Diario di viaggio: Napoli – giorno 1

E’ tradizione che per le vacanze di Natale o comunque per i primi dell’anno si faccia un viaggio. Ormai sono anni che seguo con rigore questa abitudine e anche il 2018 non è da meno. Così, spinta dalla voglia di viaggiare e incuriosita dalle bellezze nostrane (era da tanto che non visitavo una città d’arte), decido di partire per tre giorni, direzione: Napoli.

 

Napoli_copertina
La celebre Piazza del Plebiscito

 

Era da tanto tempo che volevo visitare la città partenopea, ma non avevo trovato nessuno con cui condividere questa esperienza, fino a settembre scorso. Complice poi la voglia di mare, il voler andare a trovare alcuni amici che abitano proprio a Napoli e la curiosità per una delle città più famose d’Italia, decido dunque di organizzare e così, come mi piace fare, in una sera prenoto sia il treno che l’alloggio. Chi mi segue sa che non amo tergiversare!

Dopo essere salita sul Frecciarossa e aver fatto 5 ore di viaggio, mi ritrovo dunque a Napoli e subito posso notare quanto sia pittoresca e ricca di spirito, grazie al suo colorato dialetto e alla gentilezza dei napoletani. Il nostro B&B si trova subito in Piazza Garibaldi, a pochi passi dalla stazione, in una posizione ottima per i servizi pubblici e per raggiungere il centro. Tempo di tirare un attimo il fiato e subito ci immergiamo nella coloratissima Napoli, tra statue del presepe, sfogliatelle calde e canzoni neomelodiche.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ci dirigiamo subito verso il Quartiere San Lorenzo e davvero ci perdiamo tra mille bancarelle e negozietti. Napoli è davvero bellissima e subito ci colpisce e ci travolge. Dato che ci piace girare a piedi, vogliamo percorrere più strada possibile per vedere il maggior numero di attrazioni, e così visitiamo la Basilica di San Lorenzo, tra le più antiche della città. Carlo I d’Angiò a partire dal 1270, iniziò a sovvenzionare la ricostruzione della basilica e del convento, in una mescolanza di stile gotico e francescano. Successivamente, la badilica fu protagonista di importanti eventi storici per la città: nel 1343 Francesco Petrarca soggiornò presso il suo convento e sempre qui sembra che Giovanni Boccaccio si innamorò di Fiammetta, la bella Maria d’Aquino, figlia del re Roberto d’Angiò.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Guidati da una luce sempre più fioca (ma che risalta sempre di più la bellezza della città), percorriamo i suoi vicoli fino ad arrivare al celebre Maschio Angioino: il Castel Nuovo è uno storico castello medievale e rinascimentale, nonché uno dei simboli di Napoli. Il castello si trova proprio su piazza del Municipio. La costruzione del nucleo antico si deve sempre a Carlo I d’Angiò, anche se non vi si stabilì mai. Assegnato il progetto all’architetto francese Pierre de Chaulnes, i lavori per la costruzione del Castrum Novum presero il via nel 1279 per terminare appena tre anni dopo. Il successore di Carlo I, Carlo II lo Zoppo si trasferì con la famiglia e la corte presso la nuova residenza, che fu da lui ampliata e abbellita. Con l’ascesa al trono di Roberto d’Angiò il castello divenne un notevole centro di cultura grazio al suo mecenatismo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel 1443 Alfonso d’Aragona, che nel frattempo aveva conquistato il trono di Napoli, stabilì nel castello una corte e ristrutturò la fortezza ancora una volta. L’importanza del castello come centro del potere regale venne sottolineata dall’inserimento in corrispondenza dell’ingresso dell’arco trionfale, capolavoro del Rinascimento napoletano ed opera di Francesco Laurana, insieme a molti artisti di varia provenienza. Di grande importanza è anhe la “sala dei Baroni” (oggi dedicata ai Consigli Comunali) dove si svolse l’epilogo della famosa congiura dei baroni, ordita contro Ferdinando I, il figlio di Alfonso: nel 1486 il re invitò tutti i congiurati in questa sala col pretesto di una festa di nozze che segnasse la fine delle ostilità: i baroni accorsero ma il re fece sbarrare le porte dai suoi soldati e fece arrestare tutti i congiurati ponendoli con la condanna a morte. Devo dire che questa immagine mi fa tornare in mente le celebri “Nozze Rosse” della serie tv Il Trono di Spade… Non so a voi!

Non visitiamo l’interno in quanto chiuso a causa dell’orario, ma per questa breve toccata e fuga non avremo tempo per visitarei musei, eprciò ci accontentiamo di scattare qualche fotografia. Poco distante dal Maschio Angioino troviamo la famosa Piazza del Plebiscito, assolutamente affascinante anche con l’odore della notte che prepotente si impadronisce della città. Non racconterò qui la sua storia, né la descriverò, in quanto l’indomani avremo modo di godercela anche con la luce del sole, ma soprattutto con più calma.

 

Napoli_1
Piazza del Plebiscito di sera

 

Ormai si è fatto buio ed è ora di tornare verso Piazza Garibaldi: ci attende un’altra bella camminata, ma siamo felici e molto soddisfatti, quindi la stanchezza passa in secondo piano. Dopo essere rientrati e dopo una bella doccia ristoratrice, non vediamo l’ora di assaporare il piatto più famoso di Napoli: la pizza!

Decidiamo di non andare troppo lontano e ci dirigiamo verso il Ristorante – Trattoria Ieri, Oggi e Domani e siamo subito catturati dalle atmosfere del celebre film con Sofia Loren: le pellicole appese, le fotografie del set alle pareti e, naturalmente, una pizza da sogno.

Primo giorno a Napoli: vissuto a 100 all’ora!