Archivi tag: Università

Scoprendo Pavia: l’Orto botanico

Da grande affezionata della mia città, voglio aprire una nuova rubrica che racconti i segreti di Pavia, sempre in ottica “vagabonda”, con il mio stile.

Iniziamo con un piccolo spaccato di storia, scoprendo le radici di Ticinum Papia.

Il primo insediamento in area pavese si deve ad antiche popolazioni della Gallia, probabilmente Levi, Marici o Insubri. La città vera e propria venne però fondata dai Romani, e questo è ben evidente dalla pianta rimasta intatta, a castrum (accampamento militare). Con il declino dell’Impero Romano, la città venne saccheggiata ripetutamente fino alla conquista dei Longobardi, che nel 572 ne fecero la capitale del loro regno in ascesa: da questo momento la città assunse il nome di Papia, perdendo il toponimo di Ticinum affibiatole dai Romani.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Facendo un piccolo balzo, arriviamo all’epoca di Federico Barbarossa: Pavia fu fedele all’imperatore durante le guerre con la Lega Lombarda. Successivamente venne annessa al Ducato di Milano, sotto il dominio della famiglia Visconti. E’ il 1360.

Pavia torna protagonista sulla scena europea grazie alla famosa Battaglia di Pavia, combattuta il 24 febbraio 1525 tra i Francesi e gli Imperiali spagnoli: questi ultimi furono i vincitori perché il capitano di ventura Cesare Hercolani, ferendo il cavallo del re Francesco I di Francia, ne permise la cattura, meritandosi il soprannome di vincitore di Pavia e la gratitudine dell’imperatore spagnolo Carlo V d’Asburgo.

Successivamente, la città vide molte dominazioni dal XVIII al XIX secolo: spagnoli, francesi ed austriaci se la contesero insieme ad altre grandi città lombarde, fino al 1859 quando divenne parte del Regno di Sardegna, il futuro Regno d’Italia.

Pavia è dunque una città ricca di storia e di fascino, che conserva molto bene gli antichi splendori del passato. Molti illustri personaggi sono passati da qui, tra cui Napoleone Bonaparte, Ugo Foscolo, Ada Negri, Camillo Golgi, Lazzaro Spallanzani, Maria Teresa d’Austria, e molti altri ancora. Tutti, a loro modo, hanno contribuito alla grandezza di questa città, oggi ancora molto visitatada turisti attirati dalle sue bellezze architettoniche e dai suoi monumenti.

Con questa rubrica vorrei farvi conoscere più nel dettaglio i suoi luoghi, i suoi scorci, la sua storia.

Dopo il Castello Visconteo, Piazza della Vittoria e la Basilica di San Michele, il Ponte Coperto, e le Torri medioevali, della Chiesa di Santa Maria del Carmine, ora è la volta dell’Orto botanico.

 

Ortobo_copertina
Facciata dell’Orto botanico

 

Essendomi laureata in Scienze Naturali, ho studiato per 5 anni (la durata del mio percorso di studi) all’interno delle aule dell’Orto, e mi sono anche laureata proprio qui. E’ un luogo per me molto caro e che spero ogni giorni di vedere rifiorire, come le bellissime rose delle sue aiuole.

Voluto da Maria Teresa d’Austria, Imperatrice austriaca e sovrana illuminata, viene fondato nel 1773 come struttura museale dell’Università. Ancora oggi, sorge nella sede originale, sull’area dell’antica canonica lateranense di sant’Epifanio, di cui oggi rimane solo il chiostro.  L’idea originale di istituire una cattedra di botanica fu di Fulgenzio Witman e nel 1772, il conte Carlo Giuseppe di Firmian, plenipotenziario degli Asburgo per la Lombardia, consigliò di adottare come esempio per la realizzazione l’Orto botanico di Padova.

L’anno dopo i botanici Valentino Brusati e Giovanni Battista Borsieri incominciarono i lavori per la costruzione della sede e nel 1774 venne insediato il Laboratorio di Chimica. Nel 1777 arrivò all’Orto il naturalista trentino Giovanni Antonio Scopoli che assunse la sua direzione e piantò il famoso “Platano di Scopoli”. Durante la sua direzione, Scopoli intratenne moltissimi rapporti con i più importanti botanici europei, tra cui Adanson, Allioni, Arduin, Banks, Gessner, Gleditsch, Gmelin, Haller, Jacquin, Linneo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La riorganizzazione dell’Orto continuò anche sotto la direzione di Domenico Nocca e Giovanni Briosi, che nel 1883 aggiunse le serre calde ancora presenti. L’opera di rinnovamento terminò con la Seconda Guerra Mondiale e ad oggi non ci sono stati molti cambiamenti rispetto alla fine del 1800, puntando sempre più (ahinoi) ad un regime di risparmio economico piuttosto che di rinnovamento. Oggi il Direttore è il Professor Francesco Bracco.

Oggi l’Orto botanico fa parte del Sistema Museale di Ateneo e della Rete degli Orti Botanicidella Lombardia, partecipando alle relative attività coordinate di carattere museale, didattico e scientifico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’organizzazione attuale dell’Orto è così composta:

  • collezioni viventi di piante in-situ, localizzate nella Riserva Naturale Integrale “Bosco S. Negri”, distaccata dall’Orto;
  • collezioni viventi di piante ex-situ quali il Roseto, l’Aiula del Te, la serra delle orchidee, la Serra tropicale Tomaselli, la Serra delle piante utilitarie Briosi, le Serre Scopoliane, il Platano di Scopoli, l’Arboreto, le Aiule delle piente autoctone della Pianura Lombarda;
  • collezioni di essiccati, conservate nell’erbario all’interno dell’edificio dipartimentale annesso all’Orto;
  • collezioni viventi di semi, conservate nella banca del germoplasma;
  • Centro Didattico della Riserva Naturale Integrale “Bosco S. Negri”.

La Riserva Naturale Integrale “Bosco S. Negri” è una riserva integrale, cioè con accesso consentito soltanto per motivi di studio e si trova vicino a Zerbolò (PV). Rappresenta uno degli ultimi lembi di foresta planiziale lombarda. Siccome non è visitabile, è stato istituito un centro didattico per la cittadinanza che permette di conoscere l’ambiente peculiare del bosco di pianura, le specie che lo popolano e la loro classificazione, il suo e le sue caratteristiche.

La banca del germoplasma nasce nel 2004 nell’ambito delle iniziative promesse dal Centro Regionale per la Flora Autoctona (CFA) della Regione Lombardia a tutela della flora spontanea. La banca ospita sia semi di piante autoctone che di cultivar di interesse agronomico, in particolare le Landraces, cioè le antiche varietà agricole lombarde e pavesi in particolare. La Banca collabora con altre realtà nazionali ed internazionali, in particolare con la Millenium seed Bank di Kew, in Gran Bretagna. Il resonsabile delle attività della Banca è il Professor Graziano Rossi. Per ulteriori informazioni riguardo alla Banca, cliccate qui.

L’Erbario risale al 1780 e la sua collezione è tutt’ora in incremento. L’organizzazione comprende un Erbario dedicato alle vascolari (suddiviso a sua volta in Erbario Lombardo con circa 23000 essicati, Erbario Generale e raccolte personali) e uno crittogamico (composto da raccolte Lichenologiche, Briologiche, Algologiche, Micologiche e di Myxomiceti).

L’Arboreto ospita molte specie arboree ed arbustive, tra cui il grande Platano di Scopoli, un esemplare di Platanus hybrida piantato da Scopoli nel 1778, un albero monumentale sotto stretta tutela che ad oggi arriva a misurare 55 metri di altezza e 7,30 metri di circonferenza ad un 1 metro dalla base. E’ il simbolo dell’Orto, anche se non è osservabile tutti i giorni.

 

Ortobo_2
Il maestoso platano di Scopoli

 

All’interno delle aiuole possiamo trovare una meravigliosa collezione di azalee (Rhododendron indicum), che fioriscono in varie colorazioni in primavera e di rose suddivise in tre settori: le rose selvatiche, le rose antiche e gli ibridi moderni.

La Serra caldo umida ospita numerose specie esotiche di grandi dimensioni, quali palme, pteridofite, aracee, euforbiacee, liliacee e marantacee, mentre la Serre delle piante utilitarie ospita numerose esotiche da frutto, aromatiche, ornamentali e da legno. Le Serre scopoliane oggi sono utilizzate per scopi didattici.

All’interno dell’Orto si trovano anche un laghetto per le piante acquatiche, alcune vasche per la riproduzione della Marsilea quadrifolia e alcune statue come il “Quadrivio delle 4 stagioni”.

Non tutti sanno che l’Orto è aperto dal lunedì al giovedì, dalle ore 9:00 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 17:00, mentre venerdì è aperto dalle 9 alle 12:30 1e la visita è gratuita.

sarebbe lunedi al giovedì dalle 9.00 – 12.30 14.30 – 17.00

Durante il weekend vengono organizzati spesso eventi, come la Mostra-Mercato delle antiche Varietà Agricole o la Festa del Roseto, sempre aperte al pubblico gratuitamente.

Se invece si volesse avere una visita guidata, sia in gruppo che con le scuole, si deve contattare l’Associazione Amici dell’Orto Botanico.

Consiglio a tutti di venire a vedere il nostro Orto Botanico, luogo di rara bellezza e ancora oggi punto di ritrovo per studiosi e appassionati, nonché polo universitario che ospita le ex-facoltà di Scienze della Natura e Biologia.

 

 

 

 

Un mese ad Heidelberg: Heidelberg e le sue meraviglie

Nell’estate del 2017 ho deciso di intraprendere un viaggio in solitaria per studiare il tedesco e così mi sono iscritta alla International Summer School of German Language di Heidelberg, tutta frebbricitante per la nuova avventura che stava per cominciare. Detto fatto, dopo l’iscrizione in un batter d’occhio era ora di partire! E così, dal 2 agosto al 2 di settembre mi sono trasferita ad Heidelberg, per vivere questa emozionante esperienza in terra teutonica.

Heidelberg_2
La statua della Madonna con Bambino a Kornmarkt ed il Castello sullo sfondo

Questa rubrica non può che iniziare con la sua protagonista, Heidelberg, perla del Baden-Württemberg, città storica incastonata nella valle del fiume Neckar.

La città è un importante centro industriale grazie alle numerose industrie del tabacco, meccaniche, elettrotecniche e cartarie. E’ tuttavia per l’Università che questo centro è conosciuto: l’Università di Heidelberg è la più antica della Germania, fondata del 1386 da Roberto I.

La città fu fondata nel XII secolo ma la sua storia risale fino al tempo dei Celti e dei Romani, che si stabilirono qui su insediamenti già esistenti dell’età della pietra. Nei pressi di Heidelberg, Daniel Hartmann scoprì il 21 ottobre 1907 la mandibola del noto Homo heidelbergensis, da cui deriva il più famoso Homo neanderthalensis. I resti sono conservati al Museo del Palatinato (leggi la mia visita in questo articolo).

La più antica testimonianza scritta su Heidelberg è del 1196 e la costruzione primitiva del suo famoso castello fu innalzata nel XIII secolo. Il Palatinato, regione storica in cui si trova Heidelberg, divenne sempre più importante nel Medioevo, e i suoi Conti divennero elettori del Sacro Romano Impero grazie alla Bolla d’oro del 1356. Nel 1386 Roberto I fondò l’Università ed Heidelberg si porta così sulla scena della storia.

Nell’ultima legge promulgata dal Sacro Romano Impero (Reichsdeputationshauptschluss), il Palatinato fu abolito, e i territori alla destra del Reno, quindi anche Heidelberg, furono riuniti al Granducato di Baden.

All’inizio del secolo XIX la città sul Neckar divenne uno dei luoghi simbolici del romanticismo tedesco.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Con l’avvento del Nazismo, la città fu sconvolta dalla persecuzione razziale e dalle deportazioni (numerose sono infatti le pietre d’inciampo poste in tutta la città). Più di 6000 Ebrei vennero deportarti nei campi di concentro, la maggiorparte a Dachau (leggi il mio viaggio a Dachau, in questo articolo). Heidelberg era una città importante per la Wehrmacht, piena di ospedali militari, che non subì pesanti bombardamenti. Il 29 marzo del 1945 l’esercito tedesco fece saltare il Ponte Vecchio durante la ritirata, il giorno dopo le truppe americane entrarono in città senza incontrare resistenza.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale Heidelberg rifiorì e divenne un centro turistico rinomato in tutta l’Europa.

Chi la visita per la prima volta, non può che rimanere sbalordito dal profumo di storia che si respira in questa città: da Marktplatz, a Bismarckplatz, moderno ed antico si amalgamano in un tripudio di bellezza. Che si arrivi in auto o in treno, Heidelberg è ben servita di parcheggi e mezzi pubblici.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per le tappe prettamente “turistiche” non si può non visitare il suo Castello, che domina tutta la città dalla sua posizione sopraelevata, il Ponte Vecchio, ricostruito esattamente come l’originale, il Carcere studentesco (leggete del Carcere in questo articolo), luogo affascinante e ricco di leggende, la festosa Hauptstraße ricca di negozi all’ultima moda, la Heiliggeistkirche,
imponente chiesa protestante di Marktplatz.

I palazzi storici e il fiume Neckar incorniciano questa città meravigliosa e vivibile, che offre tanto di giorno quanto di sera: se durante le ore più calde possiamo rilassarci all’ombra degli alberi del giardino del Castello, di notte la città si anima di giovani che frequentano i numerosi Kneipe di Untere Straße, ritrovi musicali e ricchi di vita.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se la giornata è bella, si può fare un piacevole giro in battello sul Neckar, con la possibilità di effetuare crociere anche in altre città con punto di partenza Heidelberg. Gli amanti delle passeggiate non disdegneranno la Philosophenweg, la camminata dei filosofi, un percorso tra i boschi che ci permette di scorgere la città dall’altra sponda del fiume, e Königstuhl, il punto più alto della città, raggiungibile tramite la stessa cabinovia che collega il centro storico con il Castello (biglietto acquistabile con un sovrapprezzo).

Da ricordare come attrazioni lo Zoo di Heidelberg, nel quartiere di Neunheim, e i vari negozi dell’antiquariato, sparsi in tutta la città.

Per gli amanti della squisita cucina tedesca, consiglio vivamente i ristoranti Weisser Schwan (in Hauptstraße) e Vetter’s Alt Heidelberger Brauhaus (in Steingasse). Se invece siete nostalgici e avete voglia di un buon espresso italiano, niente è meglio di Peppino, sempre in Hauptstraße, dove l’ospitalità è di casa e dove potrete ritrovare il gusto autentico della nostra amata Italia.

Non mi rimane che consigliarvi questa città, anche per viverci, perchè una volta visitata, ve ne innamorete letteralmente.

I luoghi della storia: lo Studentenkarzer di Heidelberg

Uno dei luoghi simbolo della città di Heidelberg è senza dubbio la sua Università: fu la prima ad essere fondata da Roberto I nel 1386 e ancora oggi è un simbolo di prestigio per la città e per la Germania tutta. Qui, più di 30.000 studenti ogni anno passano il loro tempo dedicandosi allo studio con dedizione e passione, ma non sempre fu così.

Si sa, qualche volta si incontravano degli studenti svogliati, che non si impegnavano e che addirittura tiravano qualche scherzo ai professori o ai compagni: spirito gogliardico? Può essere, ma l’Università non prendeva questo fenomeno sottogamba e così decise di aprire un vero e proprio carcere studentesco. Lo Studentenkarzer venne aperto nel 1778 e rimase in attività fino al 1914, con lo scopo di punire gli studenti che non mantenevano un comportamento adeguato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chi veniva sorpreso ubriaco, a commettere comportamenti scorretti o in equivoche compagnie, veniva rinchiuso in questa struttura a tre piani, altra e stretta, con piccole celle come un vero carcere. I tempi di detenzione varivano da tre giorni fino a quattro settimane. Gli studenti, però, non si annoiavano così tanto, dato che sono riusciti a dipingere tutto il complesso, disegnando volti anonimi e insegne cavalleresche e lasciando un ricordo della loro permanenza.

E’ così che troviamo nomi, città, date, testimonianze di giovani che forse erano considerati troppo esuberanti per la rigida morale che veniva strettamente seguita.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il luogo ha un certo fascino e quando si visita sembra di tornare indietro nel tempo, anche se trasmette, devo confessare, una certa inquietudine, con tutti questi strani affreschi, segno di una gioventù che rimane fissata tra le pagine del tempo.

Il Carcere Studentesco si trova vicino all’Università, ad Augustinergasse 2, ed è visitabile previo acquisto di un biglietto presso lo shop dell’Università adiacente.

Non sarà difficile scorgerlo grazie all’insegna caratteristica.

Lo Studentenkarzer è visitabile dal martedì al sabato.