Articoli

Blog

L’Abbazia di San Pietro di Breme

Continua il mio tour alla scoperta della Lomellina e dunque della Provincia di Pavia tra colline, risaie, castelli e luoghi sconosciuti ai più. Scopo del mio blog, ormai lo sapete, è anche quello di valorizzare la mia provincia natia e di mostrare le bellezze di luoghi forse non “instagrammabili” come Roma o Firenze ma non meno suggestivi e particolari.
Con questo articolo vi porto ancora tra i verdi campi lomellini alla scoperta dell’Abbazia di San Pietro di Breme.

Storia dell’abbazia di San Pietro

Breme è un piccolo paese della Lomellina occidentale, al confine tra il pavese e l’alessandrino, che deve la sua fama (nei dintorni ma non solo) grazie alla produzione delle squisite cipolle rosse, varietà di cipolle De.Co. (Denominazione Comunale di Origine) dal gusto dolce e avvolgente, e alla presenza dell’Abbazia di San Pietro, monumento meraviglioso simbolo della cittadina.

Questo slideshow richiede JavaScript.

A causa delle incursioni dei Saraceni a Torino e nel Piemonte, molti monaci furono costretti a fuggire dall’abbazia di Novalesa, in Val di Susa, per cercare un luogo in cui fossero al sicuro: è così che giunsero in Lomellina dato che il territorio (le “curtis”) di Breme e di Pollicino (l’attuale cascina Rinalda) erano beni di proprietà del marchese d’Ivrea Adalberto, protettore dei monaci esuli. Il marchese donò le due curtis ai monaci e questo fu una vera e propria benedizione per i monaci che trovarono in questo territorio, nato dalla confluenza tra Po e Sesia, un luogo fertile e rigoglioso e una posizione strategica e sicura, non lontana dalla sede imperiale longobarda di Pavia.

Qui Donniverto, che fu l’ultimo abate di Novalesa e il primo di Breme, edificò un monastero che fu intitolato a San Pietro, come quello da poco lasciato: la costruzione terminò intorno alla metà del X secolo, epoca della costruzione della cripta tutt’ora visitabile.
Con la ritirata dei Saraceni l’abate di Breme divenne nuovamente anche l’abate di Novalesa dato che i monaci poterono tornare presso il monastero.

Purtroppo anche lo splendore dell’abbazia iniziò a svanire quando come un vortice giunse Gian Galeazzo Visconti (vi ricordate dove lo abbiamo già incontrato? A Valeggio e a Sartirana) che assediò la città. Da questo momento fino alla metà del 1500 il territorio cadde in un palpabile degrado. Nel 1542 i benedettini si trasferirono a S. Alberto di Butrio e qui si insediarono gli Olivetani che soppressero il titolo di abate e i beni dell’abbazia confluirono in quelli di San Bartolomeo della Strada di Pavia. Furono loro a costruire l’edificio attuale e il campanile. Ma ancora il declino non si arrestò e continuò con la soppressione dell’abbazia da parte di Vittorio Emanuele I nel 1784. Sotto il regno di Napoleone I fu alla fine abbattuta la chiesa della stessa abbazia, ormai diroccata e troppo pericolante per essere salvata.

Dopo i tempi bui l’abbazia però tornò a splendere grazie agli interventi di restauro del chiostro e degli ambienti sotterranei: ad oggi il complesso, anche se non più religioso, risplende nuovamente di luce propria e accoglie il visitatore, pellegrino e laico, tra i suoi luoghi, nella cripta e presso il museo che accoglie gli antichi forni dei monaci, il pozzo e gli attrezzi agricoli tipici di queste zone.

Struttura dell’Abbazia di San Pietro di Breme

La cripta di Breme

Il corpo principale dell’abbazia è costituito dal chiostro e dalla cripta: nel chiostro oggi sono ospitati uffici e aule per le associazioni. Il chiostro rettangolare è sormontato dall’imponente campanile che come un totem si staglia sul complesso. La cripta, sopravvissuta all’inclemenza del tempo, è divisa in tre navatelle da quattro colonne cilindriche di pietra che potrebbero provenire da alcuni resti romani. Non è semplice ricostruire gli ambienti originali ma probabilmente al pianterreno erano ospitati lo scriptorium, il refettorio e la sala comune, oltre che alla farmacia-erboristeria. Nell’ala ovest, dove attualmente è ospitato il municipio, sorgevano degli edifici di rappresentanza e nella parte nord sorgevano un mulino, un forno, le stalle e i granai.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Visitare l’Abbazia di San Pietro di Breme

L’Abbazia di San Pietro di Breme è visitabile tutti i giorni durante gli orari di apertura del Comune di Breme. L’abbazia è aperta anche di domenica dalle 15 alle 17.30 o su prenotazione gli altri giorni contattando il numero 328 7816360. Al termine del vostro tour potrete fruire della “Merenda del Frate“, previa prenotazione, presso le trattorie locali a base di prodotti tipici di Breme e della zona al costo di 5 euro. La prenotazione avviene sempre telefonando il numero che vi ho già indicato.

La mia visita all’Abbazia

Ho scoperto per caso l’Abbazia di San Pietro durante uno dei miei tour estivi della Lomellina: avevo visitato nella stessa giornata il Castello di Sartirana e poi mi ero rivolta verso Breme data la sua vicinanza. Il piccolo paese ha un’anima pulsante e viva e l’abbazia riunisce tradizione e storia. Oltre alla suggestiva cripta vale la pena visitare il museo sotterraneo che riporta indietro nel tempo letteralmente: qui sono conservati gli antichi forni utilizzati dai monaci per preparare e cuocere vivande e il pozzo da cui veniva ricavata la preziosa acqua. Oltre a ciò non dimenticatevi di vedere gli attrezzi qui conservati: non sempre questa sala è accessibile ma quando lo è regala davvero stupore e meraviglia e mi riporta indietro negli anni: anche i miei nonni erano contadini e probabilmente utilizzavano degli strumenti simili a questi per lavorare.

Il campanile visto dal Monumento ai Caduti.

Merita e merita davvero questo luogo come tutti i luoghi storici della Lomellina che ancora una volta si dimostra essere una terra accogliente e ricca di sorprese!

La Versailles Lombarda: Lomellina terra del cuore, quante volte ve l’ho detto! E non mi stancherò mai di ripetervelo! Se avete deciso di visitare questi luoghi non potete perdervi la splendida Vigevano, il Castello Isimbardi di Castel d’Agogna ma ancora una visita a Lomello o a Scaldasole. Se amate i castelli e i luoghi storici non perdetevi nemmeno Frascarolo, vi conquisterà!

Ti è piaciuto questo articolo? Allora pinnalo su pinterest!

Commenti

  • 27 Novembre 2020

    Avevo in previsione un giretto a Pavia per vedere una mostra, ora ho scoperto anche questa abbazia che potrei proprio aggiungere al mio weekend!

    reply
  • 27 Novembre 2020

    Ho letto altri tuoi contenuti dedicati alla Lomellina e ammetto di esserne rimasta sorpresa per la quantità dei siti storici da visitare. Il tempo sarà stato anche inclemente però da quello che vedo l’Abbazia si è difesa bene, nel senso che versa in un’ottimo stato di conservazione.

    reply
  • 30 Novembre 2020

    Che bella scoperta! Me la segno per quando passerò in zona, le storie di abbazie e di monaci mi incuriosiscono parecchio. Mi piace potere visitare le stanze ricche di storia come queste che hai descritto.

    reply
  • foodeviaggi
    30 Novembre 2020

    che vergogna, sono lombarda e non sono mai stata in lomellina … mi ispira molto questa zona, soprattutto per i paesaggi. Da quando mi sono trasferita in Toscana torno sempre meno, ma devo assolutamente trovare il tempo per visitare questi posti!

    reply
  • 30 Novembre 2020

    Un altro luogo incantevole della tua provincia! Praticamente quando verrò in zona, avrò una guida già pronta!
    Che bella la cucina dei monaci! È sempre un ambiente che mi attrae dei vecchi edifici storici!

    reply
  • 1 Dicembre 2020

    Sono sempre stata affascianata dalle abbazie e dagli edifici religiosi in genere. Mi piace pensare al tipo di vita che conducevano i monaci al loro interno. Questa mi pare particolarmente interessante e ben conservata.

    reply
  • ERMINIA SANNINO
    1 Dicembre 2020

    Non sapevo che anche questa zona fosse famosa per le cipolle rosse! Mi ha colpito questa cosa. Ma a parte questo, è interessante leggere dei luoghi incantevoli e forse anche poco conosciuti o poco presi in considerazione di alcune aree. Continua con le tue scoperte!

    reply
  • 1 Dicembre 2020

    Avevo già sentito della cipolla rossa (credo di averne letto in qualche ricetta), ma non dell’abbazia… 🙂 Vedo che è un luogo che merita sicuramente una visita, tanto più che io sono appassionata di abbazie!

    reply
  • Lisa Trevaligie Travelblog
    1 Dicembre 2020

    Sono territori che sto cominciando a prendere in considerazione per i primi spostamenti fuori regione. Girare per abbazie poi è la cosa che mi piace fare di più, tanto da essermi sposata in un chiostro cistercense!

    reply
  • 1 Dicembre 2020

    Articolo molto interessante! Io non ho mai visitato questi luoghi ma più leggo i tuoi post più mi viene voglia di partire alla scoperta di queste zone!

    reply
  • Manuela
    1 Dicembre 2020

    Veramente bella questa abbazia e tutta la zona dev’essere meravigliosa…non ci sono mai stata!

    reply
  • antomaio65
    2 Dicembre 2020

    Grazie per questo tuo bel suggerimento sui luoghi della Lomellina che si aggiunge agli altri che ho memorizzato dal tuo blog. Non sapevo proprio dell’esistenza di Breme, l’Abbazia è molto bella anche se molto rimaneggiata. Mi piacciono i luoghi dei monaci, ogni volta penso a Il nome della rosa e mi immagino intrighi e omicidi

    reply
  • 2 Dicembre 2020

    Quante belle info su questa zona in effetti questa abbazia sembra proprio molto affascinante, mi segno tutto prima o poi farò un giro da quelle parti.

    reply
  • Alessandra
    4 Dicembre 2020

    Non conosco purtroppo questa zona, ma ti ringrazio per il suggerimento. Mi piace molto visitare questi luoghi e soprattutto scoprire come si viveva e cosa si produceva all’interno.

    reply
  • 9 Dicembre 2020

    Non sono questa zona ne’ l’abbazia, ma mi piace molto visitare abbazie, monasteri, ecc quindi non manchero’ di fermarmi qui se saro’ in zona!

    reply
  • 13 Giugno 2021
    reply

Ti è piaciuto l'articolo? Scrivimi il tuo pensiero :)

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: