Image Alt

Blog

Il Museo del mese di Giugno: Il Museo di Storia del Tessuto e del Costume di Venezia

Città d’arte e musei sono davvero un’ossessione per la vostra Donna Vagabonda: quando visito un luogo infatti mi informo sempre sui musei presenti nella località, soprattutto se sono peculiari e raccontano di attività e storia di quel particolare territorio.

Venezia, in quanto città dalla storia davvero millenaria, è conosciuta non soltanto per la sua incredibili bellezza e unicità, ma anche per i suoi musei, particolari e mai banali: in questo articolo vi parlo di uno dei più suggestivi e forse meno frequentati, il Museo di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo.

Il Museo di Storia del Tessuto e del Costume

Il Museo di Storia del Tessuto e del Costume si trova a Venezia, all’interno del sontuoso Palazzo Mocenigo, nel Sestriere Santa Croce. Si tratta di un museo realizzato abbastanza recentemente, dopo che il Palazzo venne donato dalla famiglia dei Mocenigo al Comune di Venezia. É così che nel 1985 l’appartamento Mocenigo venne aperto al pubblico come museo e venne istituito il Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, presente ancora oggi con il nome di Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo.

Museo di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo

Museo di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo

Capirete che una città come Venezia non poteva non avere uno spazio espositivo dedicato alla moda, ai tessuti e all’arte secolare del creare i profumi: il luogo natale di Antonio Casanova, così eclettico e ancora oggi faro del glamour e della sofisticatezza, doveva assolutamente mostrare come la moda, il costume e l’arte profumiera si sono evolute e modificate nel tempo.

Si iniziò ad allestire questo sontuoso palazzo con le incredibili collezioni tessili dei Musei Civici, provenienti soprattutto dalle raccolte Correr, Guggenheim, Cini e Grassi fino ad arrivare all’allestimento di una biblioteca specializzata in cui sono davvero valevoli gli oltre 13.000 figurini risalenti al ‘700, ‘800 e ‘900.

L'ampio e splendido salone del Museo di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo

L’ampio e splendido salone del Museo di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo

Nel 2013 si assistette a un completo rinnovamento del museo e a un suo ampliamento: oggi si contano ben venti sale che mostrano la vita e gli usi delle famiglie facoltose di Venezia vissute tra il XVII e il XVIII secolo, adornate da favolose carte da parati e da una mobilia raffinata che non può che farci tornare indietro nella storia, ai tempi in cui pizzi e merletti erano un vero status simbol.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La sezione dedicata al profumo mostra e risalta quest’antica arte, ponendone l’accento sul ruolo e sulle origini: grazie a ben sei sale espositive è possibile affrontare esperienze sensoriali con strumenti multimediali. Non mancano poi laboratori e attività dedicate al riconoscimento dei profumi, davvero molto interessanti e coinvolgenti.

Struttura del museo

Il Museo è ricavato all’interno dello splendido Palazzo Mocenigo, cinquecentesco di origine ma con elementi seicenteschi ben apprezzabili: questo si compone di cinque livelli cioè il piano terra, il mezzanino, due piani nobili e un ammezzato di sottotetto. Le due facciate del palazzo sono diverse ma estremamente eleganti, dal gusto rinascimentale grazie alla presenza di serliane sovrapposte.

All’interno dello spazio espositivo è ancora possibile visionare gli splendidi stucchi, affreschi e una suggestiva esposizione di quadri raffiguranti alcuni personaggi di spicco della famiglia Mocenigo e della città.

La mia visita al Museo di Storia del Tessuto e del Costume

In occasione del mio viaggio invernale a Venezia ho potuto visitare molti luoghi culturali della città e non solo: musei storici, chiese sontuose, palazzi eccezionali. Venezia infatti non stupisce solo per la peculiarità di essere costruita sull’acqua, ma anche per i suoi favolosi edifici, scrigni traboccanti di cultura e magia. Dopo il Museo del Vetro di Murano e il Museo del Settecento Veneziano non potevo dunque non parlarvi di questo splendido luogo!

Palazzo Mocenigo era una tappa che desideravo ardentemente visitare durante il mio soggiorno: lo avevo già scoperto parecchi anni fa ed ero rimasta stupita dalla sua bellezza. Desideravo dunque condividere l’esperienza anche con #PapàVagabondo, compagno di questo viaggio. Giunti a santa Croce non è stato difficile individuare questo sontuoso palazzo, uno dei più eleganti di tutto il sestriere: una volta entrati l’atmosfera percepita è subito stata quella dell’eleganza del 1700, della sontuosità di quegli abiti ricchissimi di trine e merletti, ma anche degli intrighi e dei pettegolezzi tipici delle mura delle grandi case nobiliari.

Materiali per la preparazione delle essenze

Materiali per la preparazione delle essenze

La collezione di abiti è totalmente ben amalgamata con la location: ogni stanza infatti non solo permette di conoscere gli ambienti di vita della famiglia Mocenigo ma di scoprire mode e gusti lontani eppure così attuali dato che, ancora oggi, moltissime case di moda si ispirano ciclicamente alla moda passata, soprattutto a quella di quest’epoca, così controversa e sfarzosa. Accanto ai ritratti dei nobili è quindi per me una gioia riuscire ad avere una visione d’insieme più completa grazie alla presenza delle stoffe e degli abiti che davvero mi hanno permesso di compiere un viaggio a tutto tondo nel passato.

Il Museo di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo è dunque una vera finestra sul passato che non solo mi ha fatto conoscere la moda e usi e costumi di epoche precedenti, ma anche l’arte profumiera millenaria: splendide sono le collezioni di boccette e balsamari che gli esperti utilizzavano per contenere e mescolare le essenze, ricavate con tecniche molto complesse, ancora oggi studiate dagli appassionati di questo incredibile mestiere.

Piccole confezioni di profumo dipinte

Piccole confezioni di profumo dipinte

Ho trovato dunque perfetto l’accostamento tra moda e profumi, tra antico e tradizioni, tra storia e costume: il museo non è solo un luogo puramente “didattico” ma davvero uno spazio di scoperta, di stupore e di totale bellezza e in questo i Musei Civici Veneziani sono davvero sulla vetta dell’Olimpo.

Consiglio a tutti di visitare il Museo di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo per comprendere a pieno il passato della Repubblica di Venezia, i suoi usi e i suoi costumi, la bellezza del passato glorioso della Serenissima e un luogo davvero eccezionale forse poco conosciuto.

Informazioni utili

Il Museo di Storia del Tessuto e del Costume di Palazzo Mocenigo si trova nel sestriere di santa Croce, 1992, a Venezia.

Il Museo è aperto dal Martedì alla Domenica dalle 10.00 alle 18.00, ultimo ingresso alle ore 17.00.

Per ulteriori informazioni sui biglietti e l’accessibilità visitate il sito ufficiale.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Scoprine altri su Venezia!

Commenti

  • 26 Giugno 2023

    Come ogni palazzo, Museo e piccola cosa della Serenissima, anche il Museo di Storia del Tessuto e del Costume di Venezia, da quel che qui scrivi, merita una visita prolungata. Da amante dei Musei come te, cerco sempre di “scovare” i musei meno conosciuti per farli conoscere. Questo, a Palazzo Mocenigo è davvero favoloso. Ci dovrò assolutamente andare

    Rispondi
  • 27 Giugno 2023

    Aspetta… mi stai dicendo che in MESI di andirivieni da casa mia a Venezia ogni settimana, girando tutti gli atelier lagunari alla ricerca del vestito perfetto, mi sono persa questo museo? Mi stai dicendo che era già lì e io non mi sono accorta di niente? Ma dove ho la testa? Dove???
    Ora devo per forza visitarlo… ma verso l’autunno perché l’estate a Venezia fa tanto Mann e molto poco Kry…

    Rispondi
  • 28 Giugno 2023

    Non sapevo che a Venezia ci fosse un museo dedicato ai costumi tipici e ai tessuti che hanno reso la città famosa nel mondo. A mia madre, sarta, piacerebbe davvero molto immergersi nella storia di questo posto. Magari le regalo questo viaggio per il compleanno!

    Rispondi
  • 28 Giugno 2023

    Credo questi siano gli 11€ meglio spesi in quel di Venezia. Non conoscevo questo museo ma se tornassi in città, non me lo perderei vista la passione per i profumi e la moda delle epoche passate, la foto che mostra i panciotti é davvero fantastica e devo ringraziarti per questo piccolo scorcio su questo museo!

    Rispondi
  • Libera
    2 Luglio 2023

    Ma che meraviglia questo museo, la prossima volta che sarò a Venezia non me lo lascerò scappare, è davvero ben curato.

    Rispondi
  • Bru
    4 Luglio 2023

    Questo museo di Storia del Tessuto e del Costume, non me lo posso proprio perdere, questa è una materia che ho studiato a scuola ed era una delle mie preferite, poi ho davvero tanta voglia di andare a Venezia

    Rispondi
  • 4 Luglio 2023

    Sono sicura che mi piacerebbe tantissimo questo museo perché anche io trovo molto affascinante l’accostamento tra moda e profumi. I tessuti sfarzosi, le fragranze opulente: il tutto in un contesto che rende l’esposizione ancora più particolare.

    Rispondi
  • antomaio65
    4 Luglio 2023

    La passerella della tua foto potrebbe essere attualissima! Ho lavorato nella moda per tantissimi anni e la storia del costume mi appassiona, così come la ricerca dei profumi. La prossima volta che vado a Venezia ci passo un’intera giornata, giuro!

    Rispondi
  • Alessandra
    8 Luglio 2023

    Molto interessante questo museo. In effetti quando penso alla Venezia del 700 mi vengono in mente subito i vestiti sontuosi e ricercati delle donne dell’epoca! Un museo imperdibile se si visita la città!

    Rispondi
  • 8 Luglio 2023

    Un bellissimo museo veneziano purtroppo poco conosciuto! Ho adorato la collezione di boccette e balsamari. Quando sono stata io ospitava anche una interessante mostra “Essenze”.

    Rispondi
  • 9 Luglio 2023

    Non conoscevo questo bellissimo museo. Sicuramente quando tornerò in questa zona ci andrò perché adoro la storia e mi piace fare un tuffo nel passato.

    Rispondi
  • 14 Luglio 2023

    Riesci sempre a scovare musei molto particolari! Beh che Venezia col carnevale e con tutto l’immaginario che abbiamo per il Settecento di belle dame ben vestite e agghindate, per non parlare di Casanova… eh sì un museo del genere ci sta tutto!

    Rispondi
  • 15 Luglio 2023

    Questo è un luogo che dovrei vedere, ho studiato scenografia e costume teatrale all’Università e la storia del costume mi ha sempre appassionato. E quei panciotti, ma che meraviglia!

    Rispondi

Ti è piaciuto l'articolo? Scrivimi il tuo pensiero :)

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: