Archivi tag: Birdwatching

Diario di viaggio: Scozia tra natura e castelli – Arrivo e prima sera

Dopo tre mesi dal mio ritorno dalla Scozia mi sono decisa a scrivere il Diario di viaggio di questa incredibile esprienza durata 11 giorni, intensi e mai banali. E’ con immenso piacere dunque che inauguro con questo articolo questa serie, un diario di un viaggio naturalistico e storico, fatto di osservazione, attese del momento giusto, grandi traversate e…Disagi da maltempo! Già perchè non è la Scozia senza la pioggia e gli imprevisti che ne derivano! Iniziamo dunque questo racconto, alla scoperta della Scozia più bella e autentica.

Scozia_diario

Se prima però volete sapere come ho pianificato questo viaggio, leggete questo articolo cliccando qui!

Itinerario del primo giorno

Dopo aver pianificato l’itinerario nei minimi dettagli e aver programmato ogni sosta e ogni luogo da visitare, io e mio padre siamo partiti alla volta della Scozia, dall’aeroporto di Milano Malpensa con compagnia RyanAir. Dopo un volo tutto sommato tranquillo e con un pizzico di ritardo siamo atterrati ad Edimburgo, lasciandoci alle spalle l’assolata Lombardia ed entrando nel mood triste e nervoso del meteo scozzese: già, perchè non appena atterrati abbiamo capito come questa regione sia profondamente influenzata dalle piogge e che queste siano praticamente perenni (almeno un’ora al giorno ha piovuto sempre, tranne rarissimi casi). Va beh, cerchiamo di non scoraggiarci subito! Ritirati i bagagli ci siamo diretti verso la sezione dell’aereoporto delle auto a noleggio, tra l’altro comodissimo, proprio fuori dal terminal e supersegnalato. Recuperata l’automobile presso la Thrifty Car Rental, una Citroën C4 Cactus, ci siamo messi subito su strada, direzione Dunbar.

Foto_cell_1
Pronta a partire!

Non vi nego che l’esperienza di guidare al contrario è qualcosa di assolutamente particolare e senza precedenti: le numerose rotonde con i semafori al loro interno ci hanno sbigottito e non poco! Ci sembrava di procedere in contromano ad ogni incrocio e questa sensazione ci è rimasta anche quando siamo ritornati in Italia. Con la BBC Alba a manetta e le canzoni in gaelico, la motivazione è salita al massimo e le battute si sono sprecate. Constatiamo che gli scozzesi non guidano male, anzi, con noi sono stati sempre molto attenti e prudenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo circa 50 minuti giugiamo a Dunbar, sempre sotto una pioggia scrosciante. Per questa prima tappa abbiamo scelto di alloggiare presso il Royal Mackintosh Hotel, un placido e tranquillo hotel a conduzione famigliare non lontano dal porto e dal centro. L’accoglienza è stata calorosa e la receptionist si è premurata di non farci mancare nulla. La stanza, piccola ma confortevole, era funzionale e silenziosa. Nonostante il volo e la stanchezza dovuta alla guida, abbiamo subito deciso di visitare il porto, sperando nella fortuna, e questa non ci ha deluso.

Foto_cell_3
La stanza

Proprio presso il porto si trovano i resti del Castello di Dunbar (poco più di un muro rimasto in piedi) e, all’interno dei suoi mattoni, ha trovato riparo e luogo di nidificazione una colonia di Gabbiano tridattilo (Rissa tridactyla), una specie vulnerabile che davvero mi ha sorpeso vedere così ben rappresentata proprio qui a Dunbar: in nessuna parte della Scozia che ho visitato ho potuto osservarne così in grande numero (parliamo di almeno 300 individui). Questi timidi e piccoli gabbiani hanno sfruttato le insenature createsi naturalmente tra i mattoni per nidificare: con gli adulti, infatti, ho potuto osservare numerosi pulcini, ben nutriti e chiassosi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il mio cuore da birdwatcher si è subito riempito di gioia perchè a nemmeno due ore dall’atterraggio mi sono trovata davanti questo spettacolo così meraviglioso, unico e davvero tanto tanto desiderato. Oltre ai gabbiani non potevano mancare i cormorani (Phalacrocorax carbo) e, dulcis in fundo, anche degli edredoni (Somateria mollissima) che però ho osservato solo da lontano.

Dopo aver scattato un vero e proprio fotoset ai gabbiani, qualcos’altro ha attirato la mia attenzione: la presenza di una bellissima Foca comune (Phoca vitulina) che tranquilla e beata nuotava nell’ansa del porto. Purtroppo non sono riuscita ad immortalarla molto bene a causa della lontananza e per il fatto che la luce stava diventando davvero proibitiva per scattare (ormai era sera e la pioggia sempre più battente rendeva la visbilità davvero scarsa). Girottando sul porto ho trovato un cartello che spiegava come questa foca, di nome Sammy, fosse un abitante fisso di questo luogo dato che era abituata a ricevere cibo dai marinai in arrivo. Sammy, mascotte di Dunbar, mi ha davvero fatto sorridere!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ormai si era fatta una certa ora ed era il momento di tornare in hotel per fare una bella doccia e per cenare: il Royal Mackintoh Hotel ha anche un ristorante, dunque perchè non approfittarne?

Dopo una bella e rilassante doccia ci accomodiamo al tavolo del ristorante, più un pub direi che un ristorante come lo intendiamo noi, ma questo non ci dispiace affatto: non vediamo l’ora di assaporare piatti scozzesi e ricette sfiziose! La prima cosa che ho controllato sul menù è la presenza del pane all’aglio: era da quando sono stata a Winchester (in quarta superiore, quindi una vita fa) che volevo assaporare il pane all’aglio e le mie speranze qui non sono state disattese! Con un bel piatto di pane all’aglio e uno spezzatino di carne con verdure di stagione e patate, la cena è servita!

Guardondo fuori dall’ampia finestra del pub ho visto che la pioggia non accennava a diminiuire ma, nonostante ciò, non ero triste: mi sentivo pronta a vivere una nuova avventura, in una terra che non avevo mai visto ma su cui avevo ampie aspettative. Con il pensiero già al giorno seguente, mi sono ritirata in camera e ho annotato le specie che ho osservato nel tardo pomeriggio sul mio quadernetto di viaggio. Dopotutto, è un viaggio naturalistico, no?

Se vi è piaciuto il primo giorno del Diario di Viaggio, scoprite come ho pianificato questo viaggio in Scozia leggendo questo articolo!

Pianificazione del viaggio: Scozia 2019

Scrivere le pianificazioni dei viaggio penso che faccia parte del viaggio stesso: a volte si pianifica in qualche ora, a volte ci vogliono giorni e altre addirittura mesi.

Era gennaio, ero in ospedale ricoverata: il medico del reparto mi informa che quest’anno non devo assolutamente sottopormi alle profilassi antimalarica e della febbre gialla a causa delle mie condizioni di salute. Erano almeno due anni che progettavo di tornare in Africa, dopo il Madagascar (se ti interessa il Diario di Viaggio di questo stupendo viaggio, clicca qui) e quest’anno sembrava proprio l’anno giusto e invece… Ho dovuto rimandare di nuovo, questa volta spero nell’anno prossimo. Non vi nascondo che quando sono rientrata dalla mia degenza e ho realizzato lucidamente della rinuncia ho avuto una crisi non indifferente che è durata più di due settimane: sembrerà assurdo, ma per me l’Africa vuol dire davvero tanto e vedere sfumata la possibilità di ritornarci in questa maniera mi ha davvero buttato a terra. Però pian piano ho cominciato a riflettere sulle migliaia di altre mete che ancora non ho raggiunto e ho cominciato a parlarne con mio padre: già, perchè questo era e sarà un viaggio on the road con lui, come tanti di quelli che vi ho raccontato (su tutti mi viene in mente la Slovenia, visitata in più riprese e che anche quest’anno non mancherà all’appello). Prima abbiamo pensato al Canada o agli USA ma non me la sentivo di fare una transoceanica dopo l’ospedale e quindi abbiamo pensato ad una meta più vicina mantenendo il requisito indispensabile: la destinazione doveva essere naturalistica.

Ci abbiamo davvero pensato un pochetto ma poi ho avuto il lampo di genio: e se andassimo in Scozia? Già! In Scozia! Perchè no? Io è dal 2009 che non vado in Gran Bretagna e quindi perchè non tornarci per vedere qualcosa di nuovo? La Scozia poi è la patria degli uccelli marini e della Pulcinella di Mare, che sogno di fotografare da una vita, quindi perchè no? Certo, non sostituerà il Senegal, ma in fondo ho solo rimandato, no?

Scozia pianificazione

Scozia tra natura e storia

10 Luglio – 21 Luglio

v2osk-152258-unsplash
Photo by v2osk on Unsplash

La Scozia è una delle quattro nazioni del Regno Unito, o Gran Bretagna, ed è quella più settentrionale. Oltre alla porzione di territorio che si trova sull’isola principale, fanno parte della Scozia più di 790 isole minori: tra queste ci sono le isole Orkney, le Shetland e le Ebridi. La capitale è Edimburgo.

800px-Scotland_in_United_Kingdom.svg
Cartina che mostra la Scozia (in rosso) (Per i credits, andate in fondo all’articolo)

Budget: 2500 euro in due (circa).

Vaccinazioni: nessuna obbligatoria.

Visti: nessun visto obbligatorio, necessaria Carta d’Identità o Passaporto.

Viaggiare Sicuri: dalla Farnesina non risultano esserci problematiche relative ad un viaggio in Scozia o in Gran Bretagna in senso lato. Per ulteriori informazioni, visitate il Sito ufficiale.

Perchè ho scelto la Scozia: la Scozia è la patria del Birdwatching assieme all’Alaska: numerosi sono gli uccelli che qui nidificano, come le famose Pulcinelle di mare. Le numerose escursioni proposte nelle varie cittadine ci hanno dato la possibilità di scegliere tre escursioni in nave: una prima presso l’Isola di May, la seconda sull’Isola di Skye e la terza, più semplice, presso il Castello di Dunvegan per fotografare le Foche grigie. Dopo aver dato un’occhiata alle sue potenzialità, abbiamo scelto di prenotare un viaggio on the road alla scoperta della natura selvaggia e della storia di questa nazione così orgogliosa.

La scelta dell’Hotel: come sempre, mi sono affidata al mio portale di hotel preferito, Booking, che mi ha sempre assicurato cancellazione gratuita e servizi adeguati, corrispondenti a quelli descritti. Ho prenotato a marzo per luglio e già molte strutture risultavano esaurite, soprattutto sull’Isola di Skye: con sette tappe in città e paesi diversi ho prenotato albergi economici o guesthouse con colazione inclusa, parcheggio gratuito per l’auto e wifi gratuito. Presso la città di Dunbar ho scelto il Royal Mackintosh Hotel, per Stoneheaven ho scelto il Woodside of Glasslaw Guesthouse, per Aberdeen ho scelto il The Great Western Hotel, per Inverness ho scelto il Braehead Guest House, per Skeabost ho scelto il The Sabhal B&B, per Fort William ho scelto il Braeburn Guesthouse e infine per Edimburgo ho scelto l’Halcyon House Hotel.

La scelta del treno: per questo viaggio ho deciso di raggiungere la Scozia in aereo e poi mi sposterò con un’auto a noleggio. Non è la prima volta che noleggio un’automobile per spostarmi, solo che questa volta non è stato proprio facile: mi serviva un auto in grado di trasportare le valigie e soprattutto l’attrezzatura fotografica senza sacrificare molto spazio. I costi sono tutt’altro che bassi, e trovare l’autonoleggio adeguato è forse stato più difficile che scegliere le strutture ricettive. Alla fine abbiamo optato per una Ford Focus station wagon, noleggiata presso Rentalcars.com.

Itinerario: La Scozia è tutta da visitare e da scoprire. E’ stato difficile scegliere tra le città da visitare in quanto volevo conciliare il Birdwatching con la visita ai luoghi storici: tanti di questi ultimi sono stati “sacrificati” come il famoso castello di Eilean Donan o la città di Glasgow. E’ stata sacrificata anche l’escursione all’Isola di Saint Kilda perchè davvero troppo costosa e di difficile organizzazione. L’itinerario semplificato è risultato questo:

Giorno 1: Partenza ed Arrivo ad Edimburgo – spostamento a Dunbar

Giorno 2: North Bertwick e Isola di May

Giorno 3: Stoneheaven e Dunnottar

Giorno 4: Aberdeen

Giorno 5: Aberdeen e Balmoral

Giorno 6: Inverness

Giorno 7: Isola di Skye e Skeabost

Giorno 8: Dunvegan e Uig

Giorno 9: Fort William

Giorno 10-11-12: Edimburgo

Non voglio svelarvi di più prima della scrittura del Diario di viaggio, inoltre alcune attività saranno influenzate dal buono o dal cattivo tempo quindi non voglio scrivervi informazioni errate rispetto a degli eventi che si realizzeranno.

Per le escursioni, ne abbiamo decise 3:

Isola di May dallo Scottish Seabird Centre di North Berwick

Whalewatching presso Uig con la SkyeXplorer Boat Trips

Gita in barca per vedere le foche a Dunvegan

In questo viaggio i protagonisti saranno gli uccelli e gli sconfinati paesaggi ed il filo conduttore sarà ovviamente la fotografia.

Cosa portare in valigia: in Scozia la temperatura prevista è di 19°C. L’abbigliamento sarà sportivo e comodo, con colori neutri o comunque tendenti al verde per mimetizzarsi meglio con l’ambiente e non spaventare gli animali. Gli indumenti saranno impermeabili e spesso dotati di cappuccio. Anche una felpa di pile non può mai mancare. Una giacchetta e l’ombrello sempre a portata saranno dei must. Naturalmente anche la calzature sono state scelte con cura: scarponi da trekking impermeabili (i miei hanno girato il mondo con me) e scarpe da tennis più comode per gli spostamenti in auto e per il tempo trascorso ad Edimburgo.

Prima di partire: Ho provato a contattare tutti gli uffici del turismo delle città che visiteremo proponendomi per una collaborazione ma purtroppo non sono stata così fortunata come per Verona. Una solo risposta perentoria è giunta: “non collaboriamo con i Travel Blogger”. Peccato, poteva essere un’ottima occasione per conoscersi e per creare una rete. Evidentemente la Scozia non è una nazione “Travel Blogger – Friendly”.

Riferimenti per le immagini:

cartina della Scozia -> Di TUBS – Opera propriaQuesta grafica vettoriale non W3C-specificata è stata creata con Adobe Illustrator.This file was uploaded with Commonist.Questa immagine vettoriale include elementi che sono stati presi o adattati da questa: United Kingdom location map.svg (di NordNordWest)., CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=14514894

Scoprendo Pavia: l’Oasi di Sant’Alessio

La provincia di Pavia è ricca di bellezze naturali e di monumenti storici dal fascino immutabile. Un luogo che mi sta particolarmente a cuore e che, purtroppo, non è ancora così conosciuto, è l’Oasi di Sant’Alessio.

Fenicottero_1

L’Oasi di Sant’Alessio è un’Area naturale protetta situata a Sant’Alessio con Vialone, a pochi chilometri da Pavia, nella provincia ominima. L’Area naturale racchiuse una grande varietà di flora e fauna, non solo europea ma anche esotica. L’Oasi ospita sia animali liberi, come Ardeidi, Corvidi, Passeriformi, che animali rinchiusi in recinti e voliere.All’interno della riserva si possono intraprendere due percorsi tematici: il percorso tropicale e quello europeo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il percorso tropicale ospita la stragrande maggioranza della fauna: all’interno si possono osservare insetti, pesci, rettili e uccelli, oltre che alcuni mammiferi come il bradipo didattilo (Choloepus didactylus) e l’ocelot (Leopardus pardalis). Il percorso racchiude vere e proprie aree con ricostruzioni di ambienti tropicali, con flora variegata e sfavillante, dove gli animali possono essere più a loro agio. In molti casi, come per il percorso europeo, il visitatore può interagire con fauna e flora, sempre nel rispetto di queste, cercando di arrecare il minor disturbo possibile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il percorso europeo è più corto rispetto a quello tropicale ed ospita soprattutto pesci e uccelli tipici del continente europeo, come il luccio (Esox lucius) o l’airone rosso (Ardea purpurea). Rispetto al percorso tropicale, quello europeo è caratterizzato dalla presenza di capannine di osservazione e ripari sopraelevati che permettono l’osservazione in sicurezza e senza particolare disturbo degli animali.

L’Oasi di Sant’Alessio è un luogo adatto sia ai grandi che ai piccini, e permette di conoscere meglio la natura grazie alla sua struttura e ai pannelli informativi. Oltre ai percorsi, sono previste anche attività collaterali, come spettacoli di falconeria e corsi di fotografia naturalistica.

Quando si entra nell’Oasi sembra di entrare in un serraglio magico, fatto di colori e profumi, che regala emozioni e giornate indimenticabili. Da naturalista, consiglio vivamente a tutti una visita a questa area protetta, e di insegnare ai più piccoli ad apprezzare la natura e a rispettarla, in quanto è parte di tutto ciò che noi facciamo e viviamo.

Un’escursione in giornata: Riserva Lago di Cornino

Se siete appassionati di birdwatching non può mancarvi una visita alla Riserva Lago del Cornino, a Forgaria nel Friuli, in provincia di Udine. In questa riserva potrete osservare numerosi esemplari di Grifone (Gyps fulvus), grazie all’importante progetto di conservazione di questa specie, attivo dagli anni ’80.

Il grifone è un avvoltoio di grosse dimensioni, con un peso che varia dai 7 ai 12 chilogrammi e un’apertura alare che sfiora i 3 metri. Come tutti gli avvoltoi è necrofago, cioè si nutre soltanto di carcasse morte che riesce ad individuare grazie all’attenzione localizzata, una tattica peculiare di questi uccelli: i grandi stormi si alzano in volo e iniziano a scandagliare il territorio in cerca di cibo; i componenti dello stormo volano a parecchi metri di distanza l’uno dall’altro ma non si perdono mai di vista, così, quando un grifone individua una carcassa, questo si getta sulla fonte di cibo e tutti gli altri lo seguono. Questa tattica consente di perlustrare una zona molto vasta per la ricerca del cibo ed è possibile soltanto per una specie così specializzata e gregaria come il grifone.

Avvoltoi_1.jpg
Grifoni si riposano al sole

In Europa sono presenti quattro specie di avvoltoi: il grifone, l’avvoltio monaco (Aegypius monachus), il gipeto (Gypaetus barbatus) e il capovaccaio (Neophron percnopterus).

Oltre allo splendido Grifone, la riserva offre tante altre sorprese: la sua superficie è di 478 ettari e comprende il Lago di Cornino, che si è formato tra coni detritici e paleofrane. La diversità ambientale garantisce un’enorme ricchezza faunistica e floristica: si possono incontrare la vipera dal corno (Vipera ammodytes), l’orbettino (Anguis fragilis), la salamandra pezzata (Salamandra salamandra), il rospo smeraldino (Bufotes viridis). Numerosa e ben rappresentata è anche l’avifauna con i classici merli (Turdus merula) e cinciallegre (Parus major) ma anche usignoli (Luscinia megarhyncos) e zigoli mucciati (Emberiza cia). La riserva è anche il regno dei rapaci, diurni e notturni: possiamo incontrare il nibbio bruno (Milvus migrans) d’estate e lo sparviere (Accipiter nisus), mentre di notte possiamo osservare il Gufo reale (Bubo bubo), l’allocco (Strix aluco) e la civetta comune (Athene noctua).

Nibbio_1.jpg
Nibbio bruno

L’accesso alla riserva è completamente gratuito, ed è possibile prenotare visite guidate per le scuole e per i gruppi. Il centro è attrezzato per l’osservazione e per immortalare i grifoni. Una passeggiata di qualche minuto vi conduce direttamente al laghetto, dove potrete ristorarvi, sempre nel rispetto dell’ambiente (è pertanto vietata la balneazione, le acque infatti sono molto profonde). Al Centro visite si possono acquistare libri, cd e dvd riguardo la flora e la fauna della riserva e del Friuli. E’ inoltre possibile lasciare la propria mail per essere informati sulle attività del centro. Spesso vengono ospitate mostre tematiche e corsi naturalistici.

lago_1
Lago del Cornino visto dal sentiero

Se volete saperne di più, questo è il sito della riserva. Cliccate qui.

La mia escursione in pillole:

  • Periodo di viaggio: giugno
  • Durata: mezza giornata
  • Difficoltà: 2/5
  • Viaggio organizzato: no
  • Adatto a famiglie e bambini: sì