che vale la pena vedere almeno una volta, se fate visita alla Grande Mela. Ho visitato il museo durante il mio viaggio a New York (questo il link per leggere il primo giorno del diario di viaggio), e l’ho scoperto quasi per caso. Sicuramente, New York non è famosa per questo luogo, a causa della più ben nota fama del Metropolitan Museum, del MOMA o del Museo di Storia Naturale, ma di certo il non è meno interessante.

Il museo si trova presso il Bowling Green, non lontano dalla borsa di Wall Street, servito benissimo dalla metropolitana. Dopo essere scesa, mi affaccio sull’imponente edificio che ospita il museo, ovvero l’US Custom House: questo edificio, con colonne e una scalinata imponente, è stato costruito sui resti di Fort Amsterdam.

Museo_Americani_2
L’ingresso del museo.

Non è del tutto casuale che il museo risieda proprio qui, infatti Fort Amsterdam fu edificato dagli Olandesi per proteggere il porto non lontano di New Amsterdam: qui avvenivano molti scambi commerciali, soprattutto con i nativi americani delle varie e numerose tibù. Ecco che il nostro edificio si arricchisce anche di un valore storico.

Entrata al museo, che è totalmente gratuito, inizio la mia visita che so già per certo non potrà deludermi: il museo, infatti, fa parte del complesso dello Smithsonian Institution, il più grande complesso museale e di ricerca di tutto il mondo: il gruppo racchiude numerosi musei negli USA e molto altro ancora. Insomma, se c’è di mezzo lo Smithsonian, andiamo sul sicuro, è un marchio di fabbrica.

Mi appresto dunque a visitare l’esposizione permanente, chiamata Infinity of Nations: 700 manufatti di vario genere provenienti dalle tribù di Nativi Americani, dal Nord America fino al Sud, non solo degli Stati Uniti.

Rimango stupefatta dalla varietà e dai colori di questi oggetti: copricapi con penne di ara e di altri pappagalli, vestiti, monili con perline, ma anche utensili, armi e vasellame.

La collezione è una selezione di oggetti raccolti da George Gustav Heye durante i suoi viaggi. Si toccano davvero moltissime culture, gloriose tribù e parti del mondo che a quell’epoca dovevano essere anche un po’ sconosciute (siamo nel 1800). Ogni tribù utilizza i colori per lasciare dei messaggi: ad esempio, i Lakota preferivano i colori blu e giallo, mentre la tibù Seminole prediligeva il rosso.

Museo_Americani_copertina
Copricapo con penne di ara e di altri uccelli.

Dopo circa due ore e un viaggio straordinario tra le culture, mi sento più arricchita e molto felice di aver visitato questo museo, che dovrebbe essere sicuramente una tappa per tutti, non solo per gli studiosi e gli appassionati.

Diario di viaggio: New York – giorno 6

Ultimo giorno nella Grnde Mela, prima di rientrare in Italia. Come per ogni mio viaggio, l’ultimo giorno è quello più soft, quindi dedicato a compere e a visite non troppo impegnative. Alla mattina, io e mia madre ci dirigiamo verso il Brooklyn Botanic Garden, un giardino di ben 21 ettari che conserva le più diverse specie di piante: il giardino è stato fondato nel 1910 ed è diviso in sezioni. Particolarmente interessanti, sono le sezioni delle serre tropicali, la serra dei bonsai, il giardino giapponese, l’immenso roseto con varietà speciali e famose di rose.

Con gli occhi all’insù, ad ammirare la folta chioma degli alberi, ci gustiamo la bellissima e fresca giornata: lo smog della grande metropoli sembra così lontana in questo Eden, gli uccellini gorgheggiano e la tranquillità regna sovrana. Dopo una bella passeggiata attraverso la via dei ciliegi, dove ogni essenza ha categoricamente un cartellino ben visbile e aggiornato che ci esplica la specie, raggiungiamo il giardino giapponese: qui troviamo un bellissimo laghetto con le carpe Koi e un arco rosso, tipico simbolo del Giappone. Un piccolo capanno di osservazione, funge anche come luogo di ristoro. Oltre a noi, notiamo che non ci sono tanti turisti stranieri, bensì molti americani, che passano una giornata tranquilla e diversa insieme alla loro famiglia.

New_York_52
Il giardino giapponese

Dopo aver scattato qualche foto, ci dirigiamo verso le serre: davanti a queste c’è un ottimo punto di ristoro, dove potrete mangiare senza spendere molto. Le serre sono davvero magnifiche: in una ritroviamo le piante tipiche della foresta pluviale, con una bellissima varietà di orchidee epifite, oltre ad altre piante molto lussureggianti. La serra, prosegue con la ricostruzione degli ambienti aridi, con molte spoepecie di cactacee e altre succulente, da osservare tramite un piccolo percorso guidato. La serra affiancata, invece, custodisce una bellissima collezione di bonsai, che apprezzo particolarmente: li fotografo tutte, queste piccole meraviglie.

Dopo un bel giro nelle serre, continuiamo il nostro toru, scoprendo anche la parte adibita ai bambini: una zona con tanti laboratori didattici, piccole aiole dove i bambini posso piantare i fiori durante le attività proposte. Una cosa salta all’occhio, girando per il Garden: l’ordine, la pulizia, la manutenzione eccellente di questo giardino botanico. Noi italiani dovremmo solo prendere esempio, e sistemare i tanti giardini botanici che riversano in stato critico nel nostro “Bel Paese”.

Dopo un bel giretto attraverso il bosco delle essenze spontanee, arriviamo al roseto: prima di visitarlo, ci sdraiamo per una bella pausa nel prato che lo attornia. Qui, vediamo tanti americani giocare con i figli, leggere un libro, ma anche conversare e riposarsi. Come per il Central park, il Brooklyn Botanic Garden deve essere un bell’esempio di tranquillità per i Newyorkesi.

New_York_58
La statua davanti al roseto

Davanti al roseto, non posso che rimanere estasiata, da coltivatrice appassionata di queste piante: il roseto è stato costruito nel 1927, grazie ad una donazione di 15,000 dollari da parte dell’ingegnere Walter V. Cranford. Qui, sono piantate più di 5000 cespugli, di 1400 varietà diverse, che includono specie selvatiche, antiche rose del giardino, grandiflore, floribundas, polyanthas, rose in miniatura e varietà di TEA. Per un approfondimento sulle rose, vi invito a leggere qui. Fotografo minuziosamente tutte le piante e il loro cartellino, e sospiro, sognando anche io un giardino di rose come questo.

Passiamo quasi l’intera giornata al giardino, ma poi dobbiamo inevitabilmente lasciarlo, per raggiungere il resto del gruppo; prima però acquisto la spilla del giardino botanico e un libro sull’avifauna americana. Il negozio dei ricordini è davvero ben fornito, vendono anche le piante!

Raggiungiamo la ciurma di viaggiatrici, che ritroviamo al grande magazzino Macy’s. Io odio fare shopping, ma qualche ricordo lo devo portare a casa. Avrei preferito rimanere di gran lunga al Garden, non posso non ammetterlo: i grandi magazzini mi mettono davvero

La mattina seguente, è il 4 luglio, e la nazione è in festa. Facciamo tempo a comprare qualche gadget prettamente americano per immergerci nello spirito festoso, ma poi dobbiamo andare all’aereoporto.

Ciao New York, sei stata una piacevole sorpresa, una città di contrasti che merita almeno una visita, una volta nella vita.

Per rileggere tutti i giorni del diario di viaggio,

Giorno 1

Giorno 2

Giorno 3

Giorno 4

Giorno 5

 

 

 

 

Diario di viaggio: New York – giorno 5

Per il penultimo giorno a New York, non posso che dedicarmi completamente all’unico e mitico Museo Americano di Storia Naturale: protagonista della fortunata serie di Una Notte al Museo, ma anche scenario del film animato “4 dinosauri a New York” per chi ancora se lo ricorda, questo per me è un tempio della conoscenza, il Sacro Graal del Naturalista. Il museo, fondato nel 1869, è composto da numerose aree:

e non basta una giornata per visitarlo tutto per bene: entro tramite l’ingresso della metro alle ore 10:00 circa, ne esco all’orario di chiusura alle 17:45 quasi spinta dalle guardie.

 

Tutto è una meraviglia, tutto ciò che vedo: dai dinosauri, agli habitat ricostruiti, alla mostra tematica sui vulcani, alla sezione sull’antropologia, con tante testimonianze di popoli lontani.

Come Naturalista di mestiere e di fatto, è per me un onore fare da guida alle mie compagne di viaggio: iniziando dalle sale paleontologiche, ricopriamo l’evoluzione dei grandi rettoli mesozoici, con qualche ospite d’eccezione: il T-Rex la fa da padrone, come re dell’esposizione e del Cretaceo.

New_York_47.jpg
Scheletro di T-Rex.

Ma non mi fermo solo ad ammirare il grande predatore, mi dirigo, passando per i grandi mammiferi del Cenozoico, alla sala degli Adrosauri, i miei dinosauri preferiti: questi bizzarri dinosauri con il becco di anatram erano placidi e tranquilli erbivori, vissuti nel Cretaceo Superiore, l’ultima era dei grandi rettili. Da sempre, da quando ero una bimba, ho amato il Parasaurolophus, il grande dinosauro con la cresta che fungeva da cassa risonanza per comunicare con i propri simili. Ebbene, vedo il suo cranio: mi prenderete per matta, ma ho pianto dalla commozione. Non lo avevo mai visto dal vivo, e vederlo lì, enorme rispetto a me, è stata l’emozione più forte provata in questo viaggio. Le mie compagne di viaggio mi guardano un po’ svanite, meno che mia zia Franca, che riesce a comprendermi. Niente, le lacrime sono copiose, è come se avessi ricevuto una vincita colossale, non so come spiegarlo. Potevo quasi toccarlo, era davvero da lasviare senza fiato.

New_York_49
La mia emozione davanti al cranio di Parasaurolofo

Mi fermo per più di 20 minuti in questa sala, quasi tutti spesi per la mia star ovviamente. Continuo nel giro e appena dopo trovo uno shop del museo: non posso non comprare il pupazzetto del mio Parasaurolofo 🙂

La visita prosegue e mi trattengo ora nella sezione zoologica, con tutti i diorami dei vari biomi e ambienti naturali: la savana, la tundra, e poi la sezione ornitologica, la mia preferita insieme a quella paleontologica e geologica. Tanti bei pennuti per la gioia dei miei occhi, e da buone appassionate di ornitologia, io e mia zia ci intratteniamo almeno un’ora a tentare di riconoscerli tutti: sull’avifauna americana abbiamo qualche lacuna, ma su quella europea è difficile battere questo duo! Il resto della compagnia si distacca e ci lascia tra le braccia del sapere: si prosegue, in un vero e proprio labirinto di piani e sale espositive. Non è facile orientarci, infatti spesso dobbiamo consultare la mappa: negli USA è tutto immenso, anche il museo.

New_York_50
Diorama con gli struzzi

E’ la volta della parte antropologica, con tante belle testimonianze degli amerindi, che vanno a chiudere il cerchio disegnato con il Museo sulla storia degli Indiani (ne parlo in questo articolo). E poi i popoli arabi, gli Inuit, i copricapi degli Indios. Elencare tutto sarebbe davvero impossibile.

New_York_51
Maschere tribali

Proseguiamo, verso il planetario interattivo: molto interessante la presentazione all’interno! Da qui, un volo sui pianeti e sulle stelle, per poi passare alla mostra tematica sui vulcani, che affronta in modo semplice e chiaro la vulcanologia come disciplina: fotografie, grafici, strumenti interattivi aiutano la comprensione, insieme a video e a testimonianze audio di chi è sopravvissuto ai grandi disastri provicati dai vulcani, come l’eruzione del Monte Sant’Elena: da brividi come la nostra Terra sia meravigliosa ma, al tempo stesso, spietata.

L’ultima sezione rimasta è quella mineralogica, non meno bella: qui mia zia mi definisce “rullo compressore parte terza”: non è difficile capire il perchè.

Purtroppo, è ora di uscire perchè il museo sta per chiudere. Dispiaciute di non poterci ritornare presto, siamo comunque soddisfatte della nostra splendida visita durata un giorno intero. Concludiamo la giornata con una bella passeggiata al Central Park, facendo un po’ di Birdwatching: i cardinali rossi non si fanno di certo desiderare.

Per leggere gli altri giorni del diario:

Giorno 1

Giorno 2

Giorno 3

Giorno 4

 

Diario di viaggio: New York – giorno 4

Eccoci arrivati al quarto giorno, superando la metà del viaggio. New York è davvero immensa per visitarla tutta in una settimana, ma faccio del mio meglio e cerco di vedere almeno le attrazioni principali, con qualche chicca. Oggi è il turno della Statua della Libertà e di Ellis Island. Dopo aver pianificato da casa la visita a questi due monumenti famosissimi, mi avvio al Battery Park per prendere il battello che mi porta dritta dritta alla prima meta: La Statua della Libertà, o Lady Liberty come è conosciuta qui, è stata inaugurata nel 1886 ed è il simbolo degli Stati Uniti, oltre che della città di New York.

new_york_38
Lady Liberty e Liberty Island

La statua è costituita da una struttura reticolare interna in acciaio e all’esterno rivestita da 300 fogli di rame sagomati e rivettati insieme, poggia su un basamento granitico grigio-rosa. Il nome intero dell’opera è La Libertà che illumina il mondo (Liberty Enlightening the World in inglese, La Liberté éclairant le monde in francese). Arriviamo e oltre a noi c’è veramente una fiumana di visitatori, da tutte le parti del mondo, tra cui distinguo nettamente alcuni Amish grazie ai loro peculiari vestiti. E’ bello vedere tanti popoli che vengono a vedere il simbolo della libertà, e che rimangono estasiati da questa imponente statuta. Purtroppo non posso salire fino alla corona, quindi mi accontento di vederla dal basso. Più che per l’opera in sè, che è comunque molto espressiva, sono rimasta ad osservarla a lungo proprio per ciò che simboleggia: la libertà e il sapere, che sempre sono indissolubilmente legati. Purtroppo non in tutto il mondo la libertà è concessa, quindi la luce della fiamma che Lady Liberty mostra deve arrivare anche in quelle parti della nostra Terra in cui le persone vedono solo il buio. Me lo auguro, anche se non è così semplice.

new_york_37
Sua Maestà, la Libertà.

Il tour prevede delle piccole soste con le audioguide che ci raccontano un po’ la storia della sua costruzione e la sua simbologia. Dopo aver finito il tour, mi riposo assieme alle mie compagne di viaggio, tanto che è già ora di pranzo e decidiamo di mangiare nel piccolo cortiletto dietro alla statua, dove ci sono numerosi venditori ambulanti di prelibatezze americane. Dopo un lauto pasto, è ora di fare una cappatina al negozio dei souvenir, dove non mi faccio scappare il passaporto dei monumenti nazionali americani, una sorta di passaporto delle Dolomiti (ne parlo in questo articolo) ma per i monumenti nazionali degli Stati Uniti: i monumenti qui sono visti come un patrimonio, e comprendono anche parchi e zone protette. Questi monumenti fanno parte della storia integrante del popolo americano ed è giusto preservarli: il governo prende molto seriamente questa mission e fa in modo che anche la popolazione, nonchè i turisti, siano partecipi di questa attività.

Dopo la bellissima Lady Liberty, faccio tappa su Ellis Island: è qui che tutti gli immigrati, spinti dal sogno americano e dalla voglia di riscatto, sono approdati prima di entrare ufficialmente negli U.S.A. L’isolotto ospita appunto l’Ellis Island Immigration Museum che raccoglie le testimonianze delle persone arrivate qui, il loro arrivo, le prassi per accettare gli immigrati, e tutti gli esami per consentire l’entrata. Alcune prove non erano semplici e molte persone venivano rispedite a casa, segno di un’accoglienza non sempre riuscita e che anche oggi forse non è stata completata in modo assoluto, ma anzi, è minacciata da molte politiche della paura. Con curiosità, vediamo che molti immigrati erano italiani, nostri compatrioti e pensiamo a come molti di loro siano riusciti poi a fare carriera e a vivere dignitosamente. Da sempre l’uomo migra, per un futuro migliore: il nostro compito dovrebbe essere sempre quello di ricercare la felicità, anche lasciando le terre natie, con dispiacere certo, ma anche con speranza e determinazione. I visi sorridenti di chi riesce ad ottenere il permesso di rimanere sono spumeggianti e rimangono impressi nella nostra memoria: per loro inziava una nuova vita, speriamo migliore.

La visita al museo dura almeno tre ore grazie alla vasta esposizione e alla fine usciamo che è pomeriggio inoltrato. Io e mia mamma decidiamo di fare una passeggiata nei dintorni del nostro quartiere, e scopriamo con piacere che siamo vicini alla New York County Supreme Court il mitico “tribunale” di Law & Order: i due volti della giustizia, una delle nostre serie tv preferite. E’ da qui che Jack McCoy infatti portava avanti le accuse, prima come membro dell’ufficio del Procuratore Distrettuale, poi proprio come Procuratore effettivo. Indimenticabili le sue arringhe sulle tematiche etiche, razziali e i pregiudizi, argomenti contro cui Jack dimostrava di essere sempre dalla parte giusta. E’ l’impeccabile Sam Waterston che interpreta magistralmente il nostro personaggio preferito.

new_york_42
La Suprema Corte

Dopo qualche scatto, ci dirigiamo al Columubus Park con una bibita fresca in mano: questo parco è un luogo di ritrovo e di socialità, dove molti lavoratori si leggono il giornale dopo una giornata di lavoro, o dove in molti si ritrovano a giocare a scacchi e a dama sui tavolini del giardinetto. Non mancano gli onnipresenti scoiattoli, sempre alla ricerca di qualcosa da mangiare.

Anche questa giornata volge al termine, domani un altro bel museo mi attende!

 

 

.

 

Diario di viaggio: New York – giorno 3

Siamo a metà del viaggio, e mi devo ricredere: New York non è poi così male! Oggi decidiamo di far visita al National Museum of American Indian, un museo forse poco conosciuto ma che merita proprio una visita! Decidiamo di andare a piedi, godendoci la bella giornata di sole: è un pochio distante e ci vuole una mezz’ora buona per arrivare.

new_york_36
L’ingresso

L’ingresso è imponente e l’esposizione non è da meno: vestiti, maschere, utensili, attrezzi, armi… Tante culture variopinte e misteriose: non solo degli USA ma di tutte le due Americhe. Non mancano monili e pietre preziose, soprattutto delle civiltà Precolombiane.

Oltre alle collezioni, il museo ospita spesso delle exibitions e altre attività interessanti. I pezzi della collezione sono straordinari, in particolare i variopinti coprocapi fatti con piume e penne di uccelli variopinti, tra cui si riconoscono le penne di pappagalli come le variopinte ara.

La visita dura all’incirca un paio d’ore, dopodichè ci dirigiamo al parchetto di fronte, il Bowling Green Park , con una bella fontana addobbata da gerani. Ci riposiamo qualche minuto e scendiamo, verso il nostro albergo, passando di nuovo per Wall Street e la Trinity Church. E’ quasi ora di pranzo e un hot dog non ce lo leva nessuno, insieme ad un bel gelato gigante al cioccolato! E’ proprio vero che negli States tutto è mega, è ultra, è giga!

Dal nostro albergo prendiamo la metropolitana, direzione Lincoln Center! Una tappa qui è d’obbligo per chi ha visto il film “Stregata dalla Luna“: è proprio qui infatti che la bellissima Loretta, interpretata da una straordinaria Cher, incontra il suo “lupo” Ronny, un giovanissimo e grintoso Nicholas Cage, per andare a vedere La Boheme. Per i due, sarà una serata indimenticabile. La fontana davanti al famoso teatro è spenta purtroppo, ma riviviamo proprio l’atmosfera del film, un vero cult. Sarebbe davvero un’esperienza unica vedere uno spettacolo qui, ma non ne abbiamo il tempo, quindi entriamo solo a dare un’occhiata: i lampadari sono proprio gli stessi del film, come pure il tappeto rosso. Stiamo con gli occhi all’insù, sognanti e felici di rivivere i passi di Loretta e Ronny.

Vicino al Lincoln Center c’è anche la famosa scuola di recitazione di teatro Julliard che ha “sfornato” personalità importanti come Robin Williams, Kevin Spacey, John Williams, Adam Driver. Di certo, è un onore essere ammessi a questa importante accademia!

Proprio dritto, in linea d’aria, si incrocia il Central Park, il polmone verde di New York: il parco è stato aperto nel 1856 ed è stato progettato da Frederick Law Olmsted e Calvert Vaux. E’ una vera oasi per i newyorkesi e non solo: qui molti turisti passeggiano e leggono un piacevole libro, inoltre si possono fare sport come jogging, biking e footing. Al suo interno si trovano due laghi artificiali, numerosi sentieri e due piste da pattinaggio. Il parco è un rifugio per numerosi uccelli migratori ed è quindi un’importante spot di biodiversità, in particolare appunto per l’avifauna. All’interno si trova anche uno zoo!

new_york_27
Mille bolle al Central Park!

Perdersi in questo parco, dove non si sente nemmeno il rumore del vicino e assordante traffico, è un gioco da ragazzi: è talmente grande che ci vuole una mappa dedicata!

Qui facciamo numerosi incontri con i simpatici scoiattoli grigi, socievoli e disinibiti: si prestano a numerose fotografie, lasciandosi andare in pose artistiche più o meno spontanee. Come al solito, non mi faccio scappare qualche foto con loro. Il parco è festoso, animato dalle risate dei bambini e dal canto degli uccelli. Qui infatti gorgheggia il cardinale rosso, che mi concede anche il lusso di un set personale mentre mangia una succulenta blatta.

Il motivo principale della mia visita al Central Park è particolare e forse un po’ di nicchia: la visita alla statua di Balto. Balto era un cane, mezzo lupo e mezzo husky, diventato famoso grazie alla sua storia avvincente. Durante un’epidemia di difterite, nel 1925, a Nome, in Alaska, il siero per curare i malati finisce e a causa di una violenta tempesta di neve, l’unico mezzo per recuperare il carico di medicine è la slitta trainata da una muta di cani. Balto, riesce a compiere la traversata fino a Nenana, a mille chilometri da Nome. Con la sua muta, si riuscì a portare l’antitossina fino a Nome e a salvare moltissime vite. dalla sua incredibile storia, è stato tratto anche il film d’animazione “Balto” di Steven Spielberg, film che amo moltissimo e che mi fa sempre commuovere.

Vedere la statua mi ha fatto scendere una lacrimuccia (lo so, sono troppo sentimentale), e pensare che un cane può aver fatto tanto mi fa pensare che spesso gli eroi esistono, ma non sono umani come tutti pensiamo. Con la sua resistenza, Balto ha salvato Nome ed è diventato il simbolo delle fedeltà dei cani verso gli umani. Scatto fotografie a più non posso e poi mi siedo sulla panchina difronte per ammirarlo per intero.

Noto, con dispiacere, che molti turisti passano ignari davanti alla statua senza nemmeno fermarsi a leggere la sua targa: mi intristice tutto ciò, perchè forse la sua storia non è apprezzata da tutti o semplicemente non è abbastanza famosa. Per me, a prescindere, rimarrà sempre un vero eroe.

Continuo il mio giretto al Central Park, finchè non è ora di cena, così decido di rientrare.

Un’altra giornata spensierata è volta al termine.

Per gli altri giorni del Diario di viaggio di New York, cliccate in basso:

Primo giorno

Secondo giorno

 

 

Diario di viaggio: New York – giorno 2

Mi sveglio che sono ancora intontita dal jet-leg, e il mal di testa non accenna a diminuire. Nonostante tutto direi che ho dormito. Dopo una colazione ancora a base di pancake e sciroppo d’acero, mi dirigo verso il famoso National September 11 Memorial & Museum, dove sorgeva in famoso World Trade Center: c’è un profondo silenzio in questo luogo, e sui nomi che sembrano infiniti intorno alle fontane, spesso si possono trovare delle rose o dei fiori dai parenti delle vittime. Qualche lacrima scende, a pensare a questo immane disastro. Ero piccola, e mi ricordo le immagini in televisione dei due aerei che si schiantavano sulle Torri Gemelle. Mi siedo su una panchina e penso a quanto la cattiveria caratterizzi indelebilmente la nostra specie.

Dopo la riflessione mi dirigo a piedi verso Rockfeller Park, un grazioso parco cittadino, molto tranquillo, ideale per leggere un libro o fare una passeggiata. Da qui si vede tutto il distretto economico di Manhattan! Vicino al parco si trova il memoriale dei poliziotti caduti di New York e non me lo faccio mancare.

Dopo questa bella passeggiata, mi dirgo verso il famoso quartiere Broccolino! E’ un quartiere tranquillo, colorato, con tanti edifici graziosi! Da qui mi dirigo verso il famoso Ponte di Brooklyn: fu completato nel 1883 ed è il primo ponte costruito in acciaio: collega tra di loro l’isola di Manhattan e lo stesso quartiere di Brooklyn. Una traversata del ponte è d’obbligo! Arrivo fino a metà, e qui posso notare quanto la società americana è eterogenea: bianchi, neri, asiatici, italo-americani, e poi tanti tanti turisti provenienti da ogni dove. E’ bello sentire un miscuglio di lingue diverse, ed è interessante vedere come per molti americani una passeggiata sul ponte sia il pretesto per fare jogging, o per incontrare amici e parenti.

new_york_14
Il Ponte di Brooklyn

Appena scesa dal ponte, trovo alcune bancarelle delle pulci, dove si vende di tutto: decido di comprare una piccola stampa con una veduta di New York: l’appenderò in camera mia.

Dopo Brooklyn, decido di dirigermi a Wall Street, nel quartiere febbrile della borsa più pazza del mondo. Arrivata con la metro, visito l’interessante Trinity Church: questa chiesa confessionale episcopale non può essere notata, perchè è proprio all’incrocio tra Wall Street e Broadway. Mi viene subito in mente il film “Il mistero dei Templari” con Nicholas Cage: è proprio qui che il protagonista, Benjamin, trova il mitico tesoro dei cavalieri templari. La scelta non fu casuale, infatti sono molte le personalità di spicco che sono sepolte nel cimitero circostante la chiesa, come i Padri fondatori degli Stati Uniti. Se avete visto il film, una visita non può certo mancare!

Ora mi dirigo proprio al palazzo della borsa, è imponente: qui si possono incontrare molti broker, vestiti eleganti. Chissà quanti quattrini girano! Dopo qualche foto, mi dirigo al famoso Toro di Wall Street, simbolo della potenza economica degli USA; il toro inoltre è un animale ricorrente nel mondo della borsa: il mercato rialzista, o bull market, e il mercato ribassista, o bear market, indicano situazioni in cui il mercato azionario segue un determinato andamento per un certo periodo: il toro è simbolo del buon andamento (bull in inlese) mentre l’orso è indice di ribasso. La salita del mercato viene paragonata all’incornata del toro, mentre la discesa somiglia alla zampata di un orso. Davvero bizzarro come paragone!

new_york_20
Con il toro…

E’ già ora di pranzo, quindi un bell’hot dog ci sta tutto. Al pomeriggio decido di cambiare completamente zona e mi dedico al divertimento: Coney Island mi aspetta!

new_york_19
Greetings from Coney Island!

Ci vuole circa un’ora prima di arrivare al mitico parco divertimenti: all’ingresso del parco, si possono scegliere varie opzioni per salire su più giostre. Accompagnata da mia cugina, decidiamo l’ingresso che più ci sembra indicato e ci danno dei braccialetti. Entriamo e ci sembra di essere nel paese delle meraviglie: non sappiamo davvero da dove iniziare, ma la regola è solo una: divertirsi! Dopo alcune “giostre leggere” optiamo per il mitico Thunder Bolt: con una lunghezza di 610 metri e una velocità di 105 km/h, è la giostra più veloce che abbia mai sfidato. Arrivate in alto l’adrenalina è fortissima, ed entrambe ci chiediamo che accidenti ci facciamo lì sopra! Ma poi…

Woaaaaaaaah!!

Si scende come un razzo!!

Che spettacolo, che emozione, che brivido adrenalico!

new_york_17
Il Thunder Bolt

Appena scese saremmo pronte per rifarla, ma scegliamo di salire su altre giostre. Che meraviglia questo parco divertimenti, quante risate e quanta felicità! Ci passiamo tutto il pomeriggio, e all’ora di cena ci facciamo un giretto sulla spiaggia, prima di mangiare da Paul’s Daughter: gamberi in salsa, hamburger, patatine fritte, anelli fritti. Che possiamo desiderare di più?

new_york_18
La spiaggia di Coney Island

Beate e contente, facciamo una bella passeggiata sul lungo mare e poi decidiamo di rientrare al nostro Cosmopolitan.

Stanche, ma con il sorriso sulle labbra 🙂

Per leggere il primo giorno, qua sotto il link:

Primo giorno

Per leggere il viaggio in pillole, qua sotto il link:

Viaggio in pillole

Diario di viaggio: New York – giorno 1

Gita breve ma molto intensa: New York in una settimana, una città dai mille volti che accosta frenesia a senso di pace.

Con il mio volo Emirates, parto il 27 giugno, alla sera, così da dormire un pochino durante il viaggio. Arrivo che il tempo è completamente diverso: a Pavia faceva molto caldo, a New York piove, e la pioggia la porteremo dietro per quasi tutto il viaggio (un classico ormai, ogni volta che mi muovo piove o nevica).

Arrivati al JFK i controlli sono serratissimi, per la paura del terrorismo, ma per fortuna non trovano niente di strano quindi mi avvio a prendere la metro verso il mio hotel a TriBeCa, il Cosmopolitan. Non è mai facile orientarsi quando si arriva in una grande metropoli, infatti si sbaglia la metro almeno 3 o 4 volte, e così accade, soprattutto di notte.

Stanchissima arrivo e mi butto sotto le coperte, ma alle 9:00 già la sveglia suona, il jet-leg è tremendo, e un gran mal di testa mi accompagnerà imperterrito nelle mie avventure. Come prima cosa decido di fare una bella colazione americana con Pancakes e sciroppo d’acero: che dire, troppo buoni.

new_york9
Pancakes, che bontà!

Dopodichè mi dirigo verso la famosa 5th Avenue, la via dello shopping e della ricchezza. Non può mancare una visita alla Saint Thomas Church e quindi entro a scattare qualche foto. Vicino a tutti quei grattacieli, non si può non notare questa chiesa! Proseguo, con il naso all’insù, i palazzi sono altissimi, mai vista una cosa del genere! Continuo, sbirciando nei negozi di lusso e guardandomi attorno: di fianco a me, i taxi sfrecciano e il fumo esce dai tombini. Devo ancora capire dove sono esattamente, non sono abituata a tutta questa grandezza, in Europa non c’è nulla di tutto ciò, almeno, che io abbia visto.

Dato che sono sulla Quinta, voi penserete che faccia un giro da Tiffany o all’Apple Store.

Sbagliato.

Qui, proprio vicino alla 5th si trova un negozio gigantesco di minerali e di fossili, e che me lo faccio scappare?

Risposta esatta.

Benvenuti dunque da Astro Gallery of Gems dove i miei occhi iniziano a brillare, e ovviamente mi faccio subito riconoscere perchè inizio a chiedere al commesso, che scopro essere poi uno dei proprietari, se hanno alcune specie di minerali: benitoite, demantoide, tormaline e via così. Sono fortunata solo per l’ultima, ma i prezzi sono alle stelle perchè i pezzi sono favolosi. Me lo aspettavo, ma solo vederli è una meraviglia. Mi intrattengo per più di un’ora a parlare con lui e mi mostra pezzi che personalmente ha trovato, come le famose acquemarine del Monte Antero, e poi fluoriti, apofilliti… Insomma, una manna. Gli racconto anche della mia esperienza, è molto cordiale e incuriosito ma purtroppo per me non ha demantoidi da farmi vedere e mi dice: “greatest demantoids are from Italy, I know”.

Orgoglio italiano, almeno un merito mineralogico lo abbiamo.

Dopo una bella chiacchierata e a mani vuote, purtroppo, esco e mi trovo davanti uno spettacolo incredibile: proprio quel giorno la 5th viene letteralmente chiusa per il Gay Pride: non ho mai visto tanta felicità e tanta gioia in una manifestazione. Attivissima per i diritti, soprattutto degli omosessuali e delle donne quale sono, compro una bella bandierina arcobaleno e rimango davanti alle transenne: i ranger, i poliziotti, gli attori, tutti ci sono per far sentire la loro voce. E poi maschere, costumi, stelle filanti e musica. Un party a cielo aperto!

new_york2
Sempre, sempre lottare per i diritti! Uniti, anche a NY!

Dopo l’immersione nel colore decido di andare a Times Square: gli schermi colorati sono il passaporto di questa famosissima piazza. Un giretto da Toys R non può mancare, un enorme negozio pieno dei più svariati giocattoli, con le giostre dentro anche! Compro qualche bel pelouche e poi via, verso Fashion Avenue da Midtown Comics, dove acquisto il Funkpop di Cersei Lannister, la mia regina preferita della serie “Il Trono di Spade”.

new_york1
L’interno del secondo piano di Toys R, con i due Jedi Obi-Wan Kenobi e Anakin Skywalker

Un giretto a Rockfeller Center e poi ancora a Times Square. Tra una cosa e l’altra è già passata una giornata, il tempo vola e non me ne accorgo!

Via verso un bel ristorante americano, a mangiare ali di pollo in salsa!

Domani ci sono cose nuove da scoprire!