Tutti gli articoli di donnavagabonda

Valigia sempre pronta: 5 oggetti che non mancano mai nella mia valigia

Di recente, sono stata “taggata” in un post condiviso sui social da una mia collega travelblogger, Maraina81 (cliccate qui per vedere il suo blog) in cui mi si chiedeva di scrivere un articolo riguardanti 5 oggetti che non mancano mai nella mia valigia quando parto.

valigia 5 cose

Ammetto che non è scontato formulare una lista di oggetti “irrinunciabili”, soprattutto perchè riempio la valigia in base alla mia destinazione e al tipo di viaggio. Prenderò dunque in esame la valigia di un viaggio “soft”, come la visita di una capitale o di una grande città (estera o italiana).

Ecco dunque i miei 5 “irrinunciabili”:

  • Itinerario/guida del luogo

Naturalmente non posso partire senza prima aver raccimolato tonnellate di informazioni riguardanti la mia meta, che sia tramite libri e guide o il web. Da qualche anno, conservo sempre una cartellina con tutto ciò che ho raccolto: in questa mitica cartellina potrete trovare fogli stampati e scarabocchiati con informazioni aggiunte in seguito, fotografie di luoghi da visitare, indicazioni utili per giungere ad una particolare destinazione. Se poi sono fortunata, ho trovato anche una buona guida cartacea con tutto ciò che si può vedere in quella determinata città: non è affatto scontato!

Valigia_2.jpg
Guide e taccuino della natura per segnalare la fauna avvistata
  • Kakebo da viaggio

Un viaggio deve essere pianificato in ogni sua sfaccettatura e questo vale soprattutto per le spese: con il Kakebo mi trovo molto bene e riesco a controllare il denario in uscita e in entrata appuntando le cifre in ogni sezione: da maniaca del controllo, soprattutto delle spese, è per me fondamentale avere il budget sotto controllo in ogni momento. Mai viaggiare sprovvisti di questo strumento!

valigia_1
Kakebo da viaggio
  • Macchina fotografica

Un viaggio non si può definire tale per me senza la mia compagna di avventure preferite: la macchina fotografica! Non posso farne a meno e, a costo di pagare un bagaglio in più da imbarcare, la devo portare. Come la chiamo affettuosamente? Panzer! Perchè con lei nessuno ci ferma!

  • Un buon libro da leggere

Durante gli spostamenti, nulla è più rilassante che leggere un buon libro. Che sia un romanzo o un saggio, la narrativa non può mancare nei miei viaggi e, come se non bastasse, quando visito una città non può mancare una tappa in libreria, giusto per aggiungere altre letture!

  • La curiosità, la voglia di imparare e…Tanta pazienza!

Ogni valigia parla del proprietario, e nella mia, metaforicamente parlando, ci sono sempre queste tre componenti: la curiosità non può assolutamente mancare, per i profumi, per gli usi, per i costumi, per la natura e per tutto ciò che ci circonda in generale. Curiosità è scoperta, curiosità è avventura. Voglia di imparare? Beh direi che è fondamentale! Imparare ad apprezzare la diversità e rispettarla, adattandosi sempre al contesto culturale. Pazienza? Eh quella tanta, tantissima! Soprattutto con i mezzi di trasporto, che siano auto o treno o altri: i ritardi sono sempre in agguato e a volte capita di trovarsi in situazioni non proprio confortevoli. Pazienza? Sempre e comunque, perchè la pazienza è la virtù dei forti.

_T6A1202.JPG
Viaggia, fotografa e ama. La foto è stata scattata dal mio papà.

E voi, cosa portate sempre in valigia?

Fate la vostra check-list!

Le meraviglie della natura: La Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo – Isola della Cona

Spulciando tra le mie vecchie foto ho ritrovato alcuni scatti che feci quando visitai la Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo – Isola della Cona, rispettivamente nel 2015 e nel 2016. Sapete quanto io ami la regione del Friuli e quanto spesso io sia stata ospite della sua meravigliosa gente, perciò non potevo non scrivere un articolo in proposito.

la riserva naturale regionale della foce dell'isonzo

Proprio nel 2015 iniziarono i miei viaggi tra Friuli e Slovenia, in occasione di un’escursione organizzata dal mio corso di laurea (la più bella escursione e la più divertente senza dubbio): è così che ho potuto scoprire questa meravigliosa riserva naturale, che si trova nella parte orientale della regione, lungo l’ultimo tratto proprio dell’Isonzo, a cavallo dei comuni di Staranzano, San Canzian d’Isonzo, Fiumecello e Grado. Costituita da ben 2338 ettari e istituita nel 1996, questa riserva è un faro per tutti gli amanti della natura e del birdwatching, quindi per la sottoscritta è proprio la manna.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Grazie ad una serie di capanni, è possibile osservare numerosissime specie ornitologiche e non solo: è infatti presenza fissa il cavallo di razza Camargue che svolge un ruolo di “manutenzione della riserva” grazie al suo brucare incessante dell’erba. I cavalli vivono bradi sull’isola e ormai sono parte integrante di questo piccolo ecosistema.

L’area protetta è accessibile a grandi e piccini, grazie a dei comodi sentieri che circondano tutto il territorio, inoltre è disponibile un punto ristoro e una foresteria per dormire dotata di tutti i confort e servizi impeccabili. La breve distanza dai comuni sopracitati o dalla città di Monfalcone rendono la Riserva un luogo davvero facile da raggiungere: un comodo parcheggio gratuito vi darà il benvenuto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’avifauna in Riserva è ben rappresentata con numerosi Anseriformi svernanti tra cui il Fischione (Mareca penelope), l’Alzavola (Anas crecca) e l’Oca lombardella (Anser albifrons). Per la gioia degli ornitologi e dei fotografi non mancano poi il Cavaliere d’Italia (Himantopus himantopus), il Gruccione (Merops apiaster) e la Beccaccia di mare (Haematopus ostralegus). Per quanto riguarda la botanica, in tutta la Riserva sono presenti numerosi habitat palustri che ospitano specie alofile (cioè che vivono bene in presenza di acque salmastre) come Juncus maritimus, Limonium narbonense, Salicornia fruticosa, Salicornia veneta e altre.

Da amante della natura e degli uccelli quale sono, potete immaginare che cosa ho provato ad osservare così tante specie concentrate in un luogo solo. La Riserva per me è stata la seconda esperienza di fotografia naturalistica (dopo l’Oasi di Sant’Alessio, leggete il mio articolo qui) e la più fruttuosa, tanto che l’anno dopo sono tornata armata di obiettivo 70-300 Canon Serie L per fotografare di nuovo i meravigliosi animali che qui ho incontrato. L’emozione è stata tanta, nonchè la voglia di scattare sempre di più e sempre meglio. Sia nel 2015 che nel 2016 ho alloggiato presso la foresteria e mi sono trovata davvero bene: grazie alla sempre disponibile Letizia che ha reso il nostro soggiorno confortevole e piacevole, la mia esprienza alla Riserva è assolutamente positiva! Se volete svolgere anche un’attività al di fuori dagli schemi, vi consiglio una bella cavalcata al tramonto: è infatti disponibile un piccolo maneggio con i cavalli Camargue che potranno accognarvi a vedere il tramonto incantato sulle sponde dell’Isonzo.

Che dire, se siete amanti degli animali, della natura, ed in particolare dell’avifauna, non potete perdervi questa esperienza all’Isola della Cona, o Riserva Naturale Regionale della Foce dell’Isonzo.

Per maggiori informazioni, visitate il sito internet ufficiale.

Donna Vagabonda: il bilancio di due anni di avventure e di blog

Con l’inizio del 2019 Donna Vagabonda compie 2 anni. Chi lo avrebbe mai immaginato che un piccolo progetto diventasse una realtà così conosciuta e apprezzata? Io no di certo, non posso negarlo.

due anni di donna vagabonda

In questi due anni ci sono stati momenti di gioia e momenti di crisi, non posso negarlo. Alcune volte mi sono chiesta chi me lo facesse fare, se veramente la mia opinione sui viaggi e sulle mie avventure valesse qualcosa e se davvero importasse a qualcuno dell’ennesima ragazza che decide di aprire un blog di viaggio per raccontare le sue avventure. Già, perchè alla fine a chi potrebbe davvero interessare delle esperienze di una singola persona?

E invece ho scoperto che la comunità dei Travel Blogger è florida e molto apprezzata, sia in Italia che all’estero, che le opinioni di una viaggiatrice sono prese molto in considerazione e che in molti si informano per pianificare un viaggio leggendo i blog dei viaggiatori (compresa la sottoscritta!).

Con l’avvento delle piattaforme di prenotazione online come Booking, è diventato davvero facile reperire le informazioni necessarie per programmare il proprio viaggio e, se le opinioni sono personali, gli itinerari possono essere presi in considerazione e adattati alle proprie esigenze. Eppure, il mio blog non nasce per dare consigli ai viaggiatori, ma come mezzo per trasmettere le mie emozioni quando viaggio, per descrivere le mie esperienze che potrebbero sempre essere utili o per lo meno divertenti o interessanti. Perchè non avere questa pretesa? L’ho sempre avuta e ho avuto ragione ad averla.

Ma analizziamo la situazione, a due anni dall’inaugurazione di questo grande progetto che è Donna Vagabonda. Vi avviso, potrebbe essere un po’ noiosa questa analisi, ma credo che una delle qualità di un buon Travel Blogger sia quello di tenere sott’occhio la situazione del suo blog per migliorarlo sempre di più e per adattarlo sempre meglio alle proprie esigenze e a quelle del suo pubblico.

Dati alla mano:

visualizzazioni
Visualizzazione del blog in due anni di attività
articoli
Articoli pubblicati in due anni di attività e relativo insight

Da ciò che si può osservare dalle due immagini tratte dalle statistiche, si può dedurre che il blog sia in crescita in tutti i parametri analizzati, anche se non mancano battute di arresto. Il 2018 è stato un anno decisamente più positivo rispetto al 2017, in cui il blog si è consolidato e fatto conoscere tramite vari canali come Facebook, WhatsApp e Instagram: non dimentichiamo che da luglio del 2018 ho aperto anche il profilo Instagram del blog, pubblicizzando gli articoli e le mie attività.

Dal sondaggio di Donna Vagabonda (puoi compilarlo cliccando qui) ho raccolto invece questi dati (non inserirò tutte le risposte):

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ interessante osservare come la maggiorparte di chi ha compilato il questionario proviene dalla mia stessa regione, la Lombardia e ha conosciuto il blog tramite me e non tramite altri mezzi (ad esempio i social). Sono felice che la maggiorparte dei campioni dica che Donna Vagabonda sia un buon blog di viaggi e che proponga molti contenuti interessanti, sia per quanto riguarda il blog in sè, sia sui canali social.

Sto già prendendo molto spunto da ciò che mi avete scritto come consigli, come ad esempio pubblicare più foto dei luoghi vicino a Pavia o della città (pubblico sia su Instagram che sulla Pagina Facebook) e, inoltre, ho iniziato a condividere notizie e curiosità su luoghi particolari, che pubblico direttamente in Pagina Facebook. Per quanto riguarda il coinvolgimento dei followers, cerco sempre di proporre storie accattivanti su Instagram che però hanno poco riscontro (domande su di me, sui followers, su ciò che vorrebbero fosse pubblicato ecc.) e sul gruppo di Facebook cerco di proporre sondaggi per scegliere i musei del mese oppure pongo spesso delle domande riguardio agli articoli pubblicati o sulle esperienze di viaggio degli iscritti. Purtroppo non molte persone condividono le loro esperienze di viaggio, quindi ho inaugurato una nuova sezione che si chiama “I viaggi dei Vagabondi” dove potrete scrivere un articolo su uno o più viaggi che avete fatto (leggete come scrivere un articolo cliccando qui). La sezione ha già avuto un riscontro, con un primo articolo già pubblicato (leggetelo qui).

Ma questo articolo non vuole essere solo un noioso report (al mio lettore non interessano particolarmente i numeri): volevo analizzare con voi il significato di questi dati, cercando da voi sempre più spunti e consigli per migliorare il mio blog, il vostro blog di Vagabondi.

L’incremento delle visualizzazioni e dei commenti mi fa ben sperare che i contenuti che pubblico siano interessanti ed innovativi, un modo diverso per raccontare di un certo luogo o di un viaggio. Se su una capitale possiamo trovare tutto ciò che cerchiamo su una guida di viaggi o sul web, certe chicche non sono facili da scovare, soprattutto se siamo nel campo storico o naturalistico: è qui che entra in gioco la vostra Donna Vagabonda, portando la sua esperienza come naturalista, mineralogista e appassionata di storia. Avrete sicuramente notato come i luoghi che visito siano tutti legati da questo fil rouge e come per me sia importante valorizzare questi aspetti durante i miei vagabondaggi. Un tocco in più? Non lo so, ma di sicuro un segno distintivo.

In ogni caso sono sempre aperta a nuove esperienze, a nuovi punti di vista, a nuove realtà, senza pregiudizi di sorta: viaggiare significa scoprire!

In questi due anni mi sono state poste alcune domande. Ve ne riporto qualcuna, con la relativa risposta:

Perchè hai deciso di aprire un blog di viaggi?

Credo che i miei affezionati lettori sappiano questa risposta, ma la riporterò comunque qui. La mia voglia di viaggiare, di scoprire, di fare nuove esperienze in luoghi diversi da quelli natii, mi ha spinto ad aprire un blog dove condividere le mie esperienze, senza avere la pretesa di dare consigli o di dire cosa è giusto e cosa non lo è. Il piacere del raccontare l’ho sempre avuto, perchè non unire le due passioni?

Come riesci a farti conoscere in mezzo agli innumerevoli blog di viaggi?

Diciamo che il farsi conoscere non è l’obiettivo primario. Non è di certo fondamentale essere “influencer” o dettare una moda, ciò che è importante è comunicare agli altri le proprie emozioni quando si viaggia, per trasmettere questa passione al maggior numero di persone possibile. Quando una persona legge un mio articolo e mi dice “bellissimo racconto, ho proprio voglia di scoprire questi luoghi”, ecco, questa è la gratificazione più grande.

Quanto sono importanti i social per un Travel Blogger?

Secondo me sono fondamentali, sia per la condivisione e quindi il veicolare le informazioni, che per scambiarsi le idee: ho voluto creare appositamente un gruppo su Facebook (questo è il link), una pagina (questo è il link) e un profilo Instagram (questo è il link) per confrontarmi con gli altri viaggiatori e per imparare da loro. Cerco sempre di coinvolgere chi mi segue chiedendo che cosa ne pensa di un determinato articolo, o di scegliere delle foto tramite un sondaggio o ancora il Museo del Mese. Credo che una buona comunicazione sia fondamentale, altrimenti il blog perde il suo significato.

Hai detto di aver visitato molti paesi come Belgio e Austria, eppure non ci sono articoli su questi Paesi, perchè?

Domanda interessante. Ho sempre specificato che le fotografie che mostro sul mio blog sono state scattate da me (a parte qualche rara eccezione, sempre segnalata). Ebbene, quando ho visitato questi luoghi, per esempio Bruxelles, Berlino, Sharm el-Sheikh, non ho avuto modo di scattare fotografie perchè ero troppo piccola o perchè non avevo con me una macchina fotografica valida. Siccome per me fotografia e viaggi vanno di pari passo, non voglio scrivere articoli senza le mie fotografie e quindi aspetterò l’occasione di tornarci per raccontare le mie esprienze. Questo preclude il numero di contenuti pubblicabili, ma solo per ora. Vienna è in programma per agosto 2019, ad esempio.

Donna Vagabonda ed Eliana Intruglio Fotografie: di che cosa si tratta?

Siamo la stessa persona! Donna Vagabonda è il blog in sè, dove racconto le mie esperienze, mentre Eliana Intruglio Fotografie è la firma che utilizzo per i miei scatti. Ho anche un piccolo sito riguardo alla mia attività di fotografa, che si interseca completamente con quella di Travel Blogger (visita qui il sito). Non pretendo di essere una fotografa famosa e nemmeno così tanto brava, ma senza la fotografia non ci sarebbe viaggio e viceversa. Spero che le mie foto possano aiutare a comprendere le bellezze del nostro Pianeta, e perchè no, magari permettermi di portare avanti la mia attività di Travel Blogger sovvezionando i miei viaggi (mai dire mai ad una possibile fonte di guadagno!)

Hai avuto modo di confrontarti con altri Travel Blogger o con soggetti affiliati al turismo?

Assolutamente sì, e spero che il confronto continui, senza rivalità ma in un clima costruttivo e propositivo. Ho avviato collaborazioni con alcune strutture ricettive del territorio e non solo (visita la mia pagina dedicata) e condivido abitualmente la mia esperienza con moltissimi/e Travel Blogger e fotografi. Il 2018 è stato molto proficuo da questo punto di vista, concludendosi anche con una bellissima esperienza, che è stata la partecipazione a “Pavia, Crossroads of Europe” come relatrice (leggi qui il mio articolo a riguardo). Inoltre, nei giorni 27 e 28 Aprile 2019, verrà inaugurata la mia prima mostra personale di fotografia: Donna Vagabonda in viaggio. Vi aspetto! (Clicca qui per saperne di più).

Hai un obiettivo a lungo termine? Dove ti porterà Donna Vagabonda?

Obiettivo? Ovviamente, VIAGGIARE!

Dove mi porterà questo blog? Chi può dirlo, magari in luoghi lontani e sperduti, magari ad un lavoro a tempo pieno come Travel Blogger, magari rimarrà soltanto una passione. In ogni caso, sono estremamente felice di averlo aperto e continuerò a seguirlo con dedizione, sperando sempre di pubblicare contenuti interessanti e mai banali.

Parlando di breve termine, che cosa vedremo su Donna Vagabonda?

Spero tanti articoli, lavoro e viaggi permettendo, e tanti contenuti originali. A febbraio è in previsione la BIT-Borsa Internazionale del Turismo e mi piacerebbe parteciparvi come Travel Blogger, vediamo se sarà possibile. Da marzo si tornerà a viaggiare con costanza, dopo una brutta battuta d’arresto dovuta alla mia salute. Il futuro è imprevedibile, ed è proprio questo il bello.

Due anni di Donna Vagabonda, due anni di viaggi, due anni di fotografia, due anni di soddisfazioni uniche.

Perchè quando c’è una meta, anche il deserto diventa strada.

 

I viaggi dei Vagabondi: la Jamaica secondo Irene e Giuseppe

Il primo articolo sui viaggi dei Vagabondi proviene da una coppia di viaggiatori abituali, Irene e Giuseppe, che hanno deciso di raccontarci il loro viaggio in Jamaica, svolto dal 2 al 10 giugno del 2018. Per loro, è stato il primo viaggio su un’isola caraibica, un’esperienza coinvolgente e divertente.

_t6a0121(fileminimizer)
Il meraviglioso mare della Jamaica

Il viaggio è stato organizzato tramite un’agenzia di viaggi che ha consigliato loro un hotel davvero meraviglioso, il Veraclub Negril, presso la località di Negril, nella parte occidentale dell’isola. Con un volo di 14 ore (comprensivo di scalo tecnico a Varadero, Cuba), Irene e Giuseppe sono approdati su una delle isole più carismatiche e pittoresche dei Caraibi.

Ma perchè proprio la Jamaica? Ci risponde Giuseppe

virgolette Per la nostra prima volta ai Caraibi volevamo visitare un luogo pittoresco e divertente, dove il divertimento non mancasse ma nemmeno il relax. Tutti abbiamo un’immagine ben precisa della Jamaica, un luogo di svago, patria del Reggae e del Reggaeton. Volevamo vedere se effettivamente un’isola caraibica fosse in grado di farci svagare ma al contempo rilassare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E Irene e Giuseppe sono tornati davvero felici ed entusiasti da questa esperienza!

Durante il loro soggiorno sono riusciti a rilassarsi e a godersi la tranquilla atmosfera jamaicana, attorniati da alcuni personaggi “sopra le righe” che con il loro motto “No Problem” offrivano cannabis da fumare sulla spiaggia: il consumo di erba è infatti legale in questa isola e molti turisti non perdono l’occasione di fumare questa droga.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non sono mancate le occasioni per partecipare a qualche escursione! Immancabile la traversata del fiume Black River per osservare il mangrovieto intricato e i coccodrilli americani (Crocodylus acutus), che numerosi popolano le rive del fiume. Oltre a ciò, una visita non poteva essere negata all’iconica Bamboo Avenue, una via molto importante percorsa dagli schiavi impiegati nelle piantagioni di tabacco e canna da zucchero. La strada è interamente bordata da piante di bamboo e conduce alle antiche piantagioni. Irene ci racconta:

virgolette Attraversare la stessa via percorsa dagli schiavi è stato molto toccante. Sembrava di vedere ancora queste persone piegate dal caldo afoso, in fila per accedere ai campi. Un’esperienza molto forte.

Non è mancato naturalmente il divertimento, con una bella gita tramite imbarcazioni locali verso il Pelican Bar in acqua: da qui si può godere di una vista mozzafiato sul Mar dei Caraibi, con tramonti davvero da cartolina! Un sorso di rum dentro ad una bella noce di cocco e tutto diventa magico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una visita la meritava di certo il famoso Rick’s Cafe, un bar molto caratteristico situato in prossimità di una scogliera alta 30 metri, dove i locali e i turisti fanno a gara per il tuffo più spettacolare: esperienza davvero da provare!

Per ultima, ma non per importanza, l’escursione alle suggestive cascate Ys, luogo di pace e tranquillità immerso nella natura.

Per quanto riguarda la cucina, imperdibili sono le frittelle di gamberi piccanti, cucinate come street food in grossi barili, assieme all’immancabile pollo fritto. L’hotel con trattamento “All Inclusive” preparava delle specialità gustose, come il pesce locale alla piastra con riso bianco, una vera prelibatezza!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Irene e Giuseppe sono rimasti colpiti da questo viaggio transoceanico che ha soddisfatto a pieno le loro aspettative. Consigliano questo tour a coppie di viaggiatori di tutte le età, ma non ai bambini, in quanto molti luoghi non erano accessibili per il giovanissimo pubblico.

I viaggi dei Vagabondi: l’esperienza degli amici del blog

Con questo anno nuovo, molte sono le novità che verranno apportate al blog di Donna Vagabonda. Grazie al sondaggio che viene condotto (cliccate qui per poterlo compilare), proprio voi sarete i protagonisti assieme a me e, naturalmente, alla voglia di viaggiare!

i viaggi dei vagabondi

Molti dei miei lettori viaggiano e condividono le loro emozioni sul gruppo Facebook di Donna Vagabonda (clicca qui per iscriverti anche tu), ma ora avranno la possibilità di raccontare tramite un articolo sul blog il proprio viaggio.

Come fare? Scopriamolo insieme!

Per redarre gli articoli, mi avvarrò delle vostre risposte a queste domande:

  1. Luogo e periodo del viaggio? (Sia la stagione che la durata del viaggio)
  2. Ho viaggiato con? (In solitaria, in coppia, in gruppo ecc)
  3. Perchè ho scelto questa località?
  4. Itinerario? (Descrizione dell’itinerario con particolare attenzione alle tappe svolte)
  5. Emozioni provate durante il viaggio: come ho vissuto questo viaggio?
  6. Hai delle foto del tuo viaggio?

Se lo si desidera, si può scrivere un testo unico oppure rispondere singolarmente alle domande, cercando di essere i più dettagliati possibile: la stesura deve essere un piacere, non un obbligo o un’imposizione! Le linee guida naturalmente servono per dare più informazioni possibili ai lettori.

Fotografie

Importante è la presenza di fotografie all’interno dell’articolo. Le fotografie devono essere state scattate dall’autore dell’articolo (o dai suoi accompagnatori). Non è necessario che siano state scattate da una macchina fotografica, vanno benissimo anche quelle scattate con lo smartphone o con il tablet, l’importante è che non vengano prese dal web e spacciate come proprie (lesione del Copyright!). Se non avete fotografie, non è un problema, le vostre emozioni sono molto più importanti!

Editing

Donna Vagabonda si riserva di modificare gli articoli pervenuti per adattarli allo stile del blog. Nessuna informazione verrà comunque distorta o modificata. L’editing serve solamente per dare “un po’ di pepe” ad un articolo e non è detto che per forza venga effettuato. L’articolo porterà la vostra firma, come pure le vostre fotografie. Donna Vagabonda non vuole appropriarsi dei contenuti originali altrui.

Invio del materiale

La richiesta di scrittura di un articolo e tutto il materiale inerente dovranno essere inviati via mail all’indirizzo info@donnavagabonda.com

L’invio di materiale sotto altra forma non verrà preso in considerazione.

Riceverete una mail di conferma della ricezione del materiale e sarete tenuti informati sulla data di pubblicazione del vostro articolo.

Pubblicazione

L’articolo verrà pubblicato sul blog e condiviso sui canali social (Facebook e Instagram). L’autore riceverà un piccolo premio per aver partecipato a questo progetto.

Non mi resta che aspettare i vostri splendidi articoli!

 

Il Sondaggio di Donna Vagabonda: quanto vi piace questo blog?

Cari amici e lettori, Vagabondi di vecchia data o nuovi affezionati, la vostra Donna Vagabonda non si ferma mai e ha sfruttato questo periodo di riposo forzato per cercare di migliorare il più possibile il blog e i suoi contenuti.

A tal proposito, vi propongo un veloce e pratico questionario anonimo:

https://goo.gl/forms/36QwqmUsipbNJwg92

Questo sondaggio mi aiuterà a migliorare l’offerta del blog e i suoi articoli.

Compilatelo, ci vuole proprio un minuto!

Se riuscite, compilatelo entro il 21 gennaio, così da poter elaborare quanto prima le risposte!

Vi ringrazio per il vostro immenso aiuto!

Il Museo di gennaio: il museo della tradizione mineraria di Cave del Predil

Durante il mio viaggio tra Friuli e Slovenia del 2018 (leggete i miei articoli partendo da questo), sono riuscita a visitare un interessante museo, situato a Cave del Predil, a pochi chilometri da Tarvisio: il Museo della tradizione mineraria di Cave del Predil. Si tratta di un museo molto piccolo, ma assai interessante, incastonato in una terra dalle antiche tradizioni minerarie.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La mostra/museo ripercorre le tappe relative alla storia della miniera e dei suoi minatori, con alcune sale espositive che raccontano le geologia del luogo, i metodi di escavazione, gli strumenti utilizzati e le testimonianze, attraverso le fotografie, dei minatori stessi, fino alla chiusura delle attività estrattive, avvenuta nel 1991.

Lo scopo del museo è quello di essere un archivio, un centro di documentazione e un luogo dove poter assistere a testimonianze dal passato, situato in una sede suggestiva come l’ex direzione della miniera, il palazzo in cui attualmente si trova.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Con un allestimento attento anche ai fruitori stranieri e ai più piccoli, il museo riesce a dimostrarsi un punto di interesse, capace di accendere la curiosità sia del viaggiatore abituale che del “turista per caso”.

All’interno dell’esposizione, ho potuto osservare la dura vita dei minatori del passato, i loro sacrifici, gli strumenti che utilizzavano per estrarre il piombo e lo zinco. Da mineralogista quale sono, ho trovato una buona ricchezza di informazioni, che sono messe a disposizione del fruitore con chiarezza. Non è facile trovare musei che trattano di miniere o di minerali, soprattutto in Italia, quindi sono rimasta doppiamente contenta di aver visitato questo luogo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Museo della Tradizione Mineraria fa parte, insieme al Parco Geominerario e al Museo Storico Militare “Alpi Giulie” del “Polo Museale Cave del Predil” ed è possibile acquistare un biglietto cumulativo per visitare le tre realtà, come ho fatto io. Consiglio vivamente di passare per Cave del Predil e di vivere queste tre esperienze, che si legano così tanto ad un territorio che molto ha da offrire.

Info e costi

Il museo si trova in Largo Giuseppe Mazzini, 7, 33018 Cave del Predil, Udine.

I biglietti hanno i seguenti costi:

Intero          6 €

Ridotto 1     4 €   ragazzi dai 7 ai 14 anni, over 65, gruppi con più di 10 persone

Ridotto 2     3 €   scolaresche da 7 a 14 anni

Gratis                 bambini con meno di 6 anni

Consiglio di prenotare la visita telefonicamente.

Per maggiori informazioni, visitate il sito ufficiale.

 

 

 

 

Il viaggio come espressione di sè stessi: la mia esperienza a Pavia, Crossroads of Europe

L’8 di Dicembre sono stata invitata ad un evento assai interessante, promosso dall’Assessorato del Turismo del Comune di Pavia:

PAVIA, CROSSROADS OF EUROPE
CULTURAL AND RELIGIOUS ROUTES

Hiking | Eating | Meeting

Gli itinerari di fede e di cultura: cibo per il corpo e per il dialogo.
Intreccio strategico per la promozione del territorio.

Template Grande formato
La copertina dell’evento

Questa manifestazione si è tenuta in due giorni distinti ed io ho vi ho preso parte come relatrice per parlare dei miei viaggi e della mia esperienza come Travel Blogger. Insieme ad altri viaggiori o studiosi di turismo sostenibile e lento, ci siamo confrontati per capire come il turismo responsabile sia importante per valorizzare il territorio di Pavia, e non solo.

Come Donna Vagabonda ho voluto sottolineare l’importanza del mio territorio natio per la mia formazione di viaggiatrice: proprio così, perchè il viaggio è prima di tutto un’esperienza di formazione. Ho espresso la mia opinione riguardo all’evoluzione che sta subendo il turismo, che deve per forza direzionarsi verso una fruizione responsabile e sostenibile. In molte città italiane si assiste al fenomeno dell’Overbooking, dove ci sono più turisti che strutture ricettive e dove spesso manca una certa etica del viaggio. Purtroppo, soprattutto tra i giovani e i giovanissimi, il viaggio viene vissuto come mero divertimento, senza che ci sia un’esperienza formativa, ma atto solo per guadagnare visibilità all’interno di una cerchia di amici o dei social network. E’ invece in crescita la consapevolezza del turista “maturo”, che spesso sceglie itinerari alternativi e poco battuti, come i cammini o i sentieri. La montagna e la campagna diventano dunque protagoniste di una rivalorizzazione “lenta”, capace di mettere in luce ciò che in realtà è spesso nascosto.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ così che si giunge a Pavia, crocevia di popoli e di culture. Pavia, purtroppo come già ho detto più volte, è una citta meravigliosa dal punto di vista storico e culturale, ma non è ancora riuscita ad imporsi sul mercato. Le strutture non mancano (anche se sono situate più al di fuori dell’agglomerato urbano, piuttosto che in centro), ma si è in difetto per la “preparazione” dei monumenti: spesso i musei sono chiusi o parzialmente visitabili, manca un sito internet che raccolga tutte le informazioni necessarie per pianificare una visita esaustiva (le informazioni ci sono, ma su molti siti diversi, rendendo difficile la pianificazione), mancano inoltre attività ben visibili volte a proiettare la città tra quelle più appetibili. Parlando con tanti miei coetanei, studenti fuori sede o ragazzi, spesso sento da loro molte critiche, come il costo esagerato dei musei o delle mostre e la mancanza di attività culturali rilevanti. Eppure, Pavia racchiude un cuore pulsante che può essere apprezzato. Molte sono le attività di vario genere proposte dalle varie realtà associative e non solo, e molti sono i monumenti che meritano una visita. Purtroppo alcuni sono un po’ nascosti e spesso manca una segnaletica efficace che permetta di scoprirli, ma Pavia ha tutte le carte in regola per dimostrarsi leader nel turismo lento e sostenibile.

crossroads_1
Il mio intervento

Il dibattito si è poi spostato sull‘importanza dei social network all’interno dell’ambito del turismo e di come questi possano aiutare una realtà ad essere visibile: Pavia su questo se la cava abbastanza bene, dato che ci sono molti account Instagram e Facebook che si occupano di promozione del territorio, basta cercare.

La conferenza è stata dunque un’opportunità per conoscere persone nuove, con un bagaglio ricco di esperienze, anche molto diverse dalle mie. Il turismo può essere dunque raccontato attraverso un libro, un racconto, attraverso un blog come nel mio caso o attraverso la fotografia e i dispositivi multimediali.

Pavia si conferma attenta alle esigenze dei suoi turisti grazie anche a queste iniziative, che di sicuro dovranno essere più pubblicizzate e messe in evidenza.

Al prossimo anno, Crossroads of Europe!

crossroads_4
Il “bottino” di Pavia Crossroads of Europe

Un sentito ringraziamento allo staff di ViviPavia e dell’Ufficio del Turismo, in particolare a Paul Ngoi che mi ha permesso di vivere questa bella esperienza.

Di seguito potrete vedere il video che ho preparato in occasione di questa manifestazione.

 

Enjoy!

Il Museo di dicembre: il Centro per la storia della resistenza e della deportazione di Lione

Lione è stata per molto tempo una roccaforte per la Resistenza in Francia: moltissimi partigiani si nascondevano delle strette vie della Vecchia Lione e nei numerosi passaggi segreti dei palazzi a nord della città. Il 26 maggio del 1944 la Gestapo decise di stabilire proprio in questa città una base molto articolata e importante ed è proprio qui, in Avenue Berthelot 14 che oggi sorge il Centro per la storia della resistenza e della deportazione.

Li_sto5
Oggetti di alcuni cittadini deportati

Al contrario di molte città (anche italiane, purtroppo), Lione si è dimostrata sensibile nel non demolire il tremendo passato, ma anzi ha deciso di riconvertire i tristi luoghi simboli del nazionalsocialismo in veri e propri musei, come anche in molti casi la Germania ha fatto.

Il Museo, come molti altri del suo genere, è in realtà un centro di studi e di documentazione, che conserva molto materiale cartaceo che testimonia la vita dei lionesi durante l’occupazione nazista. La scure si è abbattuta con forza in questa città e molte testimonianze di deportati sono raccolte in lettere e documenti conservati nell’eposizione permanente, che si articola in tre sezioni fondamentali: “l’impegno”, “la propaganda”, “lo spazio e il tempo”.

Li_sto4
Documenti necessari per spostarsi in città e altri

Il Centro nasce proprio allo scopo di preservare la memoria storica e di insegnare ai giovani a guardare al passato per non ripetere gli errori compiuti. Oltre allo spazio espositivo permanente, il Museo è impreziosito da ricostruzioni a grandezza naturale di case durante l’occupazione o di “basi segrete” con documenti riprodotte e armi. E’ forse questa la parte più originale del Centro, perchè ci proietta proprio in un’altra epoca, che sembra così distante ma che in realtà non lo è.

Il pubblico ha inoltre a sua disposizione diversi documenti audiovisivi e iconografici, un centro di documentazione, uno spazio per i giovani, un auditorium e delle esposizioni temporanee.

Oltre al Centro di Documentazione sul Nazionalsocialismo visitato a Monaco di Baviera (leggete qui il mio articolo), questo museo entra di diritto tra i musei più belli finora visitati sulla Seconda Guerra Mondiale in generale. Grazie alla Lyon Card, ancora una volta siamo riusciti ad entrare gratis e a goderci a pieno l’esperienza immersiva all’interno di questa particolare realtà. L’unico peccato è quello di non aver visto molta affluenza di pubblico, perchè spesso questi musei sono poco conosciuti e segnalati anche nelle guide, quando in realtà sono tra i più interessanti dal punto di vista storico e antropologico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una sensazione di tragicità ma anche di ardente speranza ci ha pervaso alla fine della visita, perchè siamo stati contenti di vedere come Lione abbia voluto ricordare i suoi martiri e la sua gente, ma anche il periodo storico difficile e delicato che ha avvolto tutta l’Europa. Cosa che di certo l’Italia fa ancora fatica a fare, nonostante di occasioni e buoni propositi ce ne siano.

Centro per la storia della resistenza e della deportazione
14, avenue Berthelot 69007 Lyon Guillotière (7° arrondissement).
04-78-72-23-11.
Dal mercoledì alla domenica, dalle 9:00 alle 17:30.
Prezzo: 3,80 euro, gratis con la Lyon Card.

Per altre informazioni, consultate il sito ufficiale.

Le nuove mete 2019: viaggi futuri di Donna Vagabonda!

Quest’anno voglio scrivere un nuovo articolo, non ho mai trattato viaggi che ancora non ho fatto, ma volevo anticiparvi le mie mete future. A meno che non succeda qualcosa di grave (e spero proprio di no!), le previsioni di viaggio sono queste:

MARZO 2019: Colonia

Ja! Auf Deutchland! Finalmente si torna in Germania, questa volta in Assia, per vedere una delle più belle città dell’ovest, Colonia, famosa per il cioccolato e per la sua meravigliosa cattedrale. Dopo 18 mesi di assenza dalla terra delle mie radici, ci si torna per 4 giorni in vista del Carnevale! Una toccata e fuga ma sempre un’occasione per poter respirare un po’ di aria teutonica e ricaricare le batterie!

Colonia

APRILE 2019: Verona

Ho visitato Verona nel 2016 (tanto che ho scritto un breve articolo su questa città) ma la mia voglia di rivederla e di scattare nuove fotografie non si è chietata e quindi ho già prenotato per 4 giorni nella bella città di Romeo e Giulietta. In occasione delle vacanze di Pasqua, dunque, si torna in Veneto! Oltre alle attrazioni tipiche, vorrei visitare il Museo di Storia Natuale e l’Orto botanico, sperando di trovare tanti fiori da immortalare. Di sicuro, una gita fuori porta culturalmente e naturalisticamente avvincente e con Gabriele la città sarà ancora più romantica!

verona

LUGLIO 2019: Senegal e Casamance

Dopo ben 5 anni finalmente tornerò in Africa. Una mancanza che si fa sentire fin troppo, irrimediabile se non con un viaggio nella terra che amo di più, la mia Africa. Dopo il Madagascar (leggete il mio diario di viaggio dal primo giorno), tornerò in Africa continentale per scoprire la natura selvaggia e le tradizioni di un Paese affascinante e ancora poco conosciuto al turismo di massa (e meno male!). Come mai il Senegal? In verità cercavo una destinazione non troppo faticosa e non troppo lontana, dato che viaggerò insieme a mio padre che non ha mai sperimentato che cosa voglia dire viaggiare in un gruppo di persone sconosciute e soprattutto sperimentare l’Africa, con tutte le sfide che di sicuro un viaggio del genere (17 giorni!) comporta. Un safari che attraverserà tutto lo Stato, passando anche per il Gambia e toccando natura incontaminata ed ex città coloniali, dove non mancheranno le sorprese e soprattutto tante, tantissime fotografie!

senegal

AGOSTO 2019: Vienna

Dopo un viaggio così impegnativo come quello in Senegal secondo voi potevo fermarmi? Ma certamente no! E così ho già prenotato una bella settimana a Vienna, in vista del mio compleanno. Vienna, la capitale asburgica e una delle città più belle del vecchio continente, l’ho visitata già nel 2009 come viaggio regalo della Maturità (mamma mia come vola il tempo!) e conservo un bellissimo ricordo di questa esperienza, la prima con la mia zia giramondo! Purtroppo non posso replicare facendo Vienna-Budapest, ma di certo non mancheranno occasioni per visitare anche la perla del Danubio! Gabriele non ha mai visitato Vienna, quale migliore occasione del mio compleanno per regalarci questo viaggio così ricco e interessante dal punto di vista storico?

vienna

AGOSTO 2019: Tarvisio – Villach – Maribor

Tornata da Vienna, è ora di ripartire per un classico di fine estate: il Friuli e la Slovenia. Scegliendo come base ancora la comodissima Tarvisio, questa volta punterò a visitare i Laghi del Predil e la Slovenia orientale, con la città di Maribor, senza dimenticare Villach e quindi passando per l’Austria. Una settimana di viaggio in auto verso mete stupende dal fascino mitteleuropeo che ci porterà a scoprire la storia di città piccole ma molto caratteristiche, sempre in compagnia del mio inseparabile papà.

maribor

AGOSTO – SETTEMBRE 2019: Valsassina

Non può certo mancare qualche giorno di relax completo in Valsassina, a casa di Gabriele, per riprendersi dai viaggi ravvicinati e per godersi delle belle passeggiate in mezzo ai prati verdi dei dintorni di Casargo. Staccare la spina, ma sempre con la voglia di non fermarsi mai!

Per ora queste sono le mete che la vostra Vagabonda visiterà, ma chissà se ce ne saranno altre! Di sicuro, il 2019 si prospetta ricco di avventure e di viaggi tutti all’insegna della scoperta e del divertimento!