I luoghi della storia: il borgo di Zavattarello

L’Oltrepò è un luogo magico e ricco di storia, con castelli e borghetti tutti da scoprire. Da buona Vagabonda mi piace girare tra i paesini e scoprire la storia di ognuno di noi. Uno dei borgi più belli da visitare è senza dubbio Zavattarello, piccolo comune di 991 abitanti situato nell’alta val Tidone, nel cuore dell’Oltrepò.

 

Zavattarello_1
L’ingresso del borgo

 

Zavattarello fa parte del circuito dei borghi più belli d’Italia ed è considerato uno dei comuni più pittoreschi e maggiormente caratteristici.

Zavattarello deve il suo nome all’attività che fu prevalente in questo borgo per secoli interi: quella dei ciabattini. Il volgare “savattarellum” indica proprio il luogo dove si confezionano le ciabatte (savatte).

 

Zavattarello_4
Tra le vie di Zavattarello

 

La sua storia è molto antica, in quanto il paese era feudo dell’Abbazzia di San Colombano di Bobbio e nel 1390 il vescovo di Bobbio cede a Jacopo Dal Verme il castello (denominato ancora oggi Castello dal Verme) e tutto il feudo. Dal 1926 fa parte della provincia di pavia, dopo alcuni anni in cui dal pavese passò sotto il piacentino.

 

Zavattarello_2Copertina
Castel Dal Verme

 

Il borgo è conosciuto, oltre per il suo fascino e gusto delle abitazioni in pietra ed in stile “medievale” per il suo castello, il Castello dal Verme: costruito interamente in pietra, con uno spessore murario di 4 metri, il castello sovrasta il paese e domina la vista dalla sua posizione collinare. Di grandi dimensioni, con più di 40 stanze, è attorniato da un Parco Locale di Interesse Sovracomunale. La sua posizione sopraelevata è chiaramente a scopo difensivo grazie alla vista degli altri castelli della zona (Valverde, Trebecco, Torre degli Alberi, Pietragavina e Trebecco). Oggi il Castello è aperto ai visitatori secondo un orario prestabilito e soltanto alcuni giorni della settimana.

 

Zavattarello_3
Zavattarello tra salite…E discese!

 

Passeggiare tra queste viuzze rievoca pensieri lontani, e godere di una vista così incredibile non può che mettere di buon’umore. Consiglio tuttavia di visitare Zavattarello d’estate e quando il castello è aperto, dato che, per quanto mi riguarda, non è stato possibile visitarlo in quanto chiuso.