Image Alt

Blog

Il Museo del Mese di Ottobre: Palazzo dei Diamanti a Ferrara

Ho visitato Ferrara un anno fa (per il ponte dei Morti del 2021, N.d.R), ma, fino a oggi, non avevo scritto sul blog ancora nulla riguardo ai suoi musei: ora è giunto il momento di farvi conoscere meglio questa città anche dal punto di vista museale, artistico e culturale. Ecco dunque un articolo dedicato a uno dei luoghi più celebri di questa suggestiva città: Palazzo dei Diamanti.

Storia di Palazzo dei Diamanti

Palazzo dei Diamanti è uno dei monumenti più famosi e suggestivi di Ferrara e del Rinascimento italiano: progettato da Biagio Rossetti per conto di Sigismondo I d’Este e costruito tra il 1493 e il 1503 si trova all’interno del Quadrivio degli Angeli, proprio al centro dell’Addizione Erculea, nel cuore della città.

Palazzo dei Diamanti

Il suo nome non deriva dal fatto che al suo interno siano custodite pietre preziose, ma dalla presenza del bugnato esterno a forma di punte di diamante che lo rendono immediatamente riconoscibile: costituito da ben 8500 blocchi di marmo bianco con venature rosa, tale bugnato crea notevoli effetti prospettici e rende il palazzo uno dei più famosi d’Italia.

Dettaglio del bugnato

Il palazzo non fu sempre abitato in maniera continuativa dagli Este, nonostante ciò rimane uno dei simboli più conosciuti di questa dinastia. Nel 1641 fu ceduto al marchese Guido I Villa e il possesso da parte dei signori di Ferrara cessò in seguito a tale gesto. Nel 1842 Palazzo dei Diamanti venne acquistato dal Comune di Ferrara e da allora ospita la pinacoteca civica. Nel 1944 i bombardamenti colpirono pesantemente la città di Ferrara e moltissimi dipinti qui custoditi andarono perduti. Da sottolineare poi come il violento terremoto che colpì la regione Emilia Romagna nel 2012 finì per danneggiare tale edificio richiedendo un’importante opera di restauro.

La Pinacoteca Nazionale di Ferrara

Palazzo dei Diamanti ospita la Pinacoteca Nazionale di Ferrara, uno dei musei più suggestivi di tutta la città, la quale raccoglie i dipinti della scuola ferrarese dal Duecento al Settecento. Questo museo fu istituito nel 1836, dal 1958 entrò a far parte dei beni dello Stato Italiano e dal 2015 fa parte del complesso autonomo delle Gallerie Estensi.

Ingresso alla Pinacoteca Nazionale di Ferrara

Numerose sono le opere di rilievo presenti all’interno della Pinacoteca ospitata presso il Piano Nobile del Palazzo: si trova qui l’opera del Mantegna Cristo con l’animula della Madonna, il Trionfo di Sant’Agostino di Serafino de’ Serafini, la Madonna col Bambino di Gentile da Fabriano. E ancora il Polittico Costabili di Garofalo e Dosso Dossi oltre a diverse opere di Guercino.

La maggior parte dei dipinti qui custoditi sono di pittori italiani, ma non manca anche qualche artista straniero come François-Guillaume Ménageot con il suo Ritratto di Famiglia.

La mia visita a palazzo dei Diamanti e alla Pinacoteca Nazionale di Ferrara

Durante il secondo giorno di visita a Ferrara, insieme a #MammaVagabonda, mi sono diretta verso questo iconico palazzo per scoprire la splendida Pinacoteca di cui in molti mi avevano ben parlato: Ferrara è una cittadina che si adatta perfettamente a essere scoperta in bicicletta o a piedi e la passeggiata che ci ha condotte dal B&B alla meta è stata piacevole e molto interessante.

Una delle sale della Pinacoteca Nazionale di Ferrara

Giunte a Palazzo dei Diamanti abbiamo dovuto attendere circa 10 minuti che la fila si smaltisse prima di poter entrare: non immaginavo che questa città fosse così ambita e invece mi sono dovuta ricredere (sia qui che al castello sono stata ben contenta di fare la fila, ne valeva proprio la pena), dunque prendete proprio in considerazione questa cittadina emiliana per un weekend culturale fuori porta, non ve ne pentirete!

 

Una volta entrate siamo rimaste davvero stupite dalla bellezza delle opere esposte e dall’allestimento accattivante: le pitture con soggetti religiosi si pongono come protagoniste preponderanti di questa pinacoteca che vi permetterà, come ha fatto con noi, di scoprire i pittori ferraresi e non solo nel corso dei secoli. I grandi spazi danno respiro alle opere e permettono al pubblico di percepirsi come completamente immerso all’interno dello spazio espositivo: la grandezza degli Estensi è qui ben enfatizzata e i lavori di restauro hanno reso il palazzo ancora più fruibile e adatto alle esigenze di ogni tipo di visitatore.

Palazzo dei Diamanti è uno splendido edificio con uno stile architettonico unico che attira a sé grazie alla sua peculiare decorazione. Un vero simbolo di Ferrara e della sua magnificenza: moltissime persone percorrono la via che dal Castello porta direttamente al palazzo anche solo per osservarlo dall’esterno ma, credetemi, rimarrete a bocca aperta anche visitando la sua Pinacoteca. Non fatevi assolutamente scappare una simile occasione!

Consiglio vivamente di visitare Palazzo dei Diamanti e la Pinacoteca Nazionale di Ferrara, luoghi incredibili che testimoniano la bellezza e l’unicità della città!

Informazioni utili

Palazzo dei Diamanti si trova a Ferrara in Corso Ercole I d’Este, 21.

La Pinacoteca Nazionale di Ferrara è aperta dal martedì alla domenica e i festivi dalle 10.00 alle 17.30.

Per ulteriori informazioni visitate il sito ufficiale.

Ti è piaciuto l’articolo? Scoprine altri su Ferrara!

Commenti

  • 31 Ottobre 2022

    Ferrara mi sembra molto bella, è nella mia travel list da un bel po’ e la pinacoteca è meravigliosa.

    rispondi
  • 1 Novembre 2022

    Questo è uno dei musei che ho in lista. Anche perché ci sono stata in gita alle medie, senza sapere bene di preciso cosa stavo visitando (e infatti ricordo poco o nulla). Poi Ferrara è una città che mi ispira molto quindi non mi dispiacerebbe pianificare un weekend per scoprire quello che c’è da vedere in zona – vado a ripescarmi anche il tuo articolo su Ferrara e dintorni!

    rispondi
  • Bru
    1 Novembre 2022

    Conosco molto bene Ferrara e mi è piaciuto tanto tornare con te a vedere queste belle attrazioni

    rispondi
  • 1 Novembre 2022

    Ferrara la conosciamo molto bene visto che è vicina a Bologna. A Palazzo Diamanti siamo stati tante volte in quanto è spesso sede di mostre, l’ultima che abbiamo visitato è stata quella dedicata a Bansky.

    rispondi
  • Lisa Trevaligie Travelblog
    1 Novembre 2022

    Ad aver letto prima l’articolo mi sarei fermata oggi, di ritorno da un viaggio sul Garda che ha compreso anche le vicina Mantova. Non mancherò di vedere questo museo mi ha molto incuriosito, magari lo tengo come tappa a fine mese, quando sarò di nuovo in nord Italia. Grazie della dritta.

    rispondi
  • 2 Novembre 2022

    Sono stata qualche anno fa a Ferrara ma mi piacerebbe tornarci per vederla meglio. Anche a me questo palazzo è piaciuto molto.

    rispondi
  • Marina
    3 Novembre 2022

    Personalmente credo che Ferrara sia una delle città italiane più belle! Il tuo articolo mi ha fatto tornare in mente il bel viaggio che feci con mia mamma in quelle zone, la visita al palazzo e al castello, e anche gli ottimi cappellacci di zucca che si mangiano da quelle parti!!

    rispondi
  • 3 Novembre 2022

    Ferrara mi stuzzica da un po’ ma non credevo avesse questo bellissimo palazzo storico tra le sue vie e che al so interno ci fosse una delle pinacoteche più belle! Decisamente perfetta per un weekend culturale

    rispondi
  • Libera
    4 Novembre 2022

    Nel Palazzo dei Diamanti di Ferrara ho visto una splendida mostra di Banksy. Non avrebbero potuto scegliere location più suggestiva, è un vero gioiello della città.

    rispondi
  • 5 Novembre 2022

    Questo palazzo sembra assolutamente fantastico. Sai cosa mi è piaciuto di più? Il soffitto a cassettoni, lo trovo molto decorativo, e soprattutto mi da una impressione di calore!

    rispondi
  • antomaio65
    8 Novembre 2022

    Ho vissuto per alcuni anni molto vicino a Ferrara e confermo il fatto che sia una città molto piacevole, ricca di storia, di arte e di ottimo cibo. A Palazzo dei Diamanti ho potuto vedere mostre temporanee straordinarie e mi sono commossa del tuo entusiasmo ne descriverlo

    rispondi
  • Raf
    9 Novembre 2022

    Ho sempre pensato che il Palazzo dei Diamanti di Ferrara fosse uno dei palazzi più eleganti che io abbia mai visto. Imponente ed elegante allo stesso tempo. Non sapevo, invece, che ospitasse così tante opere d’arte al suo interno e, da appassionata di musei, non posso non metterlo in lista per i prossimi viaggi in Italia. Potrei accoppiare Ferrara con Mantova e muovermi sulle orme del Mantegna!

    rispondi
  • 10 Novembre 2022

    La città di Ferrara mi ha sempre incuriosito ma ad oggi, ahimè, non ho ancora avuto modo di visitarla! Sembra Molto bello ed interessante anche il museo

    rispondi
  • 12 Novembre 2022

    Mai stata a Ferrara ma mi piacerebbe tanto visitarla! Sicuramente da inserire il palazzo dei diamanti nell’ itinerario! Molto interessante!

    rispondi
  • 20 Novembre 2022

    Anche Ferrara manca all’appello di città d’arte visitate, quindi terrò ben presente il tuo articolo non appena ne avrò la possibilità.

    rispondi
  • 25 Novembre 2022

    Io sono molto attratta dalla famigli d’Este anche se a Ferrara, purtroppo, non ci sono mai stata. È nella mia lista da tempo, mi piacerebbe tantissimo vedere il Castello, ma anche il Palazzo dei Diamanti merita una visita.

    rispondi

Ti è piaciuto l'articolo? Scrivimi il tuo pensiero :)

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: