Archivi categoria: Le bellezze del Lago di Como

Le bellezze del Lago di Como: Lecco

Dopo Acquate (leggi qui il mio articolo), Varenna (leggi qui il mio articolo) e Vezio (leggi qui il mio articolo) non potevo non scrivere un articolo su una delle città simbolo del Lago di Como: Lecco.

 

Lecco_6
Le barche ormeggiate sul lungolago

 

Lecco , forse non famosa come Como ma altrettanto bella ed interessante, mi è cara per le mie vicende sentimentali e appena posso cerco sempre di tornarci per passeggiare tra le sue vie e per ammirare il bellissimo lago dal famoso lungolago, dove tante coppie, amici, famiglie o semplici persone passeggiano e ammirano la maestosità delle montagne e della natura tutta.

Lecco si trova nel braccio sud-orientale del Lago di Como ed è il capoluogo della Provincia omonima. Alle spalle della città si trova la Valsassina e subito dietro le Alpi Bergamasche.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La città ha origini antiche: alcuni resti archeologici hanno dimostrato la presenza di insediamenti celtici prima dell’arrivo dei Romani. Dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente i Franchi presero il controllo del castrum.

L’Imperatore Ottone I trascorse molto tempo a Lecco e dopo il suo regno, la città divenne un possesso del monastero di Sant’Ambrogio. Successivamente la città seguì le vicende storiche  dei Duchi di Milano e della Lombardia tutta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lecco è una città famosa non solo per la presenza del meraviglioso Lago, ma perchè molti personaggi illustri sono nati e/o vissuti qui: il più illustre e senz’altro Alessandro Manzoni, che ambientò proprio in questa città e nei dintorni i suoi famosi Promessi Sposi, tanto che ancora oggi è presente la sua famosa casa, trasformata in un museo della sua vita e della sua opera più celebre. Da non dimenticare poi il celebre geologo e paleontologo Antonio Stoppani, che a lungo ha studiato le montagne che circondano la città e non solo, oltre che Antonio Ghislanzoni, giornalista e poeta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lecco ha un grazioso e piccolo centro storico, incrocio tra le vie Bovara, Mascari e Volta, dove sono concentrati numerosi negozi, bar e ristoranti. Appena adiacente al lungolago si può trovare Piazza Cermenati, dove spesso sono presenti concerti e mercatini, e Piazza XX Settembre, il fulcro della città, con il Palazzo delle Paure, costruito tra il 1902 ed il 1905, chiamato così perchè fino al 1964 era sede dell’Intendenza di Finanza, del Catasto e della Dogana. Oggi questa architettura ospita mostre ed esposizioni temporanee e fa parte del sistema museale della città.

Sul lungolago è piacevole fare una passeggiata all’ombra dei platani, oppure incontrarsi per un aperitivo con gli amici, o semplicemente godersi la bellezza del Lago e dei monti circostanti, tra cui il San Martino. Le acque però non sono balneabili in questa zona a causa del traffico marittimo e quindi se volete fare il bagno dovrete salire un pochino, verso Lierna o Varenna stessa.

Se cercate un po’ di relax o volete fuggire al lago per qualche giorno, non fatevi scappare una bella visita a Lecco, magari con un bel giretto in barca!

 

 

 

 

 

 

 

Le meraviglie del Lago di Como: il Castello di Vezio

Durante il mio incessante peregrinare, tra nuove mete e posti già visti, mi sono soffermata sulle rive del Lago di Como per poterne scoprire le più segrete bellezze. Prima di dirigermi a Varenna (leggete il mio articolo cliccando qui) e dopo aver scoperto la storia di Acquate (leggete il mio articolo cliccando qui), mi sono diretta verso un luogo a tratti magico e a tratti fiabesco: il Castello di Vezio.

 

Vezio_copertina
Le mura ed un torrione

 

Il Castello di Vezio si trova sul promontorio che sovrasta proprio la città di Varenna e domina l’intero lago. L’origine della fortificazione non è ancora chiara: il toponimo di Vezio è probabilmente di origine romana. Di sicuro, le sue origini sono di funzione militare-strategiche: probabilmente il forte faceva da guardia alla strada che da Bellano conduceva ad Esino Lario. Il forte è legato alla storia di Teodolinda, la regina longobarda (molto famosa soprattutto in territorio pavese): si narra che la regina, tarscorrendo gli ultimi anni a Perledo, avrebbe fatto costruire la chiesa di San Martino e il castello di Vezio unitamente all’oratorio di Sant’Antonio per lasciare la testimonianza della sua fede fervente nel Cristianesimo.

Una prima testimonianza storica si ha con la venuta degli esuli comacini in seguito alla guerra con Como del 1169 d.C.

 

Nel 1647 le terre di Perledo e Varenna vennero investite nel feudo valtellinese del conte Giulio Monti. Nel 1778, l’infeudamento di Varenna passò alla famiglia Serbelloni, la cui congiunta, Crivelli Serbelloni, mantenne il possesso della torre di Vezio fino all’Ottocento. La proprietà passò poi alla famiglia Greppi Di Robilant che ne mantiene tutt’ora il possesso.

 

Vezio_4
Le mura viste dall’esterno

 

Oggi il Castello è aperto al pubblico ed è visitabile per gran parte dell’anno: oltre alla visita del cortile e della Torre, è possibile fare un piccolo giro sulle mura e nella grotta appena sotto al castello. L’Associazione Turistica Castello di Vezio si occupa della gestione del forte e promuove manifestazioni ed esposizioni. Inoltre è possibile assistere a degli spettacoli di falconeria, dove vengono spiegate le caratteristiche dei rapaci e si può osservare il loro volo leggiadro.

 

Vezio_2
Un barbagianni

 

Lasciata l’auto a poca distanza dal castello, proseguo su un piccolo sentiero fino alla cima del promontorio: il Castello è ben segnalato ed è raggiungibile anche dal piccolo paese di Vezio adiacente e sottostante. Prima di entrare, mi fermo per una piccola sosta al bar che vende anche souvenir e dispone di servizi igienici (non presenti all’interno del complesso del castello). Ora tutto è pronto per la visita, così acquisto il mio biglietto direttamente all’entrata e inizio. La vista dal promontorio vale veramente la pena e l’aria che si respira è così fresca che fa venire voglia di trasferirsi direttamente qui. Proprio durante la mia visita è in corso uno spettacolo di falconeria con un giovane esemplare di barbagianni (Tyto alba): è piacevole assistere a qualche minuto di questa interessante lezione e scattare qualche foto, sempre senza flash.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo aver immortalato il complesso da varie angolazioni, decido di salire sulla Torre, il simbolo di questo castello: all’interno della torre vi è un’esposizione sul Lariosauro, rettile marino preistorico venuto alla luce per la prima volta al mondo a poche centinaia di metri dal Castello. Il rettile è vissuto durante il Triassico Medio (Anisico – Ladinico), circa 245-235 milioni di anni fa e aveva una lunghezza compresa tra i 60 centimetri e i 130 centimetri. Il primo esemplare noto di Lariosauro venne alla luce a Perledo. Il Lariosauro era un predatore acquatico che si nutriva di pesci e cefalopodi. Probabilmente, il rettile era ovoviviparo in quanto sono stati rinvenuti probabili resti di embrioni.

Dalla torre si gode di una vista mozzafiato e tutto intorno risplende il riflesso del sole sul bellissimo Lago di Como.

 

Vezio_6
Lo spettacolare panorama sul Lago di Como

 

Scesa dalla torre, l’ultima cosa da fare è vedere i sotterranei, che tradizione vuole, sono abitati da fantasmi: non ne incontro nemmeno uno, chissà che magari la mia presenza non li abbia spaventati!

Una bella gita è conclusa, e ora non mi rimane che godermi il tramonto a Varenna, proprio sotto il Castello.

 

 

 

 

E sono 100! Grazie a tutti voi!

Il centesimo articolo è di ringraziamento a tutti voi, fan affezionati o semplici visitatori, che almeno una volta vi siete fermati a leggere uno dei miei articoli.

I numeri che conto oggi sono davvero straordinari, basti pensare che questo progetto è nato così, guardando un programma televisivo riguardante i viaggi, in un freddo pomeriggio di gennaio: la mia voglia di fare e il wanderlust ci hanno messo del loro ed infine è nato il blog di Donna Vagabonda.Collage_1

Nel tempo si è arricchito, con nuove rubriche e nuove esperienze, tutte rigorosamente vissute nel mio stile e con quella passione che ho cercato di trasmettere fin dal primo articolo.

Colori, emozioni, esperienze. Tutto questo è Donna Vagabonda.

Vi lascio un piccolo ringraziamento, sperando di vedervi sempre più numerosi ed entusiati.

Ricordatevi di seguirmi sulla mia pagina Facebook Donna Vagabonda!

Il lago di Como e le sue bellezze: Acquate

Quel ramo del Lago di Como” – così inizia uno dei più famosi romanzi italiani: I Promessi Sposi, di Alessandro Manzoni. Come molti dei miei lettori sapranno, le vicende di Renzo e Lucia si svolgono soprattutto tra Lecco e Monza, e precisamente ad Acquate, da dove tutto ebbe inizio.

 

Acquate_copertina
La Chiesa di Don Abbondio

 

Continua dunque la mia scoperta del Lago di Como e delle sue bellezze, in questa rubrica che vuole proprio approfondire la storia dei paesi che si affacciano sul famoso lago: dopo Varenna e Bellagio, ora ci spostiamo proprio ad Acquate.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Acquate è un quartiere della città di Lecco, che si trova nella parte nord della città. Le prime notizie di un nucleo originario si hanno già nel 1232, quando già esisteva una chiesa e un centro abitato, un piccolo borgo montano che era un comune autonomo. Con la divisione della Lombardia in province, sotto il dominio austriaco (siamo nel 1786), Acquate fu assegnato alla provincia di Como. Nel 1809, sotto il dominio napoleonico, Acquate divenne frazione di Lecco ed il comune sopravvisse fino al 1923, quando definitivamente venne soppresso e Acquate divenne ciò che è ancora oggi, un quartiere della città di Lecco.

Il quartiere oggi è uno dei più caratteristici della città, proprio perchè il Manzoni decise di ambientarvi il suo romanzo più celebre: ancora oggi, il successo di Acquate e la sua fama si basa proprio sulla storia dello scrittore. Molti luoghi, come la Chiesa di Don Abbondio, la Casa di Lucia e la Salita dei Bravi, possono essere riconosciuti grazie a delle insegne poste dal comune, in un piccolo groviglio di stradine molto caratteristiche. Le altre vie sono state denominate con il nome dei personaggi, come Via Renzo o Via Menico. Il quartiere è inoltre ritenuto il luogo natio dei due protagonisti, appunto Lucia e Renzo.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma Acquate non è solo I Promessi Sposi, ma anzi è luogo di tradizioni lontane ma ancora molto sentite, come lo Scigalott d’or, letteralmente la “cicala d’oro” tradotto dal termine lecchese: questa è la fiera del quartiere molto sentita dagli abitanti di Acquate e non solo, che si svolge nel mese di settembre ogni due anni, precisamente negli anni dispari. Il nome deriva da un avvenimento storico: il 6 giugno 1859 Giuseppe Garibaldi si trovava a Lecco per sollevare gli animi e sollecitare gli abitanti per l’unificazione. Gli acquatesi scesero verso Lecco in un folto corteo e con passo marziale arrivarono a sfilare per le vie del borgo prima di giungere in città. Siccome il loro passo era accompagnato da un rumore stridulo e ripetuto dato dagli strumenti di latta che venivano percossi (che ricordava il verso della cicala), gli abitanti di Acquate vennero soprannominati “Scigalott de quà”, ed ecco spiegato l’origine del nome.

La festa comprende varie competizioni ed attività organizzate dalle sei diverse contrade, ovvero:

  • Bassana
  • Colongardo
  • Concezione
  • Poteo
  • Vicinali
  • Zuccarello

Acquate è dunque tutta da scoprire… E da vivere!

Il lago di Como e le sue bellezze: Varenna

Inauguro questa rubrica con l’intenzione di visitare quanti più luoghi possibili che si affacciano sul Lago di Como. Dopo aver visitato Bellagio qualche anno fa, in questo periodo mi trovo spesso a visitare Lecco e la sua provincia (ma non solo) e devo dire che le mie alte aspettative non sono state assolutamente deluse. Sul lago più famoso d’Italia sorgono paesini fatati e città incantate, dove il tempo sembra proprio fermarsi. E’ questo il caso di Varenna, uno dei borghi più pittoreschi del Lago.

Varenna_copertina1
Varenna vista dal Castello di Vezio

Varenna è un piccolo comune italiano di 783 abitanti della provincia di Lecco, affacciato sull’omonimo lago, proprio di fronte a Bellagio, a cui è collegata tramite un servizio di traghetti lacustri. Le prime notizie della sua fondazione risalgono al 769 quando era nota come villaggio di pescatori: all’epoca era alleata di Milano, durante l’epoca dei Comuni. Nel 1126 il piccolo centro venne completamente distrutto dai comaschi e gli esuli si rifugiarono presso l’Isola Comacina, che subì la stessa sorte nel 1169. Gli abitanti tornarono dunque a Varenna e istituirono il quartiere Insula nova, nome che poi venne esteso all’intero borgo. Ancora oggi, ogni anno, si ricorda l’esodo dei comacini e l’accoglienza dei varennesi durante la festa di San Giovanni, il 24 giugno. I famosi artigiani di ceramiche chiamati Maestri Comacini sono i discendenti di questa gente.

Varenna_5
Varenna dalla Camminata dei Patriarchi

Arrivata a Varenna non posso che rimanere estasiata dalla bellezza e della peculiarità del borghetto: le case colorate si stagliano sulla baia affollata e trepidante, che finalmente è popolata dopo un freddo inverno. I turisti, stranieri e non, si contendono un posto sulle panchine per gustarsi un gelato o fanno a gara per godersi un aperitivo in uno dei numerosi bar che sorgono sulla Camminata dei Patriarchi, il sentiero del Lungolago che connette il centro fino alla stazione. Nonostante la grande calca, Varenna ispira calma e tranquillità e sembra davvero immutata nel corso del tempo. Una volta sconosciuta al grande turismo, oggi le strutture ricettive non mancano e ce ne sono davvero per tutti i gusti.

Varenna_2
Veduta della città

Varenna è anche la sede di numerose ville in stile liberty e di giardini sontuosi, come quelli di Villa Cipressi e Villa Monastero, purtroppo non sempre aperti al pubblico.

Inoltre, non lontano da Varenna ci sono due attrazioni che sicuramente vanno visitate: il Castello di Vezio e la sorgente del Fiumelatte. Il Castello di Vezio è una struttura militare che fa parte del territorio di Varenna, da cui si gode di una vista mozzafiato sulla baia e sulla città stessa, mentre il Fiumelatte è un piccolo corso d’acqua caratterizzato da acque molto chiare e da un percorso di soli 250 metri, che si immette come immissario nel Lago di Como.

Varenna_4
Il Fiumelatte

Il corso del fiume è intermittente, in quanto rappresenta il troppieno di un sistema carsico non ancora raggiunto da nessuno che inizia nel Moncodeno (Grignone). Nel 1992 una colorazione con fluoresceina (colorante atossico) nell’Abisso W Le Donne, situato lungo la Cresta di Piancaformia, dimostrò il collegamento tra Fiumelatte e le cavità carsiche del Grignone. Già Leonardo da Vinci rimase colpito da questo corso d’acqua e lo descrisse nel suo Codice Atlantico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nei pressi della località Fiumelatte sorge anche un monumento commemorativo in memoria dei partigiani della 55ª brigata garibaldina Rosselli fucilati l’8 gennaio 1945 in seguito alla cattura avvenuta a Esino Lario. I sei compagni trovarono la morte tornando verso valle per avvisare il comando dell’avvenuto sconfinamento in Svizzera.

Varenna è dunque un luogo ricco di storia, di cultura e di bellezze naturali, tutte de scoprire e da vivere nelle fresche giornate di primavera.