Articoli

Blog

Il Castello di Sartirana

Come ben sapete uno degli obiettivi di Donna Vagabonda è quello di valorizzare il territorio della Provincia di Pavia. Con alcuni comuni ho collaborato in modo proficuo e davvero interessante come per Inverno e Monteleone o per Torricella Verzate. In questo articolo vorrei approfondire un luogo davvero particolare e sconosciuto ai più che si trova in Lomellina, il quale merita di sicuro merita l’attenzione del turista lento e consapevole: il Castello di Sartirana Lomellina.

Tra maggio e agosto 2020 mi sono dedicata ad una più approfondita conoscenza di questa parte della Provincia di Pavia e ho davvero potuto constatare che l’appellativo “La Piccola Loira” le calza davvero a pennello. Tantissimi sono infatti i castelli e le rocche sopravvissuti ai morsi spietati delle guerre e del tempo stesso. Uno dei più interessanti è di sicuro quello di Sartirana che ora scopriremo insieme.

Il Castello di Sartirana fu costruito alla fine del 1300, durante il periodo denominato “dell’incastellamento”,  per volere di Gian Galeazzo Visconti, primo Duca di Milano e Signore di Pavia. Un secolo dopo gli Sforza, conquistato il potere, decisero di intervenire su questo bene rafforzandolo e costruendo altre parti che si aggiunsero al corpo principale: i lavori furono condotti dall’architetto Bartolomeo Fioravanti che contribuì anche alla realizzazione del Palazzo del Podestà e del Palazzo Notai a Bologna (iconici edifici che si affacciano su Piazza Maggiore, e sapete quanto io amo Bologna). Grazie a questi venne consolidata la Torre tonda. Nel XVI secolo il castello passò di mano (con l’avvento del dominio spagnolo) e divenne proprietà della famiglia Arborio di Gattinara che lo trasformò ad abitazione signorile. Il bene rimase della famiglia fino al 1934, dopichè divenne del Duca d’Aosta Amedeo di Savoia. Dopo la seconda guerra mondiale e, fino ai giorni nostri, il bene risulta provato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

All’interno del castello è ospitato il “Centro Studi e Documentazione della Lomellina” e la “Fondazione Sartirana Arte” che cura i Musei delle collezioni di argenti, gioielli, abiti, oggetti di cultura contadina, grafica e arte, sempre ospitati all’interno delle sale del castello.

Gli edifici adiacenti il Castello di Sartirana rappresentano un complesso di corte rurale tipica a ferro di cavallo. La parte iniziale risale alla fine del XVII secolo mentre la parte mediana è ottocentesca e ospita un mulino ad acqua messo in funzione grazie al Roggione di Sartirana. All’interno di questi si trova ancora una pila originale, macchinario utilizzato fino al secolo scorso per la pilatura del riso. Gli edifici, acquistati nel 1990, sono stati ristrutturati e dotati degli impianti espositivi dalla Fondazione Sartirana Arte.

Benvenuti al Castello di Sartirana…

Il castello possiede una pianta quadrangolare con fossato circostante e quattro torri agli angoli di cui una, quella a nord-est, è cilindrica. Possiede inoltre un cortile interno e tre piani fuori terra per una altezza di circa 11 metri.

Le strutture orizzontali sono tutte a volta in mattoni tranne nel locale legnaia e in due sale a piano terra la cui soletta di copertura è costituita da travi e assito in legno.

É presente anche un parco adibito a giardino.

La mia esperienza al Castello di Sartirana

La mia esperienza al Castello di Sartirana è stata davvero incredibile: entrata nel cortile sembra di ritrovarsi all’interno di un mondo fiabesco grazie all’edera cresciuta sulle pareti, all’architettura e al piccolo pozzo. Scattate le fotografie, mi sono diretta alle sale interne e qui davvero si è aperto un mondo: abiti vintage, firmati, d’epoca accostati ad opere d’arte, sculture e installazioni. Letteralmente un altro mondo.

La Fondazione Sartirana Arte si è adoperata per raccogliere in queste sale molti capolavori di alta moda assoluti che portano le firme di notevoli stilisti come Valentino, Roberta di Camerino, Irene Galitzine, Armani, Missoni e molti altri. In questa cornice suggestiva gli abiti e i capi d’abbigliamento risaltano e ritrovano nuova luce facendo da contrasto tra lo storico e il moderno. Accanto ai capi d’abbigliamento si accostano, naturalmente, opere d’arte di Marco Lodola, Francesco Marelli, Lorenzo Gatti e di altri artisti innovativi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un patrimonio inestimabile che è davvero sconosciuto ai più e che merita valorizzazione e cura da parte non solo dei cultori della moda ma da tutti, dal visitatore agli enti del territorio.

Il castello si trova in buono stato di manutenzione e conserva ancora degli affreschi originali che sono stati restaurati. A mio parere questo è un luogo che però dovrebbe essere più vissuto e più valorizzato sia dalla proprietà privata che dalla Fondazione attraverso la promozione turistica, l’organizzazione di eventi e il marketing turistico. La Lomellina sa davvero donare molto ma ha bisogno di un rilancio strategico che parta dai suoi luoghi storici e culmina con la valorizzazione dei prodotti locali.

Purtroppo non sono riuscita a visitare la pila e i caseggiati adiacenti ma poco male, c’è tempo per una nuova e incredibile visita.

Consiglio vivamente di visitare questo luogo magari inserendolo all’interno di un tour dei Castelli della Lomellina.

Informazioni utili

Il Castello di Sartirana Lomellina si trova a Sartirana Lomellina in Piazza Lodovico da Breme 4.

Di fronte e nei dintorni si trovano alcuni parcheggi gratuiti.

Il castello è un bene privato aperto al pubblico tutte le domeniche dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17.30.

L’ingresso al castello è a pagamento ed è di 3 euro per l’intero e gratuito per i bambini fino ai 12 anni.

Su prenotazione è possibile svolgere visite guidate che comprendono la visita al castello, ai musei, agli antichi magazzini del riso e alla pila al costo di 7 euro a persona.

 

La Piccola Loira: il Castello di Sartirana fa parte dell’Ecomuseo del Paesaggio Lomellino e può essere ben inserita all’interno di un itinerario storico e culturale. Vi consiglio di visitarlo la domenica mattina e, al pomeriggio, di dirigervi al Castello Isimbardi di Castello d’Agogna (controllate gli orari di apertura perchè non è sempre aperto) o a Breme per visitare il complesso monumentale dell’Abbbazia. Se poi volete spingervi ancora di più a conoscere le bellezze lomelline dirigetevi a Vigevano, non ve ne pentirete!

Ti piace questo articolo? Pinnalo su pinterest!

 

 

 

 

Commenti

  • 29 Settembre 2020

    Certo che Pavia è proprio bella! Non sapevo dell’appellativo di La piccola Loira! In effetti non ha nulla da invidiare alla regione francese. Dovremmo essere più orgogliosi dei luoghi d’arte che ci circondano, soprattutto i meno conosciuti 🙂

    Rispondi
  • 29 Settembre 2020

    Sembra di ritrovarsi all’interno di un mondo fiabesco; dici proprio bene! I colori l’edera che si arrampica proprio come te la immagini nei libri di fiabe e vorresti subito trovarti li a visitare questo bellissimo castello 🥰io me ne sono innamorata!

    Rispondi
  • 29 Settembre 2020

    Adoro letteralmente i castelli ed è un passione che ho fin da piccola, forse per l’ambiente fiabesco che riescono a regalare e devo dire che è la prima volta che sento nominare quello di Sartirana. Ti ringrazio per le informazioni perché ovviamente me lo sono appuntato e appena avrò occasione di un giro in camper in quelle zone, non me lo farò scappare.

    Rispondi
  • 29 Settembre 2020

    Dalle foto sembra perfettamente conservato. Molto bello e romantico. Una location perfetta da visitare in ottobre!

    Rispondi
  • 29 Settembre 2020

    Non sapevo dell’esistenza di una piccola Loira in Italia, davvero interessante questa informazione… spero che si riesca a valorizzare come merita… l’aiuto di una blogger in gamba è un buon inizio per far conoscere questi posti favolosi!

    Rispondi
      • 12 Ottobre 2020

        Mi auguro che la Lomellina capisca le proprie potenzialità. Leggendo il tuo post viene voglia di fare tappa al castello di Sartirana e, soprattutto, trasmetti delle emozioni. Per me essere una blogger in gamba è proprio questo.

      • 12 Ottobre 2020

        Speriamo che le cose cambino, il turismo è una grande risorsa

  • antomaio65
    30 Settembre 2020

    Mi piace molto la tua promozione della Lomellina, una terra di cui si parla poco ma che è capace di regalare gioielli inaspettati come, appunto, il Castello di Sartirana che non avevo proprio mai considerato come meta turistica. Non sapevo dell’eccezionale patrimonio di abiti di stilisti che hanno fatto la storia della moda.

    Rispondi
  • 30 Settembre 2020

    Non smetterò mai di dirlo, adoro i castelli. Dalla tua foto, l’ngresso, come hai detto anche tu, è davvero incredibile. Quel muro di edera mi ha fatto subito immaginare scenari da fiaba. Questo castello non lo conoscevo e sono d’accordo con te, bisogna valorizzare il territorio portanto alla luce luoghi poco conosciuti, ma di grande valore.

    Rispondi
  • 30 Settembre 2020

    Sono terribilmente attratta dai castelli di ogni epoca e dimensione, soprattutto se infestati da turbolenti fantasmi. Abito al limitare della provincia pavese e da questa provincia fino a tutta l’Emilia Romagna, troviamo un castello ogni venti chilometri circa. Vederli tutti è un gran lavoro. Questo lo visiterò presto.

    Rispondi
  • 1 Ottobre 2020

    Mi sembra un’esperienza a 360 gradi davvero completa quella che hai descritto! Credo sia importante non limitarsi ad ammirare l’architettura di un castello ma e riviverne i fasti anche attraverso abiti d’epoca e altri dettagli di vario genere. Quanto al marketing forse hai ragione: io, ad esempio, non ne avevo mai sentito parlare.

    Rispondi

Rispondi

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: