Archivi tag: Palazzo Reale

Diario di viaggio: Vienna – Giorno 2

Ed eccoci al secondo giorno a Vienna, entusiasti e galvanizzati per una nuova giornata ricca di storia ed emozioni. Il cielo sopra di noi non è molto invitante e la pioggia è pronta a sorprenderci in ogni momento ma questo non ci scoraggia. Decidiamo, sfruttando il maltempo, di visitare il bellissimo Complesso Reale della Hofburg. La storia di questo simbolo di Vienna è davvero secolare e ricca di nomi e personalità influenti. Non ci resta dunque che prendere la metro e dirigerci verso il Palazzo Reale.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il nucleo centrale del Palazzo si trova nel distretto di Innere Stadt: una parte di essa è la residenza e il luogo di lavoro del Presidente dell’Austria mentre quasi tutto il complesso è stato adibito a funzione museale (non tutto il complesso si erge su di un unico palazzo). La Hofburg si estende per 240000 metri quadri ed è formata da ben 18 ali, 19 cortili, 2600 stanze. La costruzione risale al XIII secolo e grazie agli Asburgo venne ampliata e arricchita. Il complesso è costituito da una serie di residenze a palazzi tra loro apparentemente distaccati, la Cappella Imperiale (Hofkapelle o Burgkapelle), il Naturhistorisches Museum ed il Kunsthistorisches Museum, la Biblioteca Nazionale Austriaca (Hofbibliothek), il tesoro imperiale (Schatzkammer), il Burgtheater, la Scuola di cavalleria spagnola (Hofreitschule), le stalle imperiali (Stallburg e Hofstallungen), ed il centro congressi Hofburg. Con una storia così antica e con il desiderio di creare un’opera maestosa, il progetto non poteva che essere affidato a numerosi artisti tra cui l’architetto ed ingegnere italiano Filiberto Luchese (che curò il Leopoldinischer Trakt), Lodovico Burnacini, Martino Carlone e Domenico Carlone, gli architetti barocchi Johann Lucas von Hildebrandt e Joseph Emanuel Fischer von Erlach (l’ala della Cancelleria Imperiale e la scuola di cavalleria invernale), Johann Fischer von Erlach (la biblioteca), e gli architetti della grandiosa Neue Burg costruita tra il 1881 ed il 1913.

Arrivati di buon’ora notiamo che già la fila per entrare è ben nutrita: evidentemente in molti hanno pensato di dirigersi verso un luogo chiuso come noi a causa del cattivo tempo. Le file non ci scoraggiano e dunque ci apprestiamo ad entrare, pazientando.

Avevo visitato già la Hofburg quando giunsi a Vienna la prima volta, a 18 anni, e sapevo quali meraviglie mi attendevano ma l’emozione è stata come quella che ho provato molti anni orsono: incredibile. La visita si apre con il Museo delle Argenterie, uno dei più ricchi e interessanti del mondo. Piatti, stoviglie, posate e suppellettili ci colpiscono per la loro preziosità e per lo sfarzo che solo una famiglia imperiale poteva permettersi. La storia della Camera delle argenterie risale al 1400 e la collezione si è arricchita sempre di più. Il 1° aprile 1995 è stato inaugurato il Museo delle argenterie e ad oggi la superficie è di 1300 metri quadrati e sono esposti circa 7000 pezzi (in totale sono più di 150000): notevole, non è vero?

Argento_7
Dettagli dorati

Lo sguardo è davvero travolto dal lusso di questa posateria e dalla vera arte che si trova palesata in questi oggetti: oro, argento, ceramica ed altri materiali preziosi ci hanno impressionati davvero molto e ci hanno riempito il cuore di bellezza e sofisticatezza.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo più di un’ora di visita ci dirigiamo verso gli appartamenti reali: qui le fotografie non sono permesse e quindi non posso mostrarvi le meravigliose stanze imperiali. Una cosa posso dirvi. Lo sfarzo che ho visto qui non l’ho visto più da nessuna parte, più in nessun palazzo reale, a parte Schönbrunn. Gli appartamenti visibili sono quelli dell’Imperatore Francesco Giuseppe e quelli di sua moglie, l’Imperatrice Elisabetta di Baviera, conosciuta come Sissi. Su Sissi si è scritto e detto davvero di ogni e di sicuro questo non è il luogo adatto per aggiungere altro su questa figura storica così amata e così discussa. Mi limito a dire che la sua permanenza in questa corte non doveva essere facile ma di sicuro nemmeno priva di gioie. I suoi appartamenti sono tra i più belli al mondo e la loro possanza si può palpare davvero. Oltre agli appartamenti, a Sissi è dedicato anche un museo, che ripercorre le tappe della sua vita, dall’infanzia alla tragica morte per mano dell’anarchico Luigi Lucheni. La visita a tutto il complesso è durata tutta la mattinata e ne siamo usciti davvero pieni di gioia e di stupore, soprattutto Gabriele.

Appena fuori ci rendiamo conto che il tempo stava cambiando e sembrava spuntare un timido sole…Non potevamo non cogliere l’occasione di stare un po’ all’aperto! Così abbiamo incrociato le dita e ci siamo diretti alla Chiesa degli Agostiniani: sempre incastonata nel complesso monumentale della Hofburg, la Chiesa è famosa per essere stata il luogo cardine per le nozze imperiali. Maria Teresa sposò proprio qui l’amato Francesco Stefano di Lorena nel 1736 e così fece l’Imperatore Francesco Giuseppe con la sua amata Sissi, che celebrò qui l’unione reale nel 1854. Dopo averla visitata ci siamo diretti verso il Graben per gustarci un altro panino con il leggendario wurst e subito dopo, continuando a sfruttare il meraviglioso sole che così gentilemente si è concesso a noi, ci siamo diretti al Palazzo del Belvedere.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ricordo che la prima volta che vidi Vienna fu il primo monumento che visitai e all’epoca mi lasciò un bel ricordo. Oggi, dopo questa visita, posso dire che per me questo è il più bel palazzo della città viennese, in assoluto. Sarà meno maestoso di Schönbrunn ma comunque la bellezza architettonica non ha rivali. Chi mi segue su Instagram sa quante volte ho dichiarato il mio amore per l’arte barocca e qui siamo proprio davanti ad uno dei capolavori più rinomati dell’architettura barocca austriaca. Il complesso venne costruito da Johann Lucas von Hildebrandt per il principe Eugenio di Savoia ed è formato da due palazzi contrapposti, il Belvedere superiore (Oberes Belvedere) e il Belvedere inferiore (Unteres Belvedere), separati da una grande prospettiva di giardini alla francese digradanti sulla collina e affacciati sulla città. Oltre ad essere uno del Palazzi principeschi più belli del mondo, il Belvedere ospita la Österreichische Galerie Belvedere che ospita le opere principali di Gustav Klimt, Egon Schiele e Oskar Kokoschka, uno dei principali musei d’arte di Vienna. E sapete che quando c’è arte, c’è Donna Vagabonda.

Vienna_Veduta del belvedere
Belvedere inferiore e giardini alla francese

Arrivati dopo circa 20 minuti di tram, ci dirigiamo verso la biglietteria e acquistiamo il biglietto per visitare sia il Belvedere superiore che quello inferiore. A causa della grossa mole di visitatori non possiamo entrare immediatamente e così decidiamo di scattare qualche fotografia ai giardini che lasciano davvero stupiti: puliti, ordinati, ben curati e accoglienti.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Noto che molti viennesi sfruttano il parco del Belvedere per rilassarsi e per fare jogging, infatti l’entrata ai giardini è gratuita: un ottimo modo per invogliare anche i cittadini a visitare questo luogo e di sicuro un approccio lungimirante nella gestione del bene pubblico. I giardini alla francese sono stati mantenuti sino ai nostri giorni con i numerosi jeux d’eau disegnati da Dominique Girard, che già aveva operato a Versailles come pupillo del celebre André Le Nôtre.

Belvedere_16
Il Palazzo del Belvedere

Dopo una mezzoretta di attesa entriamo partendo dal Belvedere superiore e rimaniamo subito incantati dalla bellezza artistica sia del palazzo che delle opere che qui sono conservate: la visita inizia con il tema della storia del Belvedere e prosegue con l’esposizione di opere d’arte del Medioevo, del Barocco, del Classicismo e dell’epoca Biedermeier.

Vienna_Gabri_assorto
Gabriele assorto…Chissà cosa starà pensando!

Degni di nota sono sicuramente i due ritratti reali eseguiti per conto dell’Imperatore Francesco Giuseppe e di sua moglie Sissi, realizzati da Georg Martin Ignaz Raab, pittore austriaco noto per aver ritratto alcuni membri della famiglia reale asburgica. Non si pùò non menzionare poi una delle più famose opere d’arte al mondo, “Napoleone valica il Gran San Bernardo” di Jaques-Louis David, forse il più celebre ritratto del condottiero francese, presente in moltissimi libri di storia. Al Modernismo viennese e all’arte intorno al 1900 è dedicato un ampio spazio al primo piano e qui si trovano tra le opere più importanti al mondo di questo periodo storico come il “Bacio” di Gustav Klimt e “La famiglia” di Egon Schiele. Infine, al secondo piano, si può ammirare l’arte del periodo fra le due guerre e del periodo postbellico. Un museo d’arte a tutto tondo, ricco di opere magnifiche e di quadri eccezionali. La visita, durata circa due ore, si è conclusa con tanta meraviglia e, non nego, con un po’ di stanchezza.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Decidiamo dunque di visitare velocemente il Belvedere inferiore, forse meno suggestivo di quello superiore e assolutamente più piccolo.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Finita la visita ci aspetta un bel giro tra i giardini: lo stile francese predomina sul paesaggio e l’armoniosa composizione mi porta alla mente periodi lontani e passati. Chissà quanti principi, condottiere, damigelle e statisti hanno calcato questi sentieri, hanno ammirato queste aiuole, hanno passeggiato con ombrellini per il sole e bastoni eleganti. Non c’è che dire, Vienna è principesca e sontuosa e difficilmente in un’altra città respirerete un’aria così maestosa e intrisa di storia!

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si è fatta quasi l’ora di cena dunque scattiamo le ultime fotografie e poi ci dirigiamo in albergo per rinfrescarci. Alla sera ci attende un’altra buonissima Schnitzel targata Centimeter! Un altro giorno a Vienna è passato, un altro giorno ricco di sorprese, bellezza, ricordi e tanta tanta felicità.

Per leggere il primo giorno del diario di viaggio, cliccate qui.

Per leggere la pianificazione di questo viaggio, cliccate qui.

Per leggere altri articoli sull’Austria, cliccate qui.

7 cose da non perdersi a Varsavia

Varavia: capitale giovane, fresca, accogliente e dalle sfumature inaspettate. Cresciuta all’ombra di Cracovia è in realtà, a mio avviso, una delle più belle capitali d’Europa, che ha saputo riconciliare il suo recente passato ad una storia di incommensurabile bellezza. Ma perchè dovremmo visitare questa città? Che cosa ha da offrirci? Ebbene, ecco 7 cose che proprio non potete non vedere se siete a Varsavia!

7 cose Varsavia

1. Passeggiare lungo la Stare Miasto (o la città vecchia)

Varsavia, nonostante i pesanti bombardamenti subiti durante l’ultimo conflitto mondiale, conserva un autentico e variegato centro storico su cui sorge ancora oggi il Palazzo Reale, sede del potere storico di questo ex-regno. Le case colorate affacciate sulla Piazza Centrale, dove sorge la Colonna di Sigismondo, vi riporteranno ad una bellezza di altri tempi.

Varsavia_1

2. Vedere la città dal Palazzo della Cultura e della Scienza

Se cercate una bella vista dall’alto della città allora dovete recarvi sulla terrazza panoramica del Palazzo della Cultura e della Scienza. Situato nel nuovo centro di Varsavia, affiancato dai palazzi più moderni e lussuosi della capitale, questo edificio in stile realistico socialista vi permetterà di godere di una vista seza pari, dall’alto dei suoi 42 piani! Tranquilli, non dovrete salire a piedi, ma con una comoda ascensore!

Veduta_alto

3. Conoscere la storia della città al Museo della Città di Varsavia

Questo imponente Museo riaperto nel 2017 dopo anni di restauro è uno dei più particolari di Varsavia: infatti, si snoda attraverso 11 edifici antichi (ex case) e su sei livelli. Con un approccio innovativo ma non digitalizzato, il museo offre la possibilità di conoscere alla perfezione tutto ciò che riguarda la storia della città e conserva più di 7000 reperti che vanno da opere d’arte a monete, da vasellame a orologi. Insomma, ce n’è per tutti i gusti! Da segnalare anche la vista meritevole dal sesto piano del museo sulla Piazza del Mercato: imperdibile!

Museo_Varsavia_1

4. Una sosta a Piazza del Mercato

Non tutti sanno che il simbolo della città è una Sirena: all’interno del Museo della città di Varsavia potete vedere come è cambiato questo simbolo nel corso dei secoli. Ma perchè proprio una sirena? La leggenda narra che un giorno due sirene decisero di partire dal Mar Baltico per una bella nuotata: una si diresse verso Copenaghen (la famosa sirena di Andersen) mentre l’altra risalì la Vistola e si diresse a Varsavia. Arrivata alla capitale vide dei pescatori intenti nella loro attività. La sirena decise di liberare i pesci e i pescatori non poterono nulla, irretiti dal suo ipnotico canto. Un giorno, un uomo losco venne a sapere della sirena e del suo misterioso canto e decise di catturarla: ci riuscì e la rinchiuse in gabbia. I pescatori, commossi da questa vicenda, decisero di liberare la sirena dalle grinfie dell’aguzzino e la sirena ricambiò questo gesto promettendo di proteggere la città da ogni pericolo. Da quel momento la sirena, ritratta nella statua che si trova proprio in Piazza del Mercato, protegge la capitale con la sua spada sguainata e il suo scudo stretto al petto. In questa piazza potrete dunque ammirare la statua della Sirena, assaporare dei gustosi Pierogi e rimanere affascinati dai palazzi colorati.

Sirena_1

5. Visitare il Palazzo Wilanów

Varsavia è davvero la città dei Palazzi: se siete innamorati della storia e affascinati dalle casate reali, allora è proprio la meta che fa per voi. Oltre al Palazzo Reale vi consiglio di recarvi a visitare il meraviglioso Palazzo Wilanów, la “Versailles di Varsavia“. Il Palazzo fu costruito per il Re polacco Jan III Sobieski nel XVII secolo e fu in seguito ingrandito dai proprietari successivi. Al suo interno potrete vedere le stanze reali, gli appartamenti e una collezione di stampe e oggetti cinesi (dovrete però optare per il biglietto completo). Completano la visita i bellissimi giardini, dove potrete trovare alcuni simpatici scoiattoli rossi!

Wilanow_1

6. Passeggiare per il Łazienki Królewskie

Il Parco Łazienki è uno dei parchi più famosi ed estesi della città: nato come giardino della residenza estiva del Re Stanislao Augusto, oggi è completamente visitabile con il Palazzo sul ghiaccio (così chiamato per la sua posizione, sul laghetto). Il Parco si articola in più zone che comprendono i giardini reali, l’orangerie, le stalle e molti altri ancora. Questo luogo è molto amato dagli abitanti di Varsavia e vi stupirà per la sua grandezza e per la calma che vi si respira. Per un’esperienza ancora più green vi consiglio di raggiungerlo con un monopattino elettrico, come ho fatto io. Aguzzate la vista! Tantissimi uccelli e scoiattoli si potranno palesare davanti a voi!

Lazieski_1

7. Visitare il Museo dell’Insurrezione di Varsavia

Varsavia è stata teatro di battaglie e di numerosi avvenimenti cruenti. Il più conosciuto, probabilmente, è la repressione dell’issurrezione del Ghetto di Varsavia: nel 1944 l’esercito regolare polacco insorse contro l’egemonia nazista. La rivolta, durata circa due mesi, fu repressa nel sangue. Oggi, a raccontare questo avvenimento, esiste il Museo dell’Insurrezione, situato nel distretto di Wola. Reperti, ricostruzioni, oggetti d’epoca, armi e documenti: tutto condensato in un museo davvero sbalorditivo, sia nell’allestimento sia per il materiale esposto. Anche se non siete appassionati di storia non potete non visitare questo luogo così memorabile.

Insurrezione_1

Queste sono solo alcune delle meraviglie che vi attendono a Varsavia, capitale ritrovata e gaudente. Se vi interessa scoprire come ho pianificato questo viaggio, leggete l’articolo a riguardo cliccando qui.

 

 

 

Le mostre più belle: Manet e la Parigi moderna

Da grande appassionata di arte, soprattutto della pittura impressionistica, e da grande amante di Manet (che ricordo sempre non essere un’impressionista, nonostante sia vissuto durante la nascita di questo movimento), non potevo perdermi la mostra “Manet e la Parigi moderna” che si è tenuta a Milano, a Palazzo Reale, dall’ 8 marzo a 2 luglio 2017.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questa grande esposizione intendeva ripercorrere la storia del grande pittore, dagli inizi alla fine della sua carriera molto intensa (430 dipinti in totale). Oltre alla figura di Manet vengono menzionati, attraverso l’eposizione delle loro opere, altri pittori suoi contemporanei, come Tissot, Signac, Gaugin e il suo grande amico Monet.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Con Manet, l’arte moderna si rivoluziona, assume tratti completamente diversi dai canoni prestabiliti dal celebre Salon e inizia un percorso assolutamete innovativo. Rifiutato dai critici contemporanei perchè troppo fuori dagli schemi, il pittore non si scoraggia e continua seguendo la sua linea di pensiero, creando opere d’arte ineguagliabili.

Le opere presenti in mostra arrivano dalla collezione del Musée d’Orsay di Parigi: un centinaio di opere, tra cui 55 dipinti – di cui 17 di Manet e 40 di grandi maestri coevi. Alle opere su tela si aggiungono 10 tra disegni e acquarelli di Manet, una ventina di disegni degli altri artisti e sette tra maquettes e sculture.

Manet_1
Il simbolo della mostra: Edouard Manet
Il pifferaio, 1866
Olio su tela – Parigi, Musée d’Orsay

La mostra è stata assolutamente una chicca per chi ama la pittura, in particolare quella del maestro Manet. Purtroppo non è stata riproposta in altre città ed il tempo di permanenza non è stato forse sufficiente per tutti, soprattutto per chi venisse da fuori Milano.

 

Pro

  • Mostra ben articolata con grandi opere famose
  • Oltre a Manet, vengono mostrate altre opere di artisti famosi e coevi
  • Il percorso è armonico e l’audioguida molto approfondita

Contro

  • Il tempo di permanenza della mostra è risultato non essere molto adeguato
  • La mostra non è stata riproposta in altre città

Le fotografie di questo articolo sono state prese liberamente da internet, in quanto non era possibile scattarne all’interno della mostra.

Per maggiori informazioni sulla mostra, visitate il sito ufficiale.