Destination Germania

Destinazioni

Germania – storia antica, passione travolgente, spirito di rinascita

La Germania ha un posto particolare nel mio cuore: la considero la mia seconda casa per svariate motivazioni, un po’ perché ho avuto l’effettiva possibilità di viverci, un po’ per le mie radici e un po’ perché la amo profondamente. In nessun luogo ho sentito le emozioni che ho provato in Germania: attenzione, sono emozioni completamente diverse dal Mal d’Africa e sono oltremodo difficili da descrivere. Qui trovo pace, disponibilità nelle persone, gentilezza e tanta voglia di mostrarmi quanto è meraviglioso questo Paese. La Germania è e rimarrà per sempre nel mio cuore.

Bamberg
Schloss Solitude

Da sapere quando si visita il Paese

Trasporti - Con la sua posizione centrale in seno all'Europa, la Germania è un importante nodo nel settore dei trasporti. Con 70 aeroporti la Germania è facilmente raggiungibile dall’Italia e da tutto il mondo. L’aeroporto di Francoforte sul Meno ha il secondo hub in Europa ed è un importante scalo per i voli intercontinentali e per lo scalo di merci.

Le strade sono in ottimo stato di conservazione e si presentano a due o più corsine: l’ampia rete autostradale (la terza più estesa del mondo) è tra le più importanti e meglio funzionanti grazie alla gratuità completa e la mancanza di limiti di velocità sulla maggior parte del tracciato.

La Germania ha istituito una rete policentrica di treni ad alta velocità. L'InterCityExpress o ICE serve prevalentemente le grandi città tedesche e le destinazioni nei paesi vicini. La velocità del treno varia dai 160 km/h ai 300 km/h ed è il più avanzato servizio nella Deutsche Bahn. I collegamenti sono offerti ad intervalli che possono variare dai 30 minuti, all'ora o ogni due ore.

Alloggi - In Germania potrete trovare qualunque tipo di struttura ricettiva: dagli ostelli della gioventù ai lussuosi hotel di catena e non. In qualunque città tedesca non farete fatica a scegliere la sistemazione più adatta alle vostre esigenze. Da sottolineare anche l’importante presenza di camping (sia attrezzati che non) che fanno di questo Stato una meta turistica perfetta per i camperisti. La Germania si visita molto bene sia in auto con un viaggio on the road (o in camper) che con i mezzi pubblici e non sarà difficile per voi trovare delle strutture ricettive anche per una sola notte.

Cibo - La cucina tedesca è forse tra le più ricche in diversità per quanto riguarda le cucine del vecchio continente: la cucina è innovativa, conta un’immensa varietà di ingredienti e spesso sposa lo zucchero al sale.

Dal pesce e dai crostacei del Mare del nord e del Mar Baltico alla salsiccia bianca della Baviera, passando per la zuppa di cozze della Renania e le varie specialità d'arrosto, la Germania offre anche diversi tipi di pasta e di ravioli.

La grande autonomia di ogni regione tedesca ha permesso lo sviluppo di pratiche culinarie locali, arricchendosi a volte degli apporti dai paesi vicini. Così in Germania esiste un gran numero di piatti regionali che sono diventati emblematici del paese intero.

Per capire la cucina tedesca è importante conoscere le abitudini alimentari in Germania. Fino alla fine del XX secolo la giornata tedesca era scandita da tre pasti e qualche spuntino: quest’abitudine alimentare ha portato alla formulazione di un detto:

«Frühstücken wie ein Kaiser, Mittagessen wie ein König, Abendessen wie ein Bettler»

«Fare colazione come un imperatore, pranzo come un re, cena come un mendicante»

(Proverbio culinario tedesco)

Non è difficile comprendere quale sia il pasto più ricco: la colazione (Frühstück), è tipicamente salato e comprende salumi e formaggi (che variano a seconda dello Stato Federale). Oggi questa colazione è stata integrata anche dai cereali sottoforma di muesli e da numerose varietà di pane, dove quello di segale predomina. Non sarà difficile trovare anche uova e salsicce.

Il piatto del pranzo era quello ritenuto tradizionalmente più importante: di solito è composto da una zuppa, da un piatto di carne e verdure (su cui tra tutte spiccano patate e cavoli) e una crema come dessert (immancabile il dessert).

La cena è un pasto che si consuma molto presto la sera, in genere verso le 18 (e comunque non più tardi delle 21) e in passato si limitava spesso a un piatto di salumi e di formaggi. Oggi anche per cena ai tedeschi piace mangiare la carne, spesso di maiale, servita in varie preparazioni.

Da non trascurare è sicuramente la merenda che fa parte dei numerosi spuntini assunti durante la giornata: di solito consiste in pasticcini o prodotti panificati.

La Germania è principalmente conosciuta per la diversità delle sue preparazioni a base di maiale. Questa rappresenta quasi la metà della carne consumata in questo Paese. Le salsicce variano in diverse forme: salsiccia di Vienna (Wiener Würstchen), piccole salsiccia di Norimberga (Nürnberger Rostbratwürstchen), salsiccia di Turingia (Thüringer Rostbratwurst), e altre ancora. Si trovano anche delle specialità di prosciutto o di stinco di maiale (Eisbein): prosciutti di Westfalia, della Foresta Nera o dell'Ammerland, stinchi di maiale ai knödel o alla berlinese. La carne si serve generalmente in pezzi sostanziosi come il celebre Wiener Schnitzel. Lo stinco di maiale (Schweinhaxe) e l'arrosto di maiale all'aspro (Sauerbraten) sono la base di numerose specialità regionali.

Accanto ai salumi si trova anche della carne di manzo, soprattutto in Baviera, della selvaggina (cinghiale, cervo, capriolo, coniglio) e dei volatili (oca nel Nord, pollo, tacchino, anatra).

Oltre alla grande tradizione della carne, in Germania si può consumare dell’ottimo pesce e degli squisiti crostacei, soprattutto se ci si spinge a nord: il mar Baltico e il mare del Nord forniscono alla Germania del Nord una gran quantità di pesci di mare come le aringhe affumicate (Sprotten) o marinate (Matjes), l'anguilla o la passera. Si possono anche degustare dei gamberetti e delle zuppe di aragosta o di vongole e cozze.
L'aringa, consumata in diverse forme, rappresenta una delle specialità di mare tedesche più consumate.

Nella cucina tedesca non può mancare la patata: si trova nelle insalate, nel purè, cotte al vapore, saltate in padella (spesso con le cipolle) o in teglia.

Le ricette a base di patate sono pressoché infinite in Germania, spiccano tuttavia le seguenti:

Kartoffelsalat: insalata fredda di patate, contenente cipolla e spezie
Reibekuchen: tortelli di patate grattugiate
Kartoffelklöße: gnocchi giganti di patata
Röstkartoffeln : patate arrostite
Kartoffelauflauf: pasticcio di patate
Kartoffelsuppe: zuppa di patate
Kartoffelauflauf - pasticcio di patate

I tedeschi consumano anche la pasta (Nudeln), principalmente nel Sud-Ovest, come le tagliatelle con il prosciutto (Schinkennudeln), alcune sono a base di patate (Schupfnudeln). Famosi sono gli Spätzle: gnocchetti svevi all'uovo che possono essere aromatizzati agli spinaci, alle rape rosse ed a

La varietà di vegetali consumati è grande e non si limita alla patata. La verdura re è il cavolo, che è alla base di numerose ricette. Si conoscono i crauti (Sauerkraut), il sedano rapa (Knollensellerie), le carote (Möhren) e il porro (Porree o Lauch).

La Germania produce parecchie migliaia di pani differenti che accompagnano il formaggio e i salumi. Tra i differenti tipi di pane il Weißbrot, pane bianco, lo Schwarzbrot, pane nero, il Vollkornbrot, un pane ai cereali. Il Brezel è a base di pasta di brioche, croccante e salato. In origine questo pane a forma di nodo era consumato nei monasteri durante la Quaresima. In Germania si è spesso soliti accompagnare il pane a burro (a volte anche con aglio) e altri ingredienti fra cui formaggi e salumi.

Per quanto riguarda i dolci anche qui il Paese tedesco si difende estremamente bene: la pasticceria comprende pan di Spagna foderato, torte (Torte o Kuchen), biscotti (Keks), bignè (Krapfen) di tutte le forme, bavarese (Bayerische Creme), strudel e altre specialità: le più conosciute ed apprezzate sono Käsekuchen e Käsetorte (torte al formaggio bianco) e Schwarzwälder Kirschtorte (torta della Foresta Nera).

Una menzione d’onore va infine alla birra, la bevanda nazionale: il consumo annuale di birra per abitante è superiore ai 110 litri. Il Parlamento europeo ha classificato la birra tedesca ``prodotto tradizionale”. I consumatori hanno anche la scelta tra 5000 marche differenti, prodotte da 1270 birrerie. Si trovano ovunque birre a fermentazione bassa: la Pilsner soprattutto, ma anche l'Export o la Märzen. Inoltre differenti specialità regionali a fermentazione alta si sono mantenute, come la Kölsch, birra bionda di Colonia, o le Altbier, birre brune o ambrate della valle del Reno. I tedeschi amano ritrovarsi nei Bierstuben (bar specializzati in birre) o nei Biergarten (terrazze o giardini dove si gusta la birra all'aperto). Spesso questa bevanda viene servita nei ristoranti ad un prezzo minore dell’acqua naturale (servita in formati ridotti, spesso 33 cl).

Budget giornaliero suggerito –  40 – 50 Euro (Note: questo budget è stato calcolato in media per una persona con alloggio in un hotel di media fascia, con pranzo al sacco (o presso un chiosco) e con cena in ristorante.

La prima volta in Germania

1. Storia e puntualità – La Germania ha una storia millenaria e ci tiene a preservarla: sono numerosissimi i monumenti di qualunque genere e tipo e sono di solito estremamente ben segnalati. Se cercate un Paese dove assaporare storia e magnificenza, siete nel posto giusto. Attenzione a rispettare gli orari di chiusura dei musei: i tedeschi amano la puntualità e mal tollerano il ritardo.

2. Sexy Shops e Night Club – La sessualità in Germania non è affatto un tabù e la prostituzione è regolamentata a livello statale. Troverete numerosi Sexy Shops (alcuni sono dei veri e propri musei per la mole di oggetti esposti e venduti) e Night Club dove intrattenervi: attenzione, mantenete sempre un comportamento corretto e adeguato, non ubriacatevi in questi luoghi e rispettate questa forma di espressione dela sessualità, altrimenti verrete gentilmente accompagnati all’uscita. Ho detto gentilmente.

3. Non cenate troppo tardi e non alzate troppo il gomito – Ai tedeschi piace mangiare presto, a volte prestissimo, ed impongono questa abitudine anche ai turisti: assicuratevi di presentarvi per cena dalle 18 alle 20, spesso la cucina dopo le 21 chiude e non si servirà più nulla se non birra a volontà. Anche in questo caso, bevete con moderazione, magari recatevvi in un Kneipe (un locale incrocio tra bar e pub) e non alzate troppo il gomito, la regola è la stessa come sopra (tranne a Colonia il giorno di Carnevale).

Municipio di Bamberg
Il Ponte di Heidelberg

Fare e non fare: la mia esperienza

La Germania è un Paese che va visitato e rivisitato e ogni volta si ha la sensazione di aver dimenticato di vedere qualcosa (e questo ci spinge a tornarci). La modernità delle strutture e nello stile di vita si sposa perfettamente con la lunga tradizione storica di castelli, residenze e ville. Ogni Stato Federale conserva una propria identità e questo è ben visibile nelle architetture e nella cucina. Che vogliate visitarla per poco tempo (magari visitando Berlino o Monaco di Baviera) o per più tempo (magari con un on the road) la Germania saprà regalarvi sempre meravigliose esperienze: dimenticate gli stereotipi sulla rigidità della sua popolazione (rigida ma assolutamente disponibile e affabile) e fatevi trasportare dall’atmosfera festosa del Carnevale (soprattutto quello di Colonia) o dalla tranquillità delle residenze del Baden – Württemberg.

Io ho visitato la Germania sia con l’automobile, che con i mezzi pubblici che con l’aereo e mi sono sempre trovata molto bene in questo Stato, in qualsiasi città visitata. La Germania è anche natura: la Foresta Nera è compresa in due parchi naturali, il parco naturale della Foresta Nera centro-settentrionale ed il parco naturale della Foresta Nera meridionale. Con 3.750 km² e 3.700 km² sono rispettivamente primo e secondo parco nazionale tedesco in ordine di grandezza. Non mancano poi delle meravigliose spiagge nella Pomerania e nella parte nord del Paese.

Una delle cose che ammiro di più è la cultura tedesca della memoria: numerosi edifici storici e campi di concentramento nazisti sono aperti al pubblico e sono visitabili tramite tour guidati: numerosi sono i memoriali e gli spazi dove si può ricordare la brutalità della guerra e rimembrare affinché certi errori non accadano più (vi consiglio una visita ai centri NS di documentazione sul Nazionalsocialismo, presenti nelle grandi città, come Monaco di Baviera e Colonia).

Must to do: visitate tutta la Germania e fatelo in auto. Fermatevi sulle città sul Neckar e percorrete la famosissima Romantische Strasse in Baviera. Spostatevi nelle grandi città e non perdetevi il fascino di Colonia, Aquisgrana, Brema e Amburgo. Ogni città tedesca è diversa dalle altre e ha tradizioni e monumenti degni di nota. Visitate anche i numerosi musei, da quelli più famosi (nell’Isola dei Musei di Berlino) a quelli più piccoli e regionali, ricchi di storia e manufatti anche preistorici. Concedetevi una bella passeggiata nei numerosi parchi cittadini e lasciatevi ammaliare dalla maestosità delle città.

Da non fare: non limitatevi a visitare una città e a concludere qui la vostra esperienza in questo Paese, ma anzi concedetevi più viaggi nei diversi Stati federali: troverete delle differenze enormi! Inoltre, se volete visitare Colonia e i suoi favolosi musei non fatelo durante il Carnevale: tutti i luoghi culturali sono chiusi al pubblico.

Comments

  • 28 Maggio 2020

    Bell’articolo sulla Germania! Personalmente ho visitato le città di Colonia e Aquisgrana e tra le due ho preferito la seconda! Molto più piccola e molto meno turistico rispetto a Colonia. Speriamo di poter tornare a viaggiare il prima possibile 🙂

    reply

Rispondi

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on