Articoli

Blog

Dell’arte del viaggiare (o dell’adattarsi)

Vorrei aprire questa piccola rubrica parlando della mia esperienza come travel blogger e come, grazie ad adessa, ho imparato qualcosa di davvero particolare: l’adattamento.

L’adattamento, già. A livello biologico è fondamentale per un organismo adattarsi al proprio ambiente per assicurarsi la sopravvivenza e l’affermazione genetica sui rivali: se pensiamo alle piante e agli animali che ci circondano notiamo infatti che ognuno di loro ha sviluppato caratteristiche peculiari che lo rendono “adattato”. Pensate alla pelliccia folta degli orsi polari per sopravvivere agli inverni rigidi o alla particolare struttura delle piante carnivore che sono riuscite ad adattarsi in ambienti poveri di nutrienti provenienti dal suolo. La specie umana è forse quella che meglio si è adattata alle condizioni ambientali, riuscendo a diffondersi in tutti i continenti e colonizzando gran parte delle terre emerse. Eppure, se pensiamo alla vita quotidiana, non è facile adattarsi alle situazioni e agli imprevisti della vita.

Io_Sabbioneta

La prima gita fuori porta dopo la pandemia: Sabbioneta

Il COVID-19 ci ha costretto, in circa 4 mesi, ad adattarci ad una situazione nuova e sconosciuta: la presa di coscienza di un virus “nuovo” e potenzialmente letale, la diffusione di questo in Italia e nel mondo, il lockdown italiano e degli altri Paesi, la riapertura graduale e l’adozione di misure per ridurre le possibilità di contagio, i giorni odierni. E’ la prima volta nella storia dell’uomo? No, le pandemie sono esistite da sempre ed esisteranno anche senza la specie umana, eppure l’uomo tecnologico, l’uomo che sembra poter piegare la Natura a suo piacimento, ha dovuto (e dovrà) adattarsi e anche alla svelta. Se in tempi storici i cambiamenti erano più lenti, più lunghi e il tempo era considerato in maniera totalmente diversa da oggi: ci sembra di non avere mai tempo e spesso accantoniamo progetti, idee, sogni a causa della nostra percezione di esso.

Forse la pandemia ci ha insegnato a dilatare maggiormente il tempo o forse a vivere con ancora più fretta e angoscia: ognuno l’ha vissuta in modo personale, lo sappiamo. Ma che c’entra il tempo con l’adattamento? E’ meccanismo fondamentale per esso in realtà perchè meno tempo corrisponde ad una richiesta di adattamento più veloce, con un rapporto inversamente proporzionale (so che non amate la matematica ma vi basti sapere che “rapporto inversamente proporzionale” significa che all’aumentare del valore di una variabile, il valore della variabile correlata diminuisce secondo un rapporto costante, ad esempio per costruire una casa un operaio ci impiega un anno, due operai impiegano 6 mesi, tre operai tre mesi e così via).

Io_Villa_Panza_2

Seconda gita fuori porta dopo il COVID-19: Villa Panza a Varese

E i viaggiatori?

Dopo questa lunga introduzione arriviamo al succo dell’articolo: come mi sono adattata in quanto viaggiatrice?

Viaggiatore, colui che viaggia, che si sposta, per un periodo più o meno lungo e più volte nell’arco temporale considerato. Un viaggiatore deve per sua natura adattarsi: certo, oggi ci sono strumenti incredibili come la “cancellazione gratuita” che permette flessibilità o i mezzi pubblici che “passano una volta ogni ora” ma che dire quando una “routine di viaggio” viene sconvolta? Ci sono viaggiatori che per abitudine ogni weekend partono o che ogni estate programmano almeno 3 viaggi, e ancora chi decide di partire e di tornare solo dopo mesi. Che è successo con il COVID-19? Come si è fatto fronte al cambiamento?

Il viaggiatore deve per sua natura adattarsi alle molteplici sfide del viaggio: cambi di programma, condizioni avverse, impossibilità di accedere a determinati luoghi. Ce la farà dunque ad adattarsi anche alle nuove restrizioni imposte dalla pandemia di COVID-19?

Se siete miei lettori affezionati sapete che ogni anno, a gennaio, amo pubblicare un articoli con i viaggi che andrò a fare durante il nuovo anno appena iniziato. Puntualmente qualcuno salta o viene modificato nella sua durata ma, in linea di massima, la scaletta viene rispettata: io amo programmare e ogni mio viaggio non è lasciato al caso ma viene minuziosamente programmato e organizzato, in una maniera spasmodica (non dico che questo sia il giusto modo di viaggiare, dico solo che è il mio modo di viaggiare). Per quest’anno avevo previsto di visitare Atene, il Sudafrica e l’eSwatini, di vedere Cracovia e Chişinău, di approfittare delle vacanze scolastiche per fare un on the road nei Paesi Bassi. Ebbene ho dovuto, con grande amarezza e tanto dispiacere, rinunciare totalmente a questi viaggi: maledetta pandemia? All’inizio la pensavo così e non sono mancati i momenti di sconforto e disperazione (non voglio sembrare una persona superficiale, so benissimo che “questi problemi” sono problemi da uomini e donne bianche che vivono in un Paese civile e che hanno pieni diritti, ben miseri rispetto alla malnutrizione e al lavoro infantile, o in confronto alla piaga dell’AIDS, ma siamo su un blog di viaggio e mi aspetto che chi legge sia almeno abituato a viaggiare una volta all’anno, vicino o lontano, o che per lo meno sia appassionato di viaggi), e far fronte ai cambi di programmi e alle disdette non p stato per niente facile: un giorno ti trovi a prenotare il “viaggio più interessante o incredibile che tu abbia mai affrontato” e, il giorno dopo (metaforicamente) ti ritrovi a disdire tutto, a chiudere nel cassetto le 4 guide sul Sudafrica che per Natale hai ricevuto, a veder scomparire dalle pagine più visitate quelle di Booking e di SkyScanner, a porti la domanda più domanda che non si può: “quando potrò viaggiare di nuovo?”.

Io_Villa_Toepliz_2

Villa Toeplitz e il suo parco, Varese

Il 2020 è l’anno dei “Piani B”, fondamentali per me come per tutti i viaggiatori: non per forza meno interessanti o coinvolgenti. Sta nella bravura del viaggiatore renderli meravigliosi come i “Piani A”!

Dopo il momento iniziale di sconforto e tristezza alla fine ho pensato che potevo cogliere il meglio da questa situazione e pensare di progettare viaggi diversi, magari in luoghi più vicini: l’on the road in Olanda è diventato un on the road in Lazio e Toscana, in particolare nella zona dei Castelli Romani, il viaggio in Africa si è trasformato in un tour dell’Andalusia e la visita alle due città dell’est si è tramutato in un giro alla scoperta della Costa Azzurra. Forse queste scelte sono più sicure, non lo posso sapere, ma di sicuro sono certa che siano fantastiche. Probabilmente non aggiungerò delle puntine sul mio planisfero e non vedrò nuovi Paesi entro la fine del 2020 (chi può dirlo?) ma in fondo è questo che vuol dire adattarsi: riuscire a modificare una situazione svantaggiosa in vantaggiosa e trarne il meglio per sè stessi.

Con questo articolo che cosa ho voluto esprimere in sintesi? Che le situazioni della vita ci costringono ad adattarci e forse i viaggiatori, per loro natura, sono più inclini a farlo: e dunque via, a programmare nuovi viaggi, a sognare nuove mete. Perchè comunque, per chi ha il Wanderlust, non è possibile fermarsi.

May_2

Sulle scogliere dell’Isola di May

Mi ricollego quindi al titolo di questa riflessione in libertà: un’arte, quella del viaggio, che ancora oggi riesce ad emozionare e che deve essere coltivata e amata, come tutte le arti. Ma il viaggio è adattamento e adattarsi significa anche scoprire nuovi luoghi, nuove bellezze, nuove emozioni.

Non mi resta dunque che scrivere gli articoli sulla pianificazione di questi viaggi e di partire per mostrarvi le meraviglie, italiane e non, che vedrò in questa pazza e calda estate che si prospetta: io sono pronta, e voi?

Commenti

  • 25 Giugno 2020

    Al momento non ho ancora fatto progetti per i prossimi mesi. Ammetto che non è facile riprendersi né pensare al futuro, però potendo sognare un po’ non mi dispiacerebbe raggiungere la costa spagnola, mentre invece se rimaniamo un po’ più coi piedi per terra mi sa che andrò in Romagna qualche giorno. Ma va bene tutto, pur di avere un po’ di serenità 🙂

  • 26 Giugno 2020

    Mi è piaciuto tantissimo leggere questo articolo e mi trovo perfettamente d’accordo con te. Viaggiando sono cresciuta e ho imparato ad adattarmi alle situazione che mi capitavano e chissà, forse anche per questo sono riuscita ad “accettare” la quarantena comprendendo che io e miei cari non eravamo “chiusi” in casa ma “protetti” in casa. Certo dover cambiare i piani per fattori esterni non è mai piacevole (ne stare dietro ai rimborsi vari sperando di ottenerli), ma in questi mesi più che mai ho capito cosa fosse davvero importante e che nel “male”, in Italia ho l’imbarazzo della scelta di cosa vedere e non scegliere le mie solite mete poco convenzionali (vedi l’Uzbekistan quest’anno) è una scelta che mi sento di fare anche per rispettare alcuni paesi che magari non hanno la stessa nostra sanità e un’epidemia come quella successa in Italia non l’avrebbero magari potuta sostenere

  • 26 Giugno 2020

    Bellissimo questo articolo mi trovo assolutamente d’accordo con te.
    Il 2020 l’anno dei piani B… già! ma sono convinta che alla fine trarremmo tutti vantaggio dal forzato cambio rotta 😉
    ps: il Sudafrica saprà ripagarti di tanta attesa

  • 27 Giugno 2020

    Anche secondo me non tutto viene per nuocere. Io sono riuscita giusto a fare un on the road a gennaio, prima di trovare un lavoro fisso che me lo impedisse e che scoppiasse la pandemia. Ora l’Australia sta essendo ancora supersevera, i viaggi internazionali saranno vietati fino al 2021 (si parla di metà anno) e al pensiero mi sento impazzire… Però, e qui vengo al punto, è vero che il cambio dei piani non è sempre così male. Si scoprono nuove opportunità, si ha tempo in più, e non da ultimo, anche soldi risparmiati! E poi il viaggio è solo rimandato 😉

  • foodeviaggi
    28 Giugno 2020

    L’uomo deve essere pronto ad adattarsi … lo abbiamo fatto sempre e lo faremo sempre! Il COVID-19 ci ha insegnato un mucchio di cose che spero resteranno in memoria. Noi abbiamo deciso di praticare “turismo di prossimità” e di girare tutta la nostra splendida Toscana. Ci sarà il viaggio di settembre in costiera amalfitana e qualche gitarella fuori regione..

  • 28 Giugno 2020

    Mi trovo molto d’accordo con te!
    Noi stiamo riadattando il nostro modo di viaggiare in base alla situazione attuale. Scegliamo un turismo di prossimità e luoghi poco affollati.

  • 29 Giugno 2020

    Una riflessione interessante, io penso che la capacità di adattarsi sia intrinseca nel viaggiatore perché in viaggio capita sempre qualche situazione nuova…

  • 3 Luglio 2020

    Alla fine la vita non va mai esattamente come avremmo voluto quindi la capacità di adattarsi è fondamentale, non solo in viaggio. Cogliamo questo momento come un’occasione; sono sicura che qualcosa di buono ne uscirà

  • 22 Settembre 2020

    Quest’anno è stata dura un po’ per tutti e l’adattamento non è stato per niente facile: avevo in programma un viaggio on the road in Islanda, il viaggio dei miei sogni, pianificato e organizzato da agosto 2019…E’ stata una delle delusioni più grandi non poter partire ma non avevo molte alternative. Ne ho approfittato per andare alla scoperta della mia regione, borghi che conoscevo e altri che fino a quel momento ne ignoravo l’esistenza. Sono soddisfatta? Molto, perchè ho avuto la possibilità di confrontarmi con realtà da cui ho appreso tanto. Pertanto ti dico che l’adattamento non è mai qualcosa di negativo, anzi, come affermi anche tu, dal piano B puo’ nascere il piano della tua vita!

Ti è piaciuto l'articolo? Scrivimi il tuo pensiero :)

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: