Alla scoperta della natura della Slovenia: la nuova rubrica di Donna Vagabonda

Negli ultimi anni, sia per via dei miei studi che per piacere, mi è capitato di visitare la Slovenia e anche quest’anno non mancherò a questo appuntamento che si può quasi definire fisso.

_MG_0278
L’interno delle grotte di Postumia

La Slovenia, placido stato che confina con l’Italia, condivide con noi italiani molte tradizioni e soprattutto molta storia. Non capisco come mai, ma dai viaggiatori di solito è una meta snobbata o è un luogo “da toccata e fuga”, io invece penso che sia un Paese di rara bellezza e dal fascino indiscutibile, con i suoi edifici bianchi e con l’impronta degli antichi Imperi Centrali, con la sua natura incontaminata che non ha nulla da invidiare con i Grandi Parchi Americani, e con la gentilezza del suo popolo, che è sempre disposto a farti conoscere la cultura e le tradizioni.

Non posso dire di aver visitato tutta la Slovenia, sarebbe davvero impensabile, ma con questa rubrica voglio proporvi alcuni luoghi che mi hanno regalato emozioni davvero uniche: vi ho già raccontato del mio diario di viaggio di Lubiana (leggi qui il primo articolo) e del Castel Lueghi (leggi qui il mio articolo), dei Musei Nazionali (leggi qui e qui), ora vorrei approfondire l’aspetto più naturalistico e selvaggio di questo paese fiabesco: grotte, orsi, cavalli e tanto verde vi aspettano in questa nuova rubrica.

Continuate a seguirmi Vagabondi!

Scoprendo Pavia: le torri della città

Da grande affezionata della mia città, voglio aprire una nuova rubrica che racconti i segreti di Pavia, sempre in ottica “vagabonda”, con il mio stile.

Iniziamo con un piccolo spaccato di storia, scoprendo le radici di Ticinum Papia.

Il primo insediamento in area pavese si deve ad antiche popolazioni della Gallia, probabilmente Levi, Marici o Insubri. La città vera e propria venne però fondata dai Romani, e questo è ben evidente dalla pianta rimasta intatta, a castrum (accampamento militare). Con il declino dell’Impero Romano, la città venne saccheggiata ripetutamente fino alla conquista dei Longobardi, che nel 572 ne fecero la capitale del loro regno in ascesa: da questo momento la città assunse il nome di Papia, perdendo il toponimo di Ticinum affibiatole dai Romani.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Facendo un piccolo balzo, arriviamo all’epoca di Federico Barbarossa: Pavia fu fedele all’imperatore durante le guerre con la Lega Lombarda. Successivamente venne annessa al Ducato di Milano, sotto il dominio della famiglia Visconti. E’ il 1360.

Pavia torna protagonista sulla scena europea grazie alla famosa Battaglia di Pavia, combattuta il 24 febbraio 1525 tra i Francesi e gli Imperiali spagnoli: questi ultimi furono i vincitori perché il capitano di ventura Cesare Hercolani, ferendo il cavallo del re Francesco I di Francia, ne permise la cattura, meritandosi il soprannome di vincitore di Pavia e la gratitudine dell’imperatore spagnolo Carlo V d’Asburgo.

Successivamente, la città vide molte dominazioni dal XVIII al XIX secolo: spagnoli, francesi ed austriaci se la contesero insieme ad altre grandi città lombarde, fino al 1859 quando divenne parte del Regno di Sardegna, il futuro Regno d’Italia.

Pavia è dunque una città ricca di storia e di fascino, che conserva molto bene gli antichi splendori del passato. Molti illustri personaggi sono passati da qui, tra cui Napoleone Bonaparte, Ugo Foscolo, Ada Negri, Camillo Golgi, Lazzaro Spallanzani, Maria Teresa d’Austria, e molti altri ancora. Tutti, a loro modo, hanno contribuito alla grandezza di questa città, oggi ancora molto visitatada turisti attirati dalle sue bellezze architettoniche e dai suoi monumenti.

Con questa rubrica vorrei farvi conoscere più nel dettaglio i suoi luoghi, i suoi scorci, la sua storia.

Dopo il Castello Visconteo, Piazza della Vittoria e la Basilica di San Michele, il Ponte Coperto ora è la volta delle Torri medioevali.

Pavia_6
Le tre torri in Piazza Leonardo da Vinci

Pavia è chiamata anche la città delle 100 torri dato che nel Medioevo vennero erette numerosi torri e ad oggi ne rimangono sessanta, di cui solo 6 integre, sparse per il centro storico della città. Le torri sorsero nel XII secolo, quando era molto accesa la competizione tra le famiglie più potenti della città: la funzione era di rappresentanza e per mostrare la propria potenza all’interno di un’epoca dove le famiglie facevano costruire monumenti ed edifici per mostrare il proprio prestigio. Le più famose si trovano in Piazza Leonardo da Vinci, proprio di frontre al complesso universitario più antico della città. Le tre torri sono a base quadrata di circa 5,5 metri di lato, con una muratura di laterizio punteggiata da buche pontaie. La più iconica è forse quella dell’orologio, realizzato solo tra il 1775 ed il 1792, quindi molto dopo la costruzione originale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tutte le torri presentano le medesime caratteristiche: pianta quadrangolare, dimensione del lato unitaria, struttura quasi sempre in mattoni, buon sviluppo in altezza. Anche la Torre Civica di Pavia aveva le medesime caratteristiche, prima di crollare tragicamente nel 1989.

C’è una leggenda che narra l’origine delle cento Torri, leggiamola insieme:

Si racconta che un tempo esistesse una donna, una strega, che abitava in una baracca sulla riva del Ticino, nascosta dagli alberi che in quel tempo infestavano le sponde del fiume. La donna usciva solo di notte per andare alla ricerca di erbe e radici con le quali confezionava gli infusi di felicità.

Vecchia e brutta, zoppa e strabica, la sua vista produceva un senso di paura, eppure qualcuno andava a cercarla.

Donne o ragazze che si recavano da lei perché insegnasse loro il sistema per mantenersi giovani o di trovare un marito, oppure erano giovani uomini poco intraprendenti che le si rivolgevano perché li aiutasse ad accendere il cuore di qualche ragazza ritrosa.

In questi casi la vecchia strega vendeva i propri infusi.

Ogni tanto, però, arrivava anche qualche pavese di alto rango, di quelli chiamati dal popolo “i sciur dlà cità”, i quali chiedevano consigli per diventare potenti, sempre più potenti per dominare la città.

La megera li riceveva tutti, li ascoltava e tutti venivano da lei imbrogliati, ma felici ritornavano alle loro dimore: ognuno di questi credeva di essere stato il solo ad essere stato ricevuto dalla strega.

La domanda che uno si pone a questo punto è sempre: cosa diceva la strega a questi signori della città? La risposta era sempre la stessa: “chi vicino o incorporata nella propria casa avesse costruito la torre più alta avrebbe preso il dominio di Pavia e su tutti i pavesi”. Ecco che Pavia si riempì di torri e da allora prende il nome di “città dalle cento torri”.

Diciamo che c’è un fondo di verità in questa leggenda, proprio perchè le torri servivano per stabilire la supremazia e mostrare la potenza delle famiglie gentilizie.

Le Torri sono ben visibili dall’alto e si possono incontrare girovagando nel centro, procedendo dall’Università verso Corso Garibaldi.

Nelle buche pontaie trovano riparo i numerosi parrocchetti dal collare (Psittacula krameri) che si spostano per tutta la città, facendo tappa al Castello Visconteo e poi alle Torri, cantando e strillando con la loro voce acuta: uno spettacolo per tutti i pavesi e i turisti!

Pavia_5
I numerosi parrocchetti nelle buche pontaie

Curiosità sulle Torri Medioevali

  • Le Torri sono uno dei simboli di Pavia tanto che la città è conosviuta come la città delle 100 Torri ma non solo a Pavia troviamo le Torri con la medesima struttura: da San Gimignano a Bologna, da Asti ad Alba, le Torri hanno conquistato le città medioevali.
  • Sulle Torri di Pavia, al contrario di altre, non si può salire, a causa della ristrettezza degli interni, quindi si possono ammirare soltanto dall’esterno.

Per visitare Pavia, puoi alloggiare presso (tutti rigorosamente provati da Donna Vagabonda!) …

 

Per visitare Piazza della Vittoria, puoi parcheggiare in…

  • Parcheggio Area Cattaneo (Viale Nazario Sauro)
  • Parcheggio Viale Indipendenza (Viale Indipendenza)
  • Corso Garibaldi
  • Via Santa Clara
  • Piazza Ghislieri
  • Piazza Petrarca

 

I weekend a Bologna: la Fontana e la Piazza del Nettuno

Se si pensa a Bologna, probabilmente il primo simbolo che viene in mente è la maestosa fontana del Nettuno, con la statua nera proprio del Dio romano (o greco se consideriamo il suo nome Poseidone), il Dio del mare e delle tempeste, simbolo di potenza incontrastabile. E’ proprio da questa fontana che il mio viaggio per Bologna parte, dalla più iconica delle statue.

Bologna_6
La grandezza della fontana del Nettuno

La fontana del Nettuno, si trova nell’omonima piazza ed è soprannominata al Żigànt in dialetto (il gigante in italiano).

Frutto del lavoro di tre artisti, Zanobio Portigiani, Tommaso Laureti e Giambologna, l’opera è stata costruita per volere del vicedelegato pontificio Pier Donato Cesi per glorificare il governo pontificio del papa Pio IV e fu inizata nel 1563 e terminata nel 1566.

Il tema del Nettuno era particolarmente caro nel ‘500 e venne già affrontato dal Giambologna nel concorso per la fontana di piazza della Signoria a Firenze, poi vinto da Bartolomeo Ammannati.

La fontana poggia su una base di tre gradini al di sopra dei quali è collocata una vasca in macigno locale ricoperto da marmo di Verona. Nel centro della vasca si trova uno zoccolo fiancheggiato da quattro nereidi che si sorreggono i seni e quattro putti che reggono dei delfini, in riferimento ai grandi fiumi del mondo, cioè il Gange, il Nilo, il Rio delle Amazzoni ed il Danubio (simbologia che viene ripresa nella Fontana dei Quattro Fiumi a Roma, dove il Rio delle Amazzoni è sostituito dal Rio de la Plata). Non mancano le decorazioni, con i simboli pontifici che decorano l’opera e simboleggiano la potenza del papato. Sopra il grande piedistallo si erge il Nettuno maestoso, frutto dello scalpello del grande Giambologna che con quest’opera realizzò uno dei più grandi capolavori manieristici.

Bologna_4
Nettuno e sullo sfondo la Basilica di San Petronio

Nettuno è fiero e domina le acque, come il Papa che all’epoca dominava il mondo: la mano del Dio è tesa contro il vento e sembra voler placare i suoi flutti, trasmettendo un esplicito messaggio di esaltazione della figura pontificia e della sua dinastia. Nettuno rimanda per via simbolica al potere che dispensa ricchezza e fertilità intorno a sé, riferimento a un governo generoso ma inviolabile, che però non guarda alla piazza (e quindi al popolo) ma dritto davanti a sé e quindi ai grandi.

Ai lati della vasca ci sono anche quattro iscrizioni in latino, che illustrabo le finalità della fontana:

  • Fori Ornamento (fatta per ornare la piazza);
  • Aere Publico (fatta con soldi pubblici);
  • Populi Commodo (fatta ad uso del popolo);
  • MDLXIIII (eseguita nel 1564; la data, in realtà, è errata siccome l’opera fu portata a compimento nel 1566).

Sulla fontana sono incisi anche i nomi dei quattro committenti, riportati in lettere latine nei quattro cartigli posti tra le nereidi:

  • Pius IIII Pont. Max (Pio IV Pontefice Massimo);
  • Petrus Donatus Caesius Gubernator (Pier Donato Cesi, Cardinale Vice Legato);
  • Carolus Borromaeus Cardinalis (Carlo Borromeo, Cardinale Legato);
  • S.P.Q.B. (Senatus Populusque Bonononiensis, ovvero il Reggimento di Bologna).

La Piazza del Nettuno è quindi uno dei centri nevralgici della vita bolognese, meta turistica e sede dell’edificio Comunale: sulle sue pareti si trova affisso il sacrario dei caduti della resistenza, che tanti sono stati in questa città. Oltre al Comune si trova l’antica Sala Borsa, oggi centro culturale, aula studio e Biblioteca comunale. Sull’altro lato della piazza, di forma rettangolare, si trovano Palazzo del Podestà e Palazzo Re Enzo, che prende il nome dal re Enzo, figlio dell’Imperatore Federico II, che qui venne imprigionato dopo la battaglia di Fossalta del 1249: il palazzo ad oggi ospita fiere e convegni.

Bologna_8
La piazza con Palazzo Re Enzo e Palazzo del Podestà, meglio visibile in Piazza Maggiore

Sui lati minori del rettangolo si trovano la fine di via dell’Indipendenza e l’accesso a Piazza Maggiore, un altro simbolo della famosa città emiliana.

La Piazza si trova inoltre all’incrocio tra via Rizzoli e via Ugo Bassi.

Arrivati non si può che ammirare la maestosità e la potenza della statua, che ispira grandezza e potere. Dopo aver fotografato la statua e la fontana tutta, ricordo una piccola notizia che ho appreso dal mio fidanzato (bolognese d’adozione): dall’aneddotica bolognese proviene una tradizione abbastanza divertente. Giambologna voleva realizzare i genitali più grandi del Nettuno ma la Chiesa era ovviamente contraria ad un gesto ritenuto indecoroso, quindi lo scultore realizzò la scultura in modo tale che da una certa angolazione, il pollice del Nettuno sembrasse in realtà il suo genitale eretto. Questa prospettiva è oggi visibile dalla cosiddetta “pietra della vergogna”, una pietra nera che Giambologna pose proprio per sfida e per dimostrare di essere riuscito nel suo intento nonostante il divieto. Naturalmente una tappa sulla pietra è d’obbligo, e si può appurare proprio che Giambologna era un buontempone!

Bologna_7
Nettuno visto dalla Pietra della Vergogna

Il tridente del Nettuno è stato d’ispirazione per i fratelli Maserati ed è diventato il simbolo della nota casa produttrice di automobili.

Piazza del Nettuno non è solo un simbolo di Bologna, ma è un punto di ritrovo, un luogo senza tempo, un’immagine vivida nei bolognesi ma anche in tutti i turisti che almeno una volta hanno visitato Bologna: ricordo che la prima volta che visitai questa città ero in prima media ed indelebile mi è rimasta l’immagine di questa maestosa fontana. Nettuno, è ormai di fatto entrato indelebilmente nella mia memoria.

I luoghi della storia: il Castello di Belgioioso

Nella provincia di pavia sono moltissimi i luoghi storici caratterizzati da rocche e castelli e da buona Vagabonda cerco con i miei articoli di farveli conoscere tutti (o almeno ci provo!). Alcuni sono davvero famosi, come il Castello del Verme di Zavattarello (leggete qui il mio articolo), o quello Visconteo di Pavia (leggete qui il mio articolo) o ancora quello sforzesco di Vigevano (leggete qui il mio articolo); altri invece non sono così famosi e spesso non sono visitabili, come quello di Montesegale (leggete qui il mio articolo). In questo piccolo articolo vi porto alla scoperta del Castello di Belgioioso, famoso nella provincia e non solo in quanto ospita numerose iniziative e fiere, come Officinalia (leggete qui il mio articolo).

Belgioioso_5
La facciata del Castello

Il Castello di Belgioioso fu probabilmente fondato da Galeazzo II nella seconda metà del XIV secolo nel territorio ove in seguito sorse il paese di Belgioioso. Il duca Gian Galeazzo II vi soggiornò molte volte; tanto cara gli era la dimora a Belgioioso che, con una sua lettera del 22 dicembre 1393, proibì la caccia ai cervi e a qualsiasi altra selvaggina fino a Bereguardo-Vigevano e Abbiategrasso.

Con Filippo Maria il castello passò di mano due volte fino all’investitura di Francesco Sforza. I successori, tutti o quasi, persero interesse verso il castello, posizionato troppo vicino al Po (q uindi soggetto agli suoi straripamenti) e su terreno poco fertile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel 1700 il castello risorse grazie al volere del principe Alberico che divenne nel 1769 Principe del Sacro Romano Impero. Il figlio Alberico XII ereditò dal padre la passione per questo luogo e organizzò spesso eventi e banchetti presso il castello. Vennero anche invitati poesti e scrittori illustri, come Parini e Foscolo. Il castello rimase dunque un punto di riferimento per letterati e nobili illuminati. Nel 1978 un gruppo di privati decide di acquistare una parte del castello e tutto il giardino costruito in stile neoclassico. A causa delle due guerre e di un perduto interesse, i la vori di restauro furono necessari per riportare all’antico splendore il maniero e nel 1992 il castello ottenne il permesso di ospitare manifestazioni ed eventi fieristici.

Belgioioso_1
L’imponente facciata sbuca dal viale

Oggi il castello non è visitabile se non durante le manifestazioni culturali, che sono molte e variegate.

Consiglio a tutti di venire a visitarlo durante queste occasioni, perchè i suoi arredi, i suoi stili rococò e classico, si mescolano perfettamente, creando un’atmosfera davvero unica.

I weekend a Bologna: la nuova rubrica di Donna Vagabonda

Bologna, città della musica, della cultura, dei portici.

Mattone, rossa, ocra.

Bologna è la città studentesca per eccellenza, con Piazza Verdi, via Zamboni, e le sue aule studio.

Ma Bologna è davvero magica, e non è amata solo da me. Il Carducci scriveva:

« Amo Bologna; per i falli, gli errori, gli spropositi della gioventù che qui lietamente commisi e dei quali non so pentirmi. L’amo per gli amori e i dolori, dei quali essa, la nobile città, mi serba i ricordi nelle sue contrade, mi serba la religione nella sua Certosa. Ma più l’amo perché è bella. »

Per via delle mie vicende sentimentali, ho scoperto questo gioiello emiliano, che placida si staglia sulle ultime propaggini della Pianura Padana e accoglie il turista, il forestiero, o l’innamorata. Da buona vagabonda, dunque, ci voleva proprio una rubrica che descrivesse la storia e i monumenti di questa città dai mille volti, che tanto a cuore ora mi sta.

Ho già scritto qualche articolo inerente ai musei di Bologna, come la Collezione Mineralogica Bombicci (leggi qui l’articolo), il Museo delle cere anatomiche (leggi qui l’articolo) e la Collezione Zoologica (leggi qui l’articolo), ma ora voglio anche approfondire la sua storia, la sua architettura, i suoi simboli.

Bologna è pronta dunque per essere scoperta, ed inauguro questa rubrica con un nuovo video, tutto dedicato alla città dei tortellini.

Il Museo di giugno: il Museo tedesco della Farmacia

Mentre mi trovavo ad Heidelberg, durante la mia vacanza studio per imparare la lingua tedesca, non ho potuto non visitare il suo famoso ed iconico Castello, che svetta proprio sulla città. Il Castello è ricco di luoghi interessanti, ma uno dei più particolari è senza dubbio il Museo tedesco della Farmacia (Deutsches Apothekenmuseum), che ha sede proprio al suo interno, presso la Ottheinrichsbau.

Mufarm_1
Una delle sale più iconiche del museo

Dal 1957 il museo illustra la storia e lo sviluppo della farmacia dal mondo antico fino al XX secolo, con una collezione notevole di reperti (più di 20000!), medicamenti, strumenti e tanto altro ancora: si può trovare davvero di tutto, dai semi del cacao, al presunto corno dell’unicorno. Già, perchè non sempre la farmacia è stata correlata alla medicina, ma piuttosto all’alchimia e alla magia, e quest’arte era persino vietata in molte parti d’Europa. La farmacia venne riconosciuta come disciplina in Germania dal 1231 quando l’Imperatore Federico II fece emanare la prima regolamentazione della pratica tramite una legge che stabiliva doveri e i diritti di medici e farmacisti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il tour compiuto in singolo, vi porterà ala scoperta di varie stanze dove i reperti sono disposti in ordine cronologico e metterà in risalto proprio la trasformazione della farmacia da “scienza magica” a “scienza vera e propria” grazie all’esposizione della collezione museale.

Contenitori, vasi in maiolica, “trofei” bizzarri, questo e molto altro ancora vi aspettano all’interno del Museo tedesco della Farmacia.

 

Mufarm_6
Uno dei bellissimi scaffali

 

Il museo è aperto dalle 10 alle 18, da Aprile a Ottobre, mentre da Novembre a Marzo seguirà l’orario 10-17:30.

L’entrata al museo è vincolata all’entrata al Castello quindi dovrete specificare anche questa visita al momento dell’acquisto del biglietto: c’è la possibilità di avere un biglietto combinato al costo di 7 euro (4 euro ridotto) che include anche la funicolare e la visita alla Grande Botte di Vino.

Per ulteriori informazioni, visitate il sito internet ufficiale.

Le meraviglie del Lago di Como: il Castello di Vezio

Durante il mio incessante peregrinare, tra nuove mete e posti già visti, mi sono soffermata sulle rive del Lago di Como per poterne scoprire le più segrete bellezze. Prima di dirigermi a Varenna (leggete il mio articolo cliccando qui) e dopo aver scoperto la storia di Acquate (leggete il mio articolo cliccando qui), mi sono diretta verso un luogo a tratti magico e a tratti fiabesco: il Castello di Vezio.

 

Vezio_copertina
Le mura ed un torrione

 

Il Castello di Vezio si trova sul promontorio che sovrasta proprio la città di Varenna e domina l’intero lago. L’origine della fortificazione non è ancora chiara: il toponimo di Vezio è probabilmente di origine romana. Di sicuro, le sue origini sono di funzione militare-strategiche: probabilmente il forte faceva da guardia alla strada che da Bellano conduceva ad Esino Lario. Il forte è legato alla storia di Teodolinda, la regina longobarda (molto famosa soprattutto in territorio pavese): si narra che la regina, tarscorrendo gli ultimi anni a Perledo, avrebbe fatto costruire la chiesa di San Martino e il castello di Vezio unitamente all’oratorio di Sant’Antonio per lasciare la testimonianza della sua fede fervente nel Cristianesimo.

Una prima testimonianza storica si ha con la venuta degli esuli comacini in seguito alla guerra con Como del 1169 d.C.

 

Nel 1647 le terre di Perledo e Varenna vennero investite nel feudo valtellinese del conte Giulio Monti. Nel 1778, l’infeudamento di Varenna passò alla famiglia Serbelloni, la cui congiunta, Crivelli Serbelloni, mantenne il possesso della torre di Vezio fino all’Ottocento. La proprietà passò poi alla famiglia Greppi Di Robilant che ne mantiene tutt’ora il possesso.

 

Vezio_4
Le mura viste dall’esterno

 

Oggi il Castello è aperto al pubblico ed è visitabile per gran parte dell’anno: oltre alla visita del cortile e della Torre, è possibile fare un piccolo giro sulle mura e nella grotta appena sotto al castello. L’Associazione Turistica Castello di Vezio si occupa della gestione del forte e promuove manifestazioni ed esposizioni. Inoltre è possibile assistere a degli spettacoli di falconeria, dove vengono spiegate le caratteristiche dei rapaci e si può osservare il loro volo leggiadro.

 

Vezio_2
Un barbagianni

 

Lasciata l’auto a poca distanza dal castello, proseguo su un piccolo sentiero fino alla cima del promontorio: il Castello è ben segnalato ed è raggiungibile anche dal piccolo paese di Vezio adiacente e sottostante. Prima di entrare, mi fermo per una piccola sosta al bar che vende anche souvenir e dispone di servizi igienici (non presenti all’interno del complesso del castello). Ora tutto è pronto per la visita, così acquisto il mio biglietto direttamente all’entrata e inizio. La vista dal promontorio vale veramente la pena e l’aria che si respira è così fresca che fa venire voglia di trasferirsi direttamente qui. Proprio durante la mia visita è in corso uno spettacolo di falconeria con un giovane esemplare di barbagianni (Tyto alba): è piacevole assistere a qualche minuto di questa interessante lezione e scattare qualche foto, sempre senza flash.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo aver immortalato il complesso da varie angolazioni, decido di salire sulla Torre, il simbolo di questo castello: all’interno della torre vi è un’esposizione sul Lariosauro, rettile marino preistorico venuto alla luce per la prima volta al mondo a poche centinaia di metri dal Castello. Il rettile è vissuto durante il Triassico Medio (Anisico – Ladinico), circa 245-235 milioni di anni fa e aveva una lunghezza compresa tra i 60 centimetri e i 130 centimetri. Il primo esemplare noto di Lariosauro venne alla luce a Perledo. Il Lariosauro era un predatore acquatico che si nutriva di pesci e cefalopodi. Probabilmente, il rettile era ovoviviparo in quanto sono stati rinvenuti probabili resti di embrioni.

Dalla torre si gode di una vista mozzafiato e tutto intorno risplende il riflesso del sole sul bellissimo Lago di Como.

 

Vezio_6
Lo spettacolare panorama sul Lago di Como

 

Scesa dalla torre, l’ultima cosa da fare è vedere i sotterranei, che tradizione vuole, sono abitati da fantasmi: non ne incontro nemmeno uno, chissà che magari la mia presenza non li abbia spaventati!

Una bella gita è conclusa, e ora non mi rimane che godermi il tramonto a Varenna, proprio sotto il Castello.